.

NOVARA 1-0 VERONA: Dopo un brutto primo tempo l'arbitro da una svolta alla gara espellendo BACINOVIC, poco dopo PESCE non sbaglia solo davanti a RAFAEL e l'HELLAS subisce la seconda sconfitta consecutiva! Fallimentare gara dell'asse destro con JORGINHO e GOMEZ irritanti, VARESE a -4, LIVORNO a +4 il SASSUOLO decolla...

Pubblicato da andrea smarso domenica 17 febbraio 2013 14:38, vedi , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti


LA GARA & LE IMPRESSIONI...
Sulle esterne il VERONA non è completamente a proprio agio: CACCIATORE a sinistra deve cambiar piede al momento del cross mentre il ruolo naturale di MORAS è quello del difensore centrale, dovendosela vedere direttamente con LEPILLER e SEFEROVIC non avranno vita facile nella fase difensiva...
All'11° il missile dalla distanza del 19enne FERNANDES, talento di casa, mette i brividi ai tifosi dell'HELLAS ma RAFAEL effettua un grande intervento e si salva in due tempi.
Speriamo bene perchè la manovra dei gialloblù è piuttosto lenta e si muove per vie orizzontali mentre il NOVARA 'vola' con il francese ed il suo collega, se a questo si aggiunge che gli scaligeri tirano molto raramente le premesse non sono certo incoraggianti...
40° Bel triangolo BACINOVIC-SGRIGNA-BACINOVIC, pronto il tiro dello sloveno dalla distanza che impegna BARDI...
Un primo tempo un po' bruttino termina dopo due minuti di recupero con i padroni di casa che cercano un gol in mischia.

Pronti-Via nel secondo tempo e BACINOVIC viene espulso! L'arbitro punisce una gomitata dello sloveno a SEFEROVIC ma il fallo non sembrerebbe volontario ma all'avversario esce sangue dal naso... Fattostà che il VERONA giocherà in 10 per tutto il secondo tempo con MANDORLINI che abbassa JORGINHO e HALLFREDSSON e mantiene le tre punte davanti: Atteggiamento coraggioso subito però punito dai padroni di casa che all'8° minuto passano in vantaggio con una ripartenza fulminante conclusa alla perfezione da PESCE!
Al 15° SGRIGNA lascia il posto a LUND NIELSEN nelle fila gialloblù: La mediana torna a tre col neoentrato a destra e 'Giorgio' davanti alla difesa, GOMEZ giocherà più vicino a CACIA.
Poco dopo RAFAEL con due autentici miracoli evita agli scaligeri di subire la doppietta sui tentativi di LUDI e SEFEROVIC.
Il VERONA reagisce con la forza della disperazione ma gli affondo di HALLFREDSSON si spengono al limite dell'area avversa e CACIA non trova il guizzo giusto fallendo pure un'occasione clamorosa a tu per tu con BARDI, al 34° il tecnico gialloblù prova la carta MARTINHO e 9 minuti è FERRARI a tornare in campo dopo sette mesi (l'occasione non è purtroppo delle più liete).
Dopo 6 minuti di recupero il signor Gavillucci termina la gara e consegna la vittoria ai padroni di casa e sancisce la seconda sconfitta consecutiva dell'HELLAS: Persa la possibilità di mettere pressione al LIVORNO, vola il SASSUOLO a +11, si avvicina il VARESE a -4...

Giornata no di JORGINHO sempre in difficoltà sempre poco lucido: Numerosissimi gli errori in fase di impostazione con palle servite sempre in orizzontale quando non all'indietro; il campo in sintetico non può essere una scusa perchè a Sandrà ce n'è uno uguale... GOMEZ TALEB 'non pervenuto'. Addirittura irritante l'atteggiamento dell'argentino di Santa Fe sempre ancorato sulla linea di destra anche quando potrebbe aiutare CACIA fattivamente: Ordini di scuderia che impongono a 'Juani' di privilegiare la fase difensiva? Fattostà che il lato destro scaligero gioca una delle più brutte gare di sempre con MORAS che però ha ampie attenuanti (a causa del ruolo non propriamente suo in cui è stato schierato) e controlla tutto sommato bene il diretto avversario LEPILLER...
Quello che però maggiormente preoccupa, aldilà delle colpe dei singoli, è l'apparente incapacità del mister di dare una svolta nonostante le parole dette in settimana tipo 'Serve maggior concretezza e cattiveria' salvo poi tirare in porta col contagocce oppure 'Bisognerà cambiare qualcosa' e poi fa giocare la squadra sempre col 4-3-3, con gli esterni larghissimi, 'Juanito' sacrificato a fare alcune volte quasi il terzino e SGRIGNA che utilizzato da esterno non è a suo agio: Inutile girarci attorno, quando le cose non vanno serve una 'frustata' e dal momento che non si può licenziare una squadra in blocco la conclusione è una sola...
Dispiace per il tecnico che ha conquistato la cadetteria praticamente da solo dopo quattro anni di sofferenze, ma se non c'è (più?) elasticità mentale in certe scelte alcune responsabilità si rivelano impietose [Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

Andrea MandorliniLuca Ceccarelli

DICONO
Il 'match-winner' PESCE «Quando Haris mi ha dato la palla ho aspettato che il portiere si sedesse. Lui è stato bravo a rimanere in piedi il più possibile, io sono riuscito ad angolare bene e segnare un gol importante contro una delle squadre più forti del campionato. Cerchiamo sempre di preparare la partita nei minimi dettagli, sapevamo di non dover concedere molto ai nostri avversari, quindi abbiamo moltiplicato l'aggressività in fase di non possesso e siamo stati bravi ad approfittare degli spazi che ci hanno concesso. Continuiamo così e ne perderemo poche di partite, l'importante è mantenere la concentrazione. Il mio terzo gol stagionale? Quando segni sei sempre contento, ma non credo sia il caso di parlare dei singoli, tutta la squadra sta offrendo prove importanti e anche un ragazzo giovane come Fernandes sta diventando una pedina fondamental» NovaraCalcio.com

LUDI «Siamo in gran forma, attraversiamo un buon momento perchè lavoriamo bene in settimana, per rimanere su questi livelli dobbiamo sempre dare il 110%. Il mio colpo di testa? Con Rafael ho un conto aperto, non è la prima volta che mi ferma a pochi centimetri dal gol, il mio mestiere non è segnare ma ogni tanto mi piacerebbe metterla dentro...» NovaraCalcio.com

BUZZEGOLI «Il ruolo che ricopro richiede responsabilità e coraggio, non è sempre facile riuscire a impostare la manovra, oggi è andata bene quindi sono molto contento. In settimana avevamo studiato le situazioni che mettono in difficoltà il Verona e ci siamo regolati di conseguenza. I playoff vicini? In questo momento è fondamentale ricordarsi quello che ci è successo pochi mesi fa, veniamo da un momento difficile e dobbiamo rimanere concentrati su ogni singola partita. Il nostro obiettivo è e rimane la salvezza, anche se è importante essersi allontanati dalla zona brutta della classifica. Giocare al Picco di La Spezia non è facile, da ex lo so bene, ma a Castellammare abbiamo dimostrato che le trasferte non ci fanno paura» NovaraCalcio.com

LEPILLER «Conservo un ottimo ricordo della mia esperienza a Verona e spero di ritrovare presto a Novara l'affetto che ho avuto in Veneto. In allenamento mi alleno sempre su giocate individuali, sto acquistando sempre maggiore fiducia nei miei mezzi e ci sto provando più spesso anche in partita, il mister me lo chiede espressamente. L'intesa con i centrocampisti? Con Pesce ho un rapporto speciale anche fuori dal campo, in partita ci basta guardarci per capirci, va sempre meglio anche i compagni di reparto. Lo Spezia? Pensiamo a noi stessi, se giochiamo come sappiamo e abbiamo dimostrato di poter fare, possiamo vincere contro chiunque» NovaraCalcio.com

Mister MANDORLINI «C'è molto rammarico. Nel primo tempo non siamo stati quasi mai pericolosi però abbiamo rischiato poco. Nella ripresa invece le occasioni le abbiamo create, nonostante l'inferiorità. Loro hanno approfittato di un contropiede e ci hanno punito. I ragazzi si sono impegnati e mi sono piaciuti, però dobbiamo fare di più. La classifica? Con il Novara avevamo un'occasione importante per guadagnare punti su Livorno e Varese, ne ho parlato con la squadra eravamo tutti consapevoli dell'importanza di questa sfida. Siamo ancora in corsa, è un momento difficile ma dobbiamo andare avanti, magari cambiando qualcosa. Ferrari? Ha voglia, sicuramente gli manca ancora la condizione 7 mesi sono tanti» HellasVerona.it

Capitan CECCARELLI «E' stato uno stop davvero pesante, anche a causa delle partite del sabato che ci avevano regalato una chance di recuperare punti al Livorno e allungare sul Varese. Dispiace molto, veniamo da un momento difficile soprattutto dal punto di vista dei risultati, dobbiamo reagire e rimboccarsi le maniche per tornare a vincere e inseguire il nostro obiettivo. Mandorlini? La squadra è con l'allenatore non esiste alcun caso. Tutti quelli che hanno giocato si sono impegnati, in campo ci vanno i calciatori, sta a noi dimostrare il nostro lavoro per evitare si possa pensare una cosa del genere» HellasVerona.it

ABODI Presidente della Lega di Serie B: «Andrà in serie A il Verona? Per quello che posso dire la squadra è stata irrobustita da un punto di vista tecnico e societario. Setti ha raccolto l'eredità di un grande dirigente come Giovanni Martinelli. Una persona che ha saputo ricreare entusiasmo in un ambiente depresso dopo anni bui. Mi auguro che la crescita del club gialloblù sia continua, in campo e fuori dallo stesso» LArena.it

Novara-Verona 1-0: la sintesi

NOVARA 1-0 VERONA
AGLIETTI conferma l'11 che ha realizzato un poker a Castellammare di Stabia con la sola eccezione di LISUZZO al posto dell'ex PERTICONE (13 presenze nell'annata 2006-2007); in campo dal primo minuto però il terzo (ex dopo il collega ed il tecnico dei piemontesi) LEPILLER con i colleghi GONZALEZ e SEFEROVIC
Consueto 4-3-3 anche per mister MANDORLINI che però innesta la novità MORAS come terzino destro e CACCIATORE dalla parte opposta con MARTINHO inizialmente in panchina e la coppia MAIETTA-CECCARELLI al centro.
Mediana con HALLFREDSSON, BACINOVIC e JORGINHO, CACIA confermato al centro dell'attacco (mentre in panchina 'torna' FERRARI e non COCCO) tra GOMEZ e SGRIGNA.

PRIMO TEMPO
2° Ci prova SGRIGNA con un tiro dal limite ma la mira non è delle migliori e la palla esce
10° Il NOVARA conquista un fallo al limite dell'area difesa da RAFAEL, la posizione è centrale: Batte BUZZEGOLI sulla barriera, poi la retroguardia scaligera sbroglia...
11° Il velocissimo LEPILLER supera JORGINHO e serve il talentuoso FERNANDES che ci prova con un missile dalla ditanza! RAFAEL si salva in due tempi ma che pericolo!
14° Bella incursione a sinistra di HALLFREDSSON che poi crossa in mezzo ma la palla è troppo alta per CACIA...
15° MAIETTA poco dopo la metacampo vede BARDI fuori dai pali e prova ad emulare MARADONA: L'intenzione c'è, i piedi purtroppo no...
18° Tiro-Cross da sinistra di SGRIGNA: Nessun problema per BARDI
20° GONZALEZ da destra serve l'accorrente SEFEROVIC: CECCARELLI imperioso risolve...
24° BACINOVIC lancia CACIA che supera LUDI, BARDI esce ed anticipa il 'bomber'
26° HALLFREDSSON riparte fulmineo e serve SGRIGNA il cui tiro-cross è intercettato da BARDI che anticipa CACIA...
31° Infortunio per il terzino CRESCENZI del NOVARA, entra GHIRINGHELLI a sostituirlo
33° LEPILLER supera MORAS e crossa per BUZZEGOLI, palla fuori!
34° Ammonizione per CACCIATORE a causa di un fallo di mano
40° Bel triangolo BACINOVIC-SGRIGNA-BACINOVIC, pronto il tiro dello sloveno dalla distanza che impegna BARDI...
45° Ammonizione anche per HALLFREDSSON che concede anche un fallo in posizione 'delicata': Sulla palla LEPILLER, GONZALEZ e BUZZEGOLI batte il francese sulla barriera scaligera che mette in corner.
47° Assedio dei piemontesi che in mischia fortunatamente non trovano il varco vincente! Il signor Gavillucci termina il primo tempo.

SECONDO TEMPO
2° BACINOVIC espulso! L'arbitro punisce una gomitata dello sloveno a SEFEROVIC ma il fallo non sembrerebbe volontario ma all'avversario esce sangue dal naso... Fattostà che il VERONA giocherà in 10 per tutto il secondo tempo
7° Tiro al volo dal limite di 'Juanito', LISUZZO devia in angolo...
8° NOVARA in vantaggio: PESCE servito alla perfezione in contropiede brucia RAFAEL!
9° Miracolo di RAFAEL sul tiro dalla distanza di SEFEROVIC: Palla in angolo...
10° Errato rinvio di BARDI, CACIA ci prova dal limite ma la palla è alta
15° SGRIGNA lascia il posto a NIELSEN nelle fila gialloblù...
17° Altro miracolo di RAFAEL sul colpo di testa di LUDI
18° RAFAEL sostiene la barca del VERONA in mezzo alla bufera: SEFEROVIC riparte e si presenta davanti al portiere che neutralizza!
21° Giallo anche per GHIRINGHELLI dopo un fallaccio su CACIA
22° LEPILLER serve SEFEROVIC, RAFAEL para ancora...
23° CACIA cade in area toccato da LUDI: Giallo per simulazione!
24° CACCIATORE trova il fondo e crossa per CACIA: Intercetta BARDI
25° HALLFREDSSON al limite non tira, cerca un dribbling di troppo e viene fermato!
26° Fallo 'assassino' di CACCIATORE che è già stato ammonito ma l'arbitro stranamente non interviene: Coscienza sporca del signor Gavillucci?
28° NIELSEN tocca in area per MORAS il difensore tira ma la palla va alta
29° LEPILLER viene sostituito da LAZZARI nel NOVARA
30° SEFEROVIC va al tiro: La retroguardia scaligera si rifugia in corner (il quinto a favore deglia vversari)
32° CACCIATORE crossa in mezzo, i piemontesi deviano in angolo, sugli sviluppi CACIA ha una buonissima occasione a tu per tu con BARDI ma fallisce!
34° CACCIATORE lascia il posto a MARTINHO
37° L'arbitro è colto da crampi (sicuramente mandati dai butèi presenti al 'Piola' hi hi)
39° MARIANINI da il cambio a BUZZEGOLI
43° Ritorna in campo FERRARI dopo 7 mesi di stop! Purtroppo l'occasione non è delle più liete... Gli fa posto HALLFREDSSON
44° JORGINHO batte una punizione per GOMEZ che tira ma BARDI ferma tutto senza patemi
51° Dopo 6 minuti di recupero il signor Gavillucci termina la gara e consegna la vittoria ai padroni di casa e sancisce la seconda sconfitta consecutiva dell'HELLAS

TABELLINO
NOVARA-HELLAS VERONA 1-0
Marcatori: 9' st Pesce.
NOVARA (4-3-3): Bardi; Colombo, Lisuzzo, Ludi, Crescenzi (dal 31' pt Ghiringhelli); Fernandes, Buzzegoli (dal 39' st Marianini), Pesce; Gonzalez, Seferovic, Lepiller (dal 29' st Lazzari).
A disposizione: Kosicki, Rubino, Mehmeti, Bastrini.
All.: Aglietti.
HELLAS VERONA (4-3-3): Rafael; Moras, Maietta, Ceccarelli, Cacciatore (dal 35' st Martinho); Jorginho, Bacinovic, Hallfredsson (dal 43' st Ferrari); Gomez Taleb, Cacia, Sgrigna (dal 15' st Nielsen).
A disposizione: Berardi, Albertazzi, Bianchetti, Carrozza.
All.: Mandorlini.

Novara 1-0 Verona: Le immagini

LE ALTRE DI B
Lo SPEZIA ci prova al 'Braglia': Subisce, poi pareggia col 'solito' SANSOVINI poi passa addirittura avanti con l'ex PICHLMANN ma il SASSUOLO è implacabile e alla fine rimonta ancora una volta! Finisce 3 a 2 per gli emiliani...
Il MODENA infligge al LIVORNO la seconda sconfitta consecutiva, stavolta servita a domicilio all'Armando Picchi.
Il VARESE 'inciampa' sullo JUVE STABIA che per poco non fa il colpaccio in Lombardia, pari a reti bianche anche per l'EMPOLI a Terni, per il CROTONE a Bari e per la PRO VERCELLI ad Ascoli. 1 a 1 fra CITTADELLA e CESENA.
Continua il periodo d'oro del VICENZA che dopo aver sbancato il 'Binti' replica al 'Rigamonti' di BRESCIA.
La REGGINA supera di misura il PADOVA, 2 a 2 tra GROSSETO e VIRTUS LANCIANO.


IN BREVE A PIÉ PAGINA
VELA: Record di SOLDINI sulla New York-San Francisco!
SERIE A: MALESANI torna a prendersi un punto al 'Bentegodi' col PALERMO. La ROMA batte la JUVE con un gol di TOTTI. Nell'anticipo BALOTELLI mette a segno il quarto gol in tre partite e il MILAN aggancia la LAZIO al terzo posto
CALCIO PROMOZIONE: DASPO all'allenatore-boxeur!


RASSEGNA STAMPA
17.02.2013 - Le parole dei protagonisti: Ludi, Buzzegoli e Lepiller in mixed zone (anche video)
Al termine di Novara-Hellas Verona 1-0, Charlie Ludi parla ai microfoni di Novarachannel.tv: "Siamo in gran forma, attraversiamo un buon momento perchè lavoriamo bene in settimana, per rimanere su questi livelli dobbiamo sempre dare il 110%. Il mio colpo di testa? Con Rafael ho un conto aperto, non è la prima volta che mi ferma a pochi centimetri dal gol, il mio mestiere non è segnare ma ogni tanto mi piacerebbe metterla dentro..."

CLICCA QUI PER ASCOLTARE LE PAROLE DI LUDI

Così Daniele Buzzegoli: "Il ruolo che ricopro richiede responsabilità e coraggio, non è sempre facile riuscire a impostare la manovra, oggi è andata bene quindi sono molto contento. In settimana avevamo studiato le situazioni che mettono in difficoltà il Verona e ci siamo regolati di conseguenza. I playoff vicini? In questo momento è fondamentale ricordarsi quello che ci è successo pochi mesi fa, veniamo da un momento difficile e dobbiamo rimanere concentrati su ogni singola partita. Il nostro obiettivo è e rimane la salvezza, anche se è importante essersi allontanati dalla zona brutta della classifica. Giocare al Picco di La Spezia non è facile, da ex lo so bene, ma a Castellammare abbiamo dimostrato che le trasferte non ci fanno paura"

CLICCA QUI PER ASCOLTARE LE PAROLE DI BUZZEGOLI

Infine, la parola passa all'ex di turno, Matthias Lepiller: "Conservo un ottimo ricordo della mia esperienza a Verona e spero di ritrovare presto a Novara l'affetto che ho avuto in Veneto. In allenamento mi alleno sempre su giocate individuali, sto acquistando sempre maggiore fiducia nei miei mezzi e ci sto provando più spesso anche in partita, il mister me lo chiede espressamente. L'intesa con i centrocampisti? Con Pesce ho un rapporto speciale anche fuori dal campo, in partita ci basta guardarci per capirci, va sempre meglio anche i compagni di reparto. Lo Spezia? Pensiamo a noi stessi, se giochiamo come sappiamo e abbiamo dimostrato di poter fare, possiamo vincere contro chiunque"

CLICCA QUI PER ASCOLTARE LE PAROLE DI LEPILLER

17.02.2013 - Le dichiarazioni del match winner Simone Pesce (anche video)
Contro il Verona ha messo a segno il suo terzo gol stagionale. Ai microfoni di Novarachannel. tv, Simone Pesce non nasconde la propria soddisfazione:

CLICCA QUI PER ASCOLTARE LE PAROLE DEL MATCH WINNER, SIMONE PESCE

"Quando Haris mi ha dato la palla ho aspettato che il portiere si sedesse. Lui è stato bravo a rimanere in piedi il più possibile, io sono riuscito ad angolare bene e segnare un gol importante contro una delle squadre più forti del campionato. Cerchiamo sempre di preparare la partita nei minimi dettagli, sapevamo di non dover concedere molto ai nostri avversari, quindi abbiamo moltiplicato l'aggressività in fase di non possesso e siamo stati bravi ad approfittare degli spazi che ci hanno concesso. Continuiamo così e ne perderemo poche di partite, l'importante è mantenere la concentrazione. Il mio terzo gol stagionale? Quando segni sei sempre contento, ma non credo sia il caso di parlare dei singoli, tutta la squadra sta offrendo prove importanti e anche un ragazzo giovane come Fernandes sta diventando una pedina fondamentale"

FONTE: NovaraCalcio.com


Pesce lancia il Novara: Verona ko al PiolaGli azzurri di Agletti superato la squadra di Mandorlini: secondo successo consecutivo decisivo per uscire dalla zona calda
NOVARA – Ancora un'impresa del Novara targato alfredo Aglietti. Gli azzurri, con una rete di Pesce, “sistemano” anche il'Hellas Verona ottenendo il propripo secondo successo consecutivo. Tre punti che valgono un passo decisivo al di fuori della zona retrocessione.

LA PARTITA – Nella prima frazione di gioco, il Verona ha una superioriità territoriale che però gli ospiti non riescono asfruttare al meglio: il Novara sa fermare bene ogni pericolo sul nascere, con il risultato che lì davanti Cacia, servito poco e male, non riesce a pungere. Ben diverso il discorso quando è il Novara a provarci: lepiller semina il panico nella difesa avversaria e Rafael risulta decisivo nel mantenimento del risultato, su Fernandes. Ad inizio ripresa, l'espulsione di Bacinovic (rosso diretto per gomitata a Seferovic), spacca la partita: il Novara
passa in vantaggio con Pesce, che, partito da lontano, scambia con Seferovic e batte, Rafael con un piatto sinistro dal centro dell'area.

FONTE: TuttoSport.com


SERIE B
Il coast to coast di Pesce, il rosso di Bacinovic: top & flop di Novara-Verona
17.02.2013 14.33 di Marco Frattino
I TOP
Il coast to coast di Pesce - Splendida la manovra del centrocampista piemontese in occasione del vantaggio del Novara: l'ex Catania e Ascoli prende palla nei pressi della propria area arrivando nei pressi di quella opposta, scambio con Seferovic e diagonale imprendibile per Rafael.

Bruno Fernandes - Continua a incantare il centrocampista portoghese, protagonista nella prima frazione con un paio di conclusioni che spaventano Rafael. Anche oggi ha dimostrato di meritare la considerazione dei club della Serie A interessati a lui: al Piola erano presenti osservatori di Juventus, Atalanta e Palermo per l'ex Boavista.

La cura Aglietti - Ancora una vittoria per il Novara, che ha definitivamente cambiato registro con l'arrivo dell'ex tecnico dell'Empoli: funziona il cambio alla guida tecnica voluto dalla dirigenza piemontese, il Novara di Aglietti ha un rendimento da promozione con sette successi nelle ultime nove gare.

I FLOP
L'ingenuità di Bacinovic - Clamorosa l'espulsione rimediata dal centrocampista ex Palermo, arrivata a pochi minuti dall'inizio della ripresa. Rosso diretto per il calciatore sloveno, colpevole di aver rifilato una manata a Seferovic: giusta la decisione dell'arbitro Gavillucci.

Sgrigna e Jorginho - Da rivedere i due calciatori a disposizione di Mandorlini; l'ex Torino non riesce a incidere e viene richiamato in panchina al 63'; l'italo-brasiliano - che piace anche a Inter, Milan e PSG - incappa in una giornata negativa visti i problemi fisici accusati nel corso della settimana. Visto l'ottimo rendimento offerto fino a questo punto della stagione, ci si aspetta di più dal gioiello nel giro dell'Under 21 di Mangia.

L'attacco del Verona - A secco per la seconda gara consecutiva, il reparto offensivo dell'Hellas finisce sul banco degli imputati. I vari Cacia, Sgrigna e Gomez non riescono a trafiggere la linea difensiva del Novara, per Mandorlini si preannuncia una settimana difficile dopo il secondo ko in otto giorni.

SERIE B
LIVE TMW - DIRETTA SERIE B - Gare finite, i risultati e la classifica
16.02.2013 16.54 di Marco Frattino
17.00 - Questa la classifica: Sassuolo 58; Livorno* 51; Verona* 47; Varese 43; Empoli 39; Juve Stabia, Padova 35; Brescia 34; Modena*, Ascoli 33; Spezia, Cittadella 32; Cesena 31; Ternana, Crotone, Lanciano 30; Reggina 29; Novara* 28; Bari 26; Vicenza 25; Pro Vercelli 17; Grosseto 16.

*Livorno, Modena, Novara e Verona con una gara in meno.

16.55 - Finite le gare del pomeriggio, questi i risultati:

Ascoli-Pro Vercelli 0-0
Bari-Crotone 0-0
Brescia-Vicenza 0-1 (Brighenti)
Cittadella-Cesena 1-1 (Djokovic, Coly)
Grosseto-Virtus Lanciano 2-2 (Piovaccari, Plasmati, Piccolo, Piovaccari)
Reggina-Padova 2-1 (Rispoli, Gerardi, rig. Di Michele)
Sassuolo-Spezia 3-2 (Catellani, Sansovini, Pichlmann, rig. Terranova, Bianchi)
Ternana-Empoli 0-0
Varese-Juve Stabia 1-1 (Bruno, Ebagua)

16.54 - Finite tutte le gare, si gioca solo Grosseto-Lanciano. L'arbitro ha assegnato ben sei minuti di recupero.

GOL DI PIOVACCARI!!! GROSSETO-LANCIANO 2-2 - Pari in extremis della formazione toscana, l'ex attaccante della Sampdoria firma la doppietta con un preciso colpo di testa da due passi.

VARESE-JUVE STABIA - Vespe a un passo dal gol: corner di Caserta, colpo di testa di Mezavilla che termina a lato di un soffio.

GOL DI DI MICHELE!!! REGGINA-PADOVA 2-1 - Amaranto in vantaggio al Granillo, l'ex attaccante del Lecce batte il portiere avversario dal dischetto!

REGGINA-PADOVA - Rigore per i padroni di casa, fallo di mano di Babacar.

GOL DI EBAGUA! VARESE-JUVE STABIA 1-1 - Pari della formazione lombarda, tiro di Oduamadi deviato sotto porta dall'ex attaccante del Torino che firma l'1-1 all'Ossola.

TERNANA-EMPOLI - Incredibile occasione sprecata dalla formazione toscana! Anche Maccarone - dopo il precedente errore di Tavano - spedisce la palla oltre la traversa in occasione del rigore!

TERNANA-EMPOLI - Nuovo rigore per i toscani: Tavano messo giù in area da Bencivenga.

GOL DI BIANCHI!!! SASSUOLO-SPEZIA 3-2 - Rimonta dei neroverdi! Il centrocampista emiliano, servito da Troianiello, dal limite trova l'incrocio alla destra di Guarna!!!

GOL DI GERARDI!!! REGGINA-PADOVA 1-1 - Pareggio amaranto dopo pochi minuti! Rizzato cerca il traversone, Gerardi di testa firma il pari da due passi. Seconda rete in due presenze con i calabresi per l'ex Ascoli e Udinese.

GOL DI BRUNO!!! VARESE-JUVE STABIA 0-1 - Vantaggio delle Vespe all'Ossola, l'esperto attaccante - lanciato da Scognamiglio - supera il portiere avversario in uscita con un preciso colpo di testa!

GOL DI RISPOLI!!! REGGINA-PADOVA 0-1 - Ospiti in vantaggio al Granillo! L'esterno ex Sampdoria e Padova supera il portiere dopo una precedente conclusione e segna a porta vuota!

GOL DI TERRANOVA!!! SASSUOLO-SPEZIA 2-2 - Pareggio della formazione di Di Francesco: il difensore goleador firma il pari dal dischetto!

GOL DI COLY!!! CITTADELLA-CESENA 1-1 - Pareggia la squadra di Foscarini: il difensore senegalese firma il pari sugli sviluppi di un corner.

GOL DI PICCOLO!!! GROSSETO-LANCIANO 1-2 - Vantaggio degli ospiti con l'attaccante ex Livorno: sinistro da venti metri, palla all'incrocio e imprendibile per Lanni.

ASCOLI-PRO VERCELLI - Zaza a un passo dal gol: colpo di testa dell'attaccante che piace al Milan, palla che si infrange sul palo!

TERNANA-EMPOLI - Clamorosa occasione fallita da Tavano! L'attaccante ex Roma fallisce il penalty, palla direttamente in curva!

TERNANA-EMPOLI - Rigore per gli ospiti! L'arbitro non ha dubbi a sanzionare un fallo di Brosco ai danni di Laurini.

GOL DI PLASMATI!!! GROSSETO-LANCIANO 1-1 - Pareggiano gli ospiti! L'ex Vicenza, Varese e Nocerina risolve una mischia in area con una splendida girata.

GOL DI BRIGHENTI!!! BRESCIA-VICENZA 0-1 - Vantaggio ospite al Rigamonti: il difensore di Dal Canto calcia dal limite sugli sviluppi di un corner. Palla all'incrocio, Arcari non riesce ad intervenire.

BARI-CROTONE - Occasione per gli ospiti: traversone dall'out mancino di Gabionetta, Torromino colpisce al volo di destro ma la palla è fuori dallo specchio della porta avversaria.

BRESCIA-VICENZA - Rondinelle spingono in avvio di ripresa: colpo di testa di De Maio, palla sul fondo.

16.00 - Ripartiti! Iniziano i secondi tempi dei match del pomeriggio.

15.58 - Rientrano le squadre in campo, a breve l'inizio dei match.

15.53 - Non sei davanti al pc? Tuttomercatoweb.com ti dà la possibilità di seguire i Live anche sulle nostre APP per cellulari Apple e Android. Una grafica dedicata che ti permetterà di seguire nel migliore dei modi Serie A, Serie B e tutte le gare europee delle italiane. Sono oltre 700mila le persone che già hanno scaricato e che usano le nostre applicazioni gratuite!

15.48 - Terminati i primi tempi, questi i risultati:
Ascoli-Pro Vercelli 0-0
Bari-Crotone 0-0
Brescia-Vicenza 0-0
Cittadella-Cesena 0-1 (Djokovic)
Grosseto-Virtus Lanciano 1-0 (Piovaccari)
Reggina-Padova 0-0
Sassuolo-Spezia 1-2 (Catellani, Sansovini, Pichlmann)
Ternana-Empoli 0-0
Varese-Juve Stabia 0-0

CITTADELLA-CESENA - Padroni di casa a caccia del pari: destro di Paolucci, palla oltre la traversa.

GROSSETO-LANCIANO - Gol annullato alla formazione ospite, inutile la rete di Piccolo per posizione di fuorigioco dell'ex attaccante di Foggia e Livorno.

SASSUOLO-SPEZIA - Padroni di casa a un passo dal pari! Catellani serve Troianiello, destro del calciatore neroverde che - da buona posizione - sfiora il palo alla destra di Guarna.

GOL DI PIOVACCARI!!! GROSSETO-LANCIANO 1-0 - Vantaggio della formazione allenata da Moriero: l'attaccante ex Sampdoria batte Leali con un preciso destro all'incrocio!

BRESCIA-VICENZA - Spunto degli ospiti, destro di Semioli dal limite. Arcari si distende sulla propria sinistra e devia in corner.

BRESCIA-VICENZA - Occasione per le Rondinelle: traversone al centro per Caracciolo, l'attaccante da buona posizione non riesce ad angolare la palla. Tutto facile per Bremec.

BARI-CROTONE - Galletti a un passo dal vantaggio: Caputo in diagonale serve Fedato, l'attaccante spreca un'ottima occasione da due passi calciando a lato.

REGGINA-PADOVA - Risponde la squadra ospite: destro di Iori dal limite, palla indirizzata sul secondo palo ma termina di poco a lato.

REGGINA-PADOVA - Calabresi a un passo dal gol: Barillà colpisce in area sugli sviluppi di un corner, Viviani di testa salva sulla linea!

GOL DI PICHLMANN!!! SASSUOLO-SPEZIA 1-2 - La formazione di Atzori ribalta la gara: Musacci lancia l'attaccante austriaco che, con un preciso diagonale di sinistro, batte Pomini sul secondo palo.

TERNANA-EMPOLI - Ancora una traversa della formazione umbra: Scozzarella da posizione defilata sfiora il vantaggio.

GROSSETO-LANCIANO - Prima occasione per i toscani: Crimi lancia Piovaccari, l'ex Sampdoria cerca la conclusione ma Leali è bravo a chiudere.

REGGINA-PADOVA - Padroni di casa pericolosi con Adejo: colpo di testa del difensore sugli sviluppi di un corner, palla a lato.

TERNANA-EMPOLI - Occasione per la squadra umbra: colpo di testa di Vitale, palla che si infrange sulla traversa.

CITTADELLA-CESENA - I ragazzi di Foscarini a un passo dal pareggio: destro di Dumitru dall'interno dell'area, palla di poco a lato.

SASSUOLO-SPEZIA - Ospiti a un passo dal gol! Colpo di testa di Schiavi sugli sviluppi di un corner, Pomini anticipato dal difensore ospite che colpisce la traversa!

GOL DI SANSOVINI!!! SASSUOLO-SPEZIA 1-1 - Pareggio della formazione ospite: il capitano della squadra ligure batte Pomini con un diagonale rasoterra indirizzato sul secondo palo.

GOL DI DJOKOVIC!!! - CITTADELLA-CESENA 0-1 - Ottima giocata di D'Alessandro sulla fascia destra, traversone al centro che trova pronto il difensore croato per il colpo di testa vincente.

BRESCIA-VICENZA - Forcing della squadra di Calori: colpo di testa di De Maio sugli sviluppi di un corner, Bremec devia ancora in calcio d'angolo.

GOL DI CATELLANI!!! - SASSUOLO-SPEZIA 1-0 - Emiliani in vantaggio, Troianiello serve Catellani in area. Bravissimo l'ex Catania che batte il portiere avversario sul secondo palo.

BRESCIA-VICENZA - Ancora Rondinelle a un passo dal gol: sinistro di Budel, palla che tocca il palo prima di spegnersi a lato.

CITTADELLA-CESENA - Palo della formazione di casa: destro di Dumitru, il portiere avversario respinge sul palo alla propria destra.

REGGINA-PADOVA - Punizione interessante per gli ospiti: Viviani sfiora l'incrocio.

BRESCIA-VICENZA - Forcing della squadra lombarda: Budel dal limite, palla sul fondo.

BRESCIA-VICENZA - Rondinelle a un passo dal gol: Zambelli prova dalla distanza, palla oltre la traversa.

SASSUOLO-SPEZIA - Reagisce immediatamente la formazione di Di Francesco: ripartenza di Berardi, il giovane attaccante entra in area ma spara sul portiere.

SASSUOLO-SPEZIA - Subito pericoloso Sansovini: tiro verso la porta di Pomini, il portiere si rifugia in corner.

REGGINA-PADOVA - Prima occasione per i padroni di casa: diagonale di Di Michele di poco a lato, l'attaccante era però stato fermato per offside.

15.01 - Iniziate tutte le altre sfide in programma questo pomeriggio.

14.59 - Iniziato il 26° turno, è Bari-Crotone ad avviare la giornata del campionato cadetto

14.57 - Tutto pronto per l'avvio dei match delle 15, a breve avrà inizio il 26 turno del campionato cadetto.

14.50 - Non sei davanti al pc? Tuttomercatoweb.com ti dà la possibilità di seguire i Live anche sulle nostre APP per cellulari Apple e Android. Una grafica dedicata che ti permetterà di seguire nel migliore dei modi Serie A, Serie B e tutte le gare europee delle italiane. Sono oltre 700mila le persone che già hanno scaricato e che usano le nostre applicazioni gratuite!

14.45 - Tra le prime tre della classe, alle 15 scenderà in campo il Sassuolo. Il Livorno scenderà in campo alle 18, l'Hellas di Mandorlini giocherà domani alle 12.30.

14.40 - La redazione di Tuttomercatoweb.com vi dà il benvenuto alla diretta testuale della diretta Serie B, campionato arrivato alla 26° giornata.

Questo il programma completo (RISULTATI IN AGGIORNAMENTO)
Ore 15 - Ascoli-Pro Vercelli 0-0
Bari-Crotone 0-0
Brescia-Vicenza 0-1 (Brighenti)
Cittadella-Cesena 1-1 (Djokovic, Coly)
Grosseto-Virtus Lanciano 2-2 (Piovaccari, Plasmati, Piccolo, Piovaccari)
Reggina-Padova 2-1 (Rispoli, Gerardi, rig. Di Michele)
Sassuolo-Spezia 3-2 (Catellani, Sansovini, Pichlmann, rig. Terranova, Bianchi)
Ternana-Empoli 0-0
Varese-Juve Stabia 1-1 (Bruno, Ebagua)

Ore 18 - Livorno-Modena

Domenica 17 febbraio
Ore 12.30 - Novara-Verona

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


PRIMO PIANO
Posticipo 26^ Giornata, il Novara castiga l'Hellas Verona
17.02.2013 14:45 di Alfredo Pelizza articolo letto 65 volte
Continua il magic moment del Novara che festeggia nel migliore dei modi il rinnovo di contratto a mister Aglietti, castigando a domicilio l'Hellas Verona. Decisiva la rete a metà della ripresa da parte di Simone Pesce. Proprio a centrocampo i piemontesi hanno conquistato il match grazie alle splendide prestazioni dello stesso Pesce e del gioiellino portoghese Bruno Fernandes, quest'ultimo ha completante annullato il dirimpettaio Jorginho. Un successo che magari potrà avere riscontri anche in chiave mercato, dato che il brasiliano dell'Hellas insieme al classe '94 del Novara era oggetto degli sguardi interessati in tribuna da parte degli osservatori di parecchi club di Serie A.

FONTE: TuttoB.com


domenica, febbraio 17th, 2013 | Posted by Daniele Andronaco
SERIE B DIRETTA LIVE, Novara-Verona 1-0: Pesce regala tre punti d’oro ai piemontesi
51′ st, finisce qui! Passo in avanti importantissimo per il Novara verso la salvezza! Seconda sconfitta consecutiva per il Verona, apparso in giornata no già nel primo tempo e ulteriormente penalizzato dalla sciocchezza che è costata l’espulsione a Bacinovic.
45′ st, sei minuti di recupero.
44′ st, Bardi blocca un calcio di punizione battuto da Gomez.
43′ st, ultimo cambio anche il Verona: fuori Hallfredsson, dentro Ferrari. Mandorlini si gioca il tutto per tutto con un altro attaccante.
40′ st, si riparte dopo due minuti di pausa che andranno ad allungare il recupero.
39′ st, in attesa che il gioco riprenda, Aglietti effettua l’ultimo cambio affidandosi all’esperienza di Marianini per questo finale: fuori Buzzegoli.
38′ st, gioco fermo per un problema muscolare dell’arbitro!
35′ st, secondo cambio per il Verona: in campo Martinho per Cacciatore. Il nuovo entrato occuperà probabilmente la stessa posizione del compagno, ma con caratteristiche più offensive.
33′ st, grande occasione per Cacia che, favorito da un rimpallo, può calciare al volo da due passi ma manda alto.
29′ st, secondo cambio per il Novara: fuori Lepiller, dentro Lazzari.
28′ st, conclusione di Moras servito di tacco da Nielsen, palla sul fondo.
24′ st, Cacia cade in area e viene ammonito per simulazione. Le immagini sembrano dare ragione all’arbitro.
23′ st, Fernandes prova a calciare da lontano ma colpisce malissimo.
21′ st, ammonito Ghiringhelli. Primo cartellino giallo per il Novara.
19′ st, ancora un’occasione per il Novara e ancora una risposta di Rafael, che stavolta respinge una conclusione di Seferovic!
17′ st, colpo di testa di Ludi e grande risposta di Rafael! Il Novara sfiora il 2-0!
15′ st, primo cambio per il Verona: Nielsen dentro al posto di Sgrigna. L’attaccante ex Torino si stava sacrificando a giocare più indietro dopo l’espulsione di Bacinovic.
11′ st, Cacia intercetta il pallone su un passaggio sbagliato di Bardi ma, contrastato da un difensore, non riesce a indirizzarlo verso la porta!
10′ st, il Novara va vicino al raddoppio con Seferovic, Rafael respinge.
8′ st, grande azione di contropiede di Pesce, che fa tutto il campo, scambia con Buzzegoli e poi va a battere Rafael!
8′ st, GOOOOOOOOOOOOOOL DEL NOVARA! Pesce!
8′ st, conclusione di Juanito Gomez che trova una deviazione in calcio d’angolo.
7′ st, Seferovic ci prova da fuori, la palla finisce lontana dalla porta.
2′ st, gomitata di Bacinovic a Seferovic!
2′ st, rosso diretto per Bacinovic! VERONA IN 10!
1′ st, partita la ripresa senza cambi nell’intervallo.
SECONDO TEMPO
48′ pt, il primo tempo finisce 0-0. Poche occasioni, quasi tutte per il Novara. Il Verona ha tenuto di più la palla ma ha faticato a farsi vedere dalle parti di Bardi.
48′ pt, Fernandes prova a calciare in porta praticamente dalla linea di fondo, Rafael respinge.
47′ pt, Lepiller calcia la punizione sulla barriera.
45′ pt, due minuti di recupero.
45′ pt, cartellino giallo per Hallfredsson e calcio di punizione dai 20 metri per il Novara.
40′ pt, Bacinovic ci prova da fuori; Bardi, al suo primo vero intervento, respinge.
34′ pt, Cacciatore (fallo di mano) è il primo ammonito della gara.
33′ pt, Buzzegoli da lontano, Rafael controlla il pallone che si spegne fuori.
32′ pt, arriva il primo cambio del Novara: tocca a Ghiringhelli prendere il posto del compagno infortunato.
31′ pt, Crescenzi ko, ha bisogno del cambio.
27′ pt, Bardi blocca un cross di Sgrigna prima che arrivi a Cacia. Sul rovesciamento di fronte, cross di Lepiller su cui Seferovic non arriva per un soffio.
21′ pt, problemi per Juanito Gomez che lascia il campo ma vi rientra prontamente.
16′ pt, tentativo velleitario di Maietta quasi da centrocampo, palla alta.
12′ pt, bella conclusione di Fernandes da fuori, centrale ma potente, Rafael blocca in due tempi.
11′ pt, punizione dal limite per il Novara, ma Buzzegoli centra in pieno la barriera.
8′ pt, la partita non decolla. Si gioca soprattutto a centrocampo, nessuna azione pericolosa.
1′ pt, partiti! Il Verona ha toccato il primo pallone della gara.
PRIMO TEMPO
Sarà possibile seguire su ‘SerieBnews.com’ la diretta live della partita Novara-Verona a partire dalle 12.30.
Formazioni ufficiali:
Novara (4-3-3): Bardi; Colombo, Lisuzzo, Ludi, Crescenzi; Fernandes, Buzzegoli, Pesce; Gonzalez, Seferovic, Lepiller. All.: Aglietti. A disp.: Kosicky, Bastrini, Ghiringhelli, Marianini, Lazzari, Rubino, Mehmeti.
Verona (4-3-3): Rafael; Moras, Maietta, Ceccarelli, Cacciatore; Jorginho, Bacinovic, Hallfredsson; Gomez, Cacia, Sgrigna. All.: Mandorlini. A disp.: Berardi, Albertazzi, Bianchetti, Martinho, Nielsen, Carrozza, Ferrari.
Arbitro: Gavillucci di Latina.

FONTE: SerieBNews.com


18.02.2013
Hellas, brutta storia: il secondo ko di fila fa suonare l'allarme
Decide un gol di Pesce in apertura di ripresa, dopo la «follia» di Bacinovic, espulso per una gomitata a un avversario. Grande Rafael
Novara. Non passa da Novara la riscossa dell'Hellas. I gialloblù incassano la seconda sconfitta consecutiva e non approfittano dello scivolone interno del Livorno che resta sempre in seonda posizione con quattro punti di vantaggio sul Verona. In questo momento meglio non pensare al Sassuolo capolista che viaggia con undici punti di vantaggio su Maietta e compagni, anzi, a dire il vero, è meglio non pensare nemmeno alla promozione diretta in serie A.
Dopo la splendida impresa di Spezia la squadra di Mandorlini ha invertito la rotta: ha pareggiato in trasferta con la Reggina, ha perso al Bentegodi con il Vicenza, ha alzato bandiera bianca anche a Novara. Un punto in tre partite, troppo pochi per una «corazzata» costruita per andare in A, troppo pochi per non mettere in discussione un po' tutto: la campagna acquisti della società, la gestione tecnica del mister, l'atteggiamento dei giocatori.

SERVE EQULIBRIO. Per carità, lo ribadiamo ancora una volta, sarebbe troppo facile individuare un colpevole e gettargli addosso tutte le responsabilità ma, nonostante i passaggi a vuoto che hanno condizionato i giudizi delle ultime settimane, l'Hellas resta terzo in classifica, con 16 partite ancora da giocare e tanti punti da conquistare. Proprio l'equilibrio potrebbe diventare l'arma in più di un club che si prepara al salto di qualità. Ovviamente una risposta immediata deve arrivare anche dal campo. Gli addetti ai lavori non amano parlare di «ultima spiaggia» ma la sfida con il Varese che si giocherà fra una settimana in riva all'Adige non può essere chiamata in altro modo. Anche perchè il Verona non potrà ripresentarsi in campo colme ha fatto nel primo tempo con il Novara.

TROPPA ACCADEMIA. Supremazia territoriale costante ma troppo sterile per impensierire i ragazzi di Aglietti. Un tic tic toc toc fatto di dieci, quindici, venti passaggi in laterale senza mai dare profondità all'azione, senza aggredire l'avversario in disimpegno, senza calciare in porta nemmeno una volta. Ormai gli avversari hanno capito la sinfonia, il Novara ieri come il Vicenza una settimana fa. Difesa arcigna, quando serve cattiva, centrocampo molto dinamico pronto ad aggredire i portatori di palla, attaccanti rapidi che rientrano sempre a dar man forte alla fase difensiva. Il primo tempo scorre via così, solo un tiro in porta per l'Hellas con Bacinovic dalla lunga distanza. E' molto più pericoloso quello di Fernandes che mette i brividi a Rafael. Insomma, così non va.

LA FOLLIA DI BACINOVIC Ti aspetti una ripresa diversa e, in effetti, il Verona parte forte e sfiora subito il gol con una bella combinazione tra Gomez e Cacia ma dopo una manciata di secondi arriva la follia di Bacinovic che colpisce con una gomitata Seferovic a centrocampo.
L'arbitro vede tutto, rosso immediato, Hellas in dieci. L'espulsione del centrocampista sembra risvegliare i gialloblù che in pochi minuti costruiscono un paio di azioni pericolose ma il «patatrac» è dietro l'angolo. Corner per il Verona, scambio tra Sgrigna e Hallfredsson, l'ex attaccante del Torino perde palla, contropiede immediato, da Seferovic a Pesce, palla in rete. Mandorlini toglie Sgrigna e manda in campo Nielsen per ridare equilibrio al centrocampo, il Verona attacca con la forza della disperazione, i padroni di casa trovano lo spazio per ripartire e sfiorare il raddoppio, solo un grande Rafael tiene la sua squadra in partita.
Negli ultimi minuti entrano in campo anche Martinho e Ferrari ma ormai è troppo tardi, il bunker del Novara resiste e l'Hellas incassa la quinta sconfitta stagionale.
Luca Mantovani

16.02.2013
L'Hellas incassa gli applausi di Abodi
L'INTERVENTO. Il presidente della Lega di Serie B ha incontrato le società venete alla Ghirada di Treviso
«Setti ha raccolto l'eredità di Martinelli, sta lavorando in campo e fuori per far crescere il club gialloblù

«È una società che sta lavorando sul campo ma anche nel rapporto con i tifosi, che meritano rispetto e gratitudine per come seguono la propria squadra». Andrea Abodi risponde così alla prima domanda sul Verona che gli viene posta nel tradizionale incontro con la stampa veneta, in occasione della testimonianza al Master SBS dell'Università Ca' Foscari e Verdesport alla «Ghirada» di Treviso. Abodi arriva alle 11 in completo grigio, una stretta di mano con il direttore generale della Lega Paolo Bedin e via poi in conferenza a disposizione dei giornalisti. In molti a chiedere a che punto sarebbe la riforma del campionato cadetto, ovvero la serie B a 20 squadre. «È un vincolo-precisa Abodi- che ci lega a una decisione presa due anni fa. Vorremmo arrivarci entro due anni, possibilmente attraverso un solo campionato per evitare di trovarci a 21 squadre. Ma deve passare da un accordo fra le leghe e non può essere fatto autonomamente».

A proposito di riforme, il massimo esponente della Lega di serie B ha precisato che: «la pausa natalizia non è più da considerarsi un esperimento ma una regola. Va studiato il sistema per evitare soste agonistiche troppo lunghe». Lotta al “doping” e le numerose crepe mostrate dalla Giustizia sportiva, sono stati gli altri temi toccato nel corso dell'incontro con Abodi. Il Verona ha avuto due tesserati con storie diverse, ma anche con situazioni pesanti per la società. Emanuele Pesoli e Nicola Ferrari, quest'ultimo fresco di convocazione per Novara. La vicenda proprio del bomber gialloblù è paradossale. Condannato per omessa denuncia per una gara nella quale aveva giocato soltanto dodici minuti. Chiamato in causa da un «pentito», scagionato dall'altro. «Non vorrei entrare nello specifico- commenta Abodi- stiamo aspettando i tempi giusti (l'elezione al Coni) per avanzare le nostre proposte. Intercorre troppo tempo fra il primi grado e il Tnas, è necessario ammodernare questo aspetto». Inevitabile parlare di arbitri e di decisioni che l'anno scorso hanno penalizzato Verona e Sassuolo con le direzioni poco felici di Massa e Tomasi.

«Stiamo alla realtà - dice Abodi - prendo l'esempio di Vercelli (sanzioni durissime del giudice ai danni di società e tesserati con squalifica del campo dopo un errore macroscopico dell'arbitro Velotto che ha condizionato la gara), mi piacerebbe un approccio critico ma rispettoso, anche da parte della stampa. Troppo spesso si lasciano i panni del professionista per calarsi in quelli del tifoso e ne va della cultura sportiva. Stiamo promuovendo un incontro fra giornalisti, arbitri e società perché è necessario parlarci capirci». Anche se, a questi incontri, non partecipano mai i vertici dell'Assoarbitri per capire e spiegare certe decisioni. Sorride Abodi, che forse a livello politico sta pagando anche la sua trasparenza e la voglia di cambiare un sistema ancorato su vecchie posizioni e privilegi. Parliamo di calcio giocato, la butta lì il simpatico manager romano. Andrà in serie A il Verona?. «Per quello che posso dire- commenta Abodi-la squadra è stata irrobustita da un punto di vista tecnico e societario. Setti ha raccolto l'eredità di un grande dirigente come Giovanni Martinelli. Una persona che ha saputo ricreare entusiasmo in un ambiente depresso dopo anni bui. Mi auguro che la crescita del club gialloblù sia continua, in campo e fuori dallo stesso».
Gianluca Tavellin

FONTE: LArena.it


Mandorlini: “Risultato negativo, siamo dispiaciuti” / VIDEO
Postata il 17/02/2013 alle ore 18:22
NOVARA - Segui su hellasverona.it l'intervista ad Andrea Mandorlini. Ecco le principali dichiarazioni dell'allenatore gialloblù al termine della partita contro il Novara: "C'è molto rammarico. Nel primo tempo non siamo stati quasi mai pericolosi però abbiamo rischiato poco. Nella ripresa invece le occasioni le abbiamo create, nonostante l'inferiorità. Loro hanno approfittato di un contropiede e ci hanno punito. I ragazzi si sono impegnati e mi sono piaciuti, però dobbiamo fare di più. La classifica? Con il Novara avevamo un'occasione importante per guadagnare punti su Livorno e Varese, ne ho parlato con la squadra eravamo tutti consapevoli dell'importanza di questa sfida. Siamo ancora in corsa, è un momento difficile ma dobbiamo andare avanti, magari cambiando qualcosa. Ferrari? Ha voglia, sicuramente gli manca ancora la condizione 7 mesi sono tanti".
Ufficio Stampa

Ceccarelli: “Sappiamo come rialzarci” / VIDEO
Postata il 17/02/2013 alle ore 17:06
NOVARA - Segui su hellasverona.it l'intervista a Luca Ceccarelli. Ecco le principali dichiarazioni del capitano gialloblù al termine della partita contro il Novara: "E' stato uno stop davvero pesante, anche a causa delle partite del sabato che ci avevano regalato una chance di recuperare punti al Livorno e allungare sul Varese. Dispiace molto, veniamo da un momento difficile soprattutto dal punto di vista dei risultati, dobbiamo reagire e rimboccarsi le maniche per tornare a vincere e inseguire il nostro obiettivo. Mandorlini? La squadra è con l'allenatore non esiste alcun caso. Tutti quelli che hanno giocato si sono impegnati, in campo ci vanno i calciatori, sta a noi dimostrare il nostro lavoro per evitare si possa pensare una cosa del genere".
Ufficio Stampa

Hellas ko, a Novara è 1-0
Postata il 17/02/2013 alle ore 11:45
La prima frazione scivola via senza sussulti, nella ripresa i gialloblù partono forte ma l'espulsione di Bacinovic complica tutto e i padroni di casa ne approfittano con Pesce
NOVARA - Niente da fare, l'Hellas viene sconfitto 1-0 a Novara. Partita che non offre grosse emozioni nella prima frazione. Nella ripresa segnali di risveglio per la squadra di Mandorlini, ma l'espulsione di Bacinovic complica tutto. I padroni di casa ne aprofittano subito e si portano avanti con Pesce in contropiede. Dopo lo svantaggio il Verona reagisce chiudendo gli azzurri dietro e nonostante le molte potenziali occasioni non riesce a raddrizzare la sfida.

NOVARA-HELLAS VERONA 1-0
Marcatori: 9' st Pesce.

Primo Tempo
1' Dopo il momento dedicato alla scomparsa di Imbriani inizia la sfida del Piola
2' Sgrigna si accentra e conclude, la palla si perde a lato
12' Gran tiro di Fernandes dai 25 metri, miracolo di Rafael
16' Maietta prova a sorprendere Bardi dalla lunga distanza, sfera di poco alta
19' Bardi para a terra il tentativo centrale di Sgrigna
33' Maietta respinge il cross di Lepiller e Buzegoli ribatte in porta, a lato
40' Bacinovic dal limite chiama alla grande risposta Bardi
47' Fernandes aprofitta di una distrazione dei gialloblù e conclude da posizione defilata, attento Rafael
47' Terminata la prima frazione

Scondo Tempo
1' Iniziata la ripresa
8' Cacia per Gomez Taleb che conclude al volo, deviato in angolo
9' GOL Grazie a una ripartenza fulminea Pesce si trova a tu per tu con Rafael e non sbaglia
18' Ludi di testa chiama Rafael a una super parata
19' E' ancora il portiere gialloblù a negare il raddoppio, questa volta a Seferovic
28' Nielsen in area di tacco per Moras, palla alta
33' Clamorosa occasione di gol per Cacia che, liberato in area piccola da un rimpallo conclude alto
44' Jorginho d'astuzia batte una punizione per Gomez Taleb, ma Bardi blocca la conclusione dell'argentino
51' Finita la sfida del Piola

NOVARA (4-3-3): Bardi; Colombo, Lisuzzo, Ludi, Crescenzi (dal 31' pt Ghiringhelli); Fernandes, Buzzegoli (dal 39' st Marianini), Pesce; Gonzalez, Seferovic, Lepiller (dal 29' st Lazzari).
A disposizione: Kosicki, Rubino, Mehmeti, Bastrini.
All.: Aglietti.
HELLAS VERONA (4-3-3): Rafael; Moras, Maietta, Ceccarelli, Cacciatore (dal 35' st Martinho); Jorginho, Bacinovic, Hallfredsson (dal 43' st Ferrari); Gomez Taleb, Cacia, Sgrigna (dal 15' st Nielsen).
A disposizione: Berardi, Albertazzi, Bianchetti, Carrozza.
All.: Mandorlini.

Arbitro: Gavillucci di Latina.
Assistenti: Melloni e Del Giovane.
NOTE. Espulso: Bacinovic al 2' st. Ammoniti: Cacciatore, Hallfredsson, Ghringhelli, Cacia. Spettatori:.
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC]
VELA: Record di SOLDINI sulla New York-San Francisco!
SERIE A: MALESANI torna a prendersi un punto al 'Bentegodi' col PALERMO. La ROMA batte la JUVE con un gol di TOTTI. Nell'anticipo BALOTELLI mette a segno il quarto gol in tre partite e il MILAN aggancia la LAZIO al terzo posto
CALCIO PROMOZIONE: DASPO all'allenatore-boxeur!

PAREGGIO PER CHIEVO E PALERMO, LA PARTITA FINISCE 1-1 -FOTO
Sabato 16 Febbraio 2013 - 20:00
CHIEVO - Chievo e Palermo si conclude 1-1 nell'anticipo della 25/a giornata del campionato di calcio di serie A.

IL TABELLINO Il tabellino di Chievo-Palermo, gara valida per la 25esima giornata del campionato di Serie A: CHIEVO-PALERMO: 1-1 (0-1); CHIEVO (4-4-2) - Puggioni, Andreolli, Dainelli, Acerbi, Jokic, Guana, Seymour, Cofie, Hetemaj (1' st Pellissier), Paloschi (21' st Luciano), Thereau (31' st Spyropoulos). All. Corini. PALERMO (4-4-2) - Sorrentino, Morganella (8' pt Nelson), Munoz, Garcia, Aronica, Barreto, Rios, Kurtic, Fabbrini, Formica (13' st Von Bergen), Boselli (35' st Miccoli). All. Malesani. Arbitro: Tagliavento. Marcatori: 5' Formica (P), 11' st rig Thereau (C) Ammoniti: Hetemaj (C), Andreolli (C), Garcia (P).

LE SQUADRE Allo stadio di Verona il Chievo sfida Palermo nel secondo anticipo della 25esima giornata di campionato di serie A.
Il Palermo deve cercare di allontanarsi dalla zona retrocessione, allo stato attuale è infatti ultimo in classifica, mentre il Chievo è reduce dalla sconfitta con l'Inter e cercherà in ogni modo di rifarsi.


ROMA BATTE JUVE 1-0, TOTTI: "SPERAVO IN UNA SQUADRA COSÌ" -FOTO
Domenica 17 Febbraio 2013 - 00:39
ROMA - Roma batte Juventus 1-0 nell'anticipo della 25/a giornata del campionato di serie A.
IL TABELLINO Roma batte Juventus 1-0 (0-0). Roma (3-4-2-1): Stekelenburg 6, Piris 6, Burdisso 6, Marquinhos 6.5, Torosidis 6.5, Pjanic 6.5 (23' st Bradley 6), De Rossi 6, Marquinho 5.5 (38' st Balzaretti sv), Lamela 6.5, Totti 7.5 (43' st Florenzi sv), Osvaldo 6. (1 Lobont, 13 Goicoechea, 46 Romagnoli, 11 Taddei, 47 Lucca, 77 Tachtsidis, 20 Perrotta, 17 Lopez). All.: Andreazzoli 7. Juventus (3-5-2): Buffon 6.5, Barzagli 6, Bonucci 5, Caceres 5, Lichtsteiner 6, Vidal 5 (26' st Anelka 6), Pirlo 6.5, Pogba 6, Asamoah 6 (11' st Padoin 5), Matri 5, Vucinic 5 (11' st Giovinco 5). (30 Storari, 34 Rubinho, 39 Marrone, 33 Isla, 24 Giaccherini, 27 Quagliarella). All.: Conte 5. Arbitro: Rocchi di Firenze 6.5. Rete: 13' st Totti. Recupero: 2' e 4'. Angoli: 9-4 per la Juventus. Ammoniti: De Rossi, Totti, Lichtsteiner e Pirlo per gioco scorretto. Spettatori 54.981, incasso 2.019.455 euro.

IL GOL: 13' st: punizione Pjanic, corta respinta della difesa bianconera, è ben appostato Totti che da fuori area lascia partire un 'missilè su cui Buffon nulla può.

TOTTI: "SPERAVO IN UNA ROMA COSÌ «Speravo in una Roma così questa sera. Speravo perchè non meritiamo quello che stiamo facendo. La squadra cerca sempre di dare il massimo e fare il meglio, sia per noi stessi che per i tifosi, e purtroppo ultimamente non ci sta riuscendo. Oggi penso sia la dimostrazione che avendo tanto carattere siamo riusciti a battere una grande squadra». Lo ha detto Francesco Totti, vero match winner all'Olimpico sulla Juventus, intervistato da Sky Sport subito dopo l'incontro. «All'inizio eravamo un pò intimoriti - ha ammesso il capitano giallorosso - venivamo da un momento difficilissimo, affrontavamo una squadra grandissima, però man mano che andava avanti la partita siamo riusciti a tenerle testa e a fare il risultato». L'importante, ha aggiunto Totti, è che adesso si resti «con i piedi per terra. A Roma è facilissimo esaltarsi, ma dobbiamo pensare domenica dopo domenica. Le parole che ho detto in settimana penso abbiano fatto bene un pò a tutti». Infine, Totti si è detto dispiaciuto per il fallo su Pirlo: «Non è da me fare quei falli, poi è stato bravo ad anticiparmi e mi è dispiaciuto tantissimo. L'importante è che dopo è rientrato e non è successo niente».

LAVEZZI COMMENTA LA PARTITA SU TWITTER «Guardando Roma-Juve, bravo Lamela! Forza Napoli domani!». Ezequiel Lavezzi ha commentato così su twitter la vittoria della Roma sulla Juventus nell'anticipo di stasera. Visto che il suo Psg sarà impegnato domani sera con il Sochaux, Lavezzi ha seguito in tv la sfida dell'Olimpico e ha inviato il tweet praticamente in tempo reale alla fine della partita

VELA, SOLDINI DA RECORD SULLA ROTTA DELL'ORO -FOTO
Sabato 16 Febbraio 2013 - 21:12
ROMA - Quarantasette giorni e una manciata di minuti: è il record della New York-San Francisco passando per Capo Horn stabilito da Giovanni Soldini a bordo del Vor 70 Maserati. Un record 'storicò made in Italy, migliorato di ben 10 giorni e dopo 15 anni: nel 1998 quello stabilito da Yves Parlier a bordo di Aquitaine Innovations (categoria monoscafi) era stato di 57 giorni e 3 ore. Quarantasette giorni di navigazione durante i quali le difficoltà non sono mancate. Ed anche l'arrivo non è stato dei più semplici, con il vento a fare le bizze e a mettere a dura prova la pazienza di Soldini e compagni. «È andata bene, anzi direi molto bene - racconta Giovanni Soldini a bordo di Maserati subito dopo aver tagliato il traguardo fissato sotto il Golden Gate Bridge - È stata una grande avventura, i rischi non sono mancati ma siamo felicissimi, per il record, per averlo abbassato di così tanto (10 giorni, ndr) e di aver messo la bandiera italiana su un record così difficile». Soldini e il suo equipaggio (otto uomini di diverse nazionalità) sono partiti a bordo di Maserati il 31 dicembre 2012 alle ore 17 49' 30« GMT da New York alla volta di San Francisco e hanno tagliato il traguardo alle ore 18 31' 59» GMT (le 19h 31' 59« italiane, le 10h 31' 59» locali), aggiudicandosi lo storico record della Rotta dell'Oro nella categoria dei monoscafi. «La Rotta dell'Oro Š un record storico - sottolinea lo skipper milanese - e Maserati si Š dimostrata una barca potente, veloce, tecnologica e molto affidabile.

I RINGRAZIAMENTI L'equipaggio Š stato straordinario, tutti molto preparati ad affrontare le situazioni pi— dure. Voglio ringraziare tutti i miei compagni d'avventura e i miei partner (Maserati, BSI e Generali), che hanno permesso a tutti noi di realizzare un sogno». Una traversata assai impegnativa con due momenti particolarmente duri: «Tecnicamente i momenti più difficili sono stati quando abbiamo navigato nei mari del Sud - racconta Soldini - fa freddo, c'è vento, ci sono tantissimi pericoli, gli iceberg, c'era poca visibilità. Psicologicamente, invece, navigare nel Pacifico non è stato facile. Soprattutto gli ultimi quattro giorni. Non c'era vento ed è stato un vero stillicidio. Ma alla fine ce l'abbiamo fatta e alla grande». Stasera a San Francisco Giovanni Soldini e l'equipaggio di Maserati faranno festa «ma io già sto pensando alla prossima sfida», conclude sorridendo.

ALLENATORE TIRÒ UN PUGNO A CALCIATORE AVVERSARIO: CONDANNATO AL DASPO
Sabato 16 Febbraio 2013 - 13:51
FROSINONE - L'allenatore del Fontanaliri, squadra che milita in Promozione, che aveva colpito con un pugno un calciatore del Roccasecca al termine di una partita lo scorso 23 dicembre in Ciociaria, è stato diffidato dall'entrare nello stadio. Il tecnico alla fine della partita, vinta dal Roccasecca 3-O, sferrò un pugno in faccia ad un giocatore della squadra avversaria. Ora per il tecnico della formazione ospite è scattato il provvedimento emesso dal questore di Frosinone. Ma potrà continuare ad allenare la sua squadra.
L'uomo, un quarantaquattrenne di Monte San Giovanni Campano, secondo la ricostruzione della polizia, al termine della partita, mentre giocatori, terna arbitrale e tecnici delle rispettive squadre si dirigevano verso gli spogliatoi, per futili motivi, presumibilmente legati al risultato dell'incontro di calcio, sferrò il pugno al giocatore. L'atleta cadde a terra e gli fu praticato anche il massaggio cardiaco, prima di essere trasportato in ospedale. In seguito all'episodio scoppiò un parapiglia generale con difficoltà per la gestione dell'ordine pubblico. L'allenatore, oltre a rispondere penalmente per le lesioni provocate all'atleta, per due anni non potrà accedere ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive. Potrà tuttavia continuare a guidare le sedute di allenamento della propria squadra.

FONTE: Leggo.it


16.02.2013
Aggancio riuscito con Super Balotelli Ora il Milan è terzo
L'ANTICIPO. Battuto il Parma: il Diavolo supera l'Inter e raggiunge la Lazio
Non basta il buon primo tempo ai gialloblù emiliani Un autogol di Paletta regala il vantaggio ai rossoneri che chiudono la gara con la quarta rete del bomber
Mario Balotelli esulta dopo aver segnato il raddoppio rossonero, il quarto gol con la maglia del Milan

Che fenomeno, questo Balotelli: quattro gol in tre partite! Il Milan ha meritato i tre punti nella ripresa, perchè nella prima parte della gara si è vista pèiù la squadra emiliana. Certo, giocare complessivamente meglio per 45' e andare sotto su un autogol (Paletta) non è stato il massimo per un Parma ben organizzato che ha un po' chiuso i rubinetti del gioco ai rossoneri e allo stesso Balotelli, malmenato spesso da Coda. La squadra di Donadoni ha cercato di sfruttare le corsie laterali con Biabiany e Sansone, impedendo ai terzini rossoneri di andare avanti e proponendosi anche con Paletta, che poi ha infilato il proprio portiere. Nel Milan in finale di primo tempo è cresciuto Boateng autore del cross deviato dal difensore gialloblù. Nella ripresa la squadra di Allegri ha fatto molto meglio e Balotelli ha segnato con una magistrale punizione dai venti metri sulla destra di Pavarini. In vista del Barcellona, quindi il Milan ha concluso il suo lungo inseguimento al terzo posto, uno dei suoi obbiettivi stagionali. Bisognerà vedere cosa faranno Lazio e Inter. Il Parma ha segnato il pleonastico gol della bandiera nel recupero con Sansone, nel recupero, su una palla da destra.

La squadra gialloblu in posizione di classifica di tutta tranquillità, ha cercato di non fare brutta figura e vi è riuscito, anche perchè ogni tanto salta fuori la candidatura di Donadoni come possibile pilota della squadra rossonera. Allegri, per dosare le forze e per obbiettive difficoltà d'infermeria, ha tenuto fuori El Shaarawy puntando tutto su Niang e Balotelli che non potrà giocare in Champions. Ha inoltre inserito Boateng in posizione avanzata. In assenza dello squalificato Ambrosini e di Flamini (in panchina), a centrocampo sono rientrati Nocerino e Montolivo, reduce da sospensione del giudice sportivo. In difesa Yepes centrale. Il Parma ha recuperato la catena di destra (Rosi-Marchionni), ha lanciato l'ex milanista Mesbah, mentre Coda ha giocato dall'inizio. Sansone in attacco. Sul campo che aveva ospitato ventiquattro ore prima l'Inter, il primo tiro di Balotelli (3') è stato deviato, ma il Parma ha avuto però delle fiammate: Yepes ha dovuto mettere sul fondo una palla pericolosa e Paletta ha tirato in diagonale fuori da buona posizione. Insomma, il Parma è parso inizialmente molto propositivo. Il fitto dispositivo di centrocampo dei gialloblu non ha agevolato la partenza delle azioni rossonere.

Non eccezionali Muntari e Nocerino. Balotelli e i milanisti dopo 20' si sono svegliati, ma sostanzialmente non sono andati mai al tiro. Su un calcio d'angolo Amauri ha sovrastato di testa Yepes e Abbiati ha dovuto tuffarsi sulla destra. Il Parma ha continuato ad attaccare sulla destra col veloce Biabiany e sulla sinistra con Sansone. Insomma, per mezzora meglio la squadra di Donadoni. Poi è venuto fuori il MIlan. A 31' Boateng, lanciato da Balotelli sulla sinistra, ha tirato fuori in diagonale. Lo stesso Boateng ci ha provato poi da fuori, ma centralmente. Nel finale di primo tempo, la squadra di Allegri ha cambiato marcia ed è passato fortunosamente: da destra Boateng rasoterra e Paletta ha deviato nella propria porta. Un compleanno, quello del difensore argentino, rovinato da un autogol al 40'. Nella ripresa Muntari ha creato un pericolo per Pavarini, poi su una palla di Balotelli da sinistra, Boateng non è riuscito a correggere in porta. Insomma, un grande inizio dei rossoneri. Al raddoppio è andato al 33' Balotelli su una punizione dai venti metri: gran destro, pressochè imprendibile per Pavarini. Adesso i rossoneri si concentreranno sul Barcellona, ma Balotelli non ci sarà. Si terrà caldo per il derby, subito dopo la Champions.

FONTE: LArena.it

2 commenti:

Mandorlimi ci mette del suo con moras terzino destro e cacfiatore sinistro( puo' giocare solo a dx,terzino difensivo).magari rimpiangerete il criticatissimo abbate? ( 4 gol l altr anno,molti decisivi). Gomez fantasma da inizio anno,il nostro 4/5/1( che balla quella del 4/3/3!) e' fatto solo giustamente da mandorlini per avere una squadra COMPATTA in assenza totale di FANTASIA( nn abbiamo nessuno di fantasia o che salti l uomo tranne rivas o martinho solo se lanciato). Abbiamo una squadra compatta e con una rosa ampia,poco piu'. Spesso per la B basta. Boh,speriamo. Per me sassuoloe livorno sono molto molto meglio di noi,soprattutto in attacco. Direi che il ns obiettivo sono i plsy offs( occhio,nn e' poi cosi' scontato!),per arrivare secondi serve altro. Saluti da mauro,milano

...Anche per me il 4-3-3 è un altra cosa!
Vedere GOMEZ fare praticamente il terzino mette tristezza, vedere che non si tira praticamente mai mette tristezza, vedere che siamo prevedibili alla noia mette tristezza e infine vedere che teniamo palla per 70 minuti su 90 salvo poi perdere mette tristezza!
Insomma in questo momento facciamo letteralmente 'cavar el cor'... Più che guardare alle prime due e meglio guardare il VARESE e l'EMPOLI putroppo

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini