.

VERONA 3-1 MODENA: Il 'solito' HELLAS fatica tantissimo nel primo tempo, va sotto con un autogol di MAIETTA, pareggia poco dopo con CACIA e viene tenuto 'a galla' dalle paratissime di RAFAEL... Nella seconda metà di gara la costanza viene premiata con il raddoppio di CACIA ed il gol di JORGINHO: A gennaio serve un terzino sinistro per 'liberare' MARTINHO

Pubblicato da andrea smarso domenica 30 dicembre 2012 21:22, vedi , , , , , , , , , | 1 commento


LE IMPRESSIONI...
L'HELLAS chiude il 2012 con una prestazione positiva dopo che la sfortuna ci aveva messo lo zampino con l'autorete di MAIETTA...
Teniamoci il -4 dal LIVORNO ed il +10 sull'EMPOLI che in questo momento garantirebbe la promozione ai gialloblù.
Fin qui il buono unito ad una grandissima prestazione di RAFAEL, che nel primo tempo ha tenuto a galla la malandata zattera gialloblù, e alla doppietta di CACIA che per poco non marca la tripletta (chiusa facile da JORGINHO).
Come al solito di spessore la gara in difesa: RAFAEL è probabilmente il miglior guardiapali della cadetteria, CRESPO a sinistra si è mosso sufficientemente bene così come CACCIATORE a destra, ottima la coppia centrale MORAS-MAIETTA (aldilà dell'infortunio di oggi) ma i problemi arrivano dalla 'cintola' in su con il solo HALLFREDSSON a dare dinamismo e invenzione in mediana mentre BACINOVIC alterna geometrie interessanti ad errori pacchiani così come JORGINHO 'sacrificato' in una posizione non sua.
Male (molto male) gli esterni d'attacco: CARROZZA non salta mai l'uomo ma almeno si danna l'anima e corre come un matto, RIVAS nemmeno quello (eppure ha avuto addirittura un attacco di crampi!): Dov'è finito il 'folletto' argentino che nel VARESE ai playoff aveva letteralmente fatto ammattire ABBATE nelle gare contro il VERONA?

Al mercato di Gennaio serve un terzino mancino degno di questo nome sopratutto per dare libero sfogo alla creatività di MARTINHO nel suo ruolo naturale: Il reinserimento del 'volante' sinistro ed il recupero del miglior LANER potrebbero essere il 'trampolino' di lancio per l'HELLAS che vuole conquistare la massima serie dopo anni di purgatorio e inferno! [Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

Verona 3-1 Modena: Gli highlights della gara

DICONO
CACIA «Un autogol così avrebbe ucciso un toro, ma noi abbiamo dimostrato di esserci, di essere una squadra di cuore e di saper reagire alla grande. Lasciando da parte gli episodi, credo sia un risultato sicuramente meritato. E’ stato importante anche per metterci alle spalle un periodo nel quale non siamo riusciti a esprimerci al massimo, credo a causa delle tante partite ravvicinate che per la serie B sono una novità. Accusare un calo penso sia normale. La sosta arriva propizia per ricaricare le pile e la testa, i 3 punti erano fondamentali. Il ritiro ha aiutato, credo però non sia stato fondamentale per la vittoria. E’ sbagliato pensare che le due cose siano legate, siamo dei professionisti, ci impegniamo sempre al massimo. Davanti corrono? Se il Sassuolo sta facendo meglio della Juve in B credo che si commenti da solo. Noi però stiamo andando alla grande. A volte sento troppa negatività, invece credo che questo sia un gruppo da applausi. Siamo tanti nuovi, in una piazza importante e con due squadre che vanno a mille. Eppure siamo lì e abbiamo appena vinto 3-1 contro la quarta in classifica. Il mio bilancio della squadra è sicuramente positivo. Quello personale? La cosa più importante sarebbe trovare continuità. Sono contento della mia prima parte di stagione, anche se ho avuto dei momenti di appannamento. Come ho già detto, la stagione è lunga e se sei un’attaccante devi aspettarti anche dei frangenti in cui la palla non entra mai ed altri invece dove segni con l'occasione più impensabile. Sosta lunga? E’ una cosa strana, il preparatore atletico dovrà lavorare in maniera diversa dal solito. Staremo in Italia, ma in una zona dove la temperatura è più mite per prepararci al meglio alla parte decisiva del campionato. Per quanto mi riguarda, non avrei giocato a Natale e la sosta l’avrei tenuta più corta» HellasVerona.it

CARROZZA «Una vittoria che vale tanto. Abbiamo avuto la voglia e la cattiveria giusta. Forse ci ha fatto bene andare in ritiro, il confronto tra di noi ha aiutato la prestazione. L’ha dimostrato quando ci siamo trovati sotto dopo 2 minuti e non abbiamo mollato, anzi abbiamo reagito e pareggiato subito. Nel secondo tempo poi siamo usciti alla grande. E’ una vittoria del gruppo. Gli infortuni? Ci hanno penalizzato nell’ultimo periodo ma la vittoria dimostra il valore di questo gruppo. Per quanto mi riguarda nel finale ho avuto solo dei crampi, ero molto stanco. Ad inizio stagione ho avuto delle difficoltà a causa di qualche stop di troppo, ma mi sono ripreso e mi tengo stretti i complimenti, sperando di ripetere queste prestazioni. Mandorlini? E’ un leone in gabbia, perché ama il suo lavoro e stare in campo. Le ultime partite le ha vissute da spettatore ma in settimana è con noi e prepara le partite con molta attenzione e passione come sempre. Livorno più vicino? L’ho detto, è stata una gara fondamentale quella con il Modena. Recuperare 2 punti è stato molto positivo, anche perché ci permette di staccare la spina con gli stimoli giusti per iniziare fin da subito al massimo. Siamo lì meritatamente, chiudere l’anno con 43 punti credo la dica lunga sulla nostra prima parte di campionato. Qualche passo falso l’abbiamo fatto ma in generale si può essere soddisfatti, davanti stanno andando forte ma se continuiamo a giocare così daremo del filo da torcere anche a loro. Il mercato? Non mi riguarda, se non mi cacciano. Scherzi a parte non ho nessuna intenzione di andarmene, qui è tutto perfetto: tifosi, città e società» HellasVerona.it

BORDIN «Questa vittoria è dedicata a Giovanni Martinelli, che sta vivendo un momento difficile per le sue condizioni di salute. Abbiamo giocato mettendocela tutta per 90' minuti. E' stata la miglior risposta che potessimo attenderci dopo qualche gara nella quale non avevamo brillato. Ora andremo in vacanza fino al 10 gennaio. Per poi ritrovarci e ripartire con determinazione» TuttoMercatoWeb.com

Verona 3-1 Modena: Le immagini

LE ALTRE DI B
EMPOLI spietato nell'anticipo! Secco 3 a 0 a Reggio Calabria...
Dopo la sconfitta a Livorno il SASSUOLO riprende alla grande: 5 a 0 al malcapitato CESENA! Il LIVORNO 'inciampa' sulla JUVE STABIA...
'Manita' anche per il BRESCIA che 'asfalta' il CROTONE.
Il PADOVA cade a Lanciano, il NOVARA abbatte il GROSSETO con una doppietta, il VICENZA supera di misura lo SPEZIA e la TERNANA ne rifila 4 alla PRO VERCELLI.
Pareggio in ASCOLI-VARESE e CITTADELLA-BARI.

Radiografia del Gol gialloblù 2012/2013
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
CACIA11314
GOMEZ TALEB268
MARTINHO044
RIVAS112
LANER022
HALLFREDSSON022
COCCO112
CECCARELLI011
BACINOVIC011
MAIETTA011
BOJINOV011
ALBERTAZZI011
JORGINHO011
BJELANOVIC101

IN BREVE A PIÉ PAGINA
VITA DA EX: Anderson Rodney de Oliveira aka BABÙ a 32 anni ricomincia dalla PAGANESE in Lega Pro...
CALCIO BRASILE: Altro che 'alegria do Brasil!' SEEDORF ha nostalgia dell'Italia 'Stadi vuoti e tristi...'
SPORT FLOP 2012: A SCHWAZER e ARMSTRONG la sgradita palma dei vincitori
SERIE B: EMPOLI spietato nell'anticipo! Secco 3 a 0 a Reggio Calabria...
SERIE A: Nuovo stadio per la ROMA! Sarà di proprietà e sorgerà a 'Tor di Valle'
NBA: BELINELLI porta i BULLS al successo. Un super GALLINARI trascina i NUGGETS al successo sui MAVERICKS a Dallas! 39 punti e record per il 'Gallo'... 16^ vitoria consecutiva per gli implacabili CLIPPERS!

Top 10 Plays of the Night: December 29thNBA Nightly Highlights: December 29th

Nuggets vs. Mavericks | Game Recap | NBA 2012-13 Season Dec 28, 2012NBA Nightly Highlights: December 28th

RASSEGNA STAMPA
Serie B 2012-2013: Hellas Verona-Modena risultato finale
Posted By filadelfo_s On 30 dic 2012.
Sotto la direzione dell’arbitro Signor Di Bello di Brindisi si è appena concluso Hellas Verona-Modena, match delle ore 18 che ha chiuso il quadro della 22-esima giornata, la prima del girone di ritorno del campionato di calcio 2012-2013 di serie b.

L’Hellas Verona è scesa in campo dal primo minuto con Rafael, Moras, Crespo, Maietta, Cacciatore, Bacinovic, Jorginho, Hallfredsson, Carrozza, Rivas e Cacia, mentre il Modena ha opposto Colombi, Zoboli, Gozzi, Andelkovic, Moretti, Lazarevic, Nardini, Osuji, Perna, Ardemagni e Greco. Il primo tempo s’è chiuso sul risultato di 1 a 1, con Cacia che al nono minuto ha pareggiato l’autorete di Maietta al terzo minuto.

Nella ripresa è ancora Cacia, al 20-esimo del secondo tempo a siglare il sorpasso. Poi ci pensa Jorginho ad un quarto d’ora dalla fine a fissare il risultato finale sul 3 a 1 a favore dell’Hellas Verona che con 43 punti consolida il terzo posto in classifica mentre il Modena rimane a 32 punti incassando stasera la sesta sconfitta in campionato.

FONTE: CampionatoSerieA.net


Serie B, il Verona stronca le speranze del Modena: 3-1
domenica 30 dicembre 2012 18:01
Canarini in vantaggio al Bentegodi dopo soli 2', ma i veneti recuperano subito e staccano i rivali nella ripresa
VERONA – Al Modena non è bastato un primo tempo di altissimo livello per imporsi su un Hellas Verona che è riuscito a imporsi sulla distanza: finisce 3-1 per i veneti, dopo una gara che i canarini hanno avuto a lungo in pugno.
Il loro vantaggio è durato solo sei minuti, quelli che hanno separato l’autorete di Maietta dal primo gol di Caccia: per tutti i primi 45’, però, gli uomini di Marcolin hanno dominato il campo. È stato solo con il rientro sul terreno di gioco che i veneti hanno preso sicurezza e infine, dopo il bis di Caccia, hanno dominato.
Si chiude così il 2012 dei canarini: un buon quinto posto in classifica, con la squadra ricacciata indietro proprio dai diretti rivali del Verona e sorpassata in extremis anche dall’Empoli.

La cronaca del match - play by play
94’: ammonito Ardemagni a gara finita, per aver calciato rabbiosamente il pallone

90’: quattro minuti di recupero

85’: Cacia rischia nuovamente di segnare, ma colpisce male la palla in area

79': ultimo cambio per il Modena. Esce Moretti, entra l'autore del gol nel match d'andata, Signori

74’: il Verona segna di nuovo, 3-1. Il brasiliano Jorginho segna il suo primo gol in campionato, ribattendo in rete dopo un miracoloso salvataggio sulla linea di Andelkovic sul colpo di testa di Cacia

70’: ci riprova Osuji, ma il suo tiro è centrale

65’: sostituzione per il Modena: entra Pagano, esce Nardini

63': il Verona passa in vantaggio 2-1. Segna ancora Cacia, che interviene su un disimpegno di Moretti. Il tiro è stato deviato da Zoboli

62’: nuova chance per il Modena, con Rafael in uscita che all’ultimo blocca l’avanzata di Lazarevic

61': gol annullato ad Ardemagni per fuorigioco al termine di una straordinaria azione impostata da Lazarevic

56’: si rifanno vivi anche i canarini con Osuji, ma il suo tiro è da dimenticare

55’: Rivas e Carrozza ci provano, ma non riescono ad andare in gol. Il Verona appare rinfrancato dalla pausa, e molto più aggressivo in questo avvio di ripresa

47’: il Verona riparte tutto in avanti. Sugli sviluppi del calcio d’angolo, il colpo di testa di Maietta non trova la porta

46’: Le formazioni rientrano in campo. Nel Modena, Stanco sostituisce Greco

Ore 19.03: le squadre rientrano in campo

Ore 18.48: finisce il primo tempo. Canarini in vantaggio al 2' con un'autorete di Maietta, pareggio dell'Hellas all'8' con Cacia.


Il Modena festeggia un gol (foto Davide Mantovani)
42': solo il fuorigioco interrompe l’azione di Nardini, giunto ormai in buona posizione. Molte le proteste dei tifosi modenesi

40’: ammoniti il modenese Greco e il veronese Maietta dopo un duro faccia a faccia

31’: Rafael salva ancora una volta la porta veronese, respingendo l’assalto di Lazarevic

29': Carrozza prova a scuotere il Verona, ma il suo tiro non impensierisce Colombi

27’: ammonito anche Osuji per un fallo su Jorginho a centrocampo.

26’: ammonito Moretti. Diffidato, salterà la prima gara del 2013

25’: sugli sviluppi del calcio d’angolo, prodezza di Rafael. Il portiere dell’Hellas compie il miracolo sul tiro di Andelkovic

24’: altra grande occasione per il Modena. Un inarrestabile Lazarevic sulla sinistra serve Ardemagni. Ribatte il portiere del Verona, la palla finisce sul tacco di Greco: ancora una volta, però, Maietta nega il gol ai canarini

21’: ancora molto pericoloso Cacia, con un bel destro dal limite dell’area bloccato con sicurezza da Colombi

17’: nuova occasione per il Modena. Da ottima posizione, Nardini spreca sparando alto

11’: Fallo da dietro, ammonito il veronese Bacinovic

10’: La partita è iniziata a ritmi altissimi: Zoboli manca di un soffio il gol di testa

8': Il Verona pareggia, 1-1. L’assist di Carozza libera Cacia che, solo davanti a Colombi, non può sbagliare.

7’: Verona in avanti tenta di reagire: Cacia non riesce a colpire di testa da centro area e la palla termina sul fondo.

2’: Modena in vantaggio, 0-1. Clamoroso inizio per i canarini: l’autorete di Maietta su assist di Lazarevic manda in vantaggio il Modena a due minuti dal fischio d’inizio.

Ore 18.03:Fischio d’inizio. Il Modena schiera Colombi, Gozzi, Andelkovic, Zoboli, Perna, Nardini, Osuji, Moretti, Lazarevic, Greco e Ardemagni.

Il tabellino
MODENA (4-4-2): Colombi; Gozzi, Andelkovic, Zoboli, Perna, Nardini, Osuji, Moretti, Lazarevic, Greco, Ardemagni.
A disposizione: Manfredini, Gulan, Sturaro, Signori, Surraco, Pagano, Stanco
All. Marcolin

HELLAS VERONA (4-3-3): Rafael; Crespo, Moras, Maietta, Cacciatore; Jorginho, Bacinovic, Hallfredsson; Rivas, Cacia, Carrozza.
A disposizione: Berardi, Albertazzi, Ceccarelli, Grossi, Bojinov, Owusu.
All.: Bordin (Mandorlini squalificato)

Arbitro: Di Bello
Marcatori: 2’ aut. Maietta (V), 8’ e 64’ Cacia, 74’ Jorginho

Altri risultati
Reggina - Empoli 0-3
Ascoli - Varese 1-1
Brescia - Crotone 5-0
Cittadella - Bari 1-1
Livorno - Juve Stabia 2-2
Novara - Grosseto 2-0
Ternana - Pro Vercelli 4-2
Vicenza - La Spezia 2-3
Virtus Lanciano - Padova 2-1
Sassuolo - Cesena 5-0

La classifica
Sassuolo 51; Livorno 47; Hellas Verona 43; Empoli 33; Modena 32; Brescia* 31; Varese, Juve Stabia, Padova, Cittadella 30; Spezia, Ascoli 28; Ternana 25; Bari 24; Novara, Reggina, Crotone, Virtus Lanciano 22; Cesena 21; Vicenza 19; Pro Vercelli 15; Grosseto* 11.
*: una partita in meno

FONTE: ModenaOnLine.info


22a giornata Serie Bwin: Verona-Modena 3-1, i gialloblu fanno tutto da soli
A cura di Luigi Aiello
Il Verona vince per 3 reti ad 1
Scontro al vertice che chiude il 2012 della Serie Bwin al Bentegodi di Verona.

Fonte: El Passs-wikipedia
Di scena il match fra Hellas Verona e Modena. L’Hellas viene dal pareggio esterno di Empoli, il Modena dalla vittoria di misura casalinga sullo Spezia. Vanno subito in vantaggio gli ospiti al 2′ grazie all’autogol sciagurato di Maietta: cross di Lazarevic che, dopo aver saltato in velocità Cacciatore sull’out di destra mette in mezzo dove il difensore, per anticipare Ardemagni, mette il pallone nella propria rete. Ma subito la rimette in carreggiata l’Hellas dopo 5 minuti: Carrozza imbecca bene Cacia che, a tu per tu con Colombi, non può sbagliare, è 1-1. Partita divertente nella prima frazione, con il Modena che con Lazarevic prova più volte a colpire in contropiede. Il Verona gioca bene e cerca sempre la profondità e in più di un’occasione ci riesce bene impegnando Colombi in veri e propri miracoli. Al 64′ arriva il meritato vantaggio dell’Hellas con Cacia: Bacinovic imbecca bene Cacia che tira verso Zoboli che, inavvertitamente, mette la palla alle spalle di Colombi è sigla la doppietta personale, è 2-1. Ora il Verona gestisce bene la partita, con il Modena che non ci sta ma dopo 10 minuti arriva il tris dei padroni di casa: Hallfreddson dalla sinistra mette in mezzo per Cacia, l’attaccante colpisce di testa ma Zoboli salva sulla linea, sulla respinta arriva Jorginho che insacca facilmente quasi sulla linea. Finisce così, con l’Hellas che sembra aver ritrovato la cattiveria giusta dopo la debacle parziale di Empoli. Torna, così, anche Cacia con una prestazione perfetta.

FONTE: SoccerMagazine.it


ALTRE NOTIZIE
Verona, Bordin: "Vittoria dedicata a Martinelli"
30.12.2012 22.48 di Elisabetta Zampieri
Fonte: Hellas1903.it
Il vice allenatore del Verona Roberto Bordin ha commentato il successo di questa sera contro il Modena al Bentegodi: "Questa vittoria è dedicata a Giovanni Martinelli, che sta vivendo un momento difficile per le sue condizioni di salute. Abbiamo giocato mettendocela tutta per 90' minuti. E' stata la miglior risposta che potessimo attenderci dopo qualche gara nella quale non avevamo brillato. Ora andremo in vacanza fino al 10 gennaio. Per poi ritrovarci e ripartire con determinazione"

SERIE A
Il punto sulla B - Il Super Sassuolo torna a volare
31.12.2012 06.45 di Arturo Minervini
Il Sassuolo rimette subito le cose in chiaro. Dopo la bruciante subita sul campo del Livorno nello scorso turno, la capolista ristabilisce le distanze e si riporta a + 4 sui toscani. Devastante dimostrazione di supremazia della squadra di Eusebio Di Francesco, che asfalta sotto cinque reti un impotente Cesena. Emblematico il tabellino: cinque marcatori diversi (Boakye, Troianiello, Bianchi, Terranova e Berardi) per una squadra che ha in un gioco collaudato nei minimi dettagli il suo punto di forza. Sono ora 46 le reti della capolista, che legittima ulteriormente il suo primato conquistando la prima posizione anche nella graduatoria delle reti segnate (Sassuolo anche con miglior difesa del torneo, con 15 reti subite).

LIVORNO STOPPATO E' una gara stupenda quella del Picchi, dove il Livorno non riesce a superare una brillante Juve Stabia. La squadra di Braglia, dopo il vantaggio toscano firmato da Dionisi, mostra di avere il carattere per non crollare e firma il sorpasso con le reti di Cellini e Di Cuonzo. Davide Nicola, però, può contare sull'immenso talento di Siligardi che con un missile da fuori firma il pari. L'assalto finale è della squadra di Davide Nicola, che non trova però lo sbocco decisivo. Un punto che, con la vittoria nel posticipo del Verona, riduce a 4 i punti di vantaggio dei toscani sugli scaligeri.

VERONA, CI PENSA IL SOLITO CACIA Tra le mura interne il Verona si conferma un rullo compressore, superando - dopo lo svantaggio iniziale - il Modena. Decisivo, ancora una volta, il bomber Cacia con una doppietta. La squadra di Mandorlini, come detto, accorcia sul Livorno ma resta sempre a -8 dalla capolista Sassuolo.

VOLANO BRESCIA ED EMPOLI Vittorie pesantissime nel 22° turno di Brescia ed Empoli. Le rondinelle, dopo un primo tempo combattuto, dilagano sul Crotone, affossato da ben cinque reti. La squadra di Calori conferma il trend positivo nelle gare casalinghe, dove la squadra è ancora imbattuta con 6 vittorie e 5 pareggi in cinque gare. Tre gol a Reggio Calabria e tre punti pesantissimi per l'Empoli, che dopo l'avvio di campionato delicato si ritrova clamorosamente al 4° posto in classifica. Il talento di Saponara, la qualità di Tavano e l'istinto per il gol di Maccarone sono i punti di forza di una squadra che gioca bene e, spesso, vince. Attenzione a questo Empoli...

NOVARA E LANCIANO SORRIDONO Quattro vittorie nelle ultime cinque gare. Questo il regalo di fine anno di Alfredo Aglietti ai tifosi del Novara. Battuto il Grosseto con le reti di Pesce - una perla in rovesciata - e di Lazzarri, i piemontesi iniziano a tirarsi fuori dalle zone calde. Vittoria dal peso specifico altissimo anche per il Lanciano, che in rimonta stende il Padova che cade per la prima volta sotto la guida di Franco Colomba.

Questi i risultati del 22° turno
Ascoli-Varese 1-1 (Zaza, Rea)

Brescia-Crotone 5-0 (Salamon, De Maio, Mitrovic, Corvia, Picci)

Cittadella-Bari 1-1 (Maah, Bellomo)

Lanciano-Padova 2-1 (De Vitis, Amenta, Paghera)

Livorno-Juve Stabia 2-2 (Dionisi, Cellini, Rig. Di Cuonzo, Siligardi)

Novara-Grosseto 2-0 (Pesce, Lazzari)

Reggina-Empoli 0-3 (Rig. Tavano, Tavano, Maccarone)

Sassuolo-Cesena 5-0 (Boakye, Troianiello, Bianchi, Berardi, Rig. Terranova)

Ternana-Pro Vercelli 4-2 (Alfageme, Litteri, Vitale, Rig. Tiribocchi, Rig. Vitale, Scavone)

Vicenza-Spezia 2-3 (Porcari, Benedetti, Martinelli, Di Gennaro, Rig. Malonga)

Verona-Modena 3-1 (Aut. Maglietta, Cacia, Cacia, Jorginho)

Questa la classifica dopo 22 giornate: Sassuolo 51; Livorno 47; Verona 43; Empoli 33; Modena 32; Brescia* 31; Juve Stabia, Padova, Cittadella e Varese** 30; Spezia ed Ascoli 28; Ternana 25; Bari 24; Novara, Reggina, Crotone e Lanciano 22; Cesena 21; Vicenza 19; Pro Vercelli 15; Grosseto* 11.
*= una gara in meno
** = due gare in meno

ALTRE NOTIZIE
Cacia e la ripresa emiliana.Top e Flop di Hellas-Modena
30.12.2012 20.11 di Tommaso Maschio
TOP
I gol di Cacia: Il centravanti dell'Hellas torna al gol su azione riaprendo la gara prima e ribaltandola poi permettendo ai padroni di casa di vincere la sfida contro il Modena. Bello il primo gol in cui l'attaccante dimostra una grande lucidità e freddezza sotto porta, importante il secondo, in cui è netta la deviazione di Zoboli. Mette lo zampino anche nel terzo gol a conclusione di una grande prestazione che lo avvicina al trono del gol di serie B.

Le serpentine di Lazarevic: L'esterno ex Padova è il più brillante e frizzante nelle fila degli emilani. Dopo appena tre minuti da un suo cross nasce il gol del vantaggio modenese. Dalla sinistra arrivano tutti i maggiori pericoli per il Verona con Cacciatore che riesce a malapena a contenere l'avversario. Cala nella ripresa, dove però si rende utile in copertura nel finale.

La parata di Rafael: Con un intervento preciso e puntuale il portiere dell'Hellas salva la propria porta e probabilmente la vittoria dei padroni di casa. Su un colpo di testa da distanza ravvicinata di Andelkovic - sul risultato in parità - il brasiliano vola a mettere in angolo togliendo il pallone letteralmente dalla porta.

FLOP
La ripresa del Modena: La squadra di Marcolin dopo un primo tempo giocato alla pari con i gialloblu veneti crolla nella ripresa dimostrando un po' di mancanza di gamba. È sopratutto a livello fisico che nella ripresa il Verona riesce a mettere sotto gli emiliani che vanno in affanno sbagliando troppi disimpegni in difesa e concedendo a Cacia e Jorginho due tiri facili da dentro l'area di rigore che fissano il risultato sul 3-1 finale.

Cacciatore in affanno: Sopratutto nel primo tempo il terzino destro dell'Hellas soffre le accelerazioni di Lazarevic lasciandogli sempre lo spazio per crossare o puntare la porta. È proprio dalla fascia sinistra che il Modena costruisce tutte le occasioni migliori sia nel primo tempo sia nella ripresa.

Delusione Greco: Il numero 10 del Modena gioca solo un tempo, non riuscendosi a mettere in mostra nonostante un Modena in forma e propositivo. Concludendo poco e male e faticando a dare una mano ad Ardemagni in avanti. Si fa notare maggiormente per un battibecco con Maietta nel finale di primo tempo che costa il giallo a entrambi e a Greco l'esclusione dalla ripresa per evitare guai peggiori.

SERIE B
LIVE TMW - DIRETTA SERIE B - Gare terminate: ecco risultati e classifica
30.12.2012 16.53 di Arturo Minervini
Questa la classifica dopo 22 giornate: Sassuolo 51; Livorno 47; Verona* 40; Empoli 33; Modena* 32; Brescia* 31; Juve Stabia, Padova, Cittadella e Varese** 30; Spezia ed Ascoli 28; Ternana 25; Bari 24; Novara, Reggina, Crotone e Lanciano 22; Cesena 21; Vicenza 19; Pro Vercelli 15; Grosseto* 11.

*= una gara in meno
** = due gare in meno

Gare terminate. Ecco i risultati del 22° turno:

Ore 12.30

Reggina-Empoli 0-3 (Rig. Tavano, Tavano, Maccarone)

Ore 15

Ascoli-Varese 1-1 (Zaza, Rea)

Brescia-Crotone 5-0 (Salamon, De Maio, Mitrovic, Corvia, Picci)

Cittadella-Bari 1-1 (Maah, Bellomo)

Lanciano-Padova 2-1 (De Vitis, Amenta, Paghera)

Livorno-Juve Stabia 2-2 (Dionisi, Cellini, Rig. Di Cuonzo, Siligardi)

Novara-Grosseto 2-0 (Pesce, Lazzari)

Sassuolo-Cesena 5-0 (Boakye, Troianiello, Bianchi, Berardi, Rig. Terranova)

Ternana-Pro Vercelli 4-2 (Alfageme, Litteri, Vitale, Rig. Tiribocchi, Rig. Vitale, Scavone)

Vicenza-Spezia 2-3 (Porcari, Benedetti, Martinelli, Di Gennaro, Rig. Malonga)

Ore 18

Verona-Modena

Vicenza-Spezia Ultimi assalti del Vicenza! Lo Spezia prova a difendere il vantaggio

GOL DI LAZZARI!!! Novara-Grosseto 2-0 Letale ripartenza del Novara che chiude il discorso! Bel destro di Lazzari!

GOL DI BERARDI!!! Sassuolo-Cesena 5-0 Completa la festa del Sassuolo Terranova, che dal dischetto non sbaglia!

GOL DI REA!!! Ascoli-Varese 1-1 Pareggio del Varese! E' Rea con un bel destro al volo a trovare il pari!

GOL DI DI MALONGA!!! Vicenza-Spezia 2-3 Malonga su calcio di rigore riapre le speranze del Vicenza!

GOL DI BERARDI!!! Sassuolo-Cesena 4-0 Si unisce anche Berardi alla festa del Sassuolo! Sinistro all'angolino ed il poker è servito

GOL DI PAGHERA!!! Lanciano-Padova 2-1 Rimonta del Lanciano! Paghera di testa firma il sorpasso!

GOL DI CORVIA!!! Brescia-Crotone 5-0 Non si fermano le rondinelle! Picci con il tap-in vincente firma il quinto gol per i padroni di casa

GOL DI SILIGARDI!!!Livorno-Juve Stabia 2-2 Missile di Siligardi dalla distanza! Il Livorno è vivo!

GOL DI SCAVONE!!! Ternana-Pro Vercelli 4-2 Scavone, favorito da una deviazione, accorcia ancora per la Pro!

GOL DI CORVIA!!! Brescia-Crotone 4-0 Scatenato il Brescia! Corvia firma il poker con uno splendido diagonale all'angolino

GOL DI MITROVIC!!! Brescia-Crotone 3-0 In spaccata Mitrovic firma il tris dei padroni di casa!

GOL DI DI CUONZO!!!Livorno-Juve Stabia 1-2 Completa il sorpasso la Juve Stabia! Dal dischetto è Di Cuonzo a portare avanti i suoi!

GOL DI DE MAIO!!! Brescia-Crotone 2-0 Su calcio d'angolo svetta De Maio che firma il raddoppio per le rondinelle!

GOL DI BIANCHI!!! Sassuolo-Cesena 3-0 Chiude la gara la capolista! A segno Bianchi con uno splendido sinistro di controbalzo

GOL DI DE AMENTA!!! Lanciano-Padova 1-1 Risposta immediata del Lanciano! A segno con un sinistro velenoso Amenta!

GOL DI DE VITIS!!! Lanciano-Padova 0-1 In mischia è De Vitis a trovare la zampata giusta! Ospiti in vantaggio!

GOL DI VITALE!!! Ternana-Pro Vercelli 4-1 Dal dischetto è questa volta Vitale a non sbagliare! Sesto gol in campionato per l'esterno

GOL DI DI GENNARO!!! Vicenza-Spezia 1-3 Di Gennaro ristabilisce subito le distanze! Bel sinistro a giro del fantasista dello Spezia!

GOL DI MARTINELLI!!! Vicenza-Spezia 1-2 Accorciano i padroni di casa! E' Martinelli a riaccendere le speranze!

GOL DI TIRIBOCCHI!!! Ternana-Pro Vercelli 3-1 Dal dischetto Tiribocchi non sbaglia! Accorcia la Pro!

GOL DI BELLOMO! Cittadella-Bari 1-1 Clamoroso errore di Cordaz in uscita che regala a Bellomo un pallone da spingere in porta da pochi passi

GOL DI TROIANIELLO!!! Sassuolo-Cesena 2-0 Bis della capolista! Troianiello in due tempi firma il raddoppio

GOL DI CELLINI!!!Livorno-Juve Stabia 1-1 Pareggio delle Vespe! E' Cellini a riagganciare il Livorno!

Si riparte!

Terminati i primi tempi. Ecco i risultati dopo i primi 45':

Ascoli-Varese 1-0 (Zaza)

Brescia-Crotone 1-0 (Salamon)

Cittadella-Bari 1-0 (Maah)

Lanciano-Padova 0-0

Livorno-Juve Stabia 1-0 (Dionisi)

Novara-Grosseto 1-0 (Pesce)

Sassuolo-Cesena 1-0 (Boakye)

Ternana-Pro Vercelli 3-0 (Alfageme, Litteri, Vitale)

Vicenza-Spezia 0-2 (Porcari, Benedetti)

GOL DI BENEDETTI!!! Vicenza-Spezia 0-2 Raddoppio degli ospiti: su calcio d'angolo Benedetti anticipa tutti ed allunga le distanze!

GOL DI DIONISI!!!Livorno-Juve Stabia 1-0 Vantaggio dei toscani! Beffardo destro da posizione impossibile di Dionisi!

GOL DI VITALE!!! Ternana-Pro Vercelli 3-0 Vola la Ternana! Grandissimo gol di Vitale che con il destro - non il suo piede - infila il pallone all'incrocio da fuori area

GOL DI LITTERI!!! Ternana-Pro Vercelli 2-0 Gol di Litteri! Grande cross di Dianda per l'attaccante che anticipa tutti e firma il raddoppio

Lanciano-Padova Occasione sprecata dal Lanciano! Falcinelli colpisce il palo su rigore!

GOL DI SALAMON!!! Brescia-Crotone 1-0 Rondinelle in vantaggio! Torre di Caracciolo e Salamon da pochi passi firma il vantaggio dei padroni di casa

Novara-Grosseto Mehmeti con un bel destro a giro sfiora il raddoppio per i padroni di casa

GOL DI ALFAGEME!!! Ternana-Pro Vercelli 1-0 Padroni di casa in vantaggio! E' Alfageme a portare avanti, con una conclusione da distanza ravvicinata, la squadra di Toscano

GOL DI ZAZA! Ascoli-Varese 1-0 Vantaggio dei padroni di casa con il solito Zaza, bravo ad anticipare un difensore ed a battere il portiere in uscita

GOL DI PORCARI!!! Vicenza-Spezia 0-1 Su una punizione a due, Porcari trova lo splendido destro che si infila all'incrocio e porta avanti gli ospiti!

GOL DI PESCE!!! Novara-Grosseto 1-0 Alla prima occasione passa la squadra di Aglietti! Meraviglioso gol di Pesce in rovesciata!

Brescia-Crotone Gol annullato alle rondinelle, con Budel fermato in offside

GOL DI BOAKYE!!! Sassuolo-Cesena 1-0 Implacabile Boakye! L'attaccante lavora un gran pallone in area e scarica il sinistro all'angolino!

GOL DI MAAH! Cittadella-Bari 1-0 Grande azione personale di Mah che dopo aver saltato due uomini infila il destro all'angolino basso!

Sassuolo-Cesena Prima grande occasione per la capolista! Bianchi arriva davanti al portiere che stoppa la sua conclusione

Livorno-Juve Stabia Che occasione per il Livorno! Salviato stoppa in area e spara il destro in diagonale. Troppo larga la sua conclusione

Novara-Grosseto Prima occasione per il Grosseto! Da azione angolo Sforzini impegna Bardi che si salva

Vicenza-Spezia Punizione pericolosa di Pinardi che mette al centro un bel pallone. La difesa dello Spezia libera

Ascoli-Varese Provano a partire forti i padroni di casa, che creano le prime difficoltà al Varese su calcio piazzato

Iniziano le gare di questo pomeriggio!

Nella gara delle ore 12.30 importante successo dell'Empoli, capace di violare con un perentorio 3-0 il campo della Reggina. Doppietta per Tavano.

Benvenuti alla diretta testuale di questo ricco pomeriggio dedicato al campionato cadetto. Questo il programma completo del 22° turno:

Questo il programma completo del 22° turno, prima giornata di ritorno:

Ore 12.30

Reggina-Empoli 0-3 (Rig. Tavano, Tavano, Maccarone)

Ore 15 (RISULTATI IN AGGIORNAMENTO)

Ascoli-Varese 1-1 (Zaza, Rea)

Brescia-Crotone 5-0 (Salamon, De Maio, Mitrovic, Corvia, Picci)

Cittadella-Bari 1-1 (Maah, Bellomo)

Lanciano-Padova 2-1 (De Vitis, Amenta, Paghera)

Livorno-Juve Stabia 2-2 (Dionisi, Cellini, Rig. Di Cuonzo, Siligardi)

Novara-Grosseto 2-0 (Pesce, Lazzari)

Sassuolo-Cesena 5-0 (Boakye, Troianiello, Bianchi, Berardi, Rig. Terranova)

Ternana-Pro Vercelli 4-2 (Alfageme, Litteri, Vitale, Rig. Tiribocchi, Rig. Vitale, Scavone)

Vicenza-Spezia 2-3 (Porcari, Benedetti, Martinelli, Di Gennaro, Rig. Malonga)

Ore 18
Verona-Modena

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


Serie Bwin: Manita Sassuolo e Brescia. Livorno pari con la Juve Stabia. Poker Ternana. Novara e Spezia ok
30.12.2012 14:55 di Christian Schipani
Ore 15
Ascoli-Varese 1-1: 25' Zaza (A), 44'st Rea (V)

Cittadella-Bari 1-1: 13'pt Maah (C), 8'st Bellomo (B)

Lanciano-Padova 2-1: 15'st De Vitis (P), 17'st Amenta, 32'st Paghera (L)

Livorno-Juve Stabia 2-2: 44'pt Dionisi, 31'st Schiattarella (L), 1'st Cellini, 22'st Dicuonzo su rigore (JS)

Novara-Grosseto 2-0: 22'pt Pesce, 45'st Lazzari

Sassuolo-Cesena 5-0: 18'pt Boakye, 3'st Troianiello, 19'st Bianco, 34' Berardi, 45'st Masucci

Ternana-Pro Vercelli 4-2: 30'pt Alfageme, 42'pt Litteri, 44'pt e 15'st su rigore Vitale(T), 9'st Tiribocchi su rigore, 29'st Scavone (PV)

Vicenza-Spezia 3-2: 25'pt Porcari, 44'pt Benedetti, 14'st Di Gennaro (S), 13'st Martinelli, 39'st Malonga su rigore (V)

Brescia-Crotone 5-0: 34'pt Salamon, 21'st De Maio, 23'st Mitrovic, 27'st Corvia, 30'st Picci

ore 18
Verona-Modena

Giocata alle ore 12.30
Reggina-Empoli 0-3: 28' su rigore e 68' Tavano, 86' Maccarone

FONTE: TuttoB.com


domenica, dicembre 30th, 2012 | Posted by Marco Macca
SERIE B DIRETTA LIVE, Verona-Modena 3-1: I GIALLOBLU TENGONO IL PASSO DEL SASSUOLO!!
94′ - FINITA!! IL VERONA BATTE 3-1 IL MODENA E ACCORCIA IN CLASSIFICA SUL LIVORNO TENENDO IL PASSO DEL SASSUOLO!!
90′ – Quattro minuti di recupero;
89′ – Ultimo cambio per il Verona: standing ovation per Cacia che lascia il posto a Cocco;
88′ – Sterile possesso palla del Modena che non riesce però a impensierire la difesa veneta;
84′ – Il Modena non sembra in questo finale in grado di poter riaprire la partita;
80′ – Nel Modena dentro Signori al posto di Moretti;
75′ – IL VERONA ALLUNGA!! CROSS DI HALLFREDSSON PER CACIA CHE IMPATTA DI TESTA MA SULLA LINEA ARRIVA ANDELJKOVIC CHE INTERVIENE: SULLA RIBATTUTA PERO’ ECCO JORGINHO CHE INSACCA!!
71′ – Punizione interessante calciata da Osuji, ma il suo tiro è debole e bloccato agilmente da Rafael;
68′ – Bordin si copre: dentro Albertazzi al posto di Bacinovic;
64′ – GOL DEL VERONA!! TIRO DI CACIA CHE TROVA LA DEVIAZIONE DI ZOBOLI CHE INGANNA INCREDIBILMENTE COLOMBI!!
63′ – Grande occasione per il Modena! Lazarevic serve Ardemagni che però perde il tempo e davanti a Rafael si lascia ipnotizzare!
61′ – Gol annullato ad Ardemagni per fuorigioco dello stesso attaccante;
60′ – Problema muscolare per Rivas che deve lasciare il campo: al suo posto Grossi;
56′ – Reagisce il Modena con Osuji ma il tiro sbilenco si perde sul fondo;
53′ – Pericolo per il Modena: Jorginho si accentra e prova un tiro cross che finisce di poco a lato!
49′ – Il Verona è partito all’attacco in questo secondo tempo!
RIPARTITI! Un cambio per Marcolin: al posto di Greco entrano i centimetri di Stanco;

INTERVALLO
43′ – Nardini si esibisce in un ottimo doppio recupero di palla in una potenziale occasione da gol per il Verona;
41′ – Giallo per Greco e Maietta che stavano per venire alle mani;
36′ – In questo finale di prima frazione il Verona prova a rialzare la testa prendendo in mano il pallino del gioco;
31′ – Carrozza prova a scuotere il Verona con un rasoterra che però è facilmente bloccato da Colombi;
28′ – Nel giro di un minuto ammoniti i centrali di centrocampo del Modena, Moretti e Osuji;
24′ – Miracoloso Rafael su deviazione volante di Andjelkovic!
20′ – Dopo qualche minuto targato Verona, ora il Modena ha ripreso con personalità le redini del gioco;
12′ – Il primo ammonito della partita è Bacinovic del Verona a causa di un intervento da tergo su Lazarevic;
9′ – PAREGGIO DEL VERONA!! CARROZZA PESCA CACIA IN AREA CHE SOLO DAVANTI A COLOMBI NON SBAGLIA!!
8′ – Prova subito a reagire il Verona con un cross dalla destra per Cacia che però non riesce a intervenire e la palla si spegne sul fondo;
4′ – Ancora una potenziale occasione per il Modena con Ardemagni, anticipato però all’ultimo minuto da Moras;
2′ – SUBITO GOL DEL MODENA! SUL CROSS DI LAZAREVIC DALLA SINISTRA INTERVIENE MAIETTA CHE GOFFAMENTE INSACCA LA NELLA PROPRIA PORTA!!
PARTITI!

Ecco le formazioni ufficiali:
VERONA (4-3-3): Rafael; Crespo, Moras, Maietta, Cacciatore; Jorginho, Bacinovic, Hallfredsson; Rivas, Cacia, Carrozza. All. Roberto Bordin
MODENA (4-4-2): Colombi; Gozzi, Andelkovic, Zoboli, Perna; Nardini, Moretti, Osuji, Lazarevic; Ardemagni, Greco. All. Dario Marcolin
Arbitro: Sig. Di Bello di Brindisi

FONTE: SerieBNews.com


30.12.2012
C’è super-Cacia Buon anno, Hellas
Il bomber terrorizza la retroguardia del Modena e regala un successo determinante in chiave promozione. Alla fine Jorginho ci mette il sigillo. Ora si può stappare...
Verona. Un super Daniele Cacia regala la vittoria al Verona, che si impone 3-1 sul Modena. L’attaccante gialloblù fa letteralmente impazzire la retroguardia del Modena e si carica il Verona sulle spalle per un successo fondamentale in chiave promozione.
Modena in avanti con un’autorete di Maietta al 2’ del primo tempo, ma subito dopo Cacia pareggia su assist di Carrozza. Nella ripresa ancora Cacia provoca il secondo gol dell’Hellas e Jorginho mette la parola fine alla sfida con gli emiliani.

IL TABELLINO
VERONA (4-3-3): Rafael 6; Crespo 6, Moras 6, Maietta 6, Cacciatore 6; Jorginho 6.5, Bacinovic 6 (22’ st Albertazzi sv), Hallfredsson 6; Rivas 5.5 (13’st Grossi 6), Cacia 7 (42’st Cocco sv), Carrozza 6. In panchina: Berardi, Ceccarelli, Bojinov, Owusu. Allenatore: Bordin 6.5 (Mandorlini squalificato).

MODENA (4-4-2): Colombi 6; Gozzi 6, Andelkovic 6, Zoboli 6, Perna 6; Nardini 6, Osuji 6, Moretti 6 (33’st Signori sv), Lazarevic 6.5; Greco 5.5 (1’st Stanco 5.5), Ardemagni 5.5. In panchina: Manfredini, Sturaro, Gulan, Surraco, Pagano. Allenatore: Marcolin 6

ARBITRO: Di Bello di Brindisi 6.
RETI: 2’ pt Maietta (aut), 7’ pt Cacia, 19’st Cacia, 29’ st
Jorginho.

NOTE: serata fredda, terreno in buone condizioni. Ammoniti:
Moretti, Osuji, Bacinovic, Ardemagni, Maietta, Greco. Angoli: 6-4 per il Verona. Recuperi: 1’pt; 4’st.

31.12.2012
Cacia ha fatto 13 «Il Verona è vivo»
«Sassuolo e Livorno non hanno mai avuto cali ma sono ancora lì. Se fossi in loro mi preoccuperei»
I calabresi decidono la partita. Detta così suona un po' male ma fotografa la sfida tra Verona e Modena, inedito di quasi Capodanno. Prima Maietta sbaglia porta, poi Cacia rimette le cose a posto, usufruendo della deviazione di un avversario. «Non dategli il gol!», urla proprio il buon Mimmo in sala stampa. Da censurare la risposta del numero 8 del Verona. I due si stimano e sono amici, anche perché conterranei. Eppure loro, insieme a tanti altri, hanno giocato pure per il tecnico che sta soffrendo in tribuna una squalifica «singolare». «Il mister è un grande - attacca Cacia - mi ha voluto a Verona e quando mi hanno presentato ha detto cose bellissime sul mio conto. Abbiamo un bel rapporto e non lo dico perché mi fa giocare, ma perché è un rapporto vero». Cacia saluta anche il giovane compagno di squadra Owusu, ragazzo della Primavera aggregato in Prima Squadra. «Lo porto al campo di allenamento, mi è simpatico, anche se a volte mi sembra di avere un secondo figlio. Lo chiamo scherzosamente Boakye, magari è più forte di lui…» Ride mister «13 reti», che ha vinto il confronto diretto con Ardemagni. «A queste cose non penso, non poteva fare di più e poi lui aveva di fronte Moras e Maietta». La vittoria mette il sorriso. «È stata una settimana molto stressante - continua - abbiamo giocato moltissime partite in questo mese di dicembre. Più degli altri, perché la Coppa Italia con l'Inter e gli otto minuti più recupero con il Cittadella hanno portato via energie nervose a tutti. La società dopo la brutta gara con l'Empoli ha deciso di portarci in ritiro. Una scelta azzeccata. Ci siamo guardati allo specchio e abbiamo recuperato le ultime energie psicofisiche che avevamo». Cacia si fa serio e ribadisce il solito ritornello. «Magari i tifosi si stancano a sentirselo ripetere - spiega - però dico che 43 punti sono tanti. Sassuolo e Livorno non hanno mai avuto cali, ma arriverà anche per loro il momento delicato. Noi lo abbiamo superato, abbastanza bene. Abbiamo fatto 7 punti in tre gare difficilissime con Juve Stabia, Empoli e Modena. Ora ci riposiamo e riprendiamo a lavorare consapevoli delle cose che non sono andate in questa andata. Però se fossi Sassuolo e Livorno sarei preoccupato. Sì, voglio dirlo. Perché non sono riuscite a staccarci, siamo sempre lì. Abbiamo avuto infortuni, squalifiche, recuperi, partite di Coppa e chi più ne ha, ne metta. Ebbene siamo ancora qua, più vivi che mai…». Cacia parla da leader. In campo e fuori. I suoi tagli hanno mandato spesso in tilt la difesa del Modena e poi ha ritrovato dopo tantissimo tempo la via del gol su azione. «È vero, mi mancava. Però sono fortunato ho una squadra che gioca spesso per me». Daniele Cacia toglie i fari su di se per qualche secondo ma è un attimo perché questa settimana si è aperta nel segno dell'attaccante calabrese e di fatto si è chiusa con una prestazione super. Cacia ha segnato un rigore pesante con la Juve Stabia. È stato lucido nel porgere a Ceccarelli il pallone sul cross di Hallfredsson a Empoli e, sempre su centro dell'islandese aveva colpito di testa a botta sicura… «pensaa un po' - ricomincia a ridere - mi salvano quel pallone sulle linea e chi segna: Jorginho! È la fine del calcio». Se ne va con il sorriso e gli occhietti da «furbetto». A un collega risponde a monosillabe sul pubblico veronese: «C'è bisogno che vi dica qualcosa? L'avete visto tutti, sono straordinari, in quasi sedicimila». Se ne va, stavolta sul serio. Cacia staccherà la spina per qualche giorno, poi si riprenderà. Lui non può stare molto tempo senza far gol, lui è nato per quello….
Gianluca Tavellin

31.12.2012
Carrozza: «Visto che reazione? Il Verona non ha paura di niente»
A MILLE ALL'ORA. Orgoglio e certezze: «Ho visto la capacità di rialzare la testa, la voglia, la fame: Sarà un grande 2013»
L'attaccante racconta la rimonta tutto cuore: «Contava vincere e abbiamo vinto. Occhio perché qui non molla nessuno. E nel secondo tempo ho visto solo una squadra: la nostra»

Tre passi verso il cielo. Il Verona ci prova. Chiude l'anno nel miglior modo possibile. Terzo, a quattro passi dal Livorno. Dieci lunghezze di vantaggio sulla quarta. Buone premesse e una serata brillante da consegnare agli archivi. Alessandro Carrozza è stato senz'altro uno dei protagonisti. Essenziale, ispirato, sempre pronto a mandare in difficoltà chi gli si parava di fronte con il chiaro intendo di soffiargli il pallone tra i piedi. Infortuni alle spalle, tanta voglia di andare alla ricerca del tempo perduto. Per se stesso, per l'Hellas, per il popolo gialloblù. Contava fare punti. Missione compiuta. Contava recuperare terreno al Livorno. E il Verona anche lì non ha deluso. «Sì, contava vincere», ribadisce lui. «E abbiamo vinto. È la vittoria della squadra che crede, che non molla. E che continuerà a lottare per un obiettivo importante».

Si chiude il 2012. «Guardo la classifica: è positiva. Abbiamo recuperato due punti al Livorno. Abbiamo fatto il nostro. Strada lunga. Ma possiamo regalarci soddisfazioni. Alla fine ero stremato. Ma si dà sempre tutto. Soprattutto in un campionato come questo dove si corre molto veloci lì davanti». Pronti, via. Segna Maietta. Deviazione sfortunata nella porta sbagliata... «E avete visto la reazione? Partire con un handicap del genere non è facile. Ti trovi a percorrere una strada in salita. Subito in salita. Invece abbiamo reagito nel modo migliore. Come deve fare una grande. Ed è arrivato subito il pari. Poi abbiamo sprecato qualche occasione. Nel secondo tempo, però, ho visto in campo una sola squadra: il Verona». È così che si va fino in fondo? «Spirito di sacrificio. Tutti insieme. Convinti. Decisi. Determinati. Cuore e anima si dice in questi casi. Il Verona vuole tanto per se e per la sua gente. E farà di tutto per ottenerlo». Anche Carrozza sembra essere in rampa di lancio. «Sapevo di poter dare di più. Devo dare di più. Voglio essere importante per questo Verona. Purtroppo non sempre mi sono trovato al top della condizione. Quando ti capita un infortunio ti devi fermare e poi magari non riesci a dare tutto quello che vorresti. Ma ora sto bene. Il passato non conta più, dobbiamo guardare avanti».

Sensazioni? «Può essere un 2013 positivo. Più che una sensazione è una speranza. E spero possa diventare presto una convinzione». Al Verona si chiede tanto. Sempre. «Siamo qui per darlo. Non abbiamo paura di niente». La vittoria in rimonta contro il Modena che cosa ha detto? «Che sappiamo reagire e che sappiamo fare la cosa giusta». Che cosa le piace di più di questa squadra? «Capacità di reazione, la voglia, la fame». Dura con Sassuolo e Livorno, però, che pare non si fermino ...quasi mai. «Al Livorno, l'ho detto, abbiamo recuperato due punti. E il campionato è lungo. Intanto abbiamo lanciato un segnale. L'ennesimo. Dovranno seguirne altri. Ma questa squadra dispone di tutte le qualità per attestarsi ad alti livelli». Pressione pre partita? «Il Verona sa che deve vincere. Va così da sempre. Fa parte della nostra missione. E se viene stuzzicato e reagisce alla grande vuol dire che esistono le credenziali giuste». Per cosa? «Per provarci sempre».
S.A.

31.12.2012
Bordin abbraccia il suo gruppo «Questa vittoria è per Martinelli»
LA PALLA AL MISTER. Ancora un successo per il vice di Mandorlini che ha sostituito in panchina il tecnico squalificato
«Abbiamo battuto una buona squadra. Siamo stati bravi perché la gara si era messa male Mazzola e Sogliano in panchina col cellulare? Probabilmente si stavano telefonando»

Alla fine della partita li ha rincorsi per il campo, li ha abbracciati tutti, uno a uno. Così Roberto Bordin ha ringraziato i suoi giocatori per la vittoria con il Modena. Tre punti fondamentali per la rincorsa verso la vetta della classifica. «Il Sassuolo ha vinto ancora ma il Livorno ha pareggiato in casa - butta lì il vice di Mandorlini che ha sostituito l'allenatore per la terza partita consecutiva - e noi adesso siamo più vicini ai toscani». Il ritorno parte con una vittoria... «Ci voleva, abbiamo trovato una buona squadra ma il Verona ha mostrato un grande carattere. Avevamo preparato questa partita molto bene, tutti conoscevano l'importanza del risultato, ancora una volta la squadra ha convinto proprio in un momento delicato, questa è la forza di questo gruppo». Verona più compatto dopo Empoli «I ragazzi hanno reagito bene ma in questi giorni abbiamo visto e rivisto la partita di Empoli e, a palla ferma, abbiamo capito che non c'era proprio tutto da buttare. Abbiamo sofferto molto nel primo tempo, sempre secondi sulla palla, spesso in ritardo nella fase di interdizione ma tutto sommato abbiamo costruito due occasioni da gol importanti con Grossi e Hallfredsson.

Senza dimenticare che abbiamo mostrato grande coraggio nella ripresa quando siamo andati a conquistare un pari insperato. Da quel gol siamo ripartiti e con il Modena s'è visto una squadra veramente carica, che ha dato battaglia dal primo all'ultimo minuto». L'autorete ha complicato tutto «Non è mai bello prendere un gol così dopo pochi secondi ma proprio lì è venuto fuori il carattere della squadra. E poi siamo stati bravi a trovare il pareggio subito». Un po' di fortuna sul secondo gol di Cacia... «C'è stata una deviazione sul tiro di Daniele ma il Verona meritava il vantaggio, stavamo facendo la partita, sentivo che prima o poi poteva arrivare il gol». Meglio il Verona della ripresa? «No, direi un buon Verona in generale. Abbiamo fatto bene anche all'inizio, il gol del Modena è stato un episodio sfortunato. In effetti loro hanno giocato più di un'ora a viso aperto e hanno mostrato di avere buone qualità ma non abbiamo concesso praticamente nulla, dopo l'autogol solo un'accelarazione di Lazarevic». Crespo sulla sinistra? «Sapevamo che il Modena si sarebbe presentato al Bentegodi con due esterni molto veloci come Lazarevic e Nardini, Cacciatore da una parte e Crespo dall'altra sono i due giocatori che ci davano maggiori garanzie per arginare la rapidità dei nostri avversari». Poi Cacciatore si è spostato davanti la difesa...

«Una mossa necessaria. Bacinovic veniva da due o tre giorni difficili, è diventato papà, è stato in Slovenia per assistere la compagna, non s'è allenato molto. Dopo l'ammonizione era un po' in difficoltà. Così abbiamo portato in mezzo Cacciatore che poteva dare una mano anche alla difesa per frenare il gioco aereo di Stanco». Il ritiro è servito? «Ci siamo concentrati molto, abbiamo ritrovato tranquillità. Non è facile giocare così tante partite in pochi giorni». Le parole del presidente Setti? «Chi indossa la maglia del Verona sa che deve sopportare la pressione, dentro e fuori il campo. Anche le parole del presidente sono diventate uno stimolo». La spinta dei tifosi? «Incredibili, ancora una volta. Non ci sono parole per ringraziarli. Anche con il Modena. Quando li senti corri il doppio. Avete visto cos'è successo dopo il gol del Modena? Hanno cantato ancora più forte di prima, da brividi» Mandorlini come sta? «Sta bene perchè abbiamo vinto, ci parliamo sempre durante gli allenamenti, ci sentiamo durante la partita. Ma lo so, a lui manca il campo». In panchina Mazzola e Sogliano avevano sempre il cellulare in mano... «Cosa facevano? Non lo so, probabilmente si telefonavano tra di loro». Una dedica... «Al presidente Martinelli, sta attraversando un momento difficile, non sta bene di salute ma anche a Natale ci ha fatto gli auguri e lo sentiamo sempre vicino».
Luca Mantovani

31.12.2012
LE PAGELLE
7 RAFAEL. "Gelato" dall'amico Maietta, ci mette del suo per salvare la baracca quando il Modena (primo tempo) ha fiato e gambe. Bravo su Ardemagni e Greco, bravissimo su Nardini, paratona "da Rafael".
6 CACCIATORE. Gli capita il migliore degli altri, quel Lazarevic che è un pessimo cliente per tutti. Cacciatore sbuffa, sgomita, paga pedaggio, ma ha il merito di non arrendersi mai.
6 MAIETTA. L'autogol dell'avvìo gli sta sullo stomaco a lungo. Il guerriero soffre le pene dell'inferno, per un po' sembra smarrire la lucidità e la sicurezza di sempre. Poi rialza la testa e prova a farsi perdonare. Ce la farà, molto presto.
6,5 MORAS. Ardemagni è annunciato in gran forma, in realtà si vede una sola volta. Per il resto brancola nel buio e non la vede quasi mai. Il merito è anche della colonna greca, autentico baluardo.
6 CRESPO. Spostato a sinistra, dentro un po' a sorpresa, fa quello che deve fare, anche se eccede, a volte, in lanci lunghi, spesso fuori misura. Buona copertura, senza sbavature e senza errori.
6,5 JORGINHO. Il gol gli vale mezzo punto in più. Lui c'è sempre, magari non sembra ispirato come altre volte, ma presenza, puntualità, senso tattico e personalità sono da grande promessa.
6,5 BACINOVIC. In progresso, già s'era visto. Sembra finalmente calato nella mentalità dell'Hellas. Meno lustrini e molta più legna. In più, ci mette l'assist per il bis di Cacia, che di fatto indirizza la partita. Continui così...
6 HALLFREDSSON. Normale amministrazione per quelli come lui. Sempre nel vivo, sempre pronto a far cantare il sinistro. L'assist sul terzo gol è roba da palati fini, corsa e palla in mezzo come fanno soltanto i giocatori di categoria superiore.
6 RIVAS. Prima a destra, poi a sinistra, qualche cosa buona, qualche altra meno buona. Luci e ombre, com'è stato finora il suo campionato. Sembra sempre sul punto di "spaccare" la partita, finora non gli è mai riuscito.
7,5 CACIA. Un gol dei suoi, un altro con deviazione, il tris sfiorato di testa, con la palla insaccata da Jorginho. In più, almeno altre due-tre occasioni in cui rischia di far male al Modena. Quand'è così, è irresistibile.
7 CARROZZA. Gli riesce quasi tutto, a cominciare dallo splendido assist per Cacia, sul primo gol. Cross e dribbling, cross e rientri. Alla lunga cerca la soddisfazione personale con un paio di tiracci poco fortunati. Il gol arriverà, tranquillo.
6 GROSSI. Subito dentro, al posto di Rivas con alcune intuizioni che ne fanno capire la voglia di dare una mano.
SV ALBERTAZZI. Un altro gettone, per un ragazzo destinato a fare strada.
SV COCCO. Partecipa alla festa e permette a Cacia di prendersi la standing ovation.
7 BORDIN. Il "navigatore" conosce bene la strada e dà tempo al "pilota" Mandorlini di riposare tranquillo. La risposta più bella che ci si potesse aspettare dopo Empoli.

6,5 L'ARBITRO DI BELLO. Unico peccato, sia pure veniale, il "giallo" per Ardemagni, allo scadere. Eccesso di zelo. Per il resto, direzione sicura, in punta di piedi, quasi senza farsi notare.

MODENA: Colombi 6; Gozzi 6,5, Andelkovic 6, Zoboli 6, Perna 6; Nardini 6, Osuji 6, Moretti 6,5 (33'st Signori sv), Lazarevic 7; Greco 5.5 (1'st Stanco 5.5), Ardemagni 5.5. In panchina: Manfredini, Sturaro, Gulan, Surraco, Pagano. Allenatore: Marcolin 6.

31.12.2012
«Il 2012 del Verona? Merita un bel 9»
DALLA PARTE DEI TIFOSI. Torna l'entusiasmo tra i sostenitori gialloblù, si capisce anche dagli sms a Radio Verona
«Cacia è un trascinatore, Bravissimo anche Rafael La sorpresa è Martinho, Laner la nostra diga»

Botti di fine anno. È piaciuto molto l'ultimo Verona del 2012. «Soprattutto per il cuore che ci ha messo», racconta Aldo di Pescantina, uno dei tantissimi che vuole mettere in evidenza non solo l'Hellas figlio del talento e della qualità. A RadioVerona vanno in onda i titoli di coda. Gioiosi, dal primo all'ultimo. Più o meno. Riccardo va in vacanza sereno «perché ho rivisto lo spirito di un tempo, la carica che ci ha permesso a volte di andare oltre ogni ostacolo. Per troppo tempo abbiamo giocato in punta di piedi, ecco finalmente il Verona duro e tosto che conoscevo».

Tutti contenti. Giorgio benedice il ritiro: «Ha fatto effetto, decisione giusta. Ho visto una squadra stuzzicata nell'orgoglio, decisa a vincere a qualsiasi costo. Da questa base dobbiamo ripartire». Non solo Bordin, anche tanti tifosi avrebbero concesso volentieri la standing ovation a Daniele Cacia. Federico torna indietro nel tempo «ma di attaccanti come lui ne ho visti pochi. Sa trovare la porta in ogni modo. Devastante. Volete un pronostico? Verona secondo e Cacia capocannoniere con 26 gol». Mirko ci farebbe subito la firma, «ma non sarà facile perché il Livorno ha sempre qualcuno che gli toglie le castagne dal fuoco, perché il Sassuolo è irraggiungibile e perché dietro qualcuna ci sarà ad accorciare il divario a meno di dieci punti dalla terza. E i playoff sono pericolosissimi». Per Antonello «non c'è alcuna possibilità per cui il Verona non debba essere promosso a fine anno, soprattutto se a gennaio arriveranno un terzino sinistro e un centrocampista. Qualcuno non ha reso per le sue potenzialità, soprattutto gli attaccanti. E nel mazzo ci metto anche Bojinov. La verità è che in una squadra così devi prendere al volo le poche occasioni che ti capitano. Facile rendere tanto quando giochi 40 partite, ma sono convinto che piano piano tutti entreranno perfettamente nel ruolo».

Dario non dimentica Rafael: «Per continuità è stato il giocatore a più alto rendimento del Verona, insieme a Maietta». Elena assegna altri Oscar: «Martinho la sorpresa, Cacia la sicurezza, Laner la diga. E nel 2013 il nostro uomo in più sarà Bacinovic, in B può giocare anche con una gamba sola». Tempo di bilanci, è ora. Per Marika «è stato un 2012 da nove, peccato solo per la mancata promozione. Altrimenti sarebbe stato tutto perfetto». Paolo vuole dedicare il suo pensiero più profondo a Giovanni Martinelli: «Presidente, nessuno l'ha dimenticata. È sempre nei nostri cuori, avrà sempre la nostra più alta gratitudine. Per quel che ha fatto e per quel che sta facendo in silenzio anche adesso. Se il Verona andrà in serie A il merito sarà anche e soprattutto suo». A..D.P.

FONTE: LArena.it


Bordin: "Una vittoria da dedicare a Martinelli"
Postata il 31/12/2012 alle ore 01:03
Il vice allenatore gialloblù dopo il 3-1 contro il Modena: "Un grande successo che vogliamo condividere con il vicepresidente che non sta attraversando un momento facile"
VERONA - Ecco le dichiarazioni del vice allenatore gialloblù, Roberto Bordin, dopo la vittoria per 3-1 contro il Modena: "I ragazzi hanno fatto una prestazione incredibile, encomibiale. Ci ha spinto molto l'energia dei nostri tifosi, che ci hanno sostenuto dall'inizio alla fine. Dopo lo svantaggio abbiamo cercato di reagire subito e di trovare gli spazi giusti. Trovato il pareggio siamo andati più volte vicini al vantaggio, dopo il 2-1 eravamo più carichi ed è diventato tutto più facile. Domenica molto importante per noi, ci tenevamo a vincere. Abbiamo subito poco, se non qualche mischia dentro l'area. Bravi a mantenere la calma, non era semplice perché la squadra che avevamo di fronte era rocciosa. Grande giocata di Carrozza e Cacia sul primo gol, poi un pizzico di fortuna sul 2-1 ma c'è stata una grande prova da parte di tutti. Il ritiro anticipato? Ha giovato, eravamo tutti consapevoli di fare bene in questa gara. Non è un ritiro punitivo, ma era il modo per capire gli errori fatti a Empoli. Alla fine ha giovato molto. E' una vittoria che tutti quanti dedichiamo al presidente Giovanni Martinelli, nonostante non sia allo stadio con noi e stia attraversando un periodo difficile, con il pensiero e con i messaggi è sempre vicino a noi. Quindi per questo è molto importante dedicare a lui questo successo di fine anno".
Ufficio Stampa

Carrozza: "Che grande prova del gruppo"
Postata il 30/12/2012 alle ore 21:41
L'esterno gialloblù dopo il 3-1 contro il Modena: "Il ritiro ci ha fatto bene, il confronto tra di noi ha migliorato la prestazione. Chiudiamo l'anno a 43 punti, siamo soddisfatti"
VERONA - Ecco le dichiarazioni dell’esterno gialloblù, Alessandro Carrozza, al termine della sfida vinta 3-1 contro il Modena: "Una vittoria che vale tanto. Abbiamo avuto la voglia e la cattiveria giusta. Forse ci ha fatto bene andare in ritiro, il confronto tra di noi ha aiutato la prestazione. L’ha dimostrato quando ci siamo trovati sotto dopo 2 minuti e non abbiamo mollato, anzi abbiamo reagito e pareggiato subito. Nel secondo tempo poi siamo usciti alla grande. E’ una vittoria del gruppo. Gli infortuni? Ci hanno penalizzato nell’ultimo periodo ma la vittoria dimostra il valore di questo gruppo. Per quanto mi riguarda nel finale ho avuto solo dei crampi, ero molto stanco. Ad inizio stagione ho avuto delle difficoltà a causa di qualche stop di troppo, ma mi sono ripreso e mi tengo stretti i complimenti, sperando di ripetere queste prestazioni. Mandorlini? E’ un leone in gabbia, perché ama il suo lavoro e stare in campo. Le ultime partite le ha vissute da spettatore ma in settimana è con noi e prepara le partite con molta attenzione e passione come sempre. Livorno più vicino? L’ho detto, è stata una gara fondamentale quella con il Modena. Recuperare 2 punti è stato molto positivo, anche perché ci permette di staccare la spina con gli stimoli giusti per iniziare fin da subito al massimo. Siamo lì meritatamente, chiudere l’anno con 43 punti credo la dica lunga sulla nostra prima parte di campionato. Qualche passo falso l’abbiamo fatto ma in generale si può essere soddisfatti, davanti stanno andando forte ma se continuiamo a giocare così daremo del filo da torcere anche a loro. Il mercato? Non mi riguarda, se non mi cacciano. Scherzi a parte non ho nessuna intenzione di andarmene, qui è tutto perfetto: tifosi, città e società".
Ufficio Stampa

Cacia: "Troppa negatività, meritiamo applausi"
Postata il 30/12/2012 alle ore 22:19
L'attaccante gialloblù dopo il 3-1 contro il Modena: "E' stato importante vincere per mettere alle spalle un periodo non facile. Adesso con la sosta abbiamo il tempo per ricaricarci"
VERONA - Ecco le dichiarazioni dell’attaccante gialloblù, Daniele Cacia, dopo la doppietta realizzata contro il Modena: “Un autogol così avrebbe ucciso un toro, ma noi abbiamo dimostrato di esserci, di essere una squadra di cuore e di saper reagire alla grande. Lasciando da parte gli episodi, credo sia un risultato sicuramente meritato. E’ stato importante anche per metterci alle spalle un periodo nel quale non siamo riusciti a esprimerci al massimo, credo a causa delle tante partite ravvicinate che per la serie B sono una novità. Accusare un calo penso sia normale. La sosta arriva propizia per ricaricare le pile e la testa, i 3 punti erano fondamentali. Il ritiro ha aiutato, credo però non sia stato fondamentale per la vittoria. E’ sbagliato pensare che le due cose siano legate, siamo dei professionisti, ci impegniamo sempre al massimo. Davanti corrono? Se il Sassuolo sta facendo meglio della Juve in B credo che si commenti da solo. Noi però stiamo andando alla grande. A volte sento troppa negatività, invece credo che questo sia un gruppo da applausi. Siamo tanti nuovi, in una piazza importante e con due squadre che vanno a mille. Eppure siamo lì e abbiamo appena vinto 3-1 contro la quarta in classifica. Il mio bilancio della squadra è sicuramente positivo. Quello personale? La cosa più importante sarebbe trovare continuità. Sono contento della mia prima parte di stagione, anche se ho avuto dei momenti di appannamento. Come ho già detto, la stagione è lunga e se sei un’attaccante devi aspettarti anche dei frangenti in cui la palla non entra mai ed altri invece dove segni con l'occasione più impensabile. Sosta lunga? E’ una cosa strana, il preparatore atletico dovrà lavorare in maniera diversa dal solito. Staremo in Italia, ma in una zona dove la temperatura è più mite per prepararci al meglio alla parte decisiva del campionato. Per quanto mi riguarda, non avrei giocato a Natale e la sosta l’avrei tenuta più corta”.
Ufficio Stampa

Hellas di rimonta, con il Modena finisce 3-1
Postata il 30/12/2012 alle ore 17:25
Allo sfortunato autogol di Maietta, al 2' del primo tempo, risponde Cacia. Nella ripresa i gialloblù si scatenano e passano ancora con l'attacante e Jorginho
VERONA - L'Hellas Verona torna a vincere e convicere, con il Modena finisce 3-1. Dopo 2 minuti i gialloblù sono sotto ma reagiscono da grande squadra e Cacia servito da Carrozza pareggia subito. Nella ripresa la squadra di Bordin cambia passo e costringe gli ospiti sulla difensiva. Ma la voglia dei padroni di casa di arrivare ai 3 punti è tanta e prima Cacia e poi Jorginho regalano al Verona una meritata vittoria.

HELLAS VERONA-MODENA 1-3
Marcatori: 3' pt Maietta (aut.), 9' pt e 20' st Cacia, 30' st Jorginho.

Primo Tempo
3' GOL Lazarevic mette dentro, Maietta nel tentativo di anticipare Ardemagni infila Rafael
8' Cros di Rivas, Cacia per un soffio non riesce a deviare verso lo specchio
9' GOL Carrozza serve una palla d'oro a Cacia che a tu per tu con Colombi non sbaglia
17' Dopo la respinta di maietta Nardini, in equilibrio precario, spara alto
21' Cacia conclude forte ma centrale dal limite dell'area
23' Nardini stacca sul secondo palo, miracolo di Rafael
29' Cacia per Carrozza che chiama Colombi alla parata a terra
32' Jorginho pesca Cacia in area, il suo diagonale è deviato in angolo da Andelkovic
39' Cacia lanciato a rete viene fermato per un fuorigioco molto dubbio

Secondo Tempo
3' Jorginho al centro dell'area dove Maietta stacca di testa colpendo però debolmente
8' Rivas entra in area dalla sinistra e con un tiro a giro sfiora l'incrocio dei pali
9' Azione personale di Carozza che salta due uomini e conclude largo
17' Grossi appena entrato prova a sorprendere Colombi, la palla finisce a lato
20' GOL Bacinovic recupera palla serve Cacia che calcia, la palla, complice una deviazione, supera Colombi
29' Jorginho per Cacia che appoggia a Grossi, alto
30' GOL Hallfredsson la mette per Cacia, un difensore salva sulla linea, sulla respinta Jorginho insacca
40' Bella palla dal fondo di Albertazzi per Cacia, alto

HELLAS VERONA (4-3-3): Rafael; Crespo, Moras, Maietta, Cacciatore; Jorginho, Bacinovic (dal 23' st Albertazzi), Hallfredsson; Rivas (dal 14' st Grossi), Cacia (dal 43' st Cocco), Carrozza.
A disposizione: Berardi, Ceccarelli, Bojinov, Owusu Ansa.
All.: Bordin.

MODENA (4-4-2): Colombi; Gozzi, Andelkovic, Zoboli, Perna; Nardini (dal 21' st Pagano), Osuji, Moretti (dal 35' st Signori), Lazarevic; Greco (dal 1' st Stanco), Ardemagni.
A disposizione: Manfredini, Sturaro, Gulan, Surraco.
All.: Marcolin.

Arbitro: Di Bello di Brindisi.
Assistenti: Avellano e Chiocchi.
NOTE. Ammoniti: Bacinovic, Moretti, Osuji, Maietta, Greco, Ardemagni. Spettatori: 15.423.
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC]
VITA DA EX: Anderson Rodney de Oliveira aka BABÙ a 32 anni ricomincia dalla PAGANESE in Lega Pro...
CALCIO BRASILE: Altro che 'alegria do Brasil!' SEEDORF ha nostalgia dell'Italia 'Stadi vuoti e tristi...'
SPORT FLOP 2012: A SCHWAZER e ARMSTRONG la sgradita palma dei vincitori
SERIE B: EMPOLI spietato nell'anticipo! Secco 3 a 0 a Reggio Calabria...
SERIE A: Nuovo stadio per la ROMA! Sarà di proprietà e sorgerà a 'Tor di Valle'
NBA: BELINELLI porta i BULLS al successo. Un super GALLINARI trascina i NUGGETS al successo sui MAVERICKS a Dallas! 39 punti e record per il 'Gallo'... 16^ vitoria consecutiva per gli implacabili CLIPPERS!

BELINELLI DA APPLAUSI TRASCINA I BULLS. GALLINARI STECCA, NUGGETS KO -VIDEO
Domenica 30 Dicembre 2012 - 11:34
CHICAGO - Marco Belinelli perde il posto da titolare ma continua ad essere decisivo per Chicago. L'azzurro chiude il 2012 segnando 17 punti e trascinando i Bulls (16-12) al successo casalingo per 87-77 sui mediocri Washington Wizards (4-24). Il bolognese, relegato in panchina dopo 12 gare per il rientro di Rip Hamilton, mette a referto 7/16 al tiro (2/3 da 3 punti) in 33'18''. Nel suo tabellino, anche 2 rimbalzi e 3 assist.
Chicago tira con un modesto 39,1% dal campo ma riesce comunque a condurre in porto la vittoria. Merito anche dei 15 punti di Carlos Boozer e degli 11 di Luol Deng. Belinelli, anche se estromesso dallo starting five, dimostra una volta ancora la sua importanza. E il coach Tom Thibodeau non esclude una nuova promozione del numero 8: «Gerarchie definite? Non sono ancora sicuro».
Il 2012 riserva un'ultima serata storta, invece, a Danilo Gallinari. Reduce dal record di 39 punti realizzati contro Dallas, l'ala si ferma a quota 7 (2/8 al tiro e 1/3 da 3 con 6 rimbalzi e 1 assist) nel match che i suoi Denver Nuggets (17-16) perdono per 81-72 sul parquet dei Memphis Grizzlies (19-8) guidati da Rudy Gay (19 punti) e Zach Randolph (12).
Il terzo ambasciatore italiano nella Nba, Andrea Bargnani, da spettatore assiste alla rinascita di Toronto. Il romano è fermo per un infortunio al gomito e al polso: senza il lungo, i Raptors (11-20) collezionano la settima vittoria in 8 partite andando a passeggiare 123-88 in casa degli Orlando Magic (12-18).
I canadesi, con 6 uomini in doppia cifra (21 punti di DeMar DeRozan), mettono le cose in chiaro con un parziale di 30-7 nel primo tempo e bombardano da 3: 9 delle prime 10 conclusioni dalla lunga distanza vanno a bersaglio, il complessivo 15/27 dall'arco condanna i Magic al quinto k.o. di fila.
Sono due i passi falsi consecutivi di Miami. Gli Heat (20-8) perdono per 104-85 in casa dei Milwaukee Bucks (16-12). Ai campioni in carica non bastano i 26 punti di LeBron James e i 24 di Dwyane Wade. A far festa è Brandon Jennings: l'ex Virtus Roma griffa la gara con 25 punti.
Quando si parla di sconfitte in sequenza, nessuno tiene testa a Charlotte. I Bobcats (7-23) sprecano 21 punti di vantaggio e finiscono per cedere 98-95 ai New Orleans Hornets (7-23): la squadra del North Carolina va al tappeto per la 18a volta di fila.

SEEDORF DELUSO DAL BRASILE. "GLI STADI SONO TROPPO VUOTI"
Domenica 30 Dicembre 2012 - 12:28
RIO DE JANEIRO - L'asso olandese Clarence Seedorf si è detto deluso dalle poche presenze di spettatori durante il campionato brasiliano 2012. Il centrocampista del Botafogo, ex giocatore di Real Madrid, Inter e Milan, si è lamentato del fatto che i tifosi non vanno in forza allo stadio settimanalmente.
«Una cosa che mi ha sorpreso qui in Brasile è come poche persone vadano allo stadio. Non fa parte della cultura. Vorrei vedere gli stadi con più tifosi», ha detto Seedorf arrivato a Rio de Janeiro nel Botafogo dal Milan nel mese di luglio.
Nonostante i suoi 36 anni il giocatore è stato molto apprezzato per il suo livello di gioco. L'olandese ha chiuso l'anno con otto gol con il Botafogo che ha concluso la stagione al settimo posto.

I FLOP DEL 2012: PER ALEX SCHWAZER E ARMSTRONG UN ANNO DA DIMENTICARE
Domenica 30 Dicembre 2012 - 12:38
ROMA - Infortuni, sconfitte inattese, nuovi avversari, ma a volte il nemico lo si alleva in casa. Ed ecco che una carriera fatta di gloria finisce nella polvere. Il 2012 è sicuramente un anno da cancellare per alcuni campioni dello sport: lo sanno bene Lance Armstrong e anche Alex Schwazer, due simboli dello sport che fatica (ciclismo e marcia), traditi e annientati dal doping.
Il texano fino a sei mesi fa era considerato un monumento dello sport e la sua lotta contro il cancro, prima in una battaglia personale e poi con l'impegno della sua fondazione LiveStrong, ne avevano fatto un esempio di coraggio, forza e rettitudine. Ora resta solo fango e ignominia. L'agenzia statunitense antidoping a metà giugno lo ha messo sotto accusa per pratiche illegali e a fine ottobre l'Uci gli ha revocato le sette vittorie consecutive al Tour, sposando la tesi dell'Usada secondo cui Armstrong e la sua squadra avevano orchestrato «il più sofisticato piano di doping nella storia del ciclismo».
La bufera è costata poi al corridore la fuga degli sponsor e l'abbandono della presidenza di LiveStrong. Armstrong si era ritirato dalle gare il 23 gennaio 2011 per dedicarsi alle corse locali negli Stati Uniti e al triathlon; mai avrebbe pensato di dover sparire alla vista di tutti quelli che erano stati suoi ammiratori e insieme faticare per liberarsi del suo passato ormai scomodo: poco prima di Natale, il domenicale inglese 'Sunday Times' gli ha fatto causa chiedendo un milione di sterline, la vendetta per le 300mila che aveva dovuto pagare al corridore per una diffamazione risalente al 2006, quando aveva insinuato che la sua carriera fosse stata costruita del doping.
Anno nero anche per Schwazer, oro nella marcia ai Giochi di Pechino, schiacciato anche lui dal doping. Il 6 agosto, poco prima di partire per Londra per difendere il titolo olimpico nella 50 km, l'altoatesino fidanzato di Carolina Kostner è stato trovato positivo e per lui va in scena il dramma.
Tra pianti in diretta tv e richieste di perdono, il marciatore ha dichiarato di aver fatto ricorso al doping per cercare di ritrovare le prestazioni smarrite, di fatto chiudendo la sua vita agonistica. Il 20 dicembre la procura antidoping ha chiesto per lui quattro anni di squalifica, il massimo della pena, per uso di epo, possesso di testosterone e altre violazioni al codice sportivo. Una richiesta che è già una sentenza. «Quella medaglia a Pechino continuerà a brillare, era pulita», ha detto sicuro l'atleta, ma anche per lui, il 2012 è stato una voragine che tutto inghiotte.

L'EMPOLI VOLA CON TAVANO: 3-0 ALLA REGGINA NELL'ANTICIPO
Domenica 30 Dicembre 2012 - 14:47
REGGIO CALABRIA - L'Empoli si è imposta 3-0 sulla Reggina a Reggio Calabria, nell'anticipo delle 12.30 della ventiduesima giornata di serie B. Toscani in vantaggio al 29' con Tavano su calcio di rigore. Nella ripresa lo stesso Tavano raddoppia al 23'. Chiude Maccarone al 42'.

LA ROMA ANNUNCIA IL NUOVO STADIO: "SORGERÀ A TOR DI VALLE"
Domenica 30 Dicembre 2012 - 18:51
ROMA - Il nuovo stadio di proprietà della Roma sorgerà a Tor di Valle. L'annuncio ufficiale è arrivato durante la conferenza stampa congiunta tra Orlando, in Florida – dove si trova il presidente James Pallotta e il proprietario dei terreni, il costruttore Luca Parnasi - e il centro sportivo di Trigoria, al cui interno sono presenti l'ad giallorosso Claudio Fenucci e il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.
«La sede individuata per il nuovo stadio sara’ Tor di Valle. La nostra previsione e’ inaugurare l’impianto nel corso della stagione 2016-17. La capienza sara’ di 55-60 mila spettatori, sufficiente per ospitare una finale di Champions League. Lo stadio, infine, sara’ finanziato privatamente e il responsabile del progetto sara’ il gruppo che fa riferimento al costruttore Luca Parnasi».
Sono le parole del nuovo Ceo della Roma, Italo Zanzi, sul nuovo stadio di proprietà della Roma.

PER TOTTI UN SOGNO CHE SI AVVERA «A nome della città di Roma voglio fare un ringraziamento speciale per questo sogno che tutti i tifosi aspettano di realizzare da tanto tempo. I sostenitori della Romai meritano uno stadio tutto loro per centrare obiettivi importanti. Penso sia doveroso avere uno stadio di proprietà, e da capitano ringrazio il presidente Pallotta e Parnasi per questo sogno che presto realizzeremo». Così Francesco Totti, durante la conferenza stampa per l'annuncio dell'area dove sorgerà il nuovo stadio della Roma.

GALLINARI SUPER, 39 PUNTI E CAREER HIGH. "GRAZIE AI MAVERICKS, AVEVO SPAZIO" -VIDEO
Sabato 29 Dicembre 2012 - 10:12
DALLAS - Una serata magica e la miglior prestazione della carriera. Danilo Gallinari segna 39 punti e trascina i Denver Nuggets (17-14) al netto successo per 106-85 sul campo dei Dallas Mavericks (12-18). L'ala italiana ritocca il suo career high (37 punti a gennaio contro i New York Knicks) e mostra le sue qualità di tiratore con 7/11 da 3 punti e 14/23 complessivo.
Il tabellino del numero 8, titolare per 34'29'', comprende anche 4/4 ai liberi, 8 rimbalzi e 3 assist: meglio di così, non si può. «È stata una di quelle partite in cui, dopo aver lasciato andare il pallone, ci si rende conto che finirà dentro. Ero libero e ho preso i miei tiri. Ringrazio il piano difensivo dei Mavericks per avermi lasciato tanto spazio», dice l'ex giocatore dell'Olimpia Milano. I texani, in effetti, non brillano per solidità e consentono a Denver di mettere a referto un brillante 12/28 dalla lunga distanza. Ne approfitta soprattutto Andre Iguodala, che chiude con 20 punti.
Dallas, avanti solo con il 2-0 iniziale, affonda nonostante i 15 punti di O.J. Mayo e i 12 di Chris Kaman. Dirk Nowitzki, alla terza partita dopo l'operazione al ginocchio, è ancora l'ombra di se stesso: solo 5 punti in 18 minuti, il top della condizione è lontanissimo. «Ho guardato tantissimi video di Dirk -dice Gallinari esaltando il tedesco-. Si cerca sempre di imparare dai migliori». A giudicare dalla prestazione dell'azzurro all'American Airlines Center, il processo di apprendimento procede benissimo.

I CLIPPERS VINCONO ANCORA: 16 IN FILA La prestazione straordinaria del 'Gallo' fa passare in secondo piano l'ennesimo exploit dei Los Angeles Clippers. La miglior squadra della lega, con un record di 26-4, va a vincere 116-114 in casa degli Utah Jazz (15-16) e colleziona la 16esima vittoria consecutiva. Chris Paul griffa la gara con 29 punti, 6 assist e i 2 liberi decisivi a 3''7 dalla sirena. Blake Griffin fa ampiamente la propria parte con 22 punti e 13 rimbalzi. Ai padroni di casa non bastano gli ottimi Randy Foye (28 punti) e Al Jefferson (22).
Sorride anche l'altra squadra di Los Angeles: i Lakers (15-15) sfruttano i 27 punti di Kobe Bryant (sotto quota 30 per la prima volta dopo 11 gare) e i 21 (con 14 rimbalzi) di Dwight Howard per battere104-87 i Portland Trail Blazers (14-14). In Texas, i 31 punti di Tony Parker e i 30 di Tim Duncan trascinano i San Antonio Spurs (23-8) al 122-116 nel derby contro gli Houston Rockets (16-13).

CADONO LE BIG A EST Nella Eastern Conference, invece, cadono le big. LeBron James segna 35 punti e Chris Bosh lo imita con 28, ma i Miami Heat (20-7) cadono per per 109-99 sul campo dei Detroit Pistons (10-22) dell'ispirato Will Bynum (22 punti).
Una tripla di James Johnson allo scadere, invece, regala ai Sacramento Kings (10-19) un rocambolesco 106-105 sui New York Knicks (21-9), al secondo passo falso consecutivo. Pesa l'assenza dell'acciaccato Carmelo Anthony e non sono sufficienti i 28 punti di J.R. Smith, i 23 di Chris Copeland e i 21 di Tyson Chandler.
All'overtime, infine, sorride Toronto. I Raptors (10-20), sempre privi dell'infortunato Andrea Bargnani, vincono 104-97 sul parquet dei New Orleans Hornets (6-23). Menzione speciale per DeMar DeRozan (30 punti) e per il rientrante Kyle Lowry (17).

RISULTATI I risultati delle partite della regular season Nba: Washington Wizards-Orlando Magic 105-97; Indiana Pacers-Phoenix Suns 97-91; Brooklyn Nets-Charlotte Bobcats 97-81; Detroit Pistons-Miami Heat 109-99; Cleveland Cavaliers-Atlanta Hawks 94-102; New Orleans Hornets-Toronto Raptors 97-104 (overtime); Dallas Mavericks-Denver Nuggets 85-106; San Antonio Spurs-Houston Rockets 122-116; Utah Jazz-Los Angeles Clippers 114-116; Sacramento Kings-New York Knicks 106-105; Los Angeles Lakers-Portland Trail Blazers 104-87; Golden State Warriors-Philadelphia 76ers 96-89.

FONTE: Leggo.it


LEGA PRO
UFFICIALE: Paganese, ingaggiato Babù
30.12.2012 17.54 di Claudio Colla
Fonte: www.paganesecalcio.com
Vecchia conoscenza del calcio italiano per la militanza tra le file di Salernitana, Venezia, Lecce, Hellas Verona, Catania, Triestina, Avellino, Cisco Roma, Latina e Pergocrema, l'attaccante esterno brasiliano Anderson Rodney de Oliveira, meglio noto come Babù (32), ha firmato un nuovo accordo con la Paganese. L'atleta carioca si è legato al club campano fino al giugno 2013, con opzione di prolungamento per la stagione successiva.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com
Condividi questo articolo:
Vota su WikioSegnala su SourceForgeSegnala su BookmarkTrackerCondividi su Meemi

1 commenti:

Buon 2013 a tutti. Non illudiamoci,siamo troppo alterni. Ed ho visto il livorno.ha faticato,ma davanti fa paura.ne ha tre buoni(paulinho+siligardi+ bellinghieri)con dionisi(che gol!) persin riserva. Avessero la ns difesa,avrebbero 60 punti. Speriamo in martinho e che tutti gli infortunati revuperino( 20 giorni!). Ciao a tutti

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini