.

PRO VERCELLI 0-0 VERONA: Scialbo pareggio contro un avversario praticamente nullo... Le molte assenze però non possono essere una giustificazione per una compagine costruita per ammazzare il campionato che invece si specchia troppo in se stessa, delude in alcuni singoli e gioca con sufficienza in troppi frangenti

Pubblicato da andrea smarso sabato 15 dicembre 2012 17:24, vedi , , , , , , , | 3 commenti


LA GARA & LE IMPRESSIONI...
Primo tempo non condotto ad altissimi ritmi, l'HELLAS ha mantenuto una certa supremazia tecnica e ha attaccato più degli avversari ma ancora una volta l'impressione che sia stato usato il fioretto in un ambito in cui forse la sciabola sarebbe stata più indicata ha lasciato tutti i tifosi gialloblù un po' perplessi: Le occasioni più ghiotte sono capitate sui piedi di HALLFREDSSON al 4° e poi sulla testa di CARROZZA che a porta vuota ha schiacciato a terra mangiandosi una ghiottissima occasione per passare in vantaggio, è il 15° e da lì in poi gli scaligeri mantengono l'iniziativa con la solita fittissima ragnatela di passaggi senza mai impensierire davvero gli avvesari.
Unico lampo della PRO VERCELLI un tiro insidiosissimo di TIRIBOCCHI che ha costretto RAFAEL a rifugiarsi in angolo.
Poco sfruttate le esterne dove CARROZZA e GOMEZ TALEB non hanno mai trovato spunti e BOJINOV è un po' mancato in quanto ad assistenza per CACIA che d'altronde è stato cercato quasi esclusivamente con palle lunghe facile preda della retroguardia dei locali...

Negli spogliatoi MANDORLINI sembra aver dato la sveglia ai suoi che nel secondo tempo sono più incisivi ma il risultato non si sblocca ed è anzi la PRO VERCELLI ad essere pericolosa con la bordata del 'solito' TIRIBOCCHI che finisce a lato di pochissimo al 10° e col giovane IEMMELLO che al 22° chiama RAFAEL al difficile intervento...
Il VERONA si fa vivo tre minuti dopo con COCCO che si libera dei controllori e conclude a rete ma VALENTINI è bravo a salvarsi!
Il mister butta in mischia anche RIVAS e poi GROSSI ma il risultato rimane inchiodato sullo 0 a 0 che i tifosi locali salutano come un successo mentre il VERONA, destinato a ben altri allori, deve accontentarsi ancora una volta di un punto e continua a perdere terreno su LIVORNO e SASSUOLO che proseguono a tavoletta!

Nel VERONA mancano i facitori di gioco ma per vincere bisogna pure tirare in porta: Due tiri nel primo tempo ed uno nel secondo non possono essere un bottino da considerarsi soddisfacente contro una neopromossa perdipiù abbacchiata da risultati non favorevoli, terz'ultima ed in piena bagarre per evitare la retrocessione.
Gli scaligeri non hanno giocato male ma l'atteggiamento generale ha lasciato ancora una volta a desiderare: Mille tocchi per arrivare al tiro che nessuno sembra poi voler fare, gioco per linee orrizzontali e quando si decide di lanciare lungo, la difesa piemontese peraltro molto attenta anche nell'applicazione del fuorigioco, riesce a sbrogliare la situazione senza troppi patemi [Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]

Pro Vercelli 0-0 Verona: Gli highlights della gara ed i commenti...

DICONO
ALBERTAZZI: «Secondo me non abbiamo fatto male, le occasioni ci sono state, soprattutto nel primo tempo, ma non ci è andata bene. Siamo scesi in campo pronti ad affrontare le difficoltà che ci attendevano. In settimana l’abbiamo preparata bene purtroppo però non siamo riusciti a portare a casa i 3 punti. Il sintetico è molto funzionale per le squadre tecniche, ma se bagnato non ti permette di giocare in profondità perché appena la palla tocca terra prende velocità e diventa incontrollabile. La mia prestazione? Sto trovando sicurezza e credo di aver fatto bene, anche se purtroppo non è servito per vincere. Perché bene con le grandi e male con le piccole? Probabilmente quando le squadre si chiudono tanto troviamo qualche difficoltà, mentre se gli avversari ci affrontano a viso aperto per noi è più facile. L’Inter? Adesso possiamo pensare alla partita di Coppa Italia, c’è tanto rammarico per i punti persi ma la sfida con i neroazzuri ce la siamo guadagnati tutti assieme ed è un premio. Per me avrà un sapore speciale e spero di essere in campo. Livorno e Sassuolo scappano? Non siamo preoccupati però non possiamo più perdere terreno. Pensare agli altri rischia di farti allontanare dai tuoi obiettivi, noi dobbiamo guardare solo a noi e cercare di non sbagliare più» HellasVerona.it

CAMOLESE: «Oggi la Pro ha messo in campo cuore, volontà e ordine: tutte qualità che servono per far risultato contro una squadra che lotterà per la Serie A. Sono contento dell'applicazione dei miei giocatori e di come si sono comportati quelli subentrati nel corso della gara. Dobbiamo lavorare per far capire quanto sia importante il contributo, anche minimo, di tutti per il mantenimento della serie» TuttoMercatoWeb.com

JORGINHO: «Abbiamo fatto un a buona prestazione ci è mancato solo il risultato. Preoccupati dalla fuga di Sassuolo e Livorno? No assolutamente, dobbiamo solo lavorare bene, stare tranquilli, metterci più cattiveria e i risultati sono sicuro arriveranno. I periodi difficili esistono e bisogna stare uniti per superarli il più in fretta possibile e riprendere la strada giusta. La causa di questi risultati? Non lo so, sento dire presunzione ma non credo. Quando scendiamo in campo lo facciamo con umiltà e per vincere, però non sempre riusciamo a chiudere le partite. Dobbiamo essere più convinti. L’Inter? Si adesso possiamo pensare alla partita di martedì. Però forse era meglio concentrarsi di più sulla Pro Vercelli, abbiamo lasciato due punti che dovevano essere nostri. Loro si sono difesi bene e ci hanno messo tanta intensità, ma una squadra come l’Hellas, con le potenzialità che ha, non può perdere punti qui. Adesso siamo a 9 e 6 punti rispettivamente da Sassuolo e Livorno, questo non mi preoccupa ma mi lascia l'amaro in bocca perché sono sicuro che potremmo esserci noi lassù» HellasVerona.it

Massimo SECONDO presidente della PRO VERCELLI «Le continue contestazioni e critiche iniziano a diventare noiose. Dobbiamo cercare di continuare a combattere fino all’ultima giornata. Abbiamo avuto episodi sfortunati, dove alcuni ragazzi hanno fatto errori. Tuttavia, i giocatori non si meritano gli striscioni visti oggi. Ora ci aspetta una settimana fondamentale prima del derby. Abbiamo bisogno di rimanere concentrati e poter continuare a fare bene» SerieBNews.com

BORDIN: «Abbiamo incontrato una squadra ben messa in campo, ma abbiamo comunque creato diverse occasioni per vincere la partita. Non siamo però stati lucidi e in alcuni casi è stato bravo il loro portiere. Questi per noi sono due punti persi» TuttoMercatoWeb.com

Pro Vercelli 0-0 Verona: Le immagini


PRO VERCELLI 0-0 VERONA
Palla che viaggerà a 1000 sul sintetico (per giunta bagnato dalla neve e dalla pioggia di questi giorni) del 'Silvio Piola' di Vercelli.
Mister CAMOLESE schiera i suoi con un 4-3-1-2 che vede il fantasista FABIANO dietro a DI PIAZZA e all'esperto TIRIBOCCHI (ex CEO) non al meglio, fuori per infortunio l'ex gialloblù SCAGLIA.
Dalla parte opposta MANDORLINI, fermato dal giudice sportivo dopo il gestaccio al 'Tombolato' (si possono immaginare le tensioni a cui i protagonisti in campo sono sottoposti ma un allenatore professionista, per giunta del calibro del tecnico scaligero, non dovrebbe cadere in certe provocazioni) e quindi sostituito in panchina dal secondo BORDIN, privo di CRESPO, FATIC, LANER, MARTINHO, BACINOVIC, CACCIATORE nonchè del 'lungodegente' PUGLIESE si affida ancora ad un 4-4-2 (pronto a trasformarsi in un 4-2-4 in fase d'attacco) con i terzini ABBATE-ALBERTAZZI, JORGINHO e BACINOVIC come interni di centrocampo aiutati sulle esterne da GOMEZ e CARROZZA a supporto della coppia d'attacco CACIA-BOJINOV

PRIMO TEMPO
4° GOMEZ crossa bene per l'intervento caparbio di HALLFREDSSON che si libera al tiro dal limite: VALENTINI para con difficoltà!
6° Risponde SCAVONE con un tiro troppo debole facile preda di RAFAEL
7° Ripartenza dei locali con FABIANO che la allunga per DI PIAZZA ma la palla è troppo veloce e finisce sul fondo
10° JORGINHO cerca la verticalizzazione per CACIA, libera la difesa locale
11° TIRIBOCCHI un po' decentrato trova un tiro improvviso, RAFAEL si rifugia in angolo!
14° BOJINOV-CACIA-GOMEZ, l'argentino crossa a pennello per CARROZZA che incorna prontamente ma la palla sbatte per terra poi rimbalza sopra la traversa! Che occasione buttata...
15° SCAVONE alla conclusione dalla sinistra, palla che scivola a lato senza impensierire RAFAEL...
17° BOJINOV va in gol su appoggio di CACIA ma l'arbitro aveva già fermato l'azione per l'off-side del secondo
20° JORGINHO batte un corner, la palla gli viene ributtata indietro, il brasiliano va al tiro ma purtroppo svirgola...
26° Ancora in attacco l'HELLAS ma i locali si difendono senza troppi patemi
29° GOMEZ conquista fallo dove il limite dell'area incrocia la line di fondo, la punizione è battuta da CARROZZA per HALLFREDSSON che tira purtroppo senza fortuna...
34° GOMEZ va in rete su calcio d'angolo battuto da HALLFREDSSON ma l'arbitro aveva già fermato il gioco...
38° Tiro di HALLFREDSSON, palla alta
43° Bella iniziativa di BOJINOV che però non riesce a chiudere il passaggio finale...
45° Elaborata azione dell'HELLAS in attacco ma nessuno si assume la responsabilità del tiro, lo fa ancora una volta HALLFREDSSON ancora una volta senza fortuna

SECONDO TEMPO
0° CAMOLESE cambia in attacco: Fuori DI PIAZZA dentro IEMMELLO
3° Bordata improvvisa di BOJINOV: Nulla di fatto...
4° Sinistro svirgolatissimo di ABBATE! Ma l'HeLLAS sembra sceso in campo con piglio decisamente più combattivo rispetto alla prima metà di gara
5° JORGINHO labcia GOMEZ a sinistra, l'argentino mette in mezzo per l'accorente BOJINOV che conclude fuori...
7° BENCIVENGA al cross per l'incornata di TIRIBOCCHI, palla fuori
9° Entra COCCO a dare il cambio a BOJINOV: Bigia partita per il bulgaro...
10° ALBERTAZZI cerca CACIA con una palla profonda ma il bomber è in fuori gioco! Riparte la PRO VERCELLI con IEMMELLO che chiama al tiro TIRIBOCCHI decentrato sulla destra, palla fuori di un niente!
12° HALLFREDSSON profondo per CACIA che supera VALENTINI ma l'arbitro annulla per fuorigioco
13° CARROZZA in buon dribbling va al tiro: Palla deviata in corner
15° Ammonizione per BENCIVENGA che a centrocampo abbatte COCCO
19° Tiro cross di GOMEZ che non impensierisce nessuno e VALENTINI recupera palla comodamente...
20° ROSSO da fuori: Palla alta
22° Il giovane IEMMELLO sfiora il gol: RAFAEL devia con la punta delle dita in corner!
24° MODOLO alla conclusione sugli sviluppi dell'angolo: Nulla di fatto!
25° CARROZZA suggerisce per COCCO che al limite evita un paio di avversari e scarica a rete: VALENTINI si supera!
27° Entra RIVAS a sostituire CACIA: COCCO farà il centrale con le mezzali CARROZZA-GOMEZ-RIVAS alle sue spalle...
28° Fallo di SCAVONE su RIVAS: Il signor MARIANI estrae il giallo per il centrocampista della PRO VERCELLI
29° HALLFREDSSON al tiro, palla in corner
32° TIRIBOCCHI lascia il campo a favore di DE SILVESTRO nelle fila dei locali, MANDORLINI risponde inserendo GROSSI al posto di CARROZZA
36° VALENTINI respinge quasi sui piedi di GROSSI interviene RANNELLUCCI che libera in angolo
38° COCCO calcia alto
39° FABIANO lascia il posto a GERMANO per i locali
41° ALBERTAZZI crossa da sinistra, GOMEZ tira debole e la palla è recuperata da VALENTINI
43° Ripartenza dell'HELLAS con GOMEZ che lancia in profondità per RIVAS: Il nuovo entrato inciampa a tu per tu con VALENTINI!
45° GROSSI batte un calcio di punizione dal limite: La barriera mette in angolo
48° Il signor Mariani stoppa la gara dopo 3 minuti di recupero

TABELLINO
PRO VERCELLI-HELLAS VERONA 0-0
Marcatori:.

PRO VERCELLI (4-3-1-2): Valentini; Bencivenga, Sini, Ranellucci, Modolo; Espinal, Rosso, Scavone; Fabiano (dal 40' st Germano); Tiribocchi (dal 33' De Silvestro), Di Piazza (dal 1' st Iemmello).
A disposizione: Miranda, Cancellotti, Calvi, Caridi, De Silvestro.
All.: Camolese.

HELLAS VERONA (4-4-1-1): Rafael; Abbate, Moras, Maietta, Albertazzi; Gomez Taleb, Hallfredsson, Jorginho, Carrozza (dal 33' Grossi); Bojinov (dal 9' st Cocco); Cacia (dal 27' st Rivas).
A disposizione: Berardi, Huston, Ceccarelli, Owusu Taleb.
All.: Bordin.

Arbitro: Mariani di Aprilia.
Assistenti: Ranghetti e Lo Cicero.
NOTE. Ammoniti: Bencivenga, Scavone, Modolo. Spettatori:.

Radiografia del Gol gialloblù 2012/2013
GiocatoreCoppaCampionatoTotale
CACIA11011
GOMEZ TALEB268
MARTINHO044
RIVAS112
LANER022
HALLFREDSSON022
COCCO112
BACINOVIC011
MAIETTA011
BOJINOV011
ALBERTAZZI011
BJELANOVIC101

LE ALTRE DI B
In attesa delle altre il LIVORNO ha vinto per 2 a 1 in anticipo con la TERNANA.
Il SASSUOLO non ferma la sua marcia nemmeno a Padova: Gli emiliani zittiscono le ambizioni dei locali con un 3 a 1 che non lascia dubbi!
Gara sospesa sul 3 a 0 a Varese dove il GROSSETO stava soccombendo ai locali, sale anche il MODENA con il secco 3 a 0 sul CROTONE e l'incredibile EMPOLI che con la vittoria odierna sul VICENZA si porta addirittura in zona playoff dopo una partenza disastrosa.
Vittoria esterna del NOVARA a Bari, pareggiano JUVE STABIA-CESENA e VIRTUS LANCIANO-SPEZIA in attesa di REGGINA-CITTADELLA ed ASCOLI-BRESCIA di Lunedì...

ALTRE NEWS IN ALLEGATO
VERCELLI ACCOGLIE VERONA: Varie iniziative per accogliere in Piemonte i sostenitori scaligeri e per festeggiare il ritorno in Serie B della PRO VERCELLI
MERCATO: CALVANO potrebbe andarsene a Gennaio... 'Sfiduciato' (o stimolato a seconda di come poi la si voglia intendere) da SOGLIANO nelle settimane scorse, quando il diesse ha parlato addirittura di delusione a proposito di un giocatore che non ha interpretato al meglio il capitolo scaligero della sua carriera e che per quello è stato mandato ad allenarsi con la Primavera, il talentuoso centrocampista di proprietà MILAN potrebbe essere inserito dai rossoneri nella trattativa che porterebbe ARMERO dell'UDINESE in rossonero...
CONVOCAZIONI UNDER 21: MANGIA 'dimentica' JORGINHO che comunque ancora non ha ancora risolto i problemi di tesseramento internazionali e quindi non sarebbe potuto scendere in campo...
CALCIOSCOMMESSE: FERRARI ottimista dopo l'incontro a Roma col TNAS ma tutto è rimandato al 18 Gennaio

IN BREVE A PIÉ PAGINA
SCI: Nel SuperG della Valgardena, valevole per la Coppa del Mondo, solo il norvegese SVINDAL riesce a battere la valanga azzurra giunta al secondo posto con MARSIGLIA e al terzo con HEEL!
CALCIO AUSTRALIA: La squadra di DEL PIERO battuta ancora una volta!

RASSEGNA STAMPA
ALTRE NEWS
Nazionale Under 21: c'è un giovane di Lega Pro tra i convocati di Mangia
14.12.2012 16:00 di Valeria DEBBIA
Ultimo impegno del 2012 per la Nazionale Under 21, che martedì 18 dicembre affronterà in amichevole la B Italia. La gara, che si disputerà alle 15 allo stadio ‘Libero Liberati’ di Terni, chiuderà lo stage in programma da domenica 16 dicembre presso il ‘Park Hotel La Borghesiana’ di Roma. Devis Mangia ha convocato 22 calciatori tra i quali l'attaccante del Perugia Matteo Politano, alla prima chiamata con l’Under 21.

Questo l'elenco completo dei convocati:
Portieri: Francesco Bardi (Novara), Simone Colombi (Modena), Mattia Perin (Pescara);
Difensori: Luca Caldirola (Cesena), Marco Capuano (Pescara), Alessandro Crescenzi (Pescara), Giulio Donati (Grosseto), Paolo Frascatore (Sassuolo), Alessio Romagnoli (Roma), Mario Sampirisi (Genoa);
Centrocampisti: Marco Crimi (Grosseto), Lorenzo Crisetig (Spezia), Alessandro Florenzi (Roma), Cristian Galano (Bari), Luca Marrone (Juventus), Jacopo Sala (Amburgo),Nicola Sansone (Parma), Riccardo Saponara (Empoli);
Attaccanti: Nicola Bellomo (Bari), Giuseppe De Luca (Atalanta), Alberto Paloschi (Chievo Verona), Matteo Politano (Perugia).

FONTE: TuttoLegaPro.com


ALTRE NOTIZIE
Pro Vercelli, Camolese: "Cuore e volontà alla base del pari"
15.12.2012 18.08 di Tommaso Maschio
Giancarlo Camolese, tecnico della Pro Vercelli, è felice per il pari e per la prestazione dei suoi contro una corazzata come l'Hellas Verona: "Oggi la Pro ha messo in campo cuore, volontà e ordine: tutte qualità che servono per far risultato contro una squadra che lotterà per la Serie A. Sono contento dell'applicazione dei miei giocatori e di come si sono comportati quelli subentrati nel corso della gara. Dobbiamo lavorare per far capire quanto sia importante il contributo, anche minimo, di tutti per il mantenimento della serie".

ALTRE NOTIZIE
Hellas Verona, Bordin: "Abbiamo perso due punti"
15.12.2012 18.13 di Tommaso Maschio
Roberto Bordin, vice di Andrea Mandorlini oggi squalificato, al termine della gara pareggiata con la Pro Vercelli si dice rammaricato per le occasioni sprecate: "Abbiamo incontrato una squadra ben messa in campo, ma abbiamo comunque creato diverse occasioni per vincere la partita. Non siamo però stati lucidi e in alcuni casi è stato bravo il loro portiere. Questi per noi sono due punti persi".

SERIE B
LIVE TMW - DIRETTA SERIE B - Gare terminate: ecco risultati e classifica
15.12.2012 16.54 di Arturo Minervini
Ecco i risultati finali delle gare del pomeriggio:

Bari-Novara 1-3 (Buzzegoli, Mehmeti, Fedato, Rig. Gonzalez)

Empoli-Vicenza 2-0 (Tonelli, Signorelli)

Juve Stabia-Cesena 2-2 (Mezavilla, Rig. Succi, Mezavilla, Succi)

Lanciano-Spezia 1-1 (Minotti, Okaka)

Modena-Crotone 3-0 (Ardemagni, Ardemagni, Lazarevic)

Padova-Sassuolo 1-3 (Terranova, aut. Cionek, Boakye, Pea)

Pro Vercelli-Hellas Verona 0-0

Varese-Grosseto 3-0 (Damonte, Damonte, Martinetti) Gara sospesa all'81' per nebbia

Questa la classifica dopo 19 giornate: Sassuolo 45; Livorno 42; Verona 36; Varese*; Modena ed Empoli 28; Brescia* 27; Padova e Juve Stabia 26; Spezia e Cittadella* 25; Ternana 21; Bari e Crotone 19; Vicenza ed Ascoli* 18; Cesena 17; Novara, Reggina* e Lanciano 16 ; Pro Vercelli 15; Grosseto* 11

* Una gara in meno.

Juve Stabia-Cesena Finisce anche l'ultima gara del pomeriggio

Juve Stabia-Cesena Finite tutte le gare! Si gioca solo a Castellammare

Pro Vercelli-Hellas Verona Finisce la gara! Ancora un mezzo passo falso per il Verona

Juve Stabia-Cesena Mezavilla vicino alla tripletta! Si salva il Cesena!

Varese-Grosseto Gara momentaneamente sospesa per nebbia. Il direttore di gara valuta la possibilità di riprendere in questo momento. Si va verso la sospensione

GOL DI SUCCI!!! Juve Stabia-Cesena 2-2 Che emozioni al Menti! Pareggia il Cesena con il piattone di Succi! Grande azione di Defrel!

GOL DI MEZAVILLA!!! Juve Stabia-Cesena 2-1 Ancora Mezavilla! Imperioso stacco di testa del centrocampista che riporta in vantaggio le Vespe!

GOL DI LAZAREVIC!!! Modena-Crotone 3-0 Ripartenza letale del Modena che chiude il match! A segno Lazarevic

Padova-Sassuolo Piove sul bagnato per la squadra di Pea, che resta in 10 per il doppio giallo rimediato da Renzetti

GOL DI GONZALEZ!!!Bari-Novara 1-3 Dal dischetto Gonzalez riporta a distanza di sicurezza il Novara!

GOL DI FARIAS!!! Padova-Sassuolo 1-3 Bel destro di Farias che prova a dare ancora speranza alla squadra di Pea

GOL DI SUCCI!!! Juve Stabia-Cesena 1-1 Dal dischetto Succi firma il pari! Proteste dei padroni di casa per il rigore concesso agli ospiti per tocco di mano di Caserta

GOL DI OKAKA!!! Lanciano-Spezia 1-1 L'attaccante scuola Roma riporta la gara in parità!

GOL DI SIGNORELLI! Empoli-Vicenza 2-0 Raddoppio dell'Empoli! Signorelli mette a sicuro il risultato!

GOL DI ARDEMAGNI!!! Modena-Crotone 2-0 Nel momento più difficile per il Modena Ardemagni firma il raddoppio! Tap-in vincente ed 11esima rete in campionato!

GOL DI FEDATO!!!Bari-Novara 1-2 Che gol di Fedato! Destro all'incrocio da fuori area! Gara riaperta!

Lanciano-Spezia Traversa di Turchi! Gran sinistro per lui e Lanciano vicino al raddoppio!

GOL DI BOAKYE!!! Padova-Sassuolo 0-3 L'ottava perla stagionale di Boakye! Destro sotto la traversa del bomber che stende il Padova!

GOL DI MEHMETI! Bari-Novara 0-2 Raddoppio del Novara! Gran destro sul primo palo di Mehmeti!

GOL DI MEZAVILLA!!! Juve Stabia-Cesena 1-0 Vantaggio della squadra di Braglia! In area Mezavilla controlla di petto ed infila all'angolino con il sinistro!

Bari-Novara 0-1 Furiosa la reazione dei padroni di casa! Bardi protegge il vantaggio del Novara

GOL DI TONELLI! Empoli-Vicenza 1-0 Sempre letale l'Empoli sui calci piazzati! Su azione d'angolo è Tonelli a firmare il vantaggio dei padroni di casa!

GOL DI BUZZEGOLI! Bari-Novara 0-1 A sorpresa il Novara in vantaggio! Grande punizione di Buzzegoli!

GOL DI MARTINETTI!!! Varese-Grosseto 3-0 Chiude il match il Varese! Assist di Ebagua e Martinetti con il destro batte il portiere in uscita!

Iniziano i secondi tempi!

Ottima primo tempo del Sassuolo a Padova, pressing sterile del Verona che deve cercare in tutti i modi di sbloccare la gara con la Pro Vercelli. Bene il Varese.

Si chiudono i primi tempi. Ecco i risultati parziali dopo i primi 45':

Bari-Novara 0-0

Empoli-Vicenza 0-0

Juve Stabia-Cesena 0-0

Lanciano-Spezia 1-0 (Minotti)

Modena-Crotone 1-0 (Ardemagni)

Padova-Sassuolo 0-1 (Terranova, aut. Cionek)

Pro Vercelli-Hellas Verona 0-0

Varese-Grosseto 2-0 (Damonte, Damonte)

Juve Stabia-Cesena Prosegue la pressione della Juve Stabia, che non riesce però a sbloccare la gara

GOL DI DAMONTE!!! Varese-Grosseto 2-0 Ancora Damonte a segno! Rete in tuffo per lui e raddoppio per la squadra di Castori!

GOL DI MINOTTI! Lanciano-Spezia 1-0 Grande assist con il petto di Fofana per Minotti che sigla il vantaggio dei padroni di casa!

GOL DI ARDEMAGNI!!! Modena-Crotone 1-0 Il bomber del Modena scatta sul filo del fuorigioco e sigla la sua decima rete in campionato!

Padova-Sassuolo Palo del Padova! Da buona posizione Farias colpisce il legno con un buon colpo di testa!

Padova-Sassuolo Buona occasione per la squadra di Pea! Raimondi non colpisce bene il pallone da posizione favorevole

Padova-Sassuolo Timida reazione dei padroni di casa che ci provano con un destro di Farias

Pro Vercelli-Hellas Verona Spinge il Verona, che non riesce però ad abbattere il muro formato dalla Pro

GOL DI DAMONTE!!! Varese-Grosseto 1-0 Vantaggio della squadra di Castori! In mischia il più lesto è Damonte!

AUTORETE DI CIONEK!!! Padova-Sassuolo 0-2 Su tiro di Bianchi decisiva la deviazione di Cionek che regala il raddoppio al Sassuolo!

GOL DI TERRANOVA!!! Padova-Sassuolo 0-1 Gol del Sassuolo!Su azione d'angolo svetta più
alto di tutti il difensore Terranova! Sesta rete in campionato per lui!

Empoli-Vicenza Gol annullato a Ciccio Tavano per offside. Giusta la chiamata dell'assistente del direttore di gara

Pro Vercelli-Hellas Verona Provano a fare la gare gli ospiti, con la Pro che si affida esclusivamente alle ripartenze

Padova-Sassuolo Ci provano gli ospiti con un sinistro da fuori di Berardi. Tiro alle stelle

Modena-Crotone Subito pericolosi i padroni di casa, che provano a sbloccare la gara sin dai primi minuti

Iniziano i match sui vari campi!

Molta attesa per la prestazione del Verona, chiamato a dare continuità ai suoi risultati dopo la vittoria della scorsa settimana con l'Ascoli.

Ricordiamo che nell'anticipo del venerdì il Livorno, grazie ad un gol di Siligardi, ha battuto la Ternana agganciando il Sassuolo in vetta alla classifica a quota 42 punti.

Benvenuti alla diretta testuale del 19° turno del campionato cadetto. Ecco il programma del pomeriggio:

Venerdì 14 dicembre

Livorno-Ternana 2-1 (Fazio, aut. Brosco, Siligardi)

Sabato 15 dicembre Ore 15: (RISULTATI IN AGGIORNAMENTO)

Bari-Novara 1-3 (Buzzegoli, Mehmeti, Fedato, Rig. Gonzalez)

Empoli-Vicenza 2-0 (Tonelli, Signorelli)

Juve Stabia-Cesena 2-2 (Mezavilla, Rig. Succi, Mezavilla, Succi)

Lanciano-Spezia 1-1 (Minotti, Okaka)

Modena-Crotone 3-0 (Ardemagni, Ardemagni, Lazarevic)

Padova-Sassuolo 1-3 (Terranova, aut. Cionek, Boakye, Pea)

Pro Vercelli-Hellas Verona 0-0

Varese-Grosseto 3-0 (Damonte, Damonte, Martinetti)

Lunedì 17 dicembre
Ore 19: Reggina-Cittadella
Ore 21: Ascoli-Brescia

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


PRIMO PIANO
19^ giornata, inarrestabile Sassuolo, bene Empoli, Modena e Novara. Hellas bloccato a Vercelli. Sospesa Varese-Grosseto
15.12.2012 15:00 di Redaz. TuttoB.com
Ecco i risultati della 19^ giornata. E dalla mezzanotte di venerdì 21 in arrivo grandi novità, seguiteci!

Bari - Novara 1-3 2'st Buzzegoli 13' Mehmeti 20'st Fedato (B) 29'st Gonzalez su rig
Empoli - Vicenza 2-0 4'st Tonelli 22'st Signorelli
Juve Stabia - Cesena 2-2 4' st 30'st Mezavilla 18'st su rig 33'st Succi (C)
Lanciano - Spezia 1-1 37' Minotti 22'st Okaka (S)
Modena - Crotone 3-0 34' 19'st Ardemagni 33'st Lazarevic
Padova - Sassuolo 1-3 12' Terranova 16' aut Cionek 14'st Boakye 22'st Farias (P)
Pro Vercelli - Verona 0-0
Varese - Grosseto 3-0 19' 42' Damonte 3'st Martinetti SOSPESA PER NEBBIA ALL'81'

Lunedì
Reggina - Cittadella (ore 19)
Ascoli - Brescia (ore 21)

PRIMO PIANO
ESCLUSIVA TB - Hellas Verona, un tuo centrocampista verso l'Udinese
15.12.2012 00:05 di Nicolò Schira
Il centrocampista Simone Calvano, di proprietà del Milan, ma attualmente all'Hellas Verona potrebbe lasciare gli scaligeri per l'Udinese. Infatti i friulani vorrebbero il cartellino del classe '93 quale parziale contropartita tecnica nell'ambito dell'affare Armero con il Milan.

PRIMO PIANO
CALCIOSCOMMESSE Ferrari, tutto rinviato
13.12.2012 18:05 di Redaz. TuttoB.com
Fonte: l'arena
Il bicchiere è mezzo pieno e mezzo vuoto. Nicola Ferrari è tornato ieri pomeriggio da Roma con buone notizie ma anche con un'ulteriore proroga su una storia già logorante di suo. L'udienza al Tnas di Roma è andata come tutti si aspettavano, soprattutto nell'esposizione dei tre testimoni chiamati dalla difesa. Come volevasi dimostrare Francesco Ruopolo e Filippo Carobbio hanno smentito la tesi di Carlo Gervasoni, che anche ieri a pochi metri da Ferrari ha sostenuto che il tentativo di combine per Rimini-Albinoleffe del 20 dicembre di quattro anni fa fu stabilito da una riunione collettiva fra giocatori dell'Albino a cui era presente anche Nicola.

Il risultato fa due a uno a favore di Ferrari. E il recente Lodo Gheller, nato dopo l'assoluzione del calciatore allora del Novara condannato a tre anni e sei mesi aver alterato l'anno scorso il risultato della gara contro il Siena seguendo l'accusa di un'unica voce, sembra venire apposta in soccorso di Ferrari. Ieri non c'è stato il confronto diretto, il collegio ha posto le varie domande senza accettare il faccia a faccia fra Nick e Gervasoni, ipotesi comunque nelle previsioni alla vigilia anche se non così scontata. Nell'aula del Tribunale dell'Arbitrato del Coni di Roma ci sono stati per due ore e mezza legali, giudici, testimoni, accusati e accusatori. Poi un altro rinvio.

Tutto rimandato al 18 gennaio, posticipo non esattamente dei migliori. Perché lascia in sospeso per un altro mese abbondante sia Ferrari che l'Hellas. Il pronunciamento definitivo, una volta depositate anche le ultime memorie, dovrebbe arrivare entro il 25 gennaio o comunque a ridosso di quella data. Aver preso ulteriore tempo può essere ritenuto un buon segnale, perché per ribaltare la sentenza del primo e secondo grado (tre anni di squalifica) servono evidentemente attente valutazioni e uno studio ancora più approfondito del caso. Le leggi e i tempi della giustizia cozzano però terribilmente con le date del calcio, del mercato in particolare. Gennaio è mese di trattative, giorni in cui le liste si riapriranno e magari quella del Verona un posto a Ferrari potrebbe ancora trovarlo. La speranza di Nick correrà però contro il tempo. Perché la decisione del Tnas, ammesso poi che si tratti di assoluzione piena, arriverà probabilmente a mercato ancora aperto ma forse anche a bocce ormai ferme per il Verona, che non può permettersi di lasciare un posto libero nella lista dei venti senza sapere a priori quel che dirà il tribunale del Coni. Il destino di Ferrari continua a rimanere in sospeso.

FONTE: TuttoB.com


Sabato, dicembre 15th, 2012 | Posted by Sacchi
Pro Vercelli – Verona, le voci dei protagonisti
PRO VERCELLI VERONA VOCI PROTAGONISTI SECONDO CAMOLESE BORDIN / VERCELLI – C’è soddisfazione in casa Pro Vercelli per il buon punto ottenuto sul Verona. Un pareggio che soddisfa Giancarlo Camolese, allenatore delle Bianche Casacche. Questo il commento del tecnico piemontese sulla prestazione dei suoi: “Il Verona è una delle squadre che lotterà fino alla fine per andare in A. La Pro ha messo tanto cuore, ordine e volontà. Tutte qualità che servono a fare risultato contro queste squadre. La cosa che più mi fa piacere è che quando entrano giocatori dalla panchina e fanno prestazioni come quella di oggi vuol dire che siamo sulla strada giusta. L’importante è che capiscano che un minuto in serie B è importantissimo, per noi e loro stessi. I risultati hanno un peso per il futuro di tutti. Dobbiamo lavorare sotto quest’aspetto. Ho visto giocatori in crescita. Ne cito uno per tutti: Ranellucci. All’inizio della stagione ha avuto difficoltà per comprendere la categoria. L’abbiamo rassicurato e nelle ultime partite ha dimostrato che può giocare tranquillamente in serie B”.

A parlare è anche il presidente della Pro Vercelli, Massimo Secondo, il quale commenta così la contestazi0ne iniziale dei tifosi: “Le continue contestazioni e critiche iniziano a diventare noiose. Dobbiamo cercare di continuare a combattere fino all’ultima giornata. Abbiamo avuto episodi sfortunati, dove alcuni ragazzi hanno fatto errori. Tuttavia, i giocatori non si meritano gli striscioni visti oggi.Ora ci aspetta una settimana fondamentale prima del derby. Abbiamo bisogno di rimanere concentrati e poter continuare a fare bene”. A seguito di questa affermazione, la società ha preferito non far rilasciare dichiarazioni ad altri esponenti della squadra.

Alla soddisfazione della Pro Vercelli, si contrappone il rammarico del tecnico Bordin, oggi seduto in panchina al posto dello squalificato Mandorlini. Queste le sue parole: ” Abbiamo incontrato una squadra ben messa in campo. La squadra ha creato buone occasioni da gol, in alcune ci è mancato l’ultimo passaggio, non ultima l’occasione di Rivas, e in alcune è stato bravo il portiere della Pro Vercelli. In altre ancora abbiamo concluso in maniera sbagliata alcune palle gol. Per noi sono due punti persi”.

sabato, dicembre 15th, 2012 | Posted by Sacchi
Pro Vercelli – Verona: le pagelle del match
Queste le pagelle di Pro Vercelli – Verona, diciannovesimo turno del campionato di Serie B.

PRO VERCELLI
Valentini 6,5 : Poco impegnato nel primo tempo, compie una gran parata su Cocco nel secondo tempo salvando il risultato.

Bencivenga 6: Più attento in difesa rispetto alle scorse uscite ma si vede troppo poco spesso avanti.

Ranellucci 6,5 : Cacia è un cliente scomodo ma lui lo controlla con mestiere trovando buona intesa con il compagno di reparto.

Modolo 7 : Sicuramente il migliore della squadra piemontese per attenzione ed efficacia. Il centrale tiene in maniera impeccabile la marcatura su Bojinov limitando le avanzate dell’attaccante bulgaro. Un’ottima risposta per Camolese che ha problemi di uomini in difesa.

Sini 5,5: Gomez è un problema dalla sua parte. Fa quello che può ma paga diversi errori in fase di ripartenza. Nel secondo tempo raddrizza il tiro, anche se Rivas avrebbe potuto approfittare di una sua disattenzione nella ripresa.

Rosso 6,5 : Solita grinta per il mediano vercellese che ringhia più che può su Jorginho e Hallfredsson, proponendosi spesso e volentieri anche in qualità di regista.

Espinal 6 : Tanta corsa ma nulla di più oggi. Prova a farsi vedere davanti in rare occasioni.

Scavone 6 : Cerca più volte il fraseggio con Fabiano ma trova poco spazio per esprimere il suo potenziale.

Fabiano 6,5 : Ha il merito di essere l’unico a creare superiorità numerica con i suoi scatti e i suoi dribbling nel primo tempo. Attivo e costante anche nella ripresa (dal 39’ s.t. Germano s.v.)

Tiribocchi 6 : Prova a dettare la profondità con alterne fortune. Riesce ad essere più concreto del solito, senza tuttavia trovare la via della rete. (dal 32’ s.t. De Silvestro 6: si piazza largo a sinistro, sacrificandosi in fase di copertura e spingendo sul fondo nel finale di gara)

Di Piazza 5,5 : Prestazione in netto calo, rispetto a quanto visto nelle ultime partite. Colpito duramente nella prima parte di gara, resta in campo senza però dare grossi problemi alla difesa veronese. Camolese se ne accorgie e lo toglie nell’intervallo (dal 1’ s.t. : Iemmello 6,5: l’apporto durante la gara è altalenante ma quando esce fuori il suo talento riesce ad essere a tratti devastante. Dai suoi piedi parte un tiro che solo un miracolo di Rafael riesce a togliere dal sette )

All. Camolese 6,5 : ha chiesto alla squadra pochi errori. Così è stato. La sua Pro gioca con umiltà e dando una buona risposta contro una squadra candidata alla promozione in A.

VERONA
Rafael 7: Attento nelle poche incursioni offensive della Pro Vercelli nel corso del primo tempo. Salva il risultato sul tiro di Iemmello.

Abbate 6: Sini e Fabiano cercano di creargli difficoltà ma lui quasi sempre riesce a tamponare le avanzate dei diretti avversari.

Moras 6,5: Attento e preciso, viene impensierito in poche circostanze.

Maietta 7: Si lascia sfuggire Tiribocchi solo in una occasione, sventata comunque da Rafael. Per il resto non sbaglia un colpo.

Albertazzi 6: Visto che dalla sua parte non arrivano pericoli, prova a scendere lungo la fascia di competenza senza tuttavia creare grossi problemi con i suoi cross.

Halfredsson 6: Il talento islandese viene impiegato a centrocampo nel tentativo di organizzare la manovra veronese. Tenta in qualche circostanza la conclusione verso la porta senza trovare la rete.

Jorginho 6: Prestazione sufficiente per il talento classe 1991, oggi osservato speciale dagli scout di Everton, Liverpool e Monaco.

Gomez 6,5: Molto attivo sulla corsia destra. Da un suo cross potrebbe nascere il vantaggio ma Carrozza sbaglia clamorosamente.

Cacia 5,5 : Si muove tanto ma l’intesa con Bojinov lascia ancora a desiderare. Nel secondo tempo viene servito veramente poco. (dal 27’ s.t. Rivas 5,5: prova nel finale a regalare i tre punti ma si inceppa sul più bello)

Bojinov 5,5 : Mandorlini gli garantisce una maglia da titolare. Cerca di proporsi nel reparto avanzato, ma non impensierisce la retroguardia. Viene sostituito nella prima parte del secondo tempo. (dal 8’ s.t. Cocco: presenza fisica in area. Si fa vedere solo sui calci piazzati)

Carrozza 6: Sbaglia la grande occasione che gli capita sulla testa nel primo tempo. Per il resto è uno dei più attivi sul fronte offensivo. (dal 32’ s.t. Grossi s.v.)

All.Bordin 5,5 : Prova a cambiare gli elementi offensivi ma il risultato non si schioda. La scelta di far partire Bojinov dall’inizio, tuttavia, non ha permesso il salto di qualità.
Hervé Sacchi

sabato, dicembre 15th, 2012 | Posted by Sacchi
SERIE B DIRETTA LIVE, Pro Vercelli – Verona 0-0: è finita la gara
93′ Finisce la partita. La Pro Vercelli ottiene un buon pareggio contro un Verona comunque poco propositivo. Buono l’approccio umile della squadra di Camolese che ha provato in alcune occasioni a mettere in difficoltà una delle formazioni in lotta per la serie A. Il Verona esce dal Piola con un punticino misero, dopo una prestazione comunque un po’ troppo sotto tono. Grazie a tutti gli amici di SerieBnews.com che hanno seguito la diretta con noi.
93′ Ultima occasione per la Pro Vercelli dal corner. Nulla di fatto.
91′ Sulla punizione battuta da Grossi, la barriera devia il pallone in angolo. Nulla da fare.
90′ Tre minuti di recupero.
90′ Punizione per il Verona dal vertice alto destro dell’area di rigore. Sul pallone Grossi.
88′ Occasione per il Verona con Rivas. L’attaccante scende lungo l’out di sinistra, entra in area saltando Sini e Ranellucci. Sul più bello il pallone gli resta indietro e non riesce a battere Valentini.
84′ Ultimo cambio per la Pro Vercelli. Esce Fabiano ed entra Germano.
84′ Continuano le avanzate della Pro Vercelli, specialmente con De Silvestro.
77′ Secondo cambio per la Pro Vercelli. Esce Tiribocchi ed entra De Silvestro. Terzo cambio anche per il Verona. Dentro Grossi al posto di Carrozza.
73′ Ammonizione per Scavone per un fallo su Rivas.
72′ Secondo cambio per il Verona. Esce Cacia, entra Rivas.
71′ Ci prova il Verona con Cocco. L’attaccante fa partire un destro basso, deviato bene da Valentini.
70′ Sul secondo angolo consecutivo battuto da Fabiano, Iemmello colpisce di testa ma la palla, questa volta, è lontana dallo specchio. Pro Vercelli comunque più vivace in questi ultimi minuti.
69′ Rafael vola sul tiro di Iemmello. La Pro Vercelli è andata vicinissima alla rete grazie all’attaccante calabrese che ha fatto partire un sinistro a giro che stava andando ad insaccarsi nel sette. Il portiere veronese compie il miracolo deviando in angolo.
67′ Ci prova anche Rosso da fuori area. Il tiro del centrocampista bianco finisce di poco a lato.
66′ La Pro Vercelli ci prova ancora in contropiede ma Tiribocchi non arriva sul pallone servito da Sini che aveva interrotto l’azione offensiva veronese.
63′ Calcio di punizione per il Verona. Sul pallone Hallfredsson e Jorginho.
61′ Ammonizione per Bencivenga (Pro Vercelli) per un fallo su Jorginho.
60′ Ci prova ancora il Verona con Cocco. L’attaccante viene anticipato da Modolo che chiude in angolo. La partita è sicuramente più frizzante in questo secondo tempo.
58′ Gol annullato al Verona. Cacia aveva insaccato dopo un bel filtrante a mezza altezza di Hallfredsson. Nessuna protesta da parte della panchina scaligera.
56′ Ci prova ancora Tiribocchi, dopo un bello scambio con Iemmello. Il destro da posizione un po’ troppo defilata finisce sul fondo.
54′ Primo cambio per il Verona. Esce un Bojinov mai concreto, ed entra Cocco.
53′ Buono lo spunto tra Bencivenga ed Espinal. Il primo va a crossare sul fondo mettendo un buon pallone in area che Tiribocchi devia, tuttavia, fuori dallo specchio della porta difesa da Rafael.
51′ Conclusione di Abbate che finisce sul fondo.
46′ Riprende la gara. La Pro Vercelli usufruisce del primo cambio, togliendo un Di Piazza acciaccato e appannato con Iemmello.
SECONDO TEMPO
45′ Si chiude il primo tempo, senza recupero. Partita equilibrata fra un Verona ancora troppo poco propositivo. La Pro Vercelli si difende bene ma non riesce a sfruttare le azioni offensive con la giusta attenzione. A tra poco per il secondo tempo.
42′ Altro episodio dubbio. Ranellucci lascia uscire la palla sul fondo, ma l’assistente Lo Cicero assegna l’angolo al Verona. La decisione fa infuriare Camolese che viene redarguito dall’arbitro.
37′ Calcio di punizione per il Verona dalla trequarti offensiva. Nulla di fatto.
30′ Calcio di punizione per il Verona, praticamente all’altezza dell’angolo. Decisione discutibile, visto che sembrava essere stato il veronese Moras ad aver commesso fallo su Sini, diretto marcatore nell’occasione.
27′ Il Verona ha provato il contropiede dopo che la Pro aveva giocato malamente l’ultimo calcio d’angolo. Bojinov non ha gestito bene il pallone, facendosi anticipare da Ranellucci, attento in questa occasione.
21′ Calcio d’angolo per il Verona. Nulla di fatto sugli sviluppi.
17′ Si alza la bandierina del collaboratore dell’arbitro Mariani per un fuorigioco segnalato a Cacia, servito da Halfredsson in area. L’attaccante aveva servito il pallone a Bojinov che aveva insaccato ma l’azione era già ferma per il fischio dell’arbitro. Non si può, dunque, parlare di gol annullato.
15′ Occasione clamorosa sprecata da Carrozza che, pescato bene da Gomez, ha colpito maldestramente il pallone di testa. Occasione veramente sciupata dal Verona per passare in vantaggio.
12′ Sugli sviluppi dell’angolo Modolo e Espinal si sono ostacolati, mancando la deviazione vincente.
12′ Altra occasione per la Pro Vercelli. Da posizione defilata in area di rigore, Tiribocchi conclude verso la porta. Rafael devia in angolo.
8′ Il Verona cerca di impostare, la Pro invece punta sulle ripartenze. Buono l’ultimo spunto dei piemontesi con Bencivenga che ha saltato la linea con un passaggio alto per Fabiano che ha cercato di verticalizzare per Di Piazza. Pallone troppo lungo, ben controllato da Rafael.
7′ Conclusione anche per la Pro Vercelli. Ci ha provato Scavone, para centrale Rafael.
5′ Occasione per il Verona. Tiro al volo di Halfredsson da fuori area. Valentini si è disteso sulla sua sinistra, deviando il pallone fuori dalla portata di altri attaccanti della formazione scaligera.
4′ Il Verona si schiera con un 4-2-4 con Carrozza esterno offensivo sinistro e Gomez a destra, mentre Halfredsson e Jorginho giocano centrali di centrocampo. La Pro utilizza Fabiano nel ruolo di trequartista.
1′ La partita è iniziata. Primo possesso per la Pro Vercelli.
PRIMO TEMPO
Le squadre stanno entrando sul campo di gioco.
La curva della Pro Vercelli ha appena esposto uno striscione per contestare la squadra piemontese, rea di aver disputato le ultime gare con poco carattere.
Manca circa un quarto d’ora all’inizio della gara. A Vercelli il tempo è nuvoloso ma non sono previste precipitazioni nel primo pomeriggio. In città la neve ha fatto capolino due giorni fa, ma il campo – sintetico – è stato preservato grazie ai teloni.
Cambia poco la Pro Vercelli. Dentro Modolo dall’inizio al posto dello squalificato Cosenza, mentre Bencivenga occupa il settore destro al posto di Cancellotti. Mandorlini – squalificato – lascia il posto a Bordin che parte con un 4-2-4, con la sorpresa Bojinov dall’inzio in tandem con Cacia.
Ecco le formazioni ufficiali:
PRO VERCELLI: Valentini; Bencivenga, Ranellucci, Modolo, Sini; Rosso, Espinal, Scavone, Fabiano, Di Piazza, Tiribocchi. A disp. Miranda, Cancellotti Calvi, Caridi, Iemmello, Germano, De Silvestro. All.Camolese
VERONA: Rafael; Albertazzi, Moras, Maietta, Abbate; Halfredsson, Jorginho, Carrozza, Gomez; Cacia, Bojinov. A disp. Berardi, Huston, Ceccarelli, Rivas, Grossi, Cocco, Owusu. All. Bordin.

Buongiorno a tutti gli amici di SerieBnews.com. Siete collegati con lo Stadio “Silvio Piola” di Vercelli per la cronaca in diretta di Pro Vercelli e Verona, valida per il diciannovesimo turno del campionato di Serie B. Obiettivi diversi per le due squadre. I piemontesi devono riprendersi dopo il passo falso di Grossetto e provare ad uscire dalle retrovie della classifica. Di fronte un Verona che, dopo il successo contro l’Ascoli e il recupero mancato contro il Cittadella, si trova a dover fare punti per non perdere la scia di Sassuolo e Livorno in testa alla classifica.
A breve vi daremo conto delle formazioni ufficiali delle due squadre.
Segui la diretta live di Pro Vercelli – Verona, a partire dalle 15.
Hervé Sacchi

FONTE: SerieBNews.com


16.12.2012
Bordin non ci sta «Il Verona è vivo niente processi»
IN PANCHINA. Il tecnico ha sostituito Mandorlini costretto in tribuna
«Abbiamo creato molte occasioni, purtroppo ci è mancata la zampata vincente. Ora pensiamo alla Coppa Italia. Ci teniamo a far bella figura con l'Inter»
Roberto Bordin dà indicazioni a Jorginho e Hallfredsson, in avvio di ripresa. I due sono stati tra i migliori

Francesco Arioli VERCELLI
Niente processi, il Verona c'è. A dispetto del punticino rimediato al Piola, a dispetto della fuga lanciata da Sassuolo e Livorno, a dispetto di qualche perplessità rimasta sospesa nelle impressioni del 90'. A dispetto pure del tentativo di rientro di Varese, Modena, Empoli, ancora attardate ma vitali. Roberto Bordin, sostituto in campo dello squalificato Mandorlini, impugna sciabola e scudo per difendere la truppa gialloblù: «Il Verona ha avuto l'atteggiamento giusto», attacca, «e ha cercato fin dal 1' di vincere la gara. Magari siamo stati poco cattivi al momento di concludere o nell'ultimo passaggio ma abbiamo creato molte occasioni per fare gol. In alcune occasioni siamo stati imprecisi, in altre - come su quel tiro di Cocco nella ripresa - è stato bravo il portiere. Poi penso anche all'ultima palla di Rivas...

Un peccato perché Grossi e Cocco erano soli davanti al portiere e poteva finire diversamente. Peccato». Tanta pressione, soprattutto nella prima parte di gara, e buona mole di gioco. Però poche conclusioni. E soprattutto niente gol. Forse è mancata la profondità. Forse mancano i gol degli esterni. «Giocare in profondità diventa anche difficile su un campo così perché appena la palla tocca terra schizza via. Era difficile da controllare», rileva Bordin. E poi: «Mancano i gol, sì. Ma importa meno da chi arrivano. Io dico che abbiamo fatto molto senza finalizzare tutto quello che siamo riusciti a costruire». Rispedito al mittente anche il rilievo sulla scarsa brillantezza dei gialloblù: «Guardate che la partita l'abbiamo fatta noi. E se il pallino lo tieni tu devi spendere molte più energie rispetto a quelle dell'avversario», replica il tecnico. «La Pro ci ha provato con qualche lancio lungo e lì, riconquistata palla, dovevamo ripartire trovando sempre sette, otto giocatori schierati sulla difensiva. Nonostante una squadra così chiusa abbiamo creato parecchi presupposti per segnare». Cercando anche l'uno contro uno, senza peraltro ricavarne granché: «In alcune occasioni ci abbiamo provato, specialmente nel primo tempo. Non siamo sempre riusciti a saltare l'uomo però abbiamo trovato comunque, spesso, la superiorità numerica sugli esterni per arrivare al cross o al tiro da fuori area».

Una cosa è certa: Bordin il suo lavoro l'ha fatto bene anche senza tenersi in contatto telefonico con Mandorlini: «Ma i ragazzi sanno benissimo quello che devono fare. Durante la partita puoi proporre alcuni accorgimenti ma il resto dipende dal lavoro settimanale che facciamo assieme al mister». Livorno e Sassuolo, intanto, accelerano. Magari sfruttando l'occasione di passaggio, anche pescando il classico jolly: «Cambierà anche per noi», promette Bordin. «Capiterà anche a noi di fare come altre squadre che costruiscono anche molto ma comunque al primo tiro in porta fanno gol, anche in maniera casuale. L'importante è essere sempre lì a giocartela. È logico che una partita come questa ha il sapore di una sconfitta perché perdi due punti rispetto a chi ti sta davanti. Però dobbiamo stare tranquilli. C'è ancora tempo, prepariamo bene la Coppa Italia con l'Inter e le altre di campionato, cerchiamo di finire bene l'anno. Poi vedremo». A proposito di Coppa, non c'è nemmeno il tempo di rifiatare che martedì si accendono le luci del Meazza: «Noi iniziamo a preparare subito la partita. Siamo felici perché avremo tanti tifosi al seguito. Noi ci teniamo. E cercheremo di non sfigurare. E' quasi impossibile, ma andiamo a San Siro per fare la nostra figura».

Jorginho allarga le braccia «A noi non ne va dritta una»
I GIOCATORI. Albertazzi: «Abbiamo fatto una buona partita e ci è mancato solo il gol. Sono felicissimo di giocare»
Il regista gialloblù è deluso «Contro di noi vogliono fare tutti la partita della vita e noi forse dovremmo cercare di dare di più»
A testa bassa, i gialloblù si avviano agli spogliatoi: il bunker della Pro Vercelli ha retto fino al termine

Gianluca Tavellin VERCELLI
«Non va dentro! Proviamo di tutto, ma non entra. Rimpalli, miracoli del portiere e niente .. Speriamo di uscire presto da questo periodo, perché meritiamo di più di quello che raccogliamo...». Jorginho esordisce così nella nuova Palazzina dedicata a spogliatoi e sala stampa, creata in un angolo del «Silvio Piola», gioiellino di «architettura-calcistica» che ha mantenuto invariato il fascino della Tribuna liberty dei primi del novecento abbinandolo alle esigenze moderne, campo in sintetico compreso. È un misto di rabbia e delusione il regista gialloblù, oggi per esigenze tattiche e assenze varie, più mediano che fine suggeritore. «Il Sassuolo sta andando ai mille all'ora, il Livorno non molla. Ma ho visto qualche gara, però a loro van bene tutte...». Il centrocampista gialloblù pensa anche ai due interventi strepitosi di Valentini, oggi portiere della Pro Vercelli, ieri nella Sambonifacese. Eppure l'impressione che si ha dalla tribuna, ingigantita poi dalle riprese televisive, che danno meno il senso della velocità, il Verona è sembrato lento e un po' prevedibile in molte circostanze. Quasi non vi sia mai o raramente, il cambio di passo.

«Può essere», ammette il numero 19 dell'Hellas, «ma noi facciamo sempre la partita e dobbiamo impostare gioco e tornare a riprendere il filo quando gli altri distruggono e basta. Non è facile in queste condizioni ripartire». Non è facile avere la gamba per ripartire ed essere brillanti. Non era il campo migliore, misure al limite del regolamento, per gli esterni. Verona non schierato con il noto 4-3-3, ma Hellas che all'inizio ha fatto un 4-4-1-1 con Bojinov dietro a Cacia, ma che all'occorenza è diventato anche un 4-2-3-1 ed infine un 4-2-4. Insomma numeri a parte, il supplente Bordin insieme al titolare della cattedra, Mandorlini, le hanno provate tutte tatticamente, ma il fortino della Pro Vercelli è rimasto illeso. «Siamo noi giocatori», dice Jorginho, «che dobbiamo dare di più. Non è facile, tutti fanno la partita della vita contro di noi. Dobbiamo osare di più là davanti, ma ribadisco ci manca quel pizzico di fortuna che altri hanno e noi, no». La stessa sicurezza e la stessa tranquillità vista in campo, Michelangelo Albertazzi la mostra in zona mista. «Abbiamo fatto una buona partita, ci è mancato soltanto il gol».

Un vecchio maestro del calcio, amava ricordare che, dal campo alla panchina, per poi passare alla tribuna, si hanno sensazioni diverse. Un po' come dire che chi, è protagonista in campo, a volte vede un' altra gara. Questa considerazione può davvero calzare a pennello al giovane terzino del Verona che da queste parti ha lasciato buoni ricordi. Saranno stati i suoi anni di militanza nelle govanili del Milan. «Davvero», prosegue il lord della compagnia, «abbiamo fatto discretamente. Eravamo tutti concentrati. La Pro si è difesa con ordine, ma non ha costruito nulla. Si è limitata ad arginare la nostra manovra. Non è facile giocare così. Rafael è stato bravissimo sul tiro da fuori nel secondo tempo (tiro di Iemmello n.d.r), per il resto solo normale amministrazione per uno come lui.» Il biondo difensore del Verona non ha avuto problemi dalle sue parti ed è stato anche propositivo in fase offensiva. Meglio nel primo che nel secondo tempo. «È vero», ammette, «devo fare ancora molto. Sono felicissimo dell'opportunità che mi sta dando mister Mandorlini. Spero di giocarmela bene». Intanto, il piccolo lord, tornerà a San Siro da protagonista. Una grande soddisfazione per Albertazzi. «Ce lo siamo meritati. La Coppa Italia è iniziata a Chiavari, poi abbiamo eliminato squadre del calibro di Genoa e Palermo. Vedremo con l'Inter».

16.12.2012
LE PAGELLE
6,5 RAFAEL. Resta per tutta la partita a prendere freddo, d'altronde gli attaccanti avversari non mettono paura, ma quando Iemmello trova il tiro giusto lui risponde con una parata da campione.
5,5 ABBATE. Va spesso in difficoltà contro gli attaccanti avversari, sono rapidi e non è facile mettere un freno sulla fascia. Prova anche a spingere e dare una mano davanti ma si esibisce in due o tre cross da dimenticare.
6 MORAS. Tiribocchi fa gran movimento ma lui lascia fare, difende la posizione senza dannarsi l'anima, respinge con tempestività anche i tanti palloni che la Pro Vercelli cerca di mettere in mezzo dalla trequarti.
6,5 MAIETTA. Gli attacchi dei padroni di casa sbatto- no sempre contro di lui, padrone incontrastato dell'area di rigore, nell'ultima fase di gara cerca anche un paio di sortite offensive per dare una scossa a tutta la squadra.
6 ALBERTAZZI. Sempre ordinato sulla fascia sinistra, gioca con personalità e non perde mai la testa anche in due o tre occasioni di tensione.
5,5 CARROZZA. Un paio di accelerazioni interessanti, tanta buona volontà ma non trova mai la concretezza che serrve in partite come questa. Gravissimo l'errore nel primo tempo quando non inquadra la porta da due passi, un'occasione d'ora che poteva cambiare la partita.
s.v. GROSSI. Non ha il tempo e la voglia di entrare in partita, gioca una manciata di minuti e non lascia il segno su un gara ormai incanalata sullo zero a zero.
6 JORGINHO. Torna in campo dopo aver scontato la squalifica di una giornata con l'Ascoli, senza contare gli otto minuti di Cittadella che non lasceranno il segno nella storia gialloblù. Parte bene, gioca un sacco di palloni, detta i tempi per far ripartire l'azione. Nella ripresa limita molto il raggio d'azione e tutta la manovra ne risente.
6,5 HALLFREDSSON. Una prestazione positiva per il vichingo islandese, in mezzo al campo è un punto di riferimento, si fa trovare pronto anche in avanti, bello il suo sinistro in apertura di gara che trova pronto il bravo Valentini.
6 GOMEZ. Parte bene, una spina nel fianco nella difesa della Pro Vercelli, un paio di accelerazioni sulla fascia portano a due o tre occasioni d'oro mal sfruttate dai compagni di squadra. Nella ripresa cala alla distanza anche se si fa sempre apprezzare in fase di copertura.
5 BOJINOV. Evanescente, non lascia traccia sulla partita, anche se cerca spazio da una parte all'altra del fronte offensivo. Sempre anticipato nel gioco aereo, fa fatica anche palla a terra e i suoi avversari sono onesti difensori come Modolo e Ranellucci e non certo giocatori di fama mondiale.
6 COCCO. Entra in campo con il piglio giusto, si fa apprezzare per un paio di conclusioni interessanti in area avversaria, dà forza a tutto l'attacco del Verona. Cerca anche il gol dalla distanza, trova il bravissimo Valentini sulla sua strada.
5,5 CACIA. Qualcosina meglio di Bojinov ma anche lui non trova mai lo spunto giusto, un paio di giocate buone in fase di costruzione, una conclusione a rete in fuorigioco poi viene stritolato dalla morsa dei difensori della Pro Vercelli.
5 RIVAS. Viene gettato nella mischia quando il Verona sta spingendo alla ricerca del vantaggio e la Pro Vercelli resiste ormai stanca e in debito d'ossigeno ma non entra mai in partita e quando mette l'acceleratore sulla fascia, costruisce una bella azione ma si dimentica di servire due compagni liberi in area.
6 BORDIN. Va in panchina al posto di Mandorlini ma da più di due anni sta con il mister sulla panchina del Verona e ormai conosce tutti i segreti dello spogliatoio. Si sbraccia, richiama, urla, non serve a nulla perchè l'Hellas con il passare dei minuti si addormenta.

5 MARIANI. Fischia in modo strano, applica un regolamento tutto suo, finisce con l'irritare le due squadre per una direzione di gara scadente.

PRO VERCELLI: Valentini 6.5, Bencivenga 6, Ranellucci 6,5, Modolo 7, Sini 6, Espinal 6, Rosso 6.5, Scavone 6, Fabiano 6.5, Di Piazza 5 (Iemmello 6,5), Tiribocchi 6.

16.12.2012
L' Hellas in freezer Congelati gol e idee E le altre scappano
Meglio il primo tempo, mentre nella ripresa i gialloblù non sono riusciti a ripetersi. E anche il 4-2-4 ha finito per non dare risultati
L' Hellas in freezer Congelati gol e idee E le altre scappano

Luca Mantovani VERCELLI
Hellas congelato nella «ghiacciaia» di Vercelli. Freddo e neve devono aver bloccato non solo i muscoli delle gambe, ma anche la testa dei giocatori del Verona che non vanno oltre lo zero a zero con l'ultima della classe. Un'amarezza in più per Maietta e compagni che vedono allontanarsi Sassuolo e Livorno, le due squadre che occupano le prime posizioni. Con due sole giornate da giocare prima della fine del girone d'andata il Verona deve dimenticare il titolo di campione d'inverno - visto che matematicamente non può più agganciare la testa - e pensare fin d'ora al girone di ritorno. È vero che Sassuolo e Livorno stanno viaggiando con una media da record ma, a questo punto, bisogna fare i conti con queste due squadre e l'Hellas visto a Vercelli non può tenere il passo con le «regine» del campionato, anche se 36 punti in 19 partite non sono pochi.

L'INVERSIONE DI ROTTA. Nelle ultime gare c'è stata un'inversione di rotta, i gialloblù hanno raccolto cinque punti, hanno vinto solo con l'Ascoli al Bentegodi, pareggiato con Cesena e Pro Vercelli, perso a Cittadella e Brescia. Veramente troppo poco per una squadra che lotta per la promozione. Anche perchè non può essere solo una questione di modulo, deve cambiare soprattutto l'atteggiamento. Viste le assenze per infortuni e squalifiche, Roberto Bordin - in panchina al posto dello squalificato Mandorlini - parte subito con due centrocampisti come Jorginho e Hallfredsson davanti alla difesa, Cacia e Bojinov sono i punti di riferimento centrali, Carrozza e Gomez si allargano sulle fasce. Un 4-4-2 molto proiettato in avanti che diventa un 4-2-4 quando l'Hellas attacca compatto. La Pro Vercelli si difende come può, Camolese infoltisce il centrocampo, in attacco lascia solo Tiribocchi; Di Piazza e soprattutto Fabiano sono i primi attaccanti che rientrano quando gialloblù attaccano.

AVVIO RABBIOSO. Il Verona parte forte, come aveva fatto con l'Ascoli. Dopo una manciata di minuti Hallfredsson prova a ripetere in terra piemontese l'exploit del Bentegodi. Rasoiata dal limite a file d'erba - rigorosamente sintetica - e balzo felino di Alex Valentini, ex numero uno della Sambonifacese, che si allunga e mette in angolo. I gialloblù capiscono che possono farcela, spingono sull'acceratore, arrivano fino alla tre quarti con facilità ma sbattono sistematicamente sui difensori avversari oppure sbagliano il penultimo passaggio. Mancano lucidità e corsa, non c'è freschezza atletica. Al 14' il vantaggio sembra cosa fatta. Splendido lo spunto di Gomez, cross in mezzo, Carrozza è solo sul secondo palo e deve solo mettere dentro ma colpisce tutto solo di testa senza inquadrare la porta. Incredibile. Il primo tempo scivola via senza troppe emozioni, un gol annullato per fuorigioco a Bojinov e nulla più.

IL COPIONE NON CAMBIA. Ti aspetti una ripresa diversa, un Verona più carico visti anche i risultati che arrivano dagli altri campi ma il copione non cambia. Hellas discreto fino alla trequarti poi una serie di errori e due esterni che partono e ripartono ma non regalano mai un sorriso, non solo in zona gol ma neppure sulla fascia. Bordin mescola le carte, getta nella mischia forze fresche per alimentare la manovra offensiva: Bojinov, Cacia e Carrozza lasciano il posto a Cocco, Rivas e Grossi. Solo l'ex attaccante dell'Albinoleffe regala un paio di brividi in area avversaria. E quando meno te l'aspetti si fa viva proprio la Pro Vercelli che mette paura a Rafael con un gran bolide di baby Iemmello. Negli ultimi minuti l'Hellas prepara l'ultimo assalto, ma ormai è troppo tardi. Al Silvio Piola vince il freddo.

16.12.2012
«Manca il cuore, così diventa dura»
DALLA PARTE DEI TIFOSI. Commenti delusi del «popolo dell'Hellas» al termine della scialba prestazione di Vercelli
«E poi dobbiamo esaltarci meno. Sabato scorso, sembravamo il Real... E avevamo battuto l'Ascoli»

Gente felice ce n'è poca a fine partita. Il punto di Vercelli pare una mezza sconfitta. RadioVerona ha tutte le linee intasate già trenta secondi dopo il fischio di chiusura. Non tira una bella aria. «Ci si aspettava di più - dicono in molti -, se vuoi andare in serie A come fai a pareggiare contro la Pro Vercelli?». La domanda resta il filo conduttore di tutta la diretta. Stefano ha un diavolo per capello: «Il Verona non tira e non corre, seicento milioni di passaggi per nulla». Matteo è «delusissimo per la prestazione, senza dover per forza sempre tirar fuori giustificazioni quando non si fa risultato. La Pro Vercelli era niente. Ricordiamoci di non aver fatto un tubo finora, senza per questo doversi rifugiare nella Coppa Italia. Di quella non me ne faccio niente».

Christian è convinto che «il Verona sia nel pieno di una crisi tattica e tecnica. Non concludiamo sufficientemente in porta e certi giocatori stanno rendendo molto meno rispetto all'inizio. Qualcuno credo sia stato sopravvalutato. E Cacia è abulico. E poi esaltiamoci meno quando vinciamo. Sabato scorso sembrava avessimo battuto il Real Madrid». Roberto percorre un'altra linea: «Manca il cuore. Manca la voglia di vincere e di soffrire. Gli ultimi venti minuti sono stati terribili. Carrozza, Rivas e Grossi non stanno combinando nulla. A volte Cacia sostituiamolo un po' più spesso, magari per primo. Mi pare si sia adagiato sugli allori. Manca lo spirito dello scorso anno». Dura sollevare anche il morale di Luca: «Sono deluso, da tutto. O questi signori si danno una regolata oppure non si va da nessuna parte. Ci vuole meno forma e più sostanza, questo pareggio per me ha anche tolto valore alla partita di San Siro. Dobbiamo andare in serie A, non farci fotografare con Zanetti e Milito». Pierino rompe il filone del pessimismo: «Giocare a Vercelli non era facile, per di più su un campo sintetico. Chi critica non conosce il calcio. Ci sono ancora 69 punti a disposizione, questo conta per ora».

Lucia avvalora la tesi: «Meglio essere primi a giugno che a dicembre. Il mese di sosta cambierà tutto, anche se Livorno e Sassuolo si rinforzeranno sul mercato. Fa niente, abbiamo battuto entrambe meritandolo anche. Non possono improvvisamente essere diventate imbattibili». Andrea vede il bicchiere soprattutto mezzo vuoto: «Per fare strada in serie B servono corsa e tecnica. Abbiamo abbondanza della seconda, carenza della prima. E non è un gran segnale». Marco invoca Sogliano: «Dia lui la scossa, chiaro che qualcosa non va. Un organico come quello del Verona non può avere nove punti di ritardo dal Sassuolo e sei dal Livorno, con tutto il rispetto. Meglio mettersi attorno a un tavolo e parlarne: presidente, direttore sportivo, allenatore e giocatori. Che si guardino bene in faccia, serve una svolta. Da qui a fine anno ci servono nove punti. E smettiamola di pensare che le prime rallenteranno. Lo dicevamo anche l'anno scorso del Pescara...».
A.D.P.

15.12.2012
Vercelli apre le porte ai sostenitori del Verona
Si presenta Benvenuti a Vercelli

La sfida tra Hellas e Pro è diventata l'occasione per presentare l'iniziativa «Benvenuti a Vercelli» nella Sala Consiglio della Camera di commercio di Verona. Attraverso questo progetto, Vercelli e il suo territorio sono lieti ed orgogliosi di ospitare tifosi, appassionati e dirigenti del Verona in occasione della trasferta di oggi pomeriggio. Per queste ragioni e per rafforzare il concetto che la gara calcistica costituisce un momento di incontro e di conoscenza reciproca, la Camera di Commercio di Vercelli ha voluto cogliere l'occasione della promozione in Serie B della Pro Vercelli, storica compagine del capoluogo, come opportunità per far conoscere e apprezzare le eccellenze locali. Ecco allora un percorso di ospitalità e di accoglienza, denominato «Benvenuti a Vercelli», destinata agli ospiti di Verona che accompagnano la squadra in questa trasferta. Dopo i saluti di Ferdinando Albini, vicepresidente della Camera di Commercio di Verona, Paolo Tofi, vice presidente della Camera di Commercio di Vercelli, ha sottolineato l'importanza per il territorio e l'economia in quanto offre l'opportunità di far conoscere le bellezze e le tipicità del territorio vercellese. Felix Lombardi, responsabile di Atl Turismo Valsesia Vercelli, ha ribadito come, attraverso «Benvenuti a Vercelli», il calcio possa diventare un «collante» fra le diverse tifoserie. Chiara Vittoni, Ascom Vercelli, ha quindi illustrato nel dettaglio l'accoglienza e le facilitazioni destinate ai graditi ospiti; la città propone infatti sconti per consumazioni nei locali pubblici e nei locali della somministrazione (ristoranti, pizzerie, birrerie), e per l'ospitalità in hotel e alberghi: il tutto utilizzabile presentando il biglietto della partita. A ciò si aggiunge un corner di vendita di riso vercellese in un'area facilmente identificabile nei pressi dello stadio. Inoltre tra i possessori dei biglietti del settore ospiti verrà sorteggiato un soggiorno in località turistiche della Valsesia.

14.12.2012
Il Verona ricorda Pier Mario e scende in campo con Stefano
IL PROGETTO. Presentata nell'auditorium di «Casa e...» l'iniziativa ideata dall'Hellas dopo i cori offensivi di Livorno. Già scattata la corsa su Ebay, la vendita si chiude il 23 dicembre. I fondi raccolti saranno devoluti alla «Fondazione Borgonovo»
In ricordo di Pier Mario Morosini. Per Stefano Borgonovo. Ventitrè maglie gialloblù messe all'asta, quelle di Verona-Lanciano, con una scritta ricamata a mano che dice già tutto: «Moro per sempre con noi». Ebay dalle 16 di ieri pomeriggio è stata già invasa dagli innamorati dell'Hellas o semplicemente da chi vuole con un piccolo gesto aiutare «chi è stato meno fortunato di noi», come ricordava ieri mattina Giovanni Gardini, direttore generale del Verona, con la voce che specie all'inizio andava e veniva. Vicino a Morosini agonizzante, quel pomeriggio di Pescara, c'era anche lui.

Un'iniziativa «non solo riparatoria dopo quel che è successo a Livorno», è stato ricordato a «Casa e...» di Piazzale Cadorna in mezzora ricca di significato, fra storie di vita e tanti applausi. Uno dei tanti gesti per guardare avanti. Alla sinistra di Gardini c'è Alessandra Borgonovo, figlia di Stefano, che tutt'Italia ammirò qualche anno fa in diretta televisiva al Franchi di Firenze, vicino alla sedia a rotelle del papà guidata da Roberto Baggio. Ma la terribile Sla non l'ha avuta vinta, Stefano è uno duro. C'è anche Davide Pellegrini, amico di Borgonovo da una vita. Rivali quando uno era a Como e l'altro a Varese, compagni di squadra alla Fiorentina e di camera al corso allenatori di Coverciano. Ci sono anche Pierino Fanna e Graziano Battistini. «A volte ci fermiamo davanti ad un pallone che prende il palo e va fuori o dentro - ha evidenziato Gardini -, invece il calcio adesso ha bisogno soprattutto di messaggi positivi. Con quest'ottica dobbiamo ragionare. La fortuna che abbiamo avuto noi ora dobbiamo metterla al servizio degli altri. E pensando sempre a Pier Mario, non poteva esserci un compagno di viaggio migliore di Stefano Borgonovo».

L'asta durerà fino alle 16 del 23 dicembre, tutto il ricavato andrà alla Fondazione Stefano Borgonovo Onlus. «È una splendida iniziativa - ha commentato Alessandra Borgonovo -, purtroppo legata a una tragedia ma anche a una speranza. Mio padre sta continuando a combattere, state sicuri che lui sta segnando e segnerà ancora tanti gol come ai bei tempi. A modo suo. Il Verona ha avuto un pensiero davvero speciale». Per avere una delle preziose magliette basterà collegarsi ad ebay all'account Fondazione Stefano Borgonovo Onlus, si è partiti da una base di 150 euro. «Stefano ama la vita - ha ricordato Pellegrini, adesso allenatore degli Allievi regionali dell'Hellas - anche adesso che sta combattendo contro la malattia che l'ha colpito. Ha una forza particolare, è un esempio per tutti. Mi teneva sveglio fino alle due di notte per raccontarmi le sue barzellette, sempre con tanta voglia di scherzare. Allora come adesso. Bello che il Verona abbia voluto pensare a lui».
A.D.P.

FONTE: LArena.it


Albertazzi: "Non possiamo più sbagliare"
Postata il 15/12/2012 alle ore 20:37
Il difensore gialloblù al termine della partita di Vercelli: "C'è tanto rammarico per il pareggio, però dobbiamo continuare a pensare a noi e a ritrovare la strada giusta"
VERCELLI - Ecco le dichiarazioni del difensore gialloblù Michelangelo Albertazzi, dopo il pareggio di Vercelli: “Secondo me non abbiamo fatto male, le occasioni ci sono state, soprattutto nel primo tempo, ma non ci è andata bene. Siamo scesi in campo pronti ad affrontare le difficoltà che ci attendevano. In settimana l’abbiamo preparata bene purtroppo però non siamo riusciti a portare a casa i 3 punti. Il sintetico è molto funzionale per le squadre tecniche, ma se bagnato non ti permette di giocare in profondità perché appena la palla tocca terra prende velocità e diventa incontrollabile. La mia prestazione? Sto trovando sicurezza e credo di aver fatto bene, anche se purtroppo non è servito per vincere. Perché bene con le grandi e male con le piccole? Probabilmente quando le squadre si chiudono tanto troviamo qualche difficoltà, mentre se gli avversari ci affrontano a viso aperto per noi è più facile. L’Inter? Adesso possiamo pensare alla partita di Coppa Italia, c’è tanto rammarico per i punti persi ma la sfida con i neroazzuri ce la siamo guadagnati tutti assieme ed è un premio. Per me avrà un sapore speciale e spero di essere in campo. Livorno e Sassuolo scappano? Non siamo preoccupati però non possiamo più perdere terreno. Pensare agli altri rischia di farti allontanare dai tuoi obiettivi, noi dobbiamo guardare solo a noi e cercare di non sbagliare più”.
Ufficio Stampa

Bordin: "Abbiamo perso 2 punti importanti"
Postata il 15/12/2012 alle ore 20:29
L'allenatore gialloblù in panchina al posto dello squalificato Mandorlini: "Ci abbiamo provato, tante le occasioni da gol. Peccato non essere stati cattivi sotto porta"
VERCELLI - Ecco le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù, Roberto Bordin, in panchina contro la Pro Vercelli al posto dello squalificato Mandorlini: "La squadra ha avuto l'atteggiamento giusto fin dal 1' minuto per vincere la gara. Siamo stati poco cattivi nelle conclusioni finali o nell'ultimo passaggio, perché abbiamo creato molte occasioni da gol. Peccato, perché l'atteggiamento era quello giusto e la squadra ci ha provato fino in fondo. Ci sono mancati i gol, non siamo riusciti a finalizzare tutto quello che abbiamo costruito e in effetti questi si possono considerare due punti persi. Dobbiamo lavorare per essere più concreti, era difficile ripartire con 7-8 giocatori schierati. Nel primo tempo non siamo riusciti spesso a saltare l'uomo, ma abbiamo creato tanto. Costruito molto, ma finalizzato poco. I cambi di modulo? Provato con due mediani, poi con tre attaccanti più avanti e poi con Cacia più avanti ancora. Abbiamo modificato tre volte il modulo, ci è mancata la zampata finale. Livorno e Sassuolo volano? Cambierà anche per noi, ci sono squadre che appena toccano la palla fanno gol. Ma l'importante è stare lì. Restiamo tranquilli, ora c'è la prossima partita di Coppa Italia da preparare al meglio. Cacia e Bojinov? Avevano speso molto, con Cocco siamo andati vicini al gol. Peccato nel finale per quella palla di Rivas che poteva andare meglio. Io in panchina senza telefonino? Certo, i ragazzi sanno quello che vuole il mister, lo fanno bene durante la settimana. L'Inter? Andremo a fare una bella figura, ci saranno molti tifosi al seguito, è una partita sentita e quasi impossibile. Ma noi non vogliamo sfigurare".
Ufficio Stampa

Jorginho: "Ci è mancato solo il gol"
Postata il 15/12/2012 alle ore 20:20
Il centrocampista gialloblù al termine della partita di Vercelli: "Abbiamo fatto una buona partita. Dobbiamo lavorare ed avere pazienza, sono sicuro che i risultati arriveranno"
VERCELLI - Ecco le dichiarazioni del centrocampista gialloblù Jorginho, dopo il pareggio per 0-0 del Silvio Piola di Vercelli: “Abbiamo fatto un a buona prestazione ci è mancato solo il risultato. Preoccupati dalla fuga di Sassuolo e Livorno? No assolutamente, dobbiamo solo lavorare bene, stare tranquilli, metterci più cattiveria e i risultati sono sicuro arriveranno. I periodi difficili esistono e bisogna stare uniti per superarli il più in fretta possibile e riprendere la strada giusta. La causa di questi risultati? Non lo so, sento dire presunzione ma non credo. Quando scendiamo in campo lo facciamo con umiltà e per vincere, però non sempre riusciamo a chiudere le partite. Dobbiamo essere più convinti. L’Inter? Si adesso possiamo pensare alla partita di martedì. Però forse era meglio concentrarsi di più sulla Pro Vercelli, abbiamo lasciato due punti che dovevano essere nostri. Loro si sono difesi bene e ci hanno messo tanta intensità, ma una squadra come l’Hellas, con le potenzialità che ha, non può perdere punti qui. Adesso siamo a 9 e 6 punti rispettivamente da Sassuolo e Livorno, questo non mi preoccupa ma mi lascia l'amaro in bocca perché sono sicuro che potremmo esserci noi lassù”.
Ufficio Stampa

Hellas Verona, a Vercelli termina 0-0
Postata il 15/12/2012 alle ore 14:32
I gialloblù tengono bene il campo, ma non riescono a trovare l'idea giusta per scardinare la difesa dei padroni di casa
VERCELLI - Al Piola termina 0-0. Il Verona tiene bene il campo, soprattutto nella prima frazione, riempiendo il sintetico di Vercelli di gioco ma non trovando l’idea giusta per scardinare la difesa della Pro. Undici dietro la linea della palla e ripartenze rapide a sfruttare Tiribocchi, questo il gioco dei padroni di casa. Con questi moduli squadre equilibrate ma occasioni che latitano, inoltre l’intensità dei gialloblù va via via calando e lo 0-0 diventa inevitanbile. Sassuolo e Livorno si allontanano di 2 punti.

PRO VERCELLI-HELLAS VERONA 0-0
Marcatori:.

Primo Tempo
5' Tiro al volo di Halfredsson dal limite, bella parata di Valentini
7' Scavone ci prova da fuori, facile per Rafael
12' Palla filtrante per Tiribocchi che si gira e, da posizione defilata, conclude, Rafel respinge in angolo
15' Assist di Gomez Taleb per Carrozza che di testa schiaccia troppo a pochi passi dalla porta
32' Punizione dalla destra di Carrozza, la palla esce dall'area e Hallfredsson calcia di prima, alto
35' Tiro-cross di Carrozza, troppo sul portire che blocca

Secondo Tempo
5' Abbate salta Sini e calcia, la palla sfila a lato
6' Bella azione del Verona che libera Gomez Taleb al cross, palla a Bojinov che però controlla male e succesivamente conclude a fuori
12' Vercelli vicino al gol con il tiro ad incrociare da destra di Tiribocchi che si perde di un niente sul fondo
14' L'Hellas Risponde con Carrozza che si accentra e tira, la palla, complice una deviazione, sfiora il palo
22' Rosso clpisce bene la palla dalla distanza, a lato
23' Miracolo di Rafael sul tiro a giro da fuori di Iemmello, sull'angolo successivo è ancora lui a mandare a lato di testa
26' Cocco dopo aver saltato due uomini trova sulla sua strada Valentini
45' Rivas in campo aperto salta l'ultimo uomo ma perde l'equilibrio e non riesce a tirare

PRO VERCELLI (4-3-1-2): Valentini; Bencivenga, Sini, Ranellucci, Modolo; Espinal, Rosso, Scavone; Fabiano (dal 40' st Germano); Tiribocchi (dal 33' De Silvestro), Di Piazza (dal 1' st Iemmello).
A disposizione: Miranda, Cancellotti, Calvi, Caridi, De Silvestro.
All.: Camolese.
HELLAS VERONA (4-4-1-1): Rafael; Abbate, Moras, Maietta, Albertazzi; Gomez Taleb, Hallfredsson, Jorginho, Carrozza (dal 33' Grossi); Bojinov (dal 9' st Cocco); Cacia (dal 27' st Rivas).
A disposizione: Berardi, Huston, Ceccarelli, Owusu Taleb.
All.: Bordin.
Arbitro: Mariani di Aprilia.
Assistenti: Ranghetti e Lo Cicero.

NOTE. Ammoniti: Bencivenga, Scavone, Modolo. Spettatori:.
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC]
SCI: Nel SuperG della Valgardena, valevole per la Coppa del Mondo, solo il norvegese SVINDAL riesce a battere la valanga azzurra giunta al secondo posto con MARSIGLIA e al terzo con HEEL!
CALCIO AUSTRALIA: La squadra di DEL PIERO battuta ancora una volta!


FONTE: Leggo.it

15.12.2012
Soltanto Svindal resta davanti alla Valanga azzurra
SCI. Il SuperG sulla Saslong in ValGardena
Matteo Marsaglia e Werner Heel sul podio: non accadeva dal 1995

VAL GARDENA Solo Aksel Lund Svindal riesce a battere gli italiani nel SuperG di Val Gardena, valido per la Coppa del mondo di sci alpino maschile. Il campione norvegese si è imposto sulla Saslong con il tempo di 1'36"95 superando gli azzurri Matteo Marsaglia e Werner Heel, rispettivamente secondo (a 1"07) e terzo (a 1"12). Decimo, con un ritardo di 1"83 l'altro italiano Christof Innerhofer. Svindal fa dunque il maestro nel supergigante maschile che ha aperto il tour italiano della Coppa del mondo: ma l'Italia continua a stupire grazie alle imprese degli sciatori di casa nostra, ancora una volta brillanti protagonisti con Matteo Marsaglia e il redivivo Werner Heel a far compagnia sul podio al fenomeno norvegese su una pista storicamente avara di soddisfazioni per i nostri colori. Svindal festeggia il trionfo numero tre della stagione (e quinto podio) che gli consente di allungare decisamente in vetta alla classifica generale di Coppa del mondo.

Ma gli applausi stavolta sono da condividere con il 27enne alpino piemontese di origini romane, vincitore due settimane fa a Beaver Creek e autore ieri di un'altra grande prestazione che lo promuove ormai fra gli specialisti della disciplina. E torna a sorridere pure Werner Heel, da tre anni giù dal podio e lontano dalle posizioni di vertice nelle ultime due stagioni. Il finanziere di San Leonardo in Passiria aveva lanciato segnali positivi nelle prime gare stagionali con due quinti posti a Lake Louise e Beaver Creek: stavolta ha fatto addirittura meglio chiudendo a 42 le gare di digiuno dal podio. Erano 17 anni e 107 SuperG che l'Italia non piazzava due atleti fra i primi tre. La grande giornata azzurra è completata dal decimo posto di Cristof Innerhofer, dal 13esimo di Dominik Paris e dal 19esimo di Peter Fill. Va a punti pure Siegmar Klotz, 22esimo. In classifica generale di Coppa, Svindal sale a quota 540 punti contro i 408 di Ligety; Moelgg è quinto con 224, Marsaglia sesto con 209 e Heel nono con 161. Oggi la discesa, con inizio alle 12.15.

FONTE: LArena.it
Condividi questo articolo:
Vota su WikioSegnala su SourceForgeSegnala su BookmarkTrackerCondividi su Meemi

3 commenti:

So benissimo che e' criticato da tutto ed e' un " venezia" ,perche' la passa solo quando ne ha dribblati ma..... Rivas e' l' unico capace di saltare l uomo ed andare per il verticale anziche' l orizzontale ed il lancio lungo e molle( andava bene nel 1975,oggi no). Non c'e' NESSUNO capace di fare il passaggio filtrante verticale. Di onseguenza,NON siamo veloci. Assenza o non assenze( laner,bacinovic) ,e' questo che mi manca: verticalita'. Infatti martinho ci sembra un marziano perche' parte in verticale: l unico. Andremo in A lo stesso.fiducia e pazienza

Non concordo...
A mio avviso il problema di fondo è più grave: Non giochiamo da squadra e ci basiamo sulle giocate dei singoli che, quando sono in giornata no, ti fan pagare caro... Il calcio è sempre stato e sempre sarà gioco di squadra: Se nessuno corre per gli altri sei destinato a magre figure!
P.S: Che significa essere un 'Venezia'?

Il venezia o veneziano e' quello che non passa mai la palla ad un compagno. Ed ora.....tutti a san sirooooooooo! :-)

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini