.

Anteprima PALERMO-VERONA, iniziamo dalla fine: L'HELLAS perde (quasi) a Cittadella ed il PALERMO trionfa nel sentitissimo derby tutto siculo con il CATANIA grazie anche al 100° gol in Serie A di quell'autentico trascinatore che è MICCOLI che con un suo gol condannò gli scaligeri all'unica sconfitta nelle amichevoli precampionato con un'autentica 'perla' su calcio di punizione

Pubblicato da andrea smarso domenica 25 novembre 2012 12:42, vedi , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento


ANTEPRIMA PALERMO-VERONA
Sono circa 300 i tifosi gialloblù che stasera vedranno dal vivo PALERMO-VERONA di Coppa Italia, gli altri si dovranno accontentare della diretta su RAI Sport 1 (una volta tanto tocca anche all'HELLAS andare in TV gratis!)
La fiducia è tanta fra i sostenitori scaligeri nonostante la 'magra' rimediata al Sabato 'Tombolato' e al campo di Sandrà, durante l'ultimo allenamento della squadra, è apparso lo striscione 'Direzione Palermo, destinazione Milano...' alludendo al 5° turno eliminatorio che vedrà la vincente a 'La Favorita' scontrarsi con l'INTER
La vittoria dell'HELLAS è data a 4,35! A 3,45 il pareggio... Gli scommettitori insomma vedono passare il PALERMO io invece punterei sul passaggio del VERONA (e non solo perchè tifo gialloblù)

I CONVOCATI
GASPERINI lascia fuori MICCOLI e porta 'solo' due attaccanti: BUDAN e DYBALA, si annuncia un ampio turn over, fra i pali partirà BENUSSI...
Questa la lista dei rosanero chiamati a giocare contro il VERONA
Portieri: Benussi, Brichetto, Ujkani.
Difensori: Aquino, Cetto, Garcia, Labrin, Milanovic, Morganella, Munoz, Pisano.
Centrocampisti: Arevalo Rios, Barreto, Brienza, Donati, Giorgi, Ilicic, Kurtic, Sanseverino, Viola, Zahavi.
Attaccanti: Budan, Dybala

MANDORLINI deve inventare un centrocampo in allarme rosso per Palermo: Fuori contemporaneamente BACINOVIC, GROSSI, MARTINHO, JORGINHO e LANER! L'unico centrocampista di ruolo sarà HALLFREDSSON e forse verrà riadattato CACCIATORE in una sorta di '4-4-2 a rombo' magari con GOMEZ spostato sulla trequarti dietro alla coppia d'assi CACIA-BOJINOV... Ma ci sono anche 3 primavera, sorprese in arrivo?
Ecco la lista dei 20 anti PALERMO:
Portieri: 1 Rafael, 33 Berardi, 12 Nicolas.
Difensori: 5 Ceccarelli, 25 Crespo, 18 Moras, 29 Cacciatore, 3 Albertazzi, 26 Fatic, 13 Abbate.
Centrocampista: 10 Hallfredsson, 28 Arzamendia, 31 Owusu, 14 Calvano.
Attaccanti: 23 Cocco, 17 Carrozza, 8 Cacia, 21 Gomez Taleb, 7 Rivas, 30 Bojinov

...Iniziamo dalla fine: L'HELLAS perde (quasi) a Cittadella dove rimangono 8 minuti e 17 secondi regolamentari ancora da dipanare ed il PALERMO trionfa nel sentitissimo derby tutto siculo con il CATANIA grazie anche al 100° gol in Serie A di quell'autentico trascinatore che è MICCOLI che fra l'altro con un suo gol condannò gli scaligeri all'unica sconfitta nelle amichevoli precampionato con un'autentica 'perla' su calcio di punizione.

Da qui vorrei partire ma, sottolineando che finchè non suona la campana (come diceva Sly in Rocky V) la partita non è finita e l'obbligo da parte di tutti è crederci, sarebbe da sciocchi non fare i conti la realtà di quello che si è visto al 'Tombolato': Nel primo tempo l'HELLAS ha costruito più degli avversari ed è passato in vantaggio, nel secondo ha 'tirato i remi in barca' cercando di amministrare e per la 16esima volta in questo campionato (come non ha mancato di evidenziare MANDORLINI nell'immediato dopogara) è stata raggiunto e per ora anche superato...
In realtà è successo 'solo' in 9 occasioni (Coppa Italia contro la VIRTUS ENTELLA inclusa) e più di qualche volta i gialloblù l'hanno spuntata o hanno dimostrato un gran carattere per farlo ma, indipendentemente da statistiche e analisi, non può non preoccupare il fatto che molti giocatori (sopratutto sulle fasce) non stiano rendendo per quanto sperato e che in alcune situazioni di gioco la fase difensiva scaligera 'balli' paurosamente nonostante le belle prove fornite dai centrali di riferimento MORAS e MAIETTA.

Emblematiche sono le foto dei due gol subiti col CITTADELLA per spiegarmi con più chiarezza:


Nella prima immagine GROSSI in ripiegamento difensivo non riesce ad evitare che la palla arrivi a MAAH che, chiuso tra MAIETTA e CACCIATORE inventa il tacco per il suo collega ad un paio di metri; quest'ultimo controllato da CRESPO e MORAS riesce ad anticipare tutti e a crossare in mezza acrobazia per l'accorrente SCHIAVON vanamente inseguito da GOMEZ (trasformatosi in terzino per l'occasione) che a tu per tu con RAFAEL segna il più facile dei pareggi.
Nell'immagine successiva il secondo gol: CRESPO si fa sfuggire il neoentrato BIRAGHI (di professione terzino), MORAS chiude lo specchio con LANER e BACINOVIC in ripiegamento, MAAH 'brucia' MAIETTA e CACCIATORE e si infila in una voragine difensiva che costa il secondo gol!
Ora capisco che nel 4-3-3 gli esterni d'attacco debbano trasformarsi in terzini all'occorrenza ma vi giuro che vedere 'Juani' inseguire inutilmente l'avversario che avrebbe poi pareggiato mi ha messo tristezza... Anzi no: El m'ha fato cavar el cor! Questa espressione rende al mglio il commento di quell'immagine che con la patria lingua non riesco a rendere altrettanto efficacemente! E poi CRESPO per il quale vale più o meno il discorso fatto per l'argentino con l'aggravante che in teoria lo spagnolo è un difensore...
Vogliamo analizzare anche l'efficacia dello schema in toto? Com'è possibile che MAAH&Co. viaggino ad una velocità doppia sia di testa che di gamba quando i nostri sono ancora lì a cercare di capire che cosa stà succedendo?
Credetemi dispiace tantissimo fare di queste considerazioni ma la chiarezza delle immagini è già di per sé impietosa...

A Palermo rientreranno MARTINHO e HALLFREDSSON? Bene...
Ma al 'Tombolato' le cose sarebbero andate diversamente con loro in campo? Non lo sapremo mai, quello che sappiamo invece è che col CESENA, a Crotone e a Padova (tanto per citare le gare più deludenti) i due c'erano ed il risultato non è stato certo quello auspicato! La sfortuna ci ha messo lo zampino? È vero... Un rimpallo sfavorevole può decidere l'esito di una partita ma sono altrettanto sicuro che, se l'HELLAS avesse avuto fin'ora la metà del cuore che ad esempio i crotonesi hanno messo in campo contro di noi allo 'Scida', saremmo a pari punti della capolista SASSUOLO che nel frattempo, col LIVORNO, sembra volare...

Certo è presto per fare processi ma il lavoro da fare appare immane al momento e dopodomani è già tempo per un'altra sfida impegnativa a 'La Favorita' di Palermo dove ci attende un ambiente rovente ed una squadra tostissima, di categoria superiore, che ha già 'bruciato' un allenatore (SANNINO) e in campionato fatica ma che arriva da una vittoria esaltante col CATANIA e che in rosa ha campioni autentici come il 'bomber' MICCOLI capace di risolvere le partite in ogni momento volendo tacere le 'capacità balistiche' di gente come BUDAN o HERNANDEZ...

QUI PALERMO
Previsto ampio turnover in casa rosanero MICCOLI e DONATI a parte che salteranno il prossimo turno di campionato per squalifica.
GASPERINI inserirà GIORGI nel tridente d'attacco, VIOLA e PISANO a centrocampo ed in difesa MILANOVIC e LABRIN

QUI VERONA
JORGINHO e MARTINHO sono ancora convalescenti ma è probabile che ad almeno uno dei due venga chiesto di 'sacrificarsi' alla causa visto che in mediana sarà assenti anche l'ex rosanero BACINOVIC per squalifica e il rientro di HALLFREDSSON (anche lui non al meglio) potrebbe non bastare...
Squalifica anche per MAIETTA e GROSSI che saranno con ogni probabilità sostituiti da CECCARELLI e RIVAS [Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]
DICONO
MANDORLINI2 «La Coppa Italia? Ci teniamo tanto, abbiamo fatto fatica per arrivare lì e che sia nello spirito di una grande società e di un gruppo che si sta preparando. E' bello giocare partite così, cercheremo di metterli in difficoltà per provare a passare il turno. Abbiamo qualche problema, ma cerchiamo di fare una buona partita. Andiamo ad affrontare una squadra, che vista nel derby, è in grande salute. Noi pensiamo solo alla partita, forse giocherà qualcuno che è stato impiegato meno. Lo spirito sarà lo stesso delle altre gare, nonostante qualche risultato non sia andato bene. Jorginho fermo, Laner si è fatto male nell'ultima seduta, abbiamo recuperato Hallfredsson e praticamente basta. Anche Martinho rimane a casa. Cacciatore sarà l'uomo jolly. In attacco, invece, avremo diverse alternative.
Cambiare modulo a Cittadella? Io gioco in una maniera, mi piace giocare così, questa squadra ha certi equilibri. Il modulo rimane quello finché ci sono io, se ci dovessero essere altre persone faranno quello che vogliono. Io prima di fare una cosa parlo con i miei giocatori e sento questo, quello che conta non sono i numeri ma gli atteggiamenti devono essere importanti. Credo che in un campionato si possono perdere 6-7 partite, ma se ogni volta che perdi si riparla del modulo o di altre cose allora credo che sia un po' esagerato. Noi siamo contenti, ma in questo momento non ci gira tanto bene: una squadra fa un tiro in porta e pareggia, il Cittadella fa un mezzo tiro e noi paghiamo tutto. Ma in linea generale la squadra mi piace e ha identità, bisogna essere solo più concreti. Ed è quello che insieme al direttore abbiamo detto oggi.
Gli 8 minuti di Cittadella? Non ci pensiamo, la testa è solo al Palermo. Poi recuperiamo giocatori. Abbiamo grandi motivazioni per la Coppa Italia
» HellasVerona.it

GASPERINI «Il Verona è un'ottima squadra, dobbiamo pensare a loro e non all'Inter. Domani partirà dall'inizio in porta Benussi. Lui ha fatto bene, così come Ujkani. Mi dispiace non poter schierare Brichetto. Questa squadra sta crescendo gara dopo gara. Ora pensiamo al Verona, poi penseremo all'Inter» TuttoMercatoWeb.com

MANDORLINI1 'C'è tanto lavoro da fare...' «Non so fino a che punto ci sia stata una timidezza da parte del Cittadella. Abbiamo regalato il pareggio e il gol del vantaggio, la partita non è ancora finita, non abbiamo ancora perso. E' stata una partita giocata quasi sempre e solo da noi, sono arrabbiato perchè siamo sempre andati in vantaggio e se ci facciamo riprendere è perchè dobbiamo lavorare di più» TuttoB.com

Carlo REGALIA presidente dell'ADISE (Associazione Direttori Sportivi): «Il Sassuolo gioca molto bene ed è un gruppo consolidato ormai da qualche anno. Una società seria che all'insegna della progettualità è pronta al salto di categoria. Sono i favoriti per la promozione insieme al Verona. L'Hellas ha avuto qualche mezzo passo falso, però l'organico è di assoluto livello. Con il Sassuolo ha qualcosa in più di tutte le altre squadre» TuttoB.com


ALTRE NEWS IN ALLEGATO
MAIETTA POTRÀ ESSERE IN CAMPO COL BRESCIA nonostante l'ammonizione beccata contro il CITTADELLA e la conseguente squalifica: Data la sospensione della gara il centrale scaligero ricevrà lo stop solo dopo aver disputato il recupero (che non sarà possibile fino alla prima decina di giorni di icembre)
IL RECUPERO COL CITTADELLA A METÀ DICEMBRE? Non è ancora ufficiale ma dati gli impegni di granata e gialloblù le due date più probabili per disputare i minuti finali di CITTADELLA 2-1 VERONA (si ripartirà dal minuto 36'43'') potrebbero essere l'11, 12 o 18 Dicembre in mezzo alla lunga sosta invernale... Tutti i tesserati potranno giocare (HALLFREDSSON che era squalificato escluso) tranne i sostituiti (GOMEZ, MARTINELLI, GIANNETTI)

Formel 1 Finale Sebastian Vettel Grand Prix BrasilienPalermo vs Catania 1-0 Miccoli Goal

IN BREVE A PIÉ PAGINA
FORMULA 1: A Interlagos succede di tutto! VETTEL viene coinvolto in un incidente all'inizio, riparte dal 22° posto e comincia a risalire con una macchina danneggiata, poi ai box perde 12 secondi causa incomprensioni coi meccanici (e radio fuori uso)... In tutto questo ALONSO ha combattuto alla grande in mezzo alla pioggia e con MASSA ha conquistato il podio finale insieme al brasiliano ma non è bastato... La RED BULL ha vinto anche il mondiale piloti e la FERRARI si è dovuta accontentare del secondo posto: Per la terza volta consecutiva è VETTEL il Campione del Mondo del circo motoristico
SERIE A: La ROMA vince di misura a Pescara così come il GENOA a Bergamo. La SAMP batte il BOLOGNA, pari CHIEVO-SIENA e TORINO-FIORENTINA. Nel derby di Sicilia tra PALERMO e CATANIA la spuntano i rosanero, prossimi avversari dell'HELLAS in Coppa Italia, con il 100esimo gol in Serie A di MICCOLI che condannò i gialloblù nell'unica amichevole precampionato persa con una gran rete su calcio di punizione...

RASSEGNA STAMPA
18:00 26 novembre 2012 Costantino Felisatti
Pronostico Palemo-Hellas Verona, quote scommesse di Coppa Italia (quarto turno, martedì 27 novembre)
Palermo-Verona potrebbe tranquillamente essere un match salvezza in Serie A. Oppure un big big big match nella lega cadetta per la promozione. Scegliete voi, ma per il momento dovremo gustarcelo solamente come una delle partite di cartello che ci proporrà il 4° turno di Coppa Italia. I rosanero stanno attraversando un buon momento di forma tra le mura amiche, ma gli scaligeri non perdono in campionato da ben 8 partite.

E soprattutto vogliono mettersi alla prova contro una formazione più attrezzata, ma che domani alle ore 20,45 darà probabilmente spazio alle seconde linee. Ottima occasione per gli uomini di Mandorlini per cercare il colpaccio in Sicilia ed avanzare così fino al quinto turno ed affrontare poi l’Inter il 18 dicembre a “San Siro”. E’ da troppo tempo che il Verona non respira aria di grande calcio, questa è un’occasione imperdibile.

Per questo le quote diventano molto interessanti soprattutto se si prende in considerazione il segno 2, dato a 4,35. Certo, è un grosso rischio, ma spesso chi non ha nulla da perdere riesce ad esprimere tutto il suo potenziale. E va poi considerato che il Palermo non è la squadra più affidabile del momento. In ogni caso anche la quota casalinga è buona ad 1,75, mentre il pareggio è fermo a 3,45. Giocata più prudente? L’X2 ad 1,92, non male.

FONTE: CalcioLine.com


09:52 | 26/11
Palermo, turnover in coppa Italia
PALERMO COPPA ITALIA VERONA - Dopo la bella vittoria nel derby contro il Catania, ora in casa Palermo c'è da preparare la sfida, valida per i sedicesimi di Coppa Italia, contro il Verona. Tra gli undici che dovrebbero scendere in campo dal primo minuto, con ogni probabilità ci saranno Miccoli e Donati, indisponibili in campionato per squalifica; previsto, poi, un ampio turnover, con il ritorno in campo di Giorgi nel tridente d'attacco, Viola in cabina di regina, Pisano come esterno destro di centrocampo e i vari Milanovic e Labrin in difesa.
Francesco Cammuca

FONTE: CalcioNews24.com


25 Novembre 2012 08:56
SEDUTA MATTUTINA A BOCCADIFALCO
Inizierà questa mattina la preparazione dei rosanero in vista della sfida contro l'Hellas Verona. La squadra di Gasperini sosterrà un allenamento a porte chiuse sul terreno di gioco del "Tenente Onorato".

FONTE: PalermoCalcio.it


ALTRE NOTIZIE
Palermo, i convocati per il Verona: solo due attaccanti
26.11.2012 19.03 di Andrea Lolli
Tornerà in campo domani il Palermo per gli ottavi di finale di Coppa Italia. I siciliani affrontano la formazione cadetta del Verona ed ecco per la sfida la lista dei convocati stilata dal tecnico Gian Piero Gasperini:
PORTIERI: Benussi, Brichetto, Ujkani.
DIFENSORI: Aquino, Cetto, Garcia, Labrin, Milanovic, Morganella, Munoz, Pisano.
CENTROCAMPISTI: Arevalo Rios, Barreto, Brienza, Donati, Giorgi, Ilicic, Kurtic, Sanseverino, Viola, Zahavi.
ATTACCANTI: Budan, Dybala.

ALTRE NOTIZIE
Palermo, Gasperini: "La vittoria contro il Catania ci ha caricato"
26.11.2012 17.28 di Antonio Vitiello Twitter: @AntoVitiello
Il tecnico del Palermo Gian Piero Gasperini intervenuto in conferenza stampa ha parlato del prossimo match contro l'Hellas Verona, ecco quanto raccolto da TuttoPalermo.net: "Il Verona è un'ottima squadra, dobbiamo pensare a loro e non all'Inter. Domani partirà dall'inizio in porta Benussi. Lui ha fatto bene, così come Ujkani. Mi dispiace non poter schierare Brichetto. Questa squadra sta crescendo gara dopo gara. Ora pensiamo al Verona, poi penseremo all'Inter". Il tecnico rosanero ha parlato anche del derby: "La vittoria contro il Catania ci ha caricato, dandoci grande fiducia nei nostri mezzi. Per tirarci fuori dalle zone basse servirà un filotto di risultati positivi, sarà una situazione lunga e complicata".

ALTRE NOTIZIE
TMW - Cittadella-Verona, si recupera meta' dicembre
25.11.2012 01.04 di Alessio Alaimo Twitter: @alaimotmw
Interrotta dieci minuti prima causa maltempo, Cittadella-Verona e' stata rinviata a data da destinarsi. Si ripartira' da dove e' stata sospesa, la partita dovrebbe recuperarsi meta' dicembre. Il Verona infatti martedi sara' impegnato a Palermo in Coppa Italia, mentre il Cittadella contro il Catania giorno 4. Presto l'annuncio della data del recupero, ma tutto lascia pensare che verra' recuperata l'11 dicembre o il 12.

SERIE A
Palermo, Lo Monaco: "Derby vinto prima di giocarlo, ora non fermiamoci"
25.11.2012 10.46 di Alessio Alaimo Twitter: @alaimotmw
"Il derby l'abbiamo vinto prima di giocarlo, il Catania non è mai entrato in partita. Noi li conoscevamo bene i nostri avversari e abbiamo fatto tutto quello che avevamo preparato vincendo la partita in ogni settore del campo". Sorride Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Palermo, e non potrebbe essere altrimenti. Il dirigente rosanero ha parlato della vittoria nel derby contro il Catania ai microfoni di Itasportpress. "Ha funzionato la pressione di Rios su Lodi, l'attenzione di Kurtic, Morganella che ha asfissiato Almiron, la forza dei nostri tre attaccanti e l'attenzione della nostra retroguardia con Munoz e Garcia che hanno annullato rispettivamente Gomez e Barrientos. Per me - ha detto Lo Monaco - la partita è stata vinta grazie alla qualità dei nostri tre attaccanti. Da adesso in poi questa squadra ha il dovere di giocare in campionato con la stessa attenzione e determinazione messa in campo col Catania. Vittoria che vale doppio per me? Non ho gioito per aver battuto il Catania ma per i tre punti che ci fanno risalire in classifica. Abbiamo lavorato bene in settimana e abbiamo incassato il giusto premio battendo nettamente il... Barcellona. Puo' capitare anche alle grandi squadre un passo falso (ride, ndr). Barrientos e Gomez in ombra condizionati dalla mia presenza a Palermo? Fesserie, il Palermo ha vinto perchè ha dominato in ogni zona del campo. Sono preoccupato invece per le continue squalifiche che non ci consentiranno di schierare contro l'Inter la migliore formazione. Intanto però bisogna pensare al Verona prossimo avversario in Coppa Italia. Io sono convinto che il Palermo è una buona squadra e meritavamo di più col Milan, col Torino e col Siena. Abbiamo fatto male con la Roma e con il Bologna. La vittoria però non cambia le nostre strategie di mercato. Rafforzeremo a gennaio i settori maggiormente deboli. Il pubblico rosanero? Straordinario stasera. Per la prima volta ho visto il grande attaccamento dei tifosi palermitani. Mia partita? E' durata come al solito quarantacinque minuti. Dopo - ha concluso - sono andato via dal Barbera come facevo a Catania".

SERIE A
ESCLUSIVA TMW - Cento volte Miccoli, l'agente: "Tutti gol da ricordare"
24.11.2012 22.56 di Alessio Alaimo Twitter: @alaimotmw
Cento volte Fabrizio Miccoli. L'anima del Palermo, il capitano, il simbolo della squadra rosanero mette a segno il suo centesimo gol in serie A, quello che apre le danze e trascina il Palermo alla vittoria sul Catania. "Sono contentissimo", dice a TuttoMercatoWeb.com il suo agente, Francesco Caliandro.

Riavvolgiamo l'album dei ricordi: quale il gol più bello?
"Direi la mezza girata in Perugia-Milan. Però dirne soltanto uno sarebbe riduttivo, non dimentichiamoci quello in Champions con il Benfica. E ce ne sono tanti altri. Il suo è un repertorio vario ed importante, ogni gol è diverso. Inclusi i rigori, se li porta tutti dentro".

E con la maglia del Palermo?
"Quello contro il Chievo Verona dell'altra volta. Ma sono tutti belli".

Oggi i rosanero hanno vinto e convinto.
"È un Palermo in cui i meccanismi cominciano a delinearsi, il lavoro dà i suoi frutti. A parte qualche episodio. Poi l'ambiente è una componente importante, ma penso che oggi i giocatori credessero nella partita e fossero carichi per il derby. Al di là dell'ambiente".

Peccato per l'ammonizione: salterà la partita contro l'Inter.
"Ora godiamoci questa vittoria...".

È un Palermo che non può fare a meno del suo capitano.
"Fabrizio è messo in condizione per poter lavorare al meglio. Ricambia i sacrifici della squadra".

E con Brienza ha un'ottima intesa.
"Sono due giocatori che esprimono grandi qualità di gioco. Una coppia che sta dando dimostrazione di poter giocare insieme e regalare brillantezza alla manovra".

Spazio agli obiettivi: quanti gol punta Miccoli quest'anno?
"Direi quota venti. Spero ci arrivi".

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


CALCIOMERCATO
Hellas Verona, Mandorlini: "Dobbiamo lavorare di più"
24.11.2012 23:25 di Federico Errante
Fonte: tuttohellasverona.it
Non è un Mandorlini di tante parole quello che si è presentato in sala stampa al termine della gara col Cittadella, sospesa a sei minuti dalla fine. Il Verona ha giocato forse una delle sue peggiori partite dall'inizio della stagione e per il tecnico c'è molto da fare: "Non so fino a che punto ci sia stata una timidezza da parte del Cittadella. Abbiamo regalato il pareggio e il gol del vantaggio, la partita non è ancora finita, non abbiamo ancora perso. E' stata una partita giocata quasi sempre e solo da noi, sono arrabbiato perchè siamo sempre andati in vantaggio e se ci facciamo riprendere è perchè dobbiamo lavorare di più”.

PRIMO PIANO
ESCLUSIVA TB - Carlo Regalia: "Sassuolo e Verona in A. Livorno sorpresa. Delusioni Reggina, Novara e Cesena. Bari non ti rendi conto di quanto sei forte..."
25.11.2012 16:00 di Nicolò Schira
Per fare il punto sull'andamento del campionato di Serie B dopo sedici turni di campionato, abbiamo intervistato in esclusiva il presidente dell'Adise (Associazione Direttori Sportivi) Carlo Regalia.

Direttore, sinora quale squadra l'ha convinta di più?
"Il Sassuolo. Giocano molto bene e sono un gruppo consolidato ormai da qualche anno. Società seria che all'insegna della progettualità è pronta al salto di categoria. Sono i favoriti per la promozione insieme al Verona".

Un Hellas più altalenante però...
"Si hanno avuto qualche mezzo passo falso, però l'organico è di assoluto livello. Con il Sassuolo hanno qualcosa in più di tutte le altre squadre".

Chi premia come rivelazione?
"Sicuramente il Livorno. Non mi aspettavo potessero essere così in alto e reggere il duello con Sassuolo e Verona. Sono una piacevole sorpresa. Inoltre davanti praticano un calcio spettacolare e mandano in gol diversi elementi".

In chiave Playoff su chi punta?
"Mi piace molto la Juve Stabia. Giocano sempre per vincere e non mollano mai. Non a caso diverse volte hanno ribaltato il risultato e vinto in rimonta".

Fra le delusioni del torneo chi possiamo annoverare?
"Mi aspettavo sicuramente di più dalla Reggina. Idem il Novara che reduce dalla Serie A langue al penultimo posto. Anche il Cesena ha deluso, ma nelle ultime giornate con l'avvento di Bisoli mi è apparso in crescita e miglioramento".

Come valuta la stagione del suo ex Bari?
"Molto positivamente. Il Bari mi piace moltissimo. sono una squadra giovane che però cerca di imporre il proprio gioco su ogni campo. I pugliesi stanno facendo ottime cose, anche se il peso della penalizzazione inevitabilmente si sente ad ogni piccolo rallentamento. Le dico di più secondo me non si rendono conto di quanto sono forti questi ragazzi: possono ambire ai Playoff".

Lo segue ancora da vicino?
"Certo. Non mi sono perso una gara del Bari, le ho viste tutte. Ci sono diversi ragazzi destinati a una carriera importante".

Su chi punta?
"Il più pronto in questo momento è Bellomo. Lo conosco sin da quando era ragazzino e ormai da qualche anno gioca con continuità. Ha tiro e visione di gioco, ma ad un'ottima tecnica abbina anche una buona corsa. Può già fare il titolare in A".

Altri talenti baresi da tenere d'occhio?
"Ce ne sono diversi. Mi sta piacendo Fedato in queste ultime gare. Nonostante sia un debuttante in B, gioca con personalità e la fantasia non gli manca. All'inizio non giocava ma adesso si sta ritagliando un ruolo importante Borghese. Un difensore tosto e ruvido, di quelli vecchio stampo. Poi Lamanna: secondo me è fortissimo. Non capisco come mai Genoa e Siena l'abbiano lasciato un altro anno in B".

HELLAS VERONA
Hellas Verona, recupero 11 o 18 dicembre. E Maietta...
24.11.2012 21:22 di Federico Errante
Fonte: tuttohellasverona.it
I sette minuti più recupero che mancano alla fine della gara verranno giocati probabilmente l'11 o il 18 dicembre. L'ipotesi di terminare la gara domani è morta sul nascere in quanto martedì il Verona è impegnato in Coppa Italia a Palermo. "Sarà probabilmente alle 15 del pomeriggio" conferma ai nostri microfoni il Segretario Generale Massimiliano Dibrogni. "Tutti i tesserati potranno giocare i minuti finali, tranne quelli che sono stati sostituiti (Gomez per il Verona n.d.r.)".

La buona notizia della giornata è che Mimmo Maietta potrà essere in campo a Brescia. La gara di oggi è stata congelata perciò il difensore gialloblù, ammonito e diffidato, sconterà la squalifica solo dopo che si saranno giocati gli ultimi minuti.

FONTE: TuttoB.com


L'Hellas con i cerotti va all'assalto del Palermo
O DENTRO O FUORI... Fuori Maietta, Grossi e Bacinovic per squalifica, il tecnico dovrà rinunciare a Martinho, Jorginho, Laner. Convocati due baby della Primavera. Grande emergenza a centrocampo Mandorlini dovrà cambiare modulo: «Abbiamo problemi di formazione ma daremo il massimo per vincere»
27/11/2012
Emergenza in casa Hellas. Fuori Maietta, Bacinovic e Grossi per squalifica, il Verona dovrà fare i conti anche con gli infortuni di Laner, Jorginho e Martinho e del «solito» Pugliese che non sono stati nemmeno convovati. Mandorlini ha chiamato venti giocatori per la trasferta di Palermo tra di loro anche Owusu e Arzamendia due baby della Primavera. Peccato. La sfida con i siciliani poteva diventare un trampolino di lancio verso gli ottavi di finale della Coppa Italia dove la vincente incontrerà l'Inter di Trapattoni. «Beh, non è detto che partiamo battuti - taglia corto il tecnico del Verona - abbiamo delle difficoltà, questo è vero, ma questa è un'occasione che vogliamo gustarci fino in fondo. Purtroppo siamo bersagliati da infortuni e squalifiche soprattutto in mezzo al campo, dovremo inventare qualcosa ma vi dico fin d'ora che l'Hellas andrà in campo per dare il massimo». Una situazione difficile che costringerà il tecnico a ritoccare il modulo e rivedere l'ormai collaudato 4-3-3.

In difesa Moras e Ceccarelli davanti a Rafael con Abbate da una parte e Albertazzi dall'altra, a centrocampo solo un jolly come Cacciatore accanto a Emil Hallfredsson, sulle corsie esterne Rivas e Gomez o Carrozza, in avanti Bojinov e Cacia o Cocco. Un trradizionale 4-4-2 o un 4-2-4 per chi ama i numeri e preferisce vedere una squadra molto offensiva. «Dobbiamo fare di necessità virtù - spiega Mandorlini - sono un po' amareggiato, non posso negarlo. È vero che dobbiamo pensare al campionato ma la Coppa è una bella vetrina come abbiamo fatto l'anno scorso. Abbiamo fatto fatica per arrivare fin qua, avrei voluto giocarmela con tutti gli effettivi. Ma questo gruppo ha valori umani importanti, può regalare qualche sorpresa». Sabato è cambiata l'inerzia della sfida. Il Verona è uscito malconcio da Cittadella con otto minuti da recuperare e un due a uno da rimediare mentre il Palermo si è rilanciato dopo il successo nel derby con il Catania. «Intanto ripeto ancora una volta che la partita di Cittadella non è finita - ribatte Mandorlini - mancano ancora otto minuti alla fine, faremo di tutto per ribaltare il risultato. Come si prepara una partita così? Adesso non ci penso.

Ora dobbiamo affrontare il Palermo in Coppa. Una squadra che ho visto nel derby con il Catania, ha fatto molto bene e ha vinto meritatamente. D'altronde il Palermo è una squadra importante, con tanti giocatori di qualità, sono quelli che possono fare la differenza. Qualcuno resterà in panchina contro il Verona ma quelli che scenderanno in campo avranno tanta fame, sono certo che non faranno rimpiangere i titolari». Lo stesso si può dire per l'Hellas, una vetrina importante per tanti giocatori che hanno giocato poco. «Ho chiesto a tutti grande applicazione - sottolinea Mandorlini - in una sfida come questa serve soprattutto equilibrio, tanto equilibrio. A dire il vero vorrei sempre una squadra equilibrata. Non solo la squadra, anche l'ambiente. Quando si vince un campionato ci sta anche qualche sconfitta, è chiaro che non piace a nessuno ma fa parte del gioco. Questo non è il momento dei processi, quando si perde bisogna essere pronti a ripartire. La nostra squadra ha idee, un'identità ben precisa. Queste sono le qualità che ci faranno crescere ancora».
Luca Mantovani

Otto minuti da giocare Forse l'11 dicembre
Gli impegni delle due squadre in Coppa Italia complicano la ricerca di un giorno libero. Quello più probabile è tra la 18°e la 19°giornata. E c'è il recupero Toccherà alle due società trovare l'accordo, altrimenti interverrà d'imperio la Lega. I tre giocatori sostituiti non potranno giocare
25/11/2012
Cittadella. Una voce nella nebbia. È quella di Rafael che cerca proseliti fra i compagni. «Non ci si vede più, la gara è da sospendere!».
Avrebbe gridato così il portierone a compagni, avversari e giudici di gara. Perfettamente mimetizzato col suo completo grigio, si sarebbe avvicinato anche all'arbitro Palazzino per suggerirglielo. Fin qui la leggenda, che comunque avrebbe portato al Verona magari qualche minuto di speranza in più da spendere nel prossimo match al «Tombolato». Il regolamento invece è tutta una curva da seguire con le cinture ben allacciate e soprattutto con a fianco di Massimiliano Dibrogni, segretario generale dell'Hellas. «Lo statuto della Lega di serie B è chiaro», spiega. «A decidere sulla ripetizione sono le due società. Se non si dovesse trovare un accordo il presidente di Lega deciderà d'autorità».

Ecco perchè sono state ascoltate le esigenze del Verona riguardo un'immediata ripresa della gara oggi: ma l'Hellas martedì sera sarà impegnato in Coppa Italia a Palermo. Un impegno troppo ravvicinato. Stesso discorso per il Cittadella, che sarà di scena nella stessa competizione e sempre in Sicilia: a Catania il 4 dicembre prossimo. Così gli ultimi minuti di gara più recupero verranno giocati nella settimana fra l'8 ed il 15 dicembre. A dire il vero una data ci sarebbe: martedì 11 dicembre alle 15. Qui mister Foscarini nicchia un po', perchè i suoi ragazzi sono impegnati due giorni prima alle 12.30 contro il Varese. Più difficile accontentare i granata, visto che il 12 dicembre è troppo vicino al turno regolare di campionato. Qualcosa può dipendere anche dagli esiti delle gare delle due venete in Coppa Italia. Comunque dalla nebbia, anche nel post-partita del Tombolato, esce l'11 dicembre come data più probabile. Si giocheranno 8'17": quelli che restano da disputare al momento della sospensione per nebbia. Più l'eventuale recupero.

«Tre sostituzioni», prosegue Dibrogni, «più un infortunio con conseguente entrata in campo della barella dovrebbero garantire almeno ulteriori 2 minuti e mezzo». Se non ci saranno altre sostituzioni nel match più corto della storia dell'Hellas Verona, sono poco più di 10 minuti quelli che restano a Martinho e compagni per cercare di rimediare alla «frittata del Tombolato». Senza dubbio il giovane talento brasiliano ci sarà, mentre Hallfredsson non potrà scendere in campo in quanto squalificato alla vigilia della gara. Mandorlini potrà schierare qualsiasi altro giocatore.

Un esempio? Abbate, che era in tribuna, o Cocco che era in panchina. Non potrà giocare, invece, chi è stato sostituito: quindi niente Cittadella-bis per Gomez e per i granata Giannetti e Martinelli. Entrambi i tecnici potranno rivoluzionare le formazioni per questa coda di gara. Potranno giocare, eventualmente, anche i tesserati che verranno squalificati nell'ultimo turno prima del recupero. Di fatto la gara viene cristallizzata con le proprie squalifiche, ammonizioni, eventuali espulsioni e sostituzioni.

Ecco perchè per il gialloblù Maietta ad esempio non scatterà la squalifica in settimana. Già diffidato e ammonito col Cittadella non sconterà un turno di squalifica col Brescia. Se un tesserato del Verona o del Cittadella in diffida verrà ammonito o espulso alla vigilia della gara di recupero sconterà l'eventuale squalifica nei turni successivi e quindi sarà in campo. S'intende che i calciatori ammoniti, resteranno tali anche nel recupero. Per quanto riguarda gli spettatori, infine, toccherà alla società padovana decidere se far pagare un nuovo biglietto.
Gianluca Tavellin

FONTE: LArena.it


Mandorlini: "Massimo impegno per passare il turno"
Postata il 26/11/2012 alle ore 19:42
L'allenatore gialloblù alla vigilia della sfida di Tim Cup contro il Palermo: "Qualche problema a centrocampo, ma vogliamo mettere in difficoltà i nostri avversari"
SANDRA' - Ecco le dichiarazioni dell'allenatore gialloblù Andrea Mandorlini alla vigilia della sfida contro il Palermo in programma martedì 27 novembre: "La Coppa Italia? Ci teniamo tanto, abbiamo fatto fatica per arrivare lì e che sia nello spirito di una grande società e di un gruppo che si sta preparando. E' bello giocare partite così, cercheremo di metterli in difficoltà per provare a passare il turno. Abbiamo qualche problema, ma cerchiamo di fare una buona partita. Andiamo ad affrontare una squadra, che vista nel derby, è in grande salute. Noi pensiamo solo alla partita, forse giocherà qualcuno che è stato impiegato meno. Lo spirito sarà lo stesso delle altre gare, nonostante qualche risultato non sia andato bene. Jorginho fermo, Laner si è fatto male nell'ultima seduta, abbiamo recuperato Hallfredsson e praticamente basta. Anche Martinho rimane a casa. Cacciatore sarà l'uomo jolly. In attacco, invece, avremo diverse alternative. Cambiare modulo a Cittadella? Io gioco in una maniera, mi piace giocare così, questa squadra ha certi equilibri. Il modulo rimane quello finché ci sono io, se ci dovessero essere altre persone faranno quello che vogliono. Io prima di fare una cosa parlo con i miei giocatori e sento questo, quello che conta non sono i numeri ma gli atteggiamenti devono essere importanti. Credo che in un campionato si possono perdere 6-7 partite, ma se ogni volta che perdi si riparla del modulo o di altre cose allora credo che sia un po' esagerato. Noi siamo contenti, ma in questo momento non ci gira tanto bene: una squadra fa un tiro in porta e pareggia, il Cittadella fa un mezzo tiro e noi paghiamo tutto. Ma in linea generale la squadra mi piace e ha identità, bisogna essere solo più concreti. Ed è quello che insieme al direttore abbiamo detto oggi. Gli 8 minuti di Cittadella? Non ci pensiamo, la testa è solo al Palermo. Poi recuperiamo giocatori. Abbiamo grandi motivazioni per la Coppa Italia".
Ufficio Stampa

Palermo-Hellas Verona: 20 convocati
Postata il 26/11/2012 alle ore 19:46
Sono 3 portieri, 7 difensori, 4 centrocampisti e 6 attaccanti i gialloblù a disposizione di Mandorlini per la sfida di Tim Cup in programma martedì
PALERMO - Dopo la rifinitura a Sandrà, l'allenatore gialloblù Andrea Mandorlini ha convocato 20 giocatori per la sfida di Tim Cup contro il Palermo, in programma martedì 27 novembre (ore 20.45) e valida per il 4° turno eliminatorio. Non sono disponibili gli squalificati Maietta, Bacinovic e Grossi, oltre agli infortunati Martinho, Jorginho, Laner e Pugliese. Ecco, di seguito, l'elenco completo dei convocati.

Portieri: 1 Rafael, 33 Berardi, 12 Nicolas.
Difensori: 5 Ceccarelli, 25 Crespo, 18 Moras, 29 Cacciatore, 3 Albertazzi, 26 Fatic, 13 Abbate.
Centrocampista: 10 Hallfredsson, 28 Arzamendia, 31 Owusu, 14 Calvano.
Attaccanti: 23 Cocco, 17 Carrozza, 8 Cacia, 21 Gomez Taleb, 7 Rivas, 30 Bojinov.
Ufficio Stampa

Sandrà: differenziato per Martinho
Postata il 25/11/2012 alle ore 13:24
Allenamento per i gialloblù in vista di Palermo: terapie per Jorginho, Maietta e Bacinovic. Gli ultimi due, insieme a Grossi, saranno squalificati nel match di martedì di Tim Cup
SANDRA' - Allenamento mattutino per i gialloblù. Chi è stato utilizzato contro il Cittadella ha svolto lavoro di scarico, mentre esercitazioni tattiche per tutti gli altri. Lavoro differenziato per Martinho, terapie fisiche per Maietta, Jorginho e Bacinovic. Insieme a Grossi, Maietta e Bacinovic non saranno disponibili per la trasferta di Tim Cup a Palermo, perché sono squalificati.

Lunedì (a porte chiuse): seduta mattutina (ore 11).
Martedì: Palermo-Hellas Verona (ore 20.45).
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC]
FORMULA 1: A Interlagos succede di tutto! VETTEL viene coinvolto in un incidente all'inizio, riparte dal 22° posto e comincia a risalire con una macchina danneggiata, poi ai box perde 12 secondi causa incomprensioni coi meccanici (e radio fuori uso)... In tutto questo ALONSO ha combattuto alla grande in mezzo alla pioggia e con MASSA ha conquistato il podio finale insieme al brasiliano ma non è bastato... La RED BULL ha vinto anche il mondiale piloti e la FERRARI si è dovuta accontentare del secondo posto: Per la terza volta consecutiva è VETTEL il Campione del Mondo del circo motoristico
SERIE A: La ROMA vince di misura a Pescara così come il GENOA a Bergamo. La SAMP batte il BOLOGNA, pari CHIEVO-SIENA e TORINO-FIORENTINA. Nel derby di Sicilia tra PALERMO e CATANIA la spuntano i rosanero, prossimi avversari dell'HELLAS in Coppa Italia, con il 100esimo gol in Serie A di MICCOLI che condannò i gialloblù nell'unica amichevole precampionato persa con una gran rete su calcio di punizione...

F1, VETTEL CAMPIONE DEL MONDO: +3 PUNTI SU ALONSO -FOTO/VIDEO
Domenica 25 Novembre 2012 - 19:07
SAN PAOLO - Sebastian Vettel è il campione del mondo di Formula 1. Il pilota tedesco della Red Bull conquista il terzo titolo iridato consecutivo grazie al sesto posto nel Gp del Brasile, ultimo appuntamento stagionale, vinto dall'inglese Jenson Button al volante della McLaren-Mercedes. Vettel chiude il campionato con 281 punti, 3 in più rispetto a Fernando Alonso. Al pilota spagnolo della Ferrari non basta l'odierno secondo posto.

LA ROMA VINCE A PESCARA 1-0, LA FIORENTINA ACCIUFFA IL PAREGGIO. I RISULTATI - FOTO
Domenica 25 Novembre 2012 - 16:17
ROMA - La Roma ha sbancato lo stadio 'Adriatico' di Pescara, grazie ad un gol di Mattia Destro. La Fiorentina acciuffa un rocambolesco pareggio per 2-2 contro il Torino, riuscendo comunque a non perdere la sua imbattibilità.

I RISULTATI
ATALANTA-GENOA 0-1
CHIEVO-SIENA 0-0
PESCARA-ROMA 0-1
SAMPDORIA-BOLOGNA 1-0
TORINO-FIORENTINA 2-2

LA CLASSIFICA
Juventus 32 punti
Fiorentina e Inter 28 punti
Napoli 27 punti
Lazio e Roma 23 punti
Catania 19 punti
Atalanta 18 punti
Parma 17 punti
Cagliari, Sampdoria e Udinese 16 punti
Milan e Torino 15 punti
Palermo 14 punti
Genoa e Chievo 12 punti
Siena, Bologna e Pescara 11 punti
Juventus, Inter, Napoli, Lazio, Parma, Cagliari, Udinese e Milan una partita in meno.

FIORENTINA PAREGGIA 2-2 CONTRO IL TORINO. MONTELLA: "PARTITA BELLISSIMA" - FOTO
Domenica 25 Novembre 2012 - 17:03
TORINO - La Fiorentina risponde colpo su colpo al Torino e esce imbattuta dall'Olimpico. La sfida fra i granata e i viola finisce 2-2: apre Cerci nel primo tempo, Rodriguez su rigore firma il pari degli ospiti poi nel finale botta e risposta Birsa-El Hamdaoui. La squadra di Montella porta a casa un punto prezioso e l'ottavo risultato utile consecutivo, che le permette di assaporare almeno per 24 ore il secondo posto in classifica ex-aequo con l'Inter e a +1 sul Napoli.

LA ROMA SBANCA PESCARA CON DESTRO. ZEMAN: "NOI TROPPO PASSIVI" -FOTO
Domenica 25 Novembre 2012 - 17:00
PESCARA - La Roma trova a Pescara la seconda vittoria consecutiva. Zeman dopo aver riportato gli abruzzesi nell'Olimpo del calcio italiano, torna in riva all'Adriatico con la sua Roma e porta via i tre punti, grazie alla vittoria per 1-0 con un gol di Destro. Raggiunto l'obiettivo di dare continuità al successo ottenuto contro il Torino ma anche un pò di sofferenza con il boemo che nel finale toglie due punte, Destro e Osvaldo per due centrocampisti Perrotta e Tachtsidis.

PALERMO BATTE CATANIA 3-1. MICCOLI SEGNA IL SUO 100ESIMO GOL IN SERIE A -DIRETTA
Sabato 24 Novembre 2012 - 22:59
PALERMO - Palermo batte Catania 3-1 (1-0), nel primo anticipo della 14/a giornata del campionato di calcio di Serie A.
Palermo batte Catania 3-1 (1-0). Palermo: Benussi 7, Munoz 6.5, Donati 7, Von Bergen 6.5 (30' st Pisano sv), Morganella 7, Arevalo Rios 6, Kurtic 6.5, Garcia 6, Ilicic 8, Brienza 7.5 (41' st Viola sv), Miccoli 8 (21' st 9 Dybala 6.5) (22 Brichetto, 4 Cetto, 12 Fulignati, 15 Milanovic, 16 Zahavi, 17 Giorgi, 19 Budan). All.: Gasperini 7. Catania: Andujar 6, Alvarez 5, Legrottaglie 5.5, Spolli 5.5 (41' st Capuano sv), Marchese 6, Izco 6 (44' pt Castro 5), Lodi 6, Almiron 6, Barrientos 5, Morimoto 5 (18' st Doukara 5.5), Gomez 5 (1 Frison, 5 Rolin, 14 Bellusci, 16 Paglialunga, 18 Augustyn, 24 Ricchiuti, 29 Terraciano, 30 Salifu). All.: Maran 5. Arbitro: Romeo di Verona 6. Reti: nel pt 10' Miccoli; nel st 4' e 15' Ilicic; 24' Lodi. Ammoniti: Munoz, Doukara e Almiron per gioco falloso, Spolli e Donati per proteste, Miccoli (dalla panchina) per comportamento non regolamentare. Angoli: 7 a 3 per il Catania. Recupero: 2' e 4'. Spettatori: 20.969, per un incasso di 245.266 euro. **I GOL** 10' pt: Morganella trova Miccoli al limite dell'area. Il bomber fa partire un destro potente che s'infila all'incrocio. 4' st: Brienza lotta e serve Ilicic al limite dell'area. Conclusione precisa dello sloveno che torna al gol. 15' st: veloce ripartenza del Palermo, palla a Ilicic che corre per 50 metri, ubriaca Lodi con una finta e firma il 3-0. 25' st: perfetta punizione di Lodi che sorprende Benussi.

IL DERBY Inizia con il derby siciliano questa quattordicesima giornata di serie A. Le due squadre dovranno cercare di accantonare i tristi episodi di cronaca legati al match in campo e giocare al meglio.
Il Palermo sta attraversando la peggiore stagione dal suo ingresso in serie A, mentre il Catania, con 19 punti, è vicina alle zone nobili della classifica e punta a scalare sempre più in alto.

FONTE: Leggo.it

1 commenti:

L altr anno nn vi anrava bene abbate? Beh,un terzino che spinge cosi' qs anno nn ce l abbiamo!(e fece anche 4 gol,direi quasi tt decisivi). Fatic scarso,albertazzi cosi cosi,meglio lui a centrocampo di piedi quadrati cacciatore,moras al solito( una sorpresa positiva),ceccarelli ormai troppo lento( ma rimane mitico),. Migliore in campo? Bojnov,ci penserei pwr il campionato a schierarlo dietro al punta( siamo tutti allenatori,no? :-) ). E nn illudiamoci....abbiamo fatto 70 minuti in semi catenaccio. Il palermo sembrava il barcellona,tic tac,palla sempre a loro,noi sempre e solo contropiede. Per ora ok,ma avete visto in campionato...giocno come noi( difesa e contropiede) e se nn hai fosforo, i lenti emile,crespo,ecc vengono saltati. Cittadella docet. Forza hellaaaaaaaas! Mauro,milano

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini