.

SAMPDORIA 2-0 VERONA: Blucerchiati esaltanti o scaligeri sotto le attese? L'eterna domanda dopo gare di questo genere si ripete: HALLFREDSSON evanescente, MAIETTA 'distratto', scelte di MANDORLINI molto discutibili... Sconfitta strameritata e se a Torino si gioca così sono guai!

Pubblicato da andrea smarso sabato 3 marzo 2012 17:40, vedi , , , , , , , , , , , | Nessun commento


LA GARE & LE IMPRESSIONI
Primo quarto d'ora con le squadre che sostanzialmente si equivalgono anche se la SAMPDORIA detiene una certa supremazia territoriale, una occasione per parte con GOMEZ TALEB ed EDER.
Successivamente i padroni di casa premono decisamente di più ma il VERONA si difende con ordine fino alla mezz'ora quando EDER traversa per POZZI ed il forte attaccante doriano, in spaccata al volo riesce ad ingannare RAFAEL!
L'HELLAS nel primo tempo non riesce purtroppo ad essere pericoloso in avanti: arrivano troppe palle lunghe sulle quali FERRARI non può far molto mentre 'Juanito', come molte volte gli accade, gioca alla larga da Nicola ed i suoi spunti sono belli stilisticamente quanto inutili ai fini del risultato...

La secoda metà di gara si apre ancora con la SAMPDORIA in attacco ed i genovesi trovano effettivamente il raddoppio all'8° ancora con POZZI e poco dopo solo un miracolo di RAFAEL toglie a EDER la soddisfazione del tris: i gialloblù in questo momento paiono in balia degli avversari.
Al 10° MANDORLINI ha giocato la carta D'ALESSANDRO passando al 4-3-3 'rimpolpato' poco dopo da LEPILLER e proprio il francese è stato da qui in poi l'uomo più pericoloso degli scaligeri con tiri deviati in angolo e cross purtroppo non sfruttati a dovere dai nostri.
Al 25° Entra BJELANOVIC e l'HELLAS si schiera con il tridente sostenuto da GOMEZ TALEB come trequartista ma purtroppo gli equilibri della gara non cambiano con i gialloblù che anzi rischiao di subire il terzo gol e vedono i loro sforzi sciogliersi a limite dell'area ligure.

Brutto VERONA che poco ha potuto contro le paurose folate offensive dei blucerchiati che d'altronde hanno schierato gente come EDER, MUNARI, POZZI e JUAN ANTONIO e hanno tenuto inizialmente in panca fior di campioni per la serie cadetta come BERTANI e FOGGIA!
Anche le mosse del tecnico scaligero non hanno convinto granchè: Ad esempio perchè con il 4-3-3 fuori proprio ESPOSITO che era l'unico fra i componenti della mediana che sembrava poter proporre qualcosa in più rispetto agli 'evanescenti' JORGINHO, RUSSO e HALLFREDSSON? Perchè, dall'ingresso di Sasa, si sono provati addirittura quattro attaccanti quand'era chiaro che era il centrocampo a soffrire di più nella gestione della palla?
Perchè in tribuna PUGLIESE che in due gare aveva spinto moltissimo sulla fascia sinistra e PICHLMANN che, in fin dei conti, è quello che in rosa ha segnato maggiormente in cadetteria? Boh...

Ma quello che a mio avviso ha preoccupato di più sono stati i numerosissimi errori in fase d'appoggio dei nostri con SCAGLIA, RUSSO, MAIETTA, JORGINHO e perfino dai bunissimi piedi appartenenti a GOMEZ TALEB e HALLFREDSSON... Speriamo che non sia indice di 'deconcentrazione post salvezza': è troppo presto per archiviare la stagione e Lunedì 12 c'è il Toro!
Fra i nostri solo LEPILLER è parso all'altezza in questa gara dove anche RAFAEL, incolpevole sui gol subiti, ha brillato con un poderoso intervento che ha negato la gioia del gol a EDER.
Male HALLFREDSSON mai incisivo oggi, malissimo MAIETTA che ha praticamente regalato il 2 a 0 ai blucerchiati [Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]




Sampdoria 2-0 Verona: Gli highlights della gara...

DICONO
EDER «Complimenti a tutti, è stata una vittoria importante con il Verona” ha detto fine gara il giocatore che, sostituito da Bertani al 62', è stato salutato con gli applausi del popolo doriamo. Oggi sul popolare social network twitter Eder è tornato a gioire per la vittoria: “Troppo contento per la vittoria 3 Punti !importantissimi” esprimendo anche soddisfazione per il lavoro della squadra e facendo i compimenti a Pozzi: “Complimenti a tutta lá squadra. E anche al bomber Nico» SerieBNews.com

KRSTICIC «Oggi abbiamo giocato tutti una grande partita e abbiamo mostrato chi siamo e dove possiamo arrivare. Il gruppo del resto è sempre stato unito, anche quando le cose non andavano bene. Sono felice anche per la mia gara. Non ero abituato a giocare in questo ruolo, ma il mister mi ha aiutato molto a capire quali fossero i movimenti da fare. Mi piace questo nuovo ruolo, sopratutto perché tocco tanti palloni» TuttoMercatoWeb.com

LEPILLER «Non era semplice giocare in casa della Sampdoria. I blucerchiati hanno dato vita ad un buon primo tempo passando anche in vantaggio, penso le due azioni in cui Pozzi è andato a segno siano da rivedere. Nella ripresa ci abbiamo provato ma con poca fortuna. Ogni volta che vengo chiamato in causa devo dare una mano, aiutare i miei compagni. Il mister mi ha chiesto di stare largo a sinistra, mettere al centro qualche pallone e rendermi pericoloso. Purtroppo abbiamo perso, cerchiamo di rifarci a Torino. I liguri ci hanno messo tanta voglia, dobbiamo fare qualcosa in più» HellasVerona.it

IACHINI «Voglio ringraziare e complimentarmi con la tifoseria: c'era una cornice bellissima, una giornata di sportività e sostegno. La gente meritava questa soddisfazione e noi l'abbiamo ripagata con una grande prestazione. Voltiamo pagina e pensiamo all'Empoli. Siamo ripartiti a gennaio con un nuovo gruppo e stiamo lavorando bene, per costruire la giusta mentalità: da ogni gara dobbiamo cercare il massimo. Eder? Sapevo che non era al meglio ma ho forzato un po' per gestirlo meglio, viste le gare ravvicinate. Le condizioni di tutti verranno valutate nei prossimi giorni. Il Verona è una grande squadra ma ha trovato di fronte a se una Sampdoria che aveva una grande voglia di fare, non credo che il Verona abbia colpe.
I terzini? Si può sempre fare meglio ma sono contento. Avevo detto che Costa aveva tutte le caratteristiche per farlo
» CittaDiGenova.com

MANDORLINI «Abbiamo perso contro una squadra attrezzata, che ha dato vita ad una buona partita, quindi complimenti alla Samp. Nel calcio gli episodi cambiano l'andamento delle gare, la prima palla importante è stata creata da noi. Anzichè darci forza, quell'errore ci ha fatto indietreggiare. Qualcosa è stato concesso, non riuscivamo ad accorciare in avanti. Per noi non cambia nulla, possiamo di certo fare meglio. Non volevamo regalare nulla agli avversari, sembravamo tuttavia un pò impauriti. Facciamo tesoro delle cose, sia negative che positive. Tenere la sfida più aperta sarebbe stato meglio, i blucerchiati aspettavano il contropiede mentre noi eravamo lì. La sostanza non muta. Il modo di giocare è cambiato col passare dei minuti, qualche errore l'abbiamo commesso. Negli interpreti non esiste un limite vero e proprio, la nostra forza è sempre stata la squadra. Nella ripresa, con le quattro punte, i miei hanno evidenziato il giusto spirito, tentando di rimettere in piedi il match. Forse era più decisiva per i liguri che per noi» HellasVerona.it

MUNARI «Avevo i crampi perchè mi manca il ritmo partita. Faccio i complimenti ai miei compagn idi reparto Kristicic e Soriano perchè hanno fatto un'ottima gara e dimostrato il loro valore. Oggi abbiamo giocato bene e abbiamo sempre avuto il controllo della palla fin dai primi minuti. Potevamo fare qualche gol in più, ma sotto il piano della grinta c’eravamo e questo era determinante, soprattutto per i tifosi. Io sono stato l’ultimo arrivare ma chiaramente c’è un’altra aria e noi speriamo di continuare su questa linea. Ieri sera ci siamo anche ritrovati a guardare il Varese. Purtroppo hanno vinto e ora bisogna fare una striscia positiva, altrimenti arrivare ai playoff è dura. I nostri tifosi giocheranno un ruolo importante nel finale di stagione. Entrare qui dentro è un’emozione unica. È un catino e per noi è determinante» CittaDiGenova.com


Sampdoria 2-0 Verona: Le immagini

SAMPDORIA 2-0 VERONA
Stadio 'Ferraris' bardato a festa per accogliere la rivelazione HELLAS: circa 4000 i tifosi scaligeri giunti in Liguria.
Le due tifoserie sono molto amiche e, fra gli striscioni esposti dagli avversari spuntano 'Gemellati alla partita fratelli nella vita, bentornati butei!' e 'Vecchie favole di un'epoca un po' più in là...' che, citando una vecchia canzone di Umberto Smaila (popolare cantante e musicista veronese diventato famoso con i 'Gatti di Vicolo dei Miracoli'), ricordano i tempi più 'fausti' per entrambe le squadre quando si giocava in Serie A ed in palio c'erano ben altre speranze...
Bellissimo comunque il 'clima' che si respira a Genova: perchè non può essere sempre così?

IACHINI recupera EDER e lo schiera a sostegno di POZZI, fuori OBIANG per squalifica sarà sostituito da KRSTICIC, in panca torna anche PELLÈ.
MANDORLINI conferma CANGI terzino destro (panchina per ABBATE) mentre dalla parte opposta richiama SCAGLIA, al centro conferma anche per la coppia CECCARELLI-MAIETTA.
Centrocampo a rombo con ESPOSITO al posto dello squalificato TACHTSIDIS a fare da play basso e JORGINHO venti metri più avanti, ai loro lati ecco HALLFREDSSON e RUSSO.
Davanti l'ariete FERRARI sostenuto da GOMEZ TALEB.

PRIMO TEMPO
7° Primo tentativo su calcio di punizione per EDER (record di 27 gol in B con l'EMPOLI), palla a lato...
8° Risponde subito l'HELLAS con RUSSO che lotta e infine smarca GOMEZ che però, tutto solo in area non ci crede a sufficienza e tira debolmente ma la partita s'è improvvisamente accesa
10° Tiro centrale di KRSTICIC: RAFAEL blocca sicuro
12° EDER sfiora il gol di punta su traversone da destra di JUAN ANTONIO!
21° POZZI spizza di testa per SORIANO che cade a centro area sulla pressione di MAIETTA, l'arbitro dice che non c'è fallo: bene così...
30° ESPOSITO-JORGINHO-GOMEZ, azione fulminea dei gialloblù con l'attaccante argentino che stavolta esplode un bel tiro ma la palla finisce solo sull'esterno della rete purtroppo
31° Subito la risposta di EDER che ben liberato a POZZI in area e sul contrasto della coppia difensiva centrale scaligera non riesce a tirare con potenza permettendo il recupero da parte di RAFAEL ma che paura!
32° La SAMPDORIA insiste e da pochi passi in spaccata volante è POZZI a trovare il vantaggio per i padroni di casa su una bella apertura di EDER...
36° GOMEZ in bello spunto sulla destra dribbla due avversari e si allunga la palla, recupera e tira FERRARI ma è purtroppo pronta la parata di ROMERO su tiro centrale di 'Nick Dinamite'...
44° L'HELLAS conquista il primo corner su un cross di JORGINHO deviato sul fondo, sulla battuta ESPOSITO tira ma la palla va purtroppo alle stelle...

SECONDO TEMPO
1° Si scaldano D'ALESSANDRO e LEPILLER, MANDORLINI medita cambiamenti in attacco... EDER ruba palla a centrocampo e s'invola verso RAFAEL, risolve CECCARELLI
2° Poco dopo è MUNARI ad insidiare il numero 1 scaligero che si rifugia in corner!
4° Ammonizione per KRSTICIC dopo un fallo su CECCARELLI
8° Raddoppia la DORIA con POZZI dopo un disimpegno errato (abbastanza clamorosamente) di MAIETTA: EDER intercetta e serve ilcompagno che trova la facile doppietta...
10° Entra D'ALESSANDRO al posto di ESPOSITO il VERONA passa al 4-3-3
11° JUAN ANTONIO serve EDER al limite, il tiro del brasiliano è pronto e diretto all'incrocio ma RAFAEL si supera! DORIA vicino al tris... Ammonizione per RUSSO
14° BERTANI sostituisce EDER nelle fila doriane
16° Entra LEPILLER al posto di FERRARI
18° Ecco uno che tira: LEPILLER ci prova dalla distanza su tocco di HALLFREDSSON, palla che sfiora l'incrocio
19° Fallo di JUAN ANTONIO su MAIETTA, giallo per il fantasista blucerchiato...
21° Occasionissima HELLAS: LEPILLER batte una punizione su RUSSO che tira ma troppo centrale e ROMERO blocca!
23° LEPILLER ancora pericoloso, il suo cross è deviato in angolo dai blucerchiati
25° Doppia sostituzione: BJELANOVIC per RUSSO nel VERONA che ora appare sbilanciatissimo in avanti: GOMEZ farà il trequartista dietro al tridente LEPILLER, BJELA, D'ALESSANDRO! FOGGIA da il cambio a JUAN ANTONIO nella DORIA...
31° Ultima sostiutuzione DORIA: dentro LAZCKO fuori MUNARI
35° Elaborata azione scaligera sulla destra, pronto il cross di CAGI che però è lungo...
37° Da sinistra ci prova ancora LEPILLER ma il suo cross è deviato sul fondo dalla retroguardia doriana
41° Tiro di 'Juani' che incoccia su ROSSINI
43° FOGGIA spara alto dal limite
45° Il signor Calvarese decide di allungare di quattro minuti l'agonia veronese...

TABELLINO
Sampdoria-Hellas Verona 2-0
Marcatori: 33', 52' Pozzi

Sampdoria: 20 Romero; 13 Berardi, 35 Rossini, 3 Costa, 28 Gastaldello; 11 Munari (77' 18 Laczko), 25 Krsticic, 21 Soriano; 29 Juan Antonio (70' 10 Foggia); 9 Pozzi, 23 Eder (63' 22 Bertani).
A disposizione: 1 Da Costa, 6 Volta, 16 Gentsoglou, 99 Pellè.
Allenatore: Giuseppe Iachini

Hellas Verona: 1 Rafael; 23 Cangi, 5 Ceccarelli, 22 Maietta, 25 Scaglia; 8 Russo (70' 32 Bjelanovic), 4 Esposito (54' 14 D'Alessandro), 10 Hallfredsson; 19 Jorginho; 21 Gomez Taleb, 9 Ferrari (63' 6 Lepiller).
A disposizione: 26 Frattali, 7 Mancini, 13 Abbate, 17 Mareco.
Allenatore: Andrea Mandorlini

Arbitro: Gianpaolo Calvarese (Sez. arbitrale di Teramo)
Note. Ammoniti: Krsticic, Russo, Juan Antonio. Espulsi: -. Recupero: 0’-4'. Spettatori: 22.000 circa


Highlights Sampdoria-Hellas Verona, 29a giornata Serie bwin

LE ALTRE DI B
Nell'anticipo il VARESE ha battuto nettamente il VICENZA con un secco 3 a 0! Rocambolesco 3 a 2 fra PESCARA e SASSUOLO con gli abruzzesi inizialmente in svantaggio e gli emiliani in inferiorità numerica che ad un certo punto potevano pareggiare... 3 a 2 anche tra PADOVA ed ALBINOLEFFE.
Netta vittoria casalinga del MODENA per 3 a 0 sul CITTADELLA, colpo esterno anche per il TORINO a Grosseto con un altro 3 a 0 (che però era 1 a 0 fino al 92°).
Pareggiano REGGINA-ASCOLI, JUVE STABIA-NOCERINA, EMPOLI-LIVORNO e BARI-CROTONE
Lunedì GUBBIO-BRESCIA

Daily Zap: March 1st

IN BREVE A PIÉ PAGINA
NBA: Nono successo consecutivo per gli HEAT, risorgono i CLIPPER e i THUNDER!
TENNIS: Derby in finale ad Acapulco tra la PENNETTA e la ERRANI
VERTICE FIFA ATTACCA I BRASILIANI: Valcke 'Ai brasiliani servirebbe un calcio nel sedere...'
VITA DA EX: Sebastian FREY festeggia col GENOA le 400 presenze in Serie A!
SERIE B: Nedo SONETTI 'Per ora solo il Torino è da promozione diretta. Io ancora in panchina? Vedremo...'

RASSEGNA STAMPA
Mister e squadra dedicano la grande vittoria ai loro tifosi
di Redazione - 04 marzo 2012, 08:00
Sabato di festa in casa blucerchiata. E diciamoci la verità. Era da tanto che non succedeva. Non solo è arrivata una vittoria limpida contro il Verona, ma pure allo stadio, dentro e fuori lo storico impianto del Luigi Ferraris, si è respirata un'aria diversa. Grazie al consolidato gemellaggio tra i tifosi blucerchiati e quelli scaligeri. Oltre duemila i supporter veronesi che già dalla mattina presto hanno invaso festosamente il centro cittadino e lo spazio del Fair Play Village in Piazza della Vittoria. Dentro lo stadio cori reciproci con la Sud che ha accolto gli amici gialloblù con uno striscione lungo tutta la Gradinata. «Con una bottiglia in mano ed il gomito all'insù: bentornati Gialloblù». Nella parte inferiore, quella occupata dai Fedelissimi, bandierone con i colori della due società. La risposta dei sostenitori del Hellas, sistemati nella gabbietta e nella Gradinata Nord non si è fatta attendere. Applausi ed il coro «Doria, Doria».

E aria di festa, ma più che altro di grande soddisfazione, si respirava pure negli spogliatoi. «Per prima cosa voglio ringraziare i nostri sostenitori e sottolineare la splendida cornice che si è creata tra le due tifoserie. Una bella festa, un esempio di grande sportività». Esordisce così al termine mister Iachini. Apparso con gli occhi pieni di felicità, nonostante il solito berretto di ordinanza, li nascondesse. «Bella vittoria - prosegue il coach blucerchiato - ma ora dobbiamo pensare alla gara con l'Empoli di martedì dove c'è bisogno di tutto il gruppo». Partita perfetta? «No perch´ dobbiamo lavorare per migliorare in parecchie cose, soprattutto per quello che riguarda la nostra conoscenza». Un attimo di sosta e prosegue: «La strada tracciata è quella giusta ed ora dobbiamo continuare così. Giocando con possesso, veloci verticalizzazioni e molto aggressività». Sui singoli. Eder? «Ho preferito farlo giocare subito per non rischiare di fare il doppio cambio se avesse accusato qualche problema una volta subentrato». Munari? «Soliti crampi, d'altronde sappiamo che nelle prima parte della stagione ha giocato pochissimo». Costa? «Ha le capacità per fare il terzino». Chiusura dedicata ancora ai tifosi. «Questa per noi è stata una piccola, ma grande soddisfazione visto che almeno in questa gara i tifosi sono rimasti contenti».

Ed infatti al termine del match la Sud ha chiamato i giocatori sotto la Gradinata. Non succedeva da tempo. Tra le note positive quella del serbo Nenad Krsticic a centrocampo. «Contento per la mia prestazione e per la vittoria della squadra. Finalmente al Ferraris è arrivata un'ottima vittoria, ma adesso dobbiamo continuare a lavorare per vincere pure contro l'Empoli». Esulta Gianni Munari, ancora una volta uno dei migliori. «Adesso si respira un'altra aria e gli applausi dei tifosi sono stati davvero piacevoli. Dobbiamo continuare così e con l'Empoli non possiamo sbagliare. Comunque noi ci crediamo». E con loro tutta la tifoseria.

FONTE: IlGiornale.it


«C'era poco da fare» «No, han dato poco»
DALLA PARTE DEI TIFOSI. Ora la speranza è sconfiggere il Torino
Tifosi divisi sulla cocente sconfitta a Genova

04/03/2012
Ci sta, soprattutto contro la Samp. Anzi no, si poteva e si doveva dare di più. Prima corrente di pensiero: «Nulla da dire, c'era poco da fare contro una squadra così». Secondo filone: «Le colpe dell'Hellas vengono prima dei meriti della Doria. Opinioni a confronto a RadioVerona, la gente accetta il verdetto ma non lo digerisce. Comincia Fabrizio: «Dovevamo metterci più intensità, invece abbiamo giocato sottoritmo. E così ha prevalso il maggior tasso tecnico della Sampdoria». L'argomento è caldo. Interviene Paolo: «Purtroppo eravamo imballati dal richiamo atletico negli ultimi giorni, hanno corso solo quelli più agili. Gli altri erano in debito d'ossigeno». Il rammarico di Davide «nasce dalla campagna di gennaio, quando avremmo dovuto prendere un giocatore di qualità. Ne bastava uno solo».

La voce rimane isolata o quasi. Le repliche non si contano, quella di Maurizio in primis: «Samp, Toro, Pescara e Varese hanno più qualità di noi. Ma quelli che criticano la società per il non mercato facciano subito un bonifico a Martinelli, se hanno qualche euro in tasca. Facile parlare ora». Denis rimpiange Tachtsidis: «La sua assenza l'abbiamo avvertita, Esposito è semplicemente un altro giocatore. Davanti alla difesa ci serve uno di sostanza, almeno per come vede il calcio Mandorlini. Punto e basta». Pessimista Federico: «A Torino se siamo questi è già persa, con squadre di qualità facciamo sempre tanta fatica».

Christian non è da meno: «Mi è sembrata una partita di fine campionato, in cui a loro servivano punti per forza e a noi no». Il ritornello dell'allergia agli scontri diretti è un altro tema che sms e telefonate suggeriscono di continuo. La spiegazione di Oscar è lapidaria: «Delle squadre di testa siamo la meno dotata tecnicamente, in serie A possiamo andarci solo non sbagliando nulla contro le piccole». Andrea è sulla stessa lunghezza d'onda, con un'aggiunta: «A Sassuolo, Pescara e Genova non abbiamo mai dato l'impressione di volercela giocare, di provare a vincere o di riuscire a cambiare la partita in corsa. Non è un bel segnale».

Giuliano cambia discorso: «Ad inizio anno pensavamo di avere una squadra da metà classifica, sta andando anche troppo bene così. Peccato per l'assenza di un attaccante da quarto o quinto posto nella classifica marcatori». La riflessione di Giuliano scatena Edoardo: «Un bomber non esclude per forza un ottimo blocco squadra, la differenza l'ha fatta la loro maggiore qualità». Questione di attimi. Marco regala un fermo immagine: «Gomez non può sbagliare occasioni clamorose come quella davanti alla porta, avesse segnato la partita sarebbe cambiata». Momenti-chiave, come il primo gol di Pozzi. Massimiliano continua a pensarci: «La difesa non si è mossa bene, siamo stati ingenui. Troppo. Importante è aggiustare tutto per il Torino. Dovremo essere perfetti. Perché quello di Marassi non è stato il vero Hellas». A.D.P.

«Sembravamo impauriti, ci hanno chiuso in difesa»
SPOGLIATOI. Il tecnico scaligero rende merito al valore degli avversari
Mandorlini: «Con una squadra come la Sampdoria così rischi che prima o poi arrivi una giocata decisiva Adesso dobbiamo far tesoro di quanto è accaduto»

04/03/2012
Bruno Fabris GENOVA Quando si perde si cerca sempre di scoprire se è merito dell'avversario che era più forte o demerito del gruppo che non si è espresso come doveva e poteva. Il rebus attorno al quale è ruotata la conferenza stampa del dopopartita di Andrea Mandorlini è tutto in quell'interrogativo. Al quale il tecnico gialloblù dà una risposta ufficiale che è però smentita dal volto rabbuiato con il quale accompagna la sua analisi. «Abbiamo perso contro una buona squadra che ha fatto una buonissima partita. E quindi non posso non fare i complimenti alla Sampdoria», spiega l'allenatore del Verona che prova anche a scherzare: «Se dovevamo perdere era meglio farlo, com'è accaduto, con una squadra amica». L'accenno è al gemellaggio tra le due tifoserie che si sono scambiati cori e complimenti prima, durante ed anche dopo l'incontro. Scherza ma con l'impressione di divertirsi poco. «Nel calcio gli episodi fanno sempre la differenza. La prima palla gol l'abbiamo avuta noi: eppure quell'errore sotto porta, invece di darci forza e spronarci a far meglio, ci ha portato ad indietreggiare».

E questo nonostante l'impressione dalla tribuna non era certo per una Sampdoria arrembante. «È vero: non hanno fatto molto. Ma la palla l'avevano sempre loro. E noi non siamo più riusciti ad accorciare in avanti». Una sconfitta che, secondo Mandorlini, «non cambia molto in chiave play-off». E che lascia il tecnico con una convinzione lapalissiana: «Noi possiamo fare meglio di quanto visto a Marassi». Forse l'allusione è a quel primo tempo regalato alla Samp: anche se la parola non gli piace. «Noi non volevamo regalare nulla: il fatto è che sono stati più bravi di noi. Facilitati dal fatto che noi sembravamo impauriti. Ed è ovvio che se ti fai chiudere dietro con squadre come la Samp rischi che prima o poi la giocata arrivi». Che fine ha fatto il Verona arrembante, capace di pressare e ripartire? «Non lo so», è la replica sincera del tecnico. «Oggi dovevamo fare quelle cose e non ci è riuscito». Inutile chiedere a Mandorlini se ce l'ha con qualcuno in particolare: se anche così fosse, sono cosa di cui si parlerà nello spogliatoio. «E poi bisogna ogni tanto anche dare merito agli avversari», prova a buttar lì.

«A noi non resta che tornare a Verona e fare tesoro di quanto accaduto a Marassi». A partire dai rimpianti: «C'era l'impressione che la Samp avesse speso molto e che potesse cedere alla distanza: il secondo gol ci ha tagliato le gambe». E dalla certezza che non si è trattato comunque di deficit individuali. «Siamo abituati a cambiare formazione e modi di giocare», sottolinea Mandorlini. «Buttare la croce su alcuni interpreti sarebbe un limite per questo Verona che ha sempre avuto, invece, la sua forza nel gruppo». Squadra che riparte anche dalle (poche) note positive individuate da Mandorlini. «Nella ripresa, pur giocando con quattro punte, li abbiamo chiusi indietro e non abbiamo regalato loro grandi occasioni nonostante gli spazi per i loro contropiedi ci fossero. E poi mi è piaciuto lo spirito con il quale i ragazzi, sotto di due gol, hanno cercato fino alla fine di rimettere in piedi la partita. Atteggiamenti che mi fanno ben sperare per il futuro».

Che per il Verona ha i colori granata del Torino capolista: avversario designato per il prossimo turno . Mandorlini si appella ai corsi e ricorsi storici. «All'andata pareggiammo con la Samp e perdemmo col Torino, entrambe in casa nostra, e poi cominciammo la striscia di otto vittorie consecutive dopo il ko col Vicenza. Chissà che la cosa non si ripeta, magari partendo da un pareggio coi granata e senza perdere il derby coi vicentini».

«Il secondo gol era in fuori gioco E ha condizionato la partita»
SPOGLIATOI. Il capitano punta il dito contro la marcatura di Pozzi. I gialloblù ora sono attesi dalla trasferta di Torino
Ceccarelli: «Sull'uno a zero ce la saremmo potuta giocare ancora e provare a recuperare Ma ci è mancata personalità. Abbiamo gettato tantissimi palloni cercando lanci lunghi»

04/03/2012
Bruno Fabris GENOVA «Era fuorigioco, non c'è nessun dubbio in merito». Capitan Ceccarelli non ammette repliche, forte anche del fatto che ha già rivisto l'azione in televisione quando arriva in sala stampa. Il gol del 2-0, «quello che di fatto ha ucciso la partita, non era valido». Telecamere a parte «io ero lì vicino ed ho visto benissimo l'azione», racconta. «Eder ha portato palla e l'ha scaricata a Pozzi che gliel'ha ridata. A quel punto è intervenuto Maietta che ha rinviato il pallone, verso il centrocampo, ovviamente: purtroppo ha colpito lo stesso Eder e il rimpallo ha servito Pozzi che era rimasto tutto solo al limite della nostra area. Ma in fuorigioco, anche se l'arbitro, su indicazione del segnalinee, ha detto che verso la linea laterale c'era Scaglia che era rimasto basso e quindi lo teneva in gioco. Ma non era così».

Un gol, quello del raddoppio, che fatalmente ha indirizzato la partita in discesa per la Sampdoria. «Fossimo rimasti sull'1-0 ce la saremmo giocata ancora», continua Ceccarelli. «Ne avevamo sia il tempo che la possibilità. E comunque un gol di svantaggio si può recuperare anche con un episodio. Sul 2-0 no: ti taglia le gambe e tutto diventa più difficile». Considerando anche il fatto che pure sulla primo rete della Samp sono stati avanzati dubbi: «È vero: l'impressione che Pozzi fosse al limite l'abbiamo avuta. Ma in questo caso pare che fosse dietro la linea dei difensori». Sta di fatto che ieri pomeriggio a Marassi il Verona ha rimesso in gioco la Sampdoria in chiave play-off. Adesso avete un nemico in più dal quale guardarvi... «È vero», ammette il capitano gialloblù. «E non ci voleva. Nel senso che loro erano già forti e a gennaio hanno anche rivoluzionato la squadra rinforzandosi ancora di più. Adesso possono davvero guardare la zona play-off con più possibilità. E se riuscissero a farcela sarebbero una brutta gatta da pelare per le altre contendenti: noi compresi, ovviamente».

È ovvio che c'è rammarico: «Ma il calcio è anche questo. Eravamo venuti a Marassi per fare risultato e non ci siamo riusciti». Anche perché il Verona ha sprecato un'occasione in avvio poi si è man mano rintanata nella propria metà campo. Cos'è accaduto? «La Samp spingeva ma non poi così tanto. Il fatto è che ci è mancata la personalità per tenere palla. Abbiamo buttato tantissimi palloni cercando i lanci lunghi su Ferrari che, tra l'altro, era isolato e circondato dai difensori avversari. Non poteva certo aver vita facile. Noi avremmo dovuto essere più calmi, giocare la palla e tentare di uscire con degli scambi e non con i lanci. Una cosa che normalmente facciamo ma che a Marassi non c'è riuscita. E di questo va dato anche un po' di merito alla Samp: è vero che gol a parte non si sono resi mai pericolosi, ma nel primo tempo ci hanno tenuto lì, erano aggressivi ed hanno tenuto in mano il pallino del gioco».

E lunedì prossimo si va a Torino. «Altra partita difficile», conclude Ceccarelli. «All'andata pareggiammo con la Samp e perdemmo con i granata: magari stavolta facciamo l'inverso. L'ha già detto anche Mandorlini? Bene, vuol dire che lo spogliatoio la pensa in maniera compatta. È ovvio che andiamo lì a giocarcela. Come finirà? Abbiamo del tempo per pensarci».

FONTE: LArena.it


Iachini: "Vittoria dedicata ai tifosi. Ora stiamo bene"
Genova - Netta vittoria della Samp sul Verona e, in sala stampa, Beppe Iachini inizia plaudendo ai tifosi: "Voglio ringraziare e complimentarmi con la tifoseria: c'era una cornice bellissima, una giornata di sportività e sostegno. La gente meritava questa soddisfazione e noi l'abbiamo ripagata con una grande prestazione. Voltiamo pagina e pensiamo all'Empoli. Siamo ripartiti a gennaio con un nuovo gruppo e stiamo lavorando bene, per costruire la giusta mentalità: da ogni gara dobbiamo cercare il massimo. Eder? Sapevo che non era al meglio ma ho forzato un po' per gestirlo meglio, viste le gare ravvicinate. Le condizioni di tutti verranno valutate nei prossimi giorni. Il Verona è una grande squadra ma ha trovato di fronte a se una Sampdoria che aveva una grande voglia di fare, non credo che il Verona abbia colpe.
I terzini? Si può sempre fare meglio ma sono contento. Avevo detto che Costa aveva tutte le caratteristiche per farlo".
03/03/2012 18:00:00 Matteo Cantile

Sampdoria-Verona/Munari: "Pensiamo gara dopo gara
Genova - Gianni Munari, l’acquisto dell’ultimo minuto in casa Sampdoria è uscito anzitempo solo per qualche problemino dovuto alla condizione fisica non ancora ottimale e in mixed zone dichiara: "Avevo i crampi perchè mi manca il ritmo partita. Faccio i complimenti ai miei compagn idi reparto Kristicic e Soriano perchè hanno fatto un'ottima gara e dimostrato il loro valore. Oggi abbiamo giocato bene e abbiamo sempre avuto il controllo della palla fin dai primi minuti. Potevamo fare qualche gol in più, ma sotto il piano della grinta c’eravamo e questo era determinante, soprattutto per i tifosi. Io sono stato l’ultimo arrivare ma chiaramente c’è un’altra aria e noi speriamo di continuare su questa linea. Ieri sera ci siamo anche ritrovati a guardare il Varese. Purtroppo hanno vinto e ora bisogna fare una striscia positiva, altrimenti arrivare ai playoff è dura". Poi il centrocampista si sofferma su pubblico: "I nostri tifosi giocheranno un ruolo importante nel finale di stagione. Entrare qui dentro è un’emozione unica. È un catino e per noi è determinante”.
03/03/2012 20:00:39 F.B.

Pozzi ed Eder show e la Sampdoria vola: battuto il Verona due a zero
Genova - La Sampdoria ottiene il secondo successo casalingo contro il Verona nel big match della 29esima giornata. Iachini rispetto alle attese utilizza Eder dal primo minuto a fianco di Pozzi e la scelta si rivela azzeccata. I due regalano spettacolo e gol che fanno sognare i tifosi. Il primo tempo vede una Sampdoria propositiva che cerca il vantaggio ma Eder sbaglia un gol fatto. Lo stesso attaccante brasiliano però si fa perdonare mettendo in mezzo all'area di rigore la palla gol per Pozzi che insacca complice un un errore di Rafael che si fa sfuggire la palla al minuto 33'. Il Verona si scuote ma Gomez è impreciso e la difesa blucerchiata è attenta. Nella ripresa la squadra di Iachini parte forte e all'8' trova il raddoppio: Eder ruba palla alla trequarti e Pozzi si invola inasaccando alle spalle di Rafael per il suo undicesimo gol. Mandorlini tenta la carta delle tre punte ma Eder potrebbe triplicare: stavolta il portiere scaligero c'è. Iachini decide di togliere il brasiliano tra gli applausi con Bertani che non chiude la pratica al 40' quando dopo una bella fuga solitaria sbaglia al limite dell'area. Un tripudio sotto la Sud festante come non mai che invoca la massima categoria non più una chimera. Una vittoria importante in uns settimana cruciale che vedrà il recupero in casa martedì contro l'Empoli e la trasferta di Modena contro il Sassuolo sconfitto a Pescara per tre a due.
03/03/2012 17:30:07 F.B

FONTE: CittaDiGenova.com


ALTRE NOTIZIE
Sampdoria, Krsticic: "Abbiamo fatto vedere chi siamo"
03.03.2012 18.36 di Tommaso Maschio
Nenad Krsticic, centrocampista della Sampdoria, al termine della gara vinta sull'Hellas Verona commenta così la prestazione sua e della squadra: "Oggi abbiamo giocato tutti una grande partita e abbiamo mostrato chi siamo e dove possiamo arrivare. Il gruppo del resto è sempre stato unito, anche quando le cose non andavano bene. - spiega il serbo come riporta Sampdorianews.net - Sono felice anche per la mia gara. Non ero abituato a giocare in questo ruolo, ma il mister mi ha aiutato molto a capire quali fossero i movimenti da fare. Mi piace questo nuovo ruolo, sopratutto perché tocco tanti palloni".

ALTRE NOTIZIE
Hellas Verona, Lepiller: "Difficile giocare in questo stadio"
03.03.2012 18.45 di Tommaso Maschio
Mathias Lepiller, attaccante dell'Hellas Verona, parla della sconfitta di Genova dicendosi pronto a svoltare pagina immediatamente: "Giocare in questo stadio non è facile, purtroppo abbiamo preso gol subito nel primo tempo e tutto si è complicato ulteriormente. Non credo che la squadra entri in campo con una sorta di timore reverenziale contro le grandi del campionato. Ora dobbiamo pensare al Torino e a voltare pagina".

ALTRE NOTIZIE
Sampdoria, Iachini: "Ottima gara"
03.03.2012 19.03 di Ivan Cardia
Reduce dalla vittoria sul Verona, l'allenatore della Sampdoria Giuseppe Iachini si dichiara soddisfatto della buona prestazione offerta dai blucerchiati. Ecco quanto riporta sampdorianews.net: "Il gemellaggio è stata una bella festa. Questi sono esempi di grande sportività e come dovrebbe essere sempre il calcio. Al nostro pubblico faccio i miei complimenti, perché meritavano davvero una grande prestazione. Penso infatti che la squadra abbia fatto un'ottima gara sotto tutti i punti di vista. Ora però dobbiamo subito voltare pagina e pensare all'Empoli, con la consapevolezza che c'è ancora tanto da lavorare.

Noi siamo ripartiti a gennaio con un nuovo corso e un nuovo progetto su cui stiamo lavorando. Stiamo creando un gruppo nuovo di ragazzi che abbia una solida organizzazione di gioco, uno spirito e un atteggiamento propositivo che riesca a far riavvicinare i nostri tifosi alla squadra. Il nostro obiettivo è cercare di ottenere il massimo da ogni gara che giochiamo. Penso che questo sia un segnale di quello che la squadra vuole fare di qui alla fine del campionato. Ora abbiamo bisogno di tutto il gruppo per i molti impegni ravvicinati, ma la strada è tracciata e su quella dobbiamo continuare a lavorare.

Nonostante fosse in dubbio, oggi ho scelto Eder dall'inizio. Ho voluto forzare per via delle due partite ravvicinate e per evitare il rischio di fare un ulteriore cambio nel caso non ce l'avesse fatta. Ora nei prossimi giorni verificheremo le condizioni fisiche dei ragazzi e poi si deciderà di conseguenza. Munari oggi è uscito per un crampo, ma non è nulla di preoccupante.

Abbiamo fatto anche altre ottime partite. È vero che diverse volte abbiamo giocato male, ma contro l'Albinoleffe ad esempio avevamo fatto una buona gara, così come il primo tempo col Modena. Non è solo oggi, ma è nell'ultimo periodo che la squadra sta uscendo, grazie ai meccanismi di gioco, alla compattezza e alla velocità. Del resto, è chiaro che solo col lavoro e con la conoscenza che questi elementi si riescono a migliorare. Questa è la strada che dobbiamo percorrere. Ora prendiamo una partita per volta e vedremo.

Noi dobbiamo godere di piccole cose per farle diventare grandi. Quando sono arrivato qui, uno degli obiettivi che mi ero posto era riconquistare il nostro pubblico, visto quanto successo nella scorsa stagione e viste le problematiche dell'inizio di questa. Piano piano, col lavoro, ci stiamo riuscendo e queste sono belle soddisfazioni, ma non andiamo troppo in là per ora. Sono contento per la squadra che sta ritrovando la fiducia attraverso i comportamenti e gli atteggiamenti del rettangolo di gioco. Perché è così che si riconquistano i punti".

ALTRE NOTIZIE
LIVE TMW - DIRETTA SERIE B - Finali: risultati e classifica
03.03.2012 16.59 di Raimondo De Magistris
16.59 - Questa la classifica al termine delle gare pomeridiane: Torino 59; Sassuolo 55; *Pescara 55; Hellas Verona 54; *Padova 49; Varese 48; Reggina 43; *Brescia 42; *Sampdoria 40; Bari 40; *Juve Stabia 37; Cittadella 37; Grosseto 37; Livorno 31; Crotone 29; Vicenza 29; *Modena 29; *Gubbio 26; *Empoli 25; Albinoleffe 25; Ascoli 24; Nocerina 19.

*Una partita in meno

16.55 - Fine secondi tempi. Ecco i risultati:
Bari-Crotone 1-1 (aut. Bindi, Caetano)
Empoli-Livorno 1-1 (Belingheri, Dumitru)
Grosseto-Torino 0-3 (Oduamadi, Bianchi, Antenucci)
Juve Stabia-Nocerina 2-2 (Negro, Negro, Sau, Caserta)
Modena-Cittadella 3-0 (Ardemagni, Ardemagni, Di Gennaro)
Padova-Albinoleffe 3-2 (Bovo, Cocco, Ruopolo, Cacia, Cocco)
Pescara-Sassuolo 3-2 (Sansone, Immobile, Immobile, Insigne, Sansone)
Reggina-Ascoli 1-1 (Soncin, N.Viola)
Sampdoria-Hellas Verona 2-0 (Pozzi, Pozzi)

GOL DI ANTENUCCI! Grosseto-Torino 0-3 - Dilaga il Torino nei minuti finali. E' di Mirko Antenucci la rete che fissa il punteggio sul risultato di 0-3.

GOL DI BIANCHI! Grosseto-Torino 0-2 - Assist di Surraco e colpo di testa vincente di Rolando Bianchi.

GOL DI CASERTA! Juve Stabia-Nocerina 2-2 - Pareggio dei padroni di casa a pochi secondi dal termine. E' Fabio Caserta a ristabilire la parità.

GOL DI DUMITRU! Empoli-Livorno 1-1 - Assist di Brugman e colpo di testa vincente di Dumitru.

GOL DI CAETANO! Bari-Crotone 1-1 - Pareggio degli ospiti a pochi minuti dal termine con Caetano che gela il San Nicola: l'assist è di Nicola Sansone.

GOL DI COCCO! Padova-Albinoleffe 3-2 - Secondo rigore concesso all'Albinoleffe. E' ancora una volta Cocco a trasformarlo.

GOL DI SANSONE! Pescara-Sassuolo 3-2 - Riapre la partita il Sassuolo. E' il capocannoniere dei neroverdi Gianluca Sansone a battere Anania dal dischetto.

GOL DI N. VIOLA! Reggina-Ascoli 1-1 - Otto minuti dopo il gol di Soncin, la Reggina ha trovato la rete del pareggio. E' Nicolas Viola dal dischetto a ristabilire la parità.

GOL DI SAU! Juve Stabia-Nocerina 1-2 - Accorciano le distante le vespe. Bravo Marco Sau dal dischetto a riaprire la partita.

GOL DI CACIA! Padova-Albinoleffe 3-1 - Allunga il Padova con Daniele Cacia che da posizione ravvicinata batte il portiere e porta i biancoscudati avanti di due gol.

GOL DI SONCIN! Reggina-Ascoli 0-1 - Tiro di destro vincente da centro area di Soncin, la Reggina è sotto.

GOL DI DI GENNARO! Modena-Cittadella 3-0 - Davide Di Gennaro blinda la partita con un tiro di sinistro da fuori area.

GOL DI INSIGNE! Pescara-Sassuolo 3-1 - Prende il largo il Pescara, in superiorità numerica dopo l'espulsione di Bianco. E' Lorenzo Insigne con un tiro di destro finito sotto la traversa.

GOL DI IMMOBILE! Pescara-Sassuolo 2-1 - Nove minuti dopo il gol del pareggio, il Pescara trova la rete del sorpasso. E' ancora una volta Ciro Immobile a battere Pomini con un colpo di testa da centro area.

GOL DI POZZI! Sampdoria-Hellas Verona 2-0 - E' ancora una volta l'asse Eder-Pozzi a creare problemi al Verona: raddoppio dei blucerchiati con una conclusione da centro area.

GOL DI IMMOBILE! Pescara-Sassuolo 1-1 - E' cambiata la partita allo stadio Adriatico. Espulso Bianco e rigore per i padroni di casa: bravo Immobile a trasformarlo e a ristabilire la parità.

16.00 - Inizio secondi tempi.

15.50 - Fine primi tempi. Ecco i parziali:
Bari-Crotone 1-0 (aut. Bindi)
Empoli-Livorno 0-1 (Belingheri)
Grosseto-Torino 0-1 (Oduamadi)
Juve Stabia-Nocerina 0-2 (Negro, Negro)
Modena-Cittadella 2-0 (Ardemagni, Ardemagni)
Padova-Albinoleffe 2-1 (Bovo, Cocco, Ruopolo)
Pescara-Sassuolo 0-1 (Sansone)
Reggina-Ascoli 0-0
Sampdoria-Hellas Verona 1-0 (Pozzi)

GOL DI ARDEMAGNI! Modena-Cittadella 2-0 - Assist di Perna e colpo di testa vincente di Ardemagni.

GOL DI ARDEMAGNI! Modena-Cittadella 1-0 - Matteo Ardemagni sblocca la partita con un tiro di destro da centro area.

GOL DI SANSONE! Pescara-Sassuolo 0-1 - Neroverdi in vantaggio grazie al vantaggio di Sansone, è sotto il Pescara di Zeman.

GOL DI POZZI! Sampdoria-Hellas Verona 1-0 - Sbloccata la partita allo stadio Marassi. E' di Nicola Pozzi il gol poco dopo la mezz'ora con un tiro di destro da posizione ravvicinata.

GOL DI RUOPOLO! Padova-Albinoleffe 2-1 - Tornano avanti i padroni di casa. Bravo Ruopolo a trasformare in gol l'assist di Omar Milanetto.

GOL DI NEGRO! Juve Stabia-Nocerina 0-2 - Clamoroso raddoppio della Juve Stabia al Menti di Castellammare di Stabia. E' ancora Maikol Negro con un tiro di destro da fuori area a battere il portiere.

AUTOGOL DI BINDI! Bari-Crotone 1-0 - Padroni di casa in vantaggio: sfortunata autorete di Bindi che ha messo fuori gioco il portiere.

GOL DI COCCO! Padova-Albinoleffe 1-1 - Immediato pareggio della squadra seriana. E' Andrea Cocco a ristabilire la parità con la trasformazione di un calcio di rigore concesso dal direttore di gara Cervellera.

GOL DI ODUAMADI! Grosseto-Torino 0-1 - Subito avanti la capolista Torino: conclusione di destro di Oduamadi con la palla che finisce alla sinistra del portiere.

GOL DI NEGRO! Juve Stabia-Nocerina 0-1 - Dopo un ottimo inizio dei padroni di casa, gli ospiti sono passati in vantaggio: precisa la conclusione di Maikol Negro che s'è spenta alle spalle del portiere.

GOL DI BOVO! Padova-Albinoleffe 1-0 - Padroni di casa in vantaggio. E' Bovo con un colpo di testa a sbloccare la partita.

GOL DI BELINGHERI! Empoli-Livorno 0-1 - Ospiti subito in vantaggio. E' Belingheri a sbloccare la partita sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Luci.

14.59 - Si parte!

14.15 - La classifica prima del fischio d'inizio: Torino 56; Sassuolo 55; Hellas Verona 54; *Pescara 52; **Varese 48; *Padova 46; Reggina 42; Brescia 42; Bari 39; *Sampdoria 37; Cittadella 37; Grosseto 37; *Juve Stabia 36; Livorno 30; **Vicenza 29; Crotone 28; Gubbio 26; *Modena 26; Albinoleffe 25; *Empoli 24; Ascoli 23; Nocerina 18.

*Una partita in meno
**Una partita in più

14.15 - Va in scena alle ore 15 buona parte della 29esima giornata di Serie B. Dopo l'anticipo di ieri sera in cui il Varese s'è imposto con un secco 3-0 sul Vicenza, scendono oggi in campo ben 18 squadre. Lunedì sera il posticipo tra Gubbio e Brescia. Ecco il programma completo:

SERIE B 29ESIMA GIORNATA
Risultato finale
Varese-Vicenza 3-0 (Zecchin, Kurtic, Cacciatore)

Inizio ore 15. Aggiornamento risultati e marcatori in tempo reale
Bari-Crotone 1-1 (aut. Bindi, Caetano)
Empoli-Livorno 1-1 (Belingheri, Dumitru)
Grosseto-Torino 0-3 (Oduamadi, Bianchi, Antenucci)
Juve Stabia-Nocerina 2-2 (Negro, Negro, Sau, Caserta)
Modena-Cittadella 3-0 (Ardemagni, Ardemagni, Di Gennaro)
Padova-Albinoleffe 3-2 (Bovo, Cocco, Ruopolo, Cacia, Cocco)
Pescara-Sassuolo 3-2 (Sansone, Immobile, Immobile, Insigne, Sansone)
Reggina-Ascoli 1-1 (Soncin, N.Viola)
Sampdoria-Hellas Verona 2-0 (Pozzi, Pozzi)

Lunedì ore 20.45
Gubbio-Brescia

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


FLASH NEWS
SerieBwin, "La B sul taccuino": i giudizi
07.03.2012 11:01 di Federico Errante
Fonte: legaserieb
La B sul taccuino è un'iniziativa della Lega Serie B in collaborazione con dieci giornalisti che seguono, valutano e commentano abitualmente il campionato cadetto.

Ogni settimana a loro viene chiesto di esprimersi sulla squadra della giornata, sul gesto sportivo della settimana, che può essere tecnico ma anche di fair play, il gol più bello, l'allenatore che ha messo meglio in campo la propria formazione e che ha saputo leggere tatticamente la partita, il giovane under 21 che più ha impressionato e, infine, l'atleta che in assoluto ha giocato meglio.

Questa la classifica della 29° giornata a cui hanno partecipato, in ordine alfabetico, Raniero Altavilla di seriebnews.com, Alessandro Baretti di Tuttosport, Nicola Binda della Gazzetta dello Sport, Tullio Calzone del Corriere dello Sport, Andrea Capello de La Presse, Federico Errante di tuttob.com, Gianni Federico di Sky, Simone Malagutti di Mediaset, Tino Redaelli di Italpress e Alberto Rimedio di Rai sport.

Il gol
Kurtic, secondo per il Varese, al 39' in Varese-Vicenza 3-0. 9 voti.
Segnalato anche il terzo gol del Pescara di Insigne in Pescara-Sassuolo 3-2 al 61'.

La squadra
Brescia. 4 voti.
Segnalate anche Torino (3 voti), Sampdoria (2 voti) e Pescara.

L'allenatore
Calori, Brescia, 4 voti.
Segnalati anche Maran e Iachini (2 voti), Bergodi e Zeman.

Il giocatore
Nicola Pozzi, Sampdoria, autore di una doppietta in Sampdoria-Verona 2-0, 3 voti.
Segnalati anche Ardemagni, Modena, 2 voti, quindi Negro della Nocerina, Arcari del Brescia, Ruopolo del Padova, Kurtic del Varese e Antenucci del Torino.

Il giovane
Ciro Immobile, Pescara, classe 1990, autore di una doppietta in Pescara-Sassuolo 3-2. 5 voti.
Segnalati anche El Kaddouri, Brescia 2 voti, Insigne e Verratti, Pescara, e Oduamadi del Torino.

Il gesto tecnico
L'applauso di Pea a Insigne al momento della sostituzione, 4 voti.
Segnalati anche l'azione del Padova sul gol di Bovo, due voti, tutte le parate di Arcari, che hanno permesso di mantenere l'imbattibilità del Brescia, e quella di Rafael, Hellas Verona, su Eder e infine l'assist di Sansovini per Insigne nell'azione del terzo gol del Pescara sul Sassuolo.

PRIMO PIANO
29^ giornata, vincono Torino, Pescara, Padova, Samp e Modena. Pareggi a Bari, Empoli, Castellammare e Reggio Calabria
03.03.2012 15:50 di Federico Errante
Il Torino cala il tris a Grosseto (torna al gol Rolando Bianchi) e allunga a + 4 su Sassuolo e Pescara: gli adriatici vincono lo scontro diretto in rimonta sulle ali della coppia Immobile (21 reti)-Insigne. Il Verona cede al "Ferraris" alla doppietta di Nicola Pozzi, bis di Ardemagni al "suo" Cittadella e il Modena si rialza e, sempre a proposito di ex, Ruopolo (un gol e un assist) trascina il Padova al successo sull'AlbinoLeffe. Pareggio in rimonta della Juve Stabia nel derby con la Nocerina, segno X anche a Bari, Empoli e Reggio Calabria.

Ore 15
Bari-Crotone 1-1 13' aut. Bindi 87' Calil (C)
Empoli-Livorno 1-1 4' Belingheri 88' Dumitru (E)
Grosseto-Torino 0-3 12' Oduamadi 92' Bianchi 95' Antenucci
Juve Stabia-Nocerina 2-2 8' 31' Negro 69' Sau rig. (JS) 89' Caserta (JS)
Modena-Cittadella 3-0 44' 46' pt. Ardemagni 62' Di Gennaro
Padova-AlbinoLeffe 3-2 5' Bovo 13' Cocco rig. (A) 30' Ruopolo 63' Cacia 79' Cocco rig. (A)
Pescara-Sassuolo 3-2 41' 75' rig. Sansone (S) 49' rig. 58' Immobile 61' Insigne
Reggina-Ascoli 1-1 71' Soncin 80' Viola rig. (R)
Sampdoria-Hellas Verona 2-0 33' 53' Pozzi

Lunedì ore 20.45
Gubbio-Brescia

Giocata ieri
Varese-Vicenza

FONTE: TuttoB.com


martedì, marzo 6th, 2012 | Posted by Matteop
Serie B, top e flop della 29ma giornata
Chi sono i top e i flop della 29ma giornata? Chi ha deluso e chi incantato? SerieBnews.com vi offre una classifica dei tre migliori e tre peggiori protagonisti della giornata del campionato cadetto.

TOP –
3) finalmente la Sampdoria, col solito Pozzi: finalmente si è vista la Sampdoria, quella vera. 2-0 al Verona è un risultato su cui costruire una nuova stagione. Pozzi c’è sempre e pure questo non è da poco.
2) Ciro Immobile e Lorenzo Insigne la fabbrica del gol: 30 gol in due, Immobile e Insigne sono autori di una stagione incredibile. Il Pescara vola, grazie soprattutto a loro.
1) 900 minuti di imbattibilità per Arcari: 10 partite senza subire gol, ha deciso di blindare ancora la difesa del Brescia per battere tutti i record possibili.

FLOP –
3) il peggior Verona della stagione: i gialloblu hanno fin’ora sorpreso tutti, con un calcio fresco e spontaneo. Sabato però hanno deluso contro la Sampdoria, soprattutto in mezzo al campo. Per carità ci può stare, ma attenzione a rialzarsi subito.
2) la Nocerina costretta al pareggio: se ci si vuole salvare non si possono buttare al vento occasioni così. Sopra di due reti dopo mezz’ora i rossoneri si sono fatti raggiungere sul 2-2.
1) il disastro di Bindi: Errori così costano la maglia a titolare. Bindi, su retropassaggio, sbaglia uno stop semplice semplice e fa una figuraccia. Da dimenticare subito.
M.F.

domenica, marzo 4th, 2012 | Posted by AlbertoBellotto
Sampdoria, Eder: “Con il Verona è stata una vittoria importante”
Autore di una buona gara contro il Verona, il blucerchiato Eder ha dimostrato di aver smaltito i problemi fisici con due ottimi assist per Nicola Pozzi. Il brasiliano ex-Cesena ha infatti confezionato i due assist, al 33' e al 52', che hanno permesso a Pozzi di trafiggere per due volte Rafael. “Complimenti a tutti, è stata una vittoria importante con il Verona” ha detto fine gara il giocatore che, sostituito da Bertani al 62', è stato salutato con gli applausi del popolo doriamo. Oggi sul popolare social network twitter Eder è tornato a gioire per la vittoria: “Troppo contento per la vittoria 3 Punti !importantissimi” esprimendo anche soddisfazione per il lavoro della squadra e facendo i compimenti a Pozzi: “Complimenti a tutta lá squadra. E anche al bomber Nico”.

sabato, marzo 3rd, 2012 | Posted by Amodaffari
Samp, la dedica di Iachini: “Vittoria per i tifosi”
E’ un Beppe Iachini raggiante quello che si presenta in sala stampa dopo la bella vittoria della Sampdoria contro il Verona. Il primo pensiero del tecnico è però per i tifosi doriani:”Voglio ringraziare e complimentarmi con la tifoseria: c’era una cornice bellissima, una giornata di sportività e sostegno. La gente meritava questa soddisfazione e noi l’abbiamo ripagata con una grande prestazione”.
Grazie a questo succeso la Samp si rilancia prepotentemente per la corsa ai play-off ma, occhio a cullarsi, la strada è ancora lunga e non si può sbagliare già contro l’Empoli:”Voltiamo pagina e pensiamo all’Empoli. Siamo ripartiti a gennaio con un nuovo gruppo e stiamo lavorando bene, per costruire la giusta mentalità: da ogni gara dobbiamo cercare il massimo. Eder? Sapevo che non era al meglio ma ho forzato un po’ per gestirlo meglio, viste le gare ravvicinate. Le condizioni di tutti verranno valutate nei prossimi giorni”.
A.M

sabato, marzo 3rd, 2012 | Posted by Matteop
Sampdoria-Verona, le pagelle del match del Ferraris
Ecco le pagelle di Sampdoria-Verona:
SAMPDORIA
Romero sv: inoperoso, di fronte a un Verona poco offensivo rimane a guardare per 90 minuti.
Berardi 6: prestazione senza lode e infamia sulla corsia esterna, oggi dalla sua parte non passa davvero un pallone.
Gastaldello 6: il capitano prova a far male quando sale sugli angoli, per il resto rimane inoperoso in una giornata nera per l’attacco gialloblu.
Rossini 6: stesso discorso fatto per Gastaldello, oggi per lui poco lavoro.
Costa 6.5: spinge sulla corsia, senza arrivare sul fondo. Attento quando cresce il Verona.
Munari 6.5: il centrocampista ex Fiorentina è diventato improvvisamente puntello fondamentale del centrocampo blucerchiato. Anche oggi prestazione di spessore.
(77' Laczko) sv
Krsticic 6: grande corsa e movimento tra le linee, degno sostituto di Renan
Soriano 6.5: aveva il difficile compito di far girare la palla in mezzo al campo, lo fa con gran personalità il giovane.
Juan Antonio 6.5: buona prova dell’argentino che si posiziona tra le linee, pronto a svariare e cambiare passo. Un pò discontinuo nell’arco della partita…
(70' Foggia) 6: regala velocità e imprevedibilità alla manovra, anche se venti minuti sono pochi.
Eder 7.5: per la prima volta diventa decisivo con due assist, anche se il secondo non era voluto, a Pozzi. Gioca sempre alle spalle della punta correndo molto e sacrificandosi. Partita incoraggiante anche per il futuro blucerchiato, esce sfinito dopo un’ora ricordiamo i problemi alla caviglia…
(63' Bertani) 6: rimane tra le linee, giocando con grande voglia ma con pochi palloni a disposizione.
Pozzi 8: una doppietta che conferma quanto questo giocatore sia importante per questa squadra. Ancora decisivo, stupisce la sua voglia di fare e la capacità di trovarsi sempre al posto giusto nel momento giusto.
All. Iachini 6.5: ha il merito di non mollare, di trasmettere a questa squadra lo spirito che aveva lui quando giocava. Arriva un’altra vittoria, contro un avversario niente male, soddisfazione immensa per questo tecnico che vuole fare di tutto per riportare la Samp in A.

VERONA
Rafael 6.5: reagisce, nonostante i gol subiti, con parate da grande interprete.
Cangi 5: attaccato da Eder, che è un folletto impazzito, non riesce a prenderlo praticamente mai.
Ceccarelli 5.5: anche lui in difficoltà contro il fisico e l’esplosività di Pozzi
Maietta 5: ci mette voglia e cuore, ma l’errore che porta al 2-0 è un’ingenuità troppo grande per un giocatore esperto come lui.
Scaglia 4: colpevolmente coinvolto in entrambe le reti blucerchiate, quando è sempre lui a tenere Pozzi in gioco. La tattica del fuorigioco dovrà rivederla in settimana, perchè così mette in difficoltà tutto il reparto arretrato.
Russo 6: l’unico a dare polmoni a questo spento Verona, uno dei migliori peccato brancoli nel buio.
(70' Bjelanovic) sv
Jorginho 5: in difficoltà nelle due fasi, rimane al centro nel frangi-flutti del centrocampo blucerchiato. Partita no anche per lui.
Hallfredsson 5.5: ci ha abituato a standard talmente alti che una partita sottotono risulta ancor di più negativa. Oggi l’islandese non è riuscito a trovare continuità in campo, anche grazie ai buoni movimenti del centrocampo blucerchiato.
Esposito 5: sparisce tra le maglie del centrocampo blucerchiato, fuori dagli schemi per tutti i 54 minuti giocati.
(54' D’Alessandro) 5.5: anche lui non riesce a entrare in partita, defilandosi troppo e giocando pochi palloni.
Ferrari 5.5: troppo isolato là davanti, non riesce a trovare praticamente mai il pallone.
(63' Lepiller) 6: l’unico che prova a dare una scossa a un attacco davvero abulico.
Gomez 5: evanescente e senza costanza, mancano le sue giocate oggi a questo Verona spento.
All. Mandorlini 5.5: il suo Verona è irriconoscibile, soprattutto non ha la solita voglia di reagire. Il tecnico ci prova in tutti i modi possibili, ma i ragazzi oggi non rispondono.
M.F.

sabato, marzo 3rd, 2012 | Posted by Matteop
Serie B, ecco come cambia la classifica dopo la 29ma giornata
Ecco come cambia la classifica dopo la 29ma giornata, aspettando Gubbio-Brescia:
Torino 59
Sassuolo 55
Pescara 55
Verona 54
Padova 49
Varese 48
Reggina 43
Brescia 42
Bari 40
Sampdoria 40
Cittadella 37
Grosseto 37
Juve Stabia 37
Livorno 31
Vicenza 29
Crotone 29
Modena 29
Gubbio 26
Albinoleffe 25
Empoli 25
Ascoli 24
Nocerina 19

sabato, marzo 3rd, 2012 | Posted by Matteop
Sampdoria-Verona, tabellino e cronaca del match del Ferraris
Finalmente una Sampdoria convincente si impone all’attenzione del Ferraris e dei suoi tifosi. I blucerchiati vincono 2-0 contro un avversario di tutto rispetto, il Verona di Andrea Mandorlini. Decisiva è la coppia Eder-Pozzi, il primo sforna due assist che il secondo trasforma in gol. Finisce con gli applausi dei tifosi che sembrano aver ritrovato la loro squadra.

Ecco il tabellino di Sampdoria-Verona:
SAMPDORIA 4-3-1-2: Romero; Berardi, Gastaldello, Rossini, Costa; Munari (77' Laczko), Krsticic, Soriano; Juan Antonio (70' Foggia); Eder (63' Bertani), Pozzi. Indisponibili: Castellini, Renan, Padalino, Semioli. Squalificato: Obiang. All. Iachini.

VERONA 4-3-3: Rafael; Cangi, Ceccarelli, Maietta, Scaglia; Russo (70' Bjelanovic), Jorginho, Hallfredsson; Esposito (54' D’Alessandro), Ferrari (63' Lepiller), Gomez. Indisponibili: Nicolas. Squalificato: Tachtsidis. All. Mandorlini.

Ammoniti: Krsticic (S), Russo (V), Juan Antonio (S)

sabato, marzo 3rd, 2012 | Posted by Matteop
SERIE B DIRETTA LIVE, Sampdoria-Verona:2-0, segui la partita in tempo reale
FINITA TRIONFO DELLA SAMP
4 minuti di recupero
43' st, ancora Sampdoria! Foggia prova da fuori, palla alta di poco
40' st, Bertani si invola, poi rientra sul sinistro e prova al limite dell’area, palla al lato
38' st, bel cross di Cangi (V), Bjelanovic colpisce di testa al lato
36' st, la Samp prova il contropiede, ma l’azione viene fermata perchè Bertani è in fuorigioco
35' st, fallo ingenuo di Soriano, buona opportunità da fermo per il Verona. Parte Lepiller, palla sulla barriera
33' st, Hallfredsson (V) recupera un pallone interessante sulla trequarti. Il suo passaggio in profondità però non arriva a Bjelanovic
31' st, esce sfinito Munari, ha corso molto, dentro Laczko
27' st, Foggia (S) prova il tiro a giro da fuori area, palla che finisce alta. Bel tentativo
25' st, dentro Bjelanovic per Russo, Mandorlini rinforza l’attacco. Fuori Juan Antonio per la Samp, dentro Foggia
24' st, fallo di Maietta a centrocampo, che ferma Pozzi.
23' st, punizione calciata malissimo da Lepiller diventa un assist per Russo, solo davanti a Romero. Palla che però finisce tranquillamente tra le mani del portiere argentino
21' st, brutto intervento da dietro di Juan Antonio, giallo per il fantasista. Maietta rimane a terra
20' st, Lepiller (V) appena entrato prova il tiro, di poco alto
18' st, Iachini inserisce Bertani per lo stanchissimo Eder. Mentre Mandorlini manda in campo Lepiller per Ferrari.
16' st, grandissima occasione per Cangi, lasciato libero. Palla interessante di Jorginho, ma il terzino è in fuorigioco
15' st, punizione battuta da Hallfredsson, palla nel mezzo Gastaldello devia in angolo.
14' st, giallo per Russo (V), fallo a centrocampo
13' st, ci prova anche Gastaldello (S) da fuori, palla ampiamente al lato
11' st, grande parata di Rafael che interviene sull’interno collo da fuori di Eder (S)
9' st, fuori Esposito e dentro D’Alessandro. Mandorlini corre ai ripari per salvare il salvabile
8' st, GOOOOOOOOOOL! POZZIIIIIIII! L’attaccante blucerchiato si ritrova un pallone tra i piedi dopo un rimpallo, brucia secco Rafael. 2-0
6' st, continua la pressione della Sampdoria, la squadra di Iachini finalmente sfodera un’ottima prestazione
4' st, giallo per Krsticic (S) che interviene a gamba a tesa su Cangi (V)
2' st, stop sbagliato di Ceccarelli (V), Munari ne approfitta e Rafael devia in angolo
1' st, Eder (S) prova il numero in area. La difesa scaligera allontana
RIPARTITI!

Senza recupero finisce IL PRIMO TEMPO!!
44' – Angolo per il Verona, il primo del match: calcia Halfredsson, stacca Pozzi che allontana poi Esposito calcia fuori!
43' – Verona in avanti, Halfredsson calcia con il mancino ma nulla di buono per i gialloblù.
41' – Samp che si propone in avanti, occhio al contropiede del Verona, Ferrari sbaglia l’appoggio.
40' – Attacco del Verona da sinistra, prima con Halfredsson poi con Scaglia ma Romero sventa tutto.
38' – Punizione in favore del Verona. Battuta troppo lunga per il capitano veronese Ceccarelli.
36' – Hellas sempre tutto dietro la linea della palla e solita difficoltà della Samp nel trovare spazi. Eder sempre molto mobile è l’unico che fa tanto movimento.
34' – Verona troppo schiacciato nella sua metà campo e Samp che attacca!!
32' – GOOOLLL!! SAMPDORIA!! NICOLA POZZI!!!!in area Eder serve un assist prezioso per Pozzi che sceglie bene il tempo dell’inserimento e colpisce battendo Rafael!! Sampdoria in vantaggio!! Decimo centro stagionale per Pozzi.
31' – Clamoroso erroe di Eder che nel dai e vai con Pozzi ha fatto tutto benissimo ma al momento di calciare il brasiliano a tu per tu con Rafael perde il tempo della battuta disturbato dal ritorno di Scaglia.
29' – Ora è il Verona che prova ad attaccare, Gomez in area calcia forte sull’esterno della porta difesa da Romero.
28' – Iachini molto arrabbiato mentre Mandorlini è più tranquillo.
26 – Poche azioni e molta densità in mezzo al campo. Manovra lenta e prevedibile dei blucerchiati mentr il Verona si limita a difendere per poi partire in contropiede.
22' – Fallo di Jorginho e punizione Samp. Rafael prepara la barriera: Krsticic calcia seguendo uno schema che non si chiude. Alla fine l’azione dei blucerchiati si conclude con fallo di Eder su Ceccarelli.
20' – Contatto tra Maietta e Soriano, Calvarese dice che non è rigore! Faccia a faccia tra Maietta e Soriano ma tutto tranquillo poi.. Dal replay sicuramente emerge che Maietta sbilancia Soriano. Cmq l’arbitro era molto vicino!
19' – Verona tutto dietro la linea della palla e Samp che fa la partita ma con la difficoltà nel trovare qualche spazio libero!
17' – Altro attacco della Sampdoria con un cross di Soriano che però è troppo alto per tutti.
15' – Samp che sta manovrando arriva sulla trequarti ma manca nell’ultimo passaggio.
13' – Contrattacco del Verona che non crea problemi a Romero.
11' – Possesso della Samp, tiro fortissimo dai 20 metri di Krsticic e Rafael para!!
10' – Ritmi non altissimi ma c’è grande pressione da parte di tutte e due le squadre
7' – Grande occasione per il Verona: Russo vede Gomez in ara tutto solo che invece di calciare forte di fatto regala con un passaggio il pallone a Romero!
6' – Punizione Sampdoria quasi al limite: Eder e Juan Antonio, calcia Eder con l’esterno destro e pallone fuori!!
5' – Molti duelli a centrocampo, match con grande verve agonistica…
4' – Verona che prova a distendersi poi breack della Samp ma il lancio per Eder è troppo lungo
3' – Attacco del Verona ma Halfredsson non arriva sul pallone e Romero esce facile in anticipo
2' – Match molto tattico squadre ancora nella fase di studio
2' – Punizione per la Samp a centrocampo
1' – Verona con il lutto al braccio per la morte in settimana del giornalista Moscone, che negli anni d’oro dell’Hellas seguiva la squadra.
FISCHIO D’INIZIO!!

Segui Sampdoria-Verona in diretta live:
Verona in maglia gialla con inserti blu, Samp con la classica casacca blucerchiata!
Squadre in campo pronte al via, stretta di mano tra due amici, Iachini e Mandorlini.
Grande elettricità sugli spalti e tifoserie gemellate
Squadre in campo per il riscaldamento. Volti molto concentrati e pochi sorrisi

Ecco le FORMAZIONI UFFICIALI di Sampdoria-Verona:
SAMPDORIA 4-3-1-2: Romero; Berardi, Gastaldello, Rossini, Costa; Munari, Krsticic, Soriano; Juan Antonio; Eder, Pozzi. Indisponibili: Castellini, Renan, Padalino, Semioli. Squalificato: Obiang. All. Iachini.
VERONA 4-3-3: Rafael; Cangi, Ceccarelli, Maietta, Scaglia; Russo, Jorginho, Hallfredsson; Esposito, Ferrari, Gomez. Indisponibili: Nicolas. Squalificato: Tachtsidis. All. Mandorlini.
Sarà possibile seguire a partire dalle ore 15:00 Sampdoria-Verona in diretta live su ‘SerieBnews.com.
M.F.

FONTE: SerieBNews.com


Lepiller: "Cerchiamo di rifarci col Torino"
Postata il 04/03/2012 alle ore 12:33
"I blucerchiati hanno dato vita ad un buon primo tempo passando anche in vantaggio, nella ripresa ci abbiamo provato ma con poca fortuna"
GENOVA - "Non era semplice giocare in casa della Sampdoria. I blucerchiati hanno dato vita ad un buon primo tempo passando anche in vantaggio, penso le due azioni in cui Pozzi è andato a segno siano da rivedere. Nella ripresa ci abbiamo provato ma con poca fortuna". Commenta in questo modo la gara disputata al "Ferraris" Matthias Lepiller, utilizzato nella 29a di campionato da mister Mandorlini.
"Ogni volta che vengo chiamato in causa devo dare una mano - continua l'attaccante francese - , aiutare i miei compagni. Il mister mi ha chiesto di stare largo a sinistra, mettere al centro qualche pallone e rendermi pericoloso. Purtroppo abbiamo perso, cerchiamo di rifarci a Torino. I liguri ci hanno messo tanta voglia, dobbiamo fare qualcosa in più".
Ufficio Stampa

Mandorlini: "Facciamo tesoro delle cose"
Postata il 03/03/2012 alle ore 20:45
"Negli interpreti non esiste un limite vero e proprio, la nostra forza è sempre stata la squadra. Nella ripresa i miei hanno evidenziato il giusto spirito"
GENOVA - "Abbiamo perso contro una squadra attrezzata, che ha dato vita ad una buona partita, quindi complimenti alla Samp. Nel calcio gli episodi cambiano l'andamento delle gare, la prima palla importante è stata creata da noi. Anzichè darci forza, quell'errore ci ha fatto indietreggiare. Qualcosa è stato concesso, non riuscivamo ad accorciare in avanti. Per noi non cambia nulla, possiamo di certo fare meglio". Commenta così il ko rimediato dai gialloblù al "Ferraris" Andrea Mandorlini, dopo il termine della 29a di campionato.

"Non volevamo regalare nulla agli avversari - continua il tecnico -, sembravamo tuttavia un pò impauriti. Facciamo tesoro delle cose, sia negative che positive. Tenere la sfida più aperta sarebbe stato meglio, i blucerchiati aspettavano il contropiede mentre noi eravamo lì. La sostanza non muta".

"Il modo di giocare è cambiato col passare dei minuti, qualche errore l'abbiamo commesso. Negli interpreti non esiste un limite vero e proprio, la nostra forza è sempre stata la squadra. Nella ripresa, con le quattro punte, i miei hanno evidenziato il giusto spirito, tentando di rimettere in piedi il match. Forse era più decisiva per i liguri che per noi".
Ufficio Stampa

Sampdoria-Hellas Verona 2-0
Postata il 03/03/2012 alle ore 16:46
Al "Ferraris" sconfitta per i gialloblù: con una rete per tempo di Pozzi (33', 52'), i liguri fanno valere il fattore campo
GENOVA - Nella suggestiva cornice di Marassi la 29a giornata di campionato della squadra scaligera, che dopo la sosta vuol proseguire la propria marcia di fronte alla Sampdoria, sconfitta nell'ultimo turno dal Torino. Iachini lascia in panchina Foggia, Bertani e Pellè, in campo dal 1' Krsticic, Juan Antonio dietro le punte e davanti il tandem Eder-Pozzi. Mandorlini conferma Cangi sulla destra, Scaglia torna sulla corsia mancina, Esposito prende il posto dello squalificato Tachtsidis. In attacco Ferrari e Gomez Taleb, Jorginho trequartista.

Primo tempo. Punizione ai venti metri di Eder (7’), la sfera termina abbondantemente a lato. Doppio tentativo di Russo all’8’, col centrocampista siciliano che poi serve Gomez Taleb libero in area, debole la conclusione dell’ex Gubbio. Alla mezzora l'argentino viene imbeccato da Jorginho, destro da posizione defilata che finisce sull'esterno della rete. Al 31' provvidenziale chiusura di Scaglia su Eder, trovatosi a tu per tu con Rafael dopo una veloce triangolazione. Due minuti dopo vantaggio dei padroni di casa con Pozzi, abile ad approfittare di un taglio dalla sinistra del suo compagno di reparto. Azione personale di Gomez Taleb (35’), opposizione della difesa ligure, Ferrari conquista palla ma scarica addosso a Romero.

Secondo tempo. Pronti-via botta di Munari di sinistro da appena dentro l'area, il numero uno gialloblù manda in corner. Al 52' raddoppio blucerchiato ancora con Pozzi, che da distanza ravvicinata batte Rafael sfruttando un rimpallo su Eder. Galvanizzati dal secondo gol i padroni di casa ci provano nuovamente con Eder, stavolta dai venti metri, l'estremo difensore scaligero respinge in angolo (53'). Al 64’ Hallfredsson appoggia per il neo-entrato Lepiller, mancino di prima intenzione alto sopra la traversa. Punizione dell'ex viola (66') controllata da Russo, sinistro dai sedici metri respinto da Romero. Cross di D'Alessandro dalla destra (83'), incornata a lato di Bjelanovic. Foggia intercetta un passaggio di Hallfredsson all'88' e prova il sinistro, ma la mira è imprecisa.

Sampdoria-Hellas Verona 2-0
Marcatori: 33', 52' Pozzi
Sampdoria: 20 Romero; 13 Berardi, 35 Rossini, 3 Costa, 28 Gastaldello; 11 Munari (77' 18 Laczko), 25 Krsticic, 21 Soriano; 29 Juan Antonio (70' 10 Foggia); 9 Pozzi, 23 Eder (63' 22 Bertani).
A disposizione: 1 Da Costa, 6 Volta, 16 Gentsoglou, 99 Pellè.
Allenatore: Giuseppe Iachini
Hellas Verona: 1 Rafael; 23 Cangi, 5 Ceccarelli, 22 Maietta, 25 Scaglia; 8 Russo (70' 32 Bjelanovic), 4 Esposito (54' 14 D'Alessandro), 10 Hallfredsson; 19 Jorginho; 21 Gomez Taleb, 9 Ferrari (63' 6 Lepiller).
A disposizione: 26 Frattali, 7 Mancini, 13 Abbate, 17 Mareco.
Allenatore: Andrea Mandorlini
Arbitro: Gianpaolo Calvarese (Sez. arbitrale di Teramo)
Note. Ammoniti: Krsticic, Russo, Juan Antonio. Espulsi: -. Recupero: 0’-4'. Spettatori: 22.000 circa
Ufficio Stampa

Buon compleanno a Rafael De Andrade
Postata il 03/03/2012 alle ore 10:44
Al portiere gialloblù, che compie oggi 30 anni, gli auguri di tutto l'Hellas Verona e di tutti i tifosi scaligeri
VERONA - Buon compleanno a Rafael De Andrade, che oggi compie 30 anni, essendo nato il 3 marzo 1982 a San Paolo, in Brasile.
Al portiere gialloblù gli auguri di tutto l'Hellas Verona e di tutti i tifosi scaligeri.
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it





[OFFTOPIC]
NBA: Nono successo consecutivo per gli HEAT, risorgono i CLIPPER e i THUNDER!
TENNIS: Derby in finale ad Acapulco tra la PENNETTA e la ERRANI
VERTICE FIFA ATTACCA I BRASILIANI: Valcke 'Ai brasiliani servirebbe un calcio nel sedere...'
VITA DA EX: Sebastian FREY festeggia col GENOA le 400 presenze in Serie A!
SERIE B: Nedo SONETTI 'Per ora solo il Torino è da promozione diretta. Io ancora in panchina? Vedremo...'

CLIPPERS E THUNDER OK IN TRASFERTA. PER MIAMI NONO SUCCESSO IN FILA -VIDEO
Venerdì 02 Marzo 2012 - 11:55
MIAMI - Miami suona la nona con le sue stelle. LeBron James segna 33 punti e raccoglie 11 rimbalzi, Dwyane Wade risponde con 33 punti e 10 assist. Risultato: gli Heat (28-7), miglior squadra della lega, centrano il nono successo consecutivo passando per 107-93 sul campo dei Portland Trail Blazers.
James, che aggiunge anche 6 assist e 5 recuperi in 41 minuti, domina la scena griffando il match che Miami chiude con un parziale di 23-8. La corazzata della Florida non risente dell'assenza di Chris Bosh, costretto a saltare la gara per la morte della nonna. Portland, che porta 5 uomini in doppia cifra, alza bandiera bianca nonostante i 20 punti di LaMarcus Aldridge.
Sono 38 anche i punti con cui Kevin Durant trascina gli Oklahoma City Thunder (29-7) al 105-102 in casa degli Orlando Magic (23-14). I Thunder, sotto di 11 punti nel quarto periodo, archiviano la settima vittoria di fila grazie ai 35 punti realizzati nella frazione conclusiva. Negli ultimi 12 minuti, Durant ne sigla addirittura 18. Solo 3 in meno al bottino totale dei Magic (21). Accanto alla star brilla anche Russell Westbrook (29 punti e 10 assist). Orlando prova ad aggrapparsi ai 33 punti e 9 rimbalzi di Dwight Howard, ma alla fine deve arrendersi alla miglior squadra della Western Conference.
A Ovest sorridono anche i Los Angeles Clippers (21-12), che si impongono sul parquet dei Sacramento Kings (12-23) per 108-100 con i 22 punti e 9 assist di Chris Paul. Solo i Phoenix Suns (15-20) riescono a sfruttare il fattore campo: con i 20 punti di Grant Hill e i 17 assist (oltre a 13 punti) di Steve Nash, i soli dell'Arizona piegano i Minnesota Timberwolves (18-19) per 104-95.

I RISULTATI I risultati delle partite della regular season Nba: Orlando Magic - Oklahoma City 102-105; Phoenix Suns - Minnesota Timberwolves 104-95; Sacramento Kings - Los Angeles Clippers 100-108; Portland Trail Blazers - Miami Heat 93-107.

PENNETTA ED ERRANI IN FINALE: DERBY ITALIANO AD ACAPULCO -FOTO
Sabato 03 Marzo 2012 - 10:07
ACAPULCO - Il torneo Wta di Acapulco sarà azzurro, comunque andrà la finale. Ad aggiudicarsi le due semifinali, infatti, sono state Flavia Pennetta e Sara Errani. La finale si giocherà questa notte, all'1,30 ora italiana. La Errani ha vinto la prima semifinale battendo in un altro derby Roberta Vinci, sua grande amica, nonché compagna di doppio 6-4 6-1 in un'ora e 17 minuti di gioco. Nella seconda semifinale Flavia Pennetta ha superato con un netto 6-2 6-2 in un'ora e 28 minuti la rumena Irina-Camelia Begu. È l'ottava finale tutta azzurra nell'era open nel circuito Wta. Per Flavia Pennetta si tratta, inoltre, della settima finale ad Acapulco (due vittorie nel 2005 e nel 2008). Nessun tennista, uomo o dionna, era riuscito nell'impresa.

VALCKE (FIFA): "AI BRASILIANI SERVIREBBE UN CALCIO NEL SEDERE". POLEMICA SUL MONDIALE
Sabato 03 Marzo 2012 - 16:58
"I brasiliani stanno pensando più a vincere il Mondiale 2014 che ad organizzarlo, e meriterebbero un calcio nel sedere ogni tanto". Le dichiarazioni del Segretario Generale della Fifa, Jerome Valcke, rischiano di creare un grosso incidente diplomatico tra l'associazione calcistica mondiale e il Brasile. Valcke, in effetti, non è andato tanto per il sottile nel commentare la preparazione alla prossima Coppa del Mondo, sottolineando le gravi carenze riscontrate finora: "Solo Rio de Janeiro e San Paolo presentano, ad oggi, i requisiti minimi per l'organizzazione, mentre in molte altre città mancano le infrastrutture, hotel e trasporti, che permettano a chiunque voglia seguire la manifestazione di farlo".
La replica alle parole di Valcke non arrivano dalla Federcalcio brasiliana, ma addirittura dal governo, che fa sapere di non volerlo più come interlocutore per conto della Fifa.

FONTE: Leggo.it


SERIE B/ Sonetti: Per ora solo il Torino è da promozione diretta. Io ancora in panchina? Vedremo... (esclusiva)
INT. Nedo Sonetti sabato 3 marzo 2012

Mancano quattordici giornate alla fine del campionato, quali squadre pensa che saranno promosse direttamente e quali andranno ai playoff?
Credo che l’unica squadra sicura della promozione diretta sia il Torino. Tutte le altre che occupano le posizioni di testa si giocheranno la promozione diretta e i playoff. In particolare la promozione diretta sarà un affare ristretto tra le prime del campionato.

Il Torino non riesce a fare il vuoto, problemi in zona gol?
Secondo me dipende tutto dalla fatica di Bianchi ad andare in gol. Se lui si sbloccasse cambierebbero tante cose.

La Sampdoria invece sembra troppo distante dalle prime, campionato da dimenticare?
La Sampdoria viene da una stagione complicata. E’ difficile che dopo una retrocessione una squadra possa riprendersi facilmente.

FONTE: IlSussidiario.net


NEWS
Genoa, 17:33
CALCIO, GENOA: FREY FESTEGGIA A LECCE 400 GARE IN SERIE A

Sebastien Frey festeggerà domenica a Lecce il traguardo delle 400 partite in serie A. L'estremo difensore del Genoa vive quest'anno la sua 14/a stagione nel campionato italiano, dove esordì nel 1998 con la maglia dell'Inter, quando aveva 18 anni. Da allora ha cambiato casacca più volte: Verona, ancora Inter, Parma, Fiorentina. Ed ora, a 32 anni, il Genoa, dove è considerato, insieme a Palacio e al capitano Marco Rossi, il simbolo della squadra: "E' un traguardo importante che devo condividere con molte squadre.

A partire dall'Inter, la società che mi ha portato in Italia. Col Verona ho vissuto una parentesi breve ma conservo stima e affetto. Al Parma ho trascorso quattro anni bellissimi, vincendo la Coppa Italia. Poi è stato Firenze, tra alti e bassi, compresi due infortuni alle ginocchia. Ma ho potuto toccare con mano cosa significhi giocare in Champions League. Ora, il Genoa. A cui tengo tantissimo".
I rossoblu non stanno attraversando un gran periodo: "Anzi, se domenica avessimo perso la partita col Parma ora saremmo nei guai. Ma il modo come abbiamo raggiunto il pareggio secondo me può essere la svolta".

FONTE: Repubblica.it
Condividi questo articolo:
Vota su WikioSegnala su SourceForgeSegnala su BookmarkTrackerCondividi su Meemi

0 commenti:

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini