.

SASSUOLO-VERONA in anteprima: Gialloblù in ansia per le condizioni di HALLFREDSSON e FERRARI, out BJELANOVIC, GALLI ed ESPOSITO recuperati. MERCATO: E' fatta per RICCHIUTI? MANCINI dice no al BENEVENTO, sfuma lo scambio con VACCA. PASQUATO al TORINO?

Pubblicato da andrea smarso giovedì 26 gennaio 2012 22:59, vedi , , , , , , , , , , , , , , , | Nessun commento


SASSUOLO-VERONA in anteprima...
Dopo l'ultimo (grave) episodio con vari cori razzisti avvenuti contro lo STABIA nell'ultima partita al 'Binti', il presidente MARTINELLI, che a mio avviso stavolta non è stato abbastanza duro e chiaro (come è stato in altre occasioni) contro questo tipo di vergognosi canti sottolinenado il fatto che sono stati provocati dai sostenitori campani: in certo modo è pur vero ma c'è (e ci deve continuare ad essere) una bella differenza tra esplosioni di petardi (fastidiosi ma tutto sommato innocui se non lanciati contro le persone) e beceri cori a favore della discriminazione razziale e/o territoriale...
In ogni caso la società HELLAS VERONA FC richiama tutto il suo 'popolo' ad evitare accuratamente, ed indifferentemente durante le gare interne ed esterne, qualsiasi manifestazione antisportiva, soprattutto di natura discriminatoria sia territoriale che razziale pena, come ho più volte avuto modo di scrivere in questo blog, la chiusura di alcuni settori dello stadio o addirittura il 'Bentegodi' stesso!
Per quanto mi riguarda sono abbastanza pessimista: a meno di punizioni davvero severe alcune persone procederanno comunque per la loro scellerata starada e, quel che è peggio, è che nemmeno dopo queste punizioni la situazione cambierà...
Tempi duri per l'HELLAS e il 'Binti' allora? Credo proprio di sì (sperando con tutto il cuore di essere smentito)

Altra gara di vertice per l'HELLAS che dopo aver 'bucato' la prima, contro il PESCARA, si trova a dover affrontare un avvesario davvero ostico, in trasferta e, come non bastasse, probabilmente senza HALLFREDSSON (uomo-chiave a centrocampo) e FERRARI che in settimana non si sono allenati con regolarità...
Oltretutto i neroverdi, memori della sconfitta immeritata subita al 'Binti', aspetteranno l'HELLAS al 'Braglia' di Modena col coltello fra i denti! Ne è ben consapevole anche mister MANDORLINI che da una parte ha cercato di stemperare la tensione (la sfida di sabato non è decisiva) mentre dall'altra ha messo l'accento sulla fase della stagione in cui, chi 'fa sul serio', comincia a trovare continuità di prestazioni e risultati (entriamo nella fase di non ritorno, le partite contano).

Il SASSUOLO ha perso solo in un paio di occasioni in casa ma gli scaligeri (insieme proprio agli emiliani, al TORINO, al VARESE e al BARI) detengono il primato per le vittorie esterne.
Non sarà affatto facile per i gialloblù: gli uomini di PEA hanno la seconda miglior difesa del campionato (solo 17 gol subiti) dopo quella del TORINO avendo segnato tanto quanto il VERONA (32 reti).

I CONVOCATI
Nessun problema per PEA che ha tutti gli effettivi a disposizione:
Portieri: Bassi, Pomini
Difensori: Bianco, Consolini, Donazzan, Gazzola, Longhi, Marzoratti, Terranova,
Centrocampisti: Bianchi, Cofie, Magnanelli, Missiroli, Sansone, Valeri, Troianiello
Attaccanti: Boakye e Marchi

HALLFREDSSON non ce la fa: gran brutta tegola per MANDORLINI ed i gialloblù che dovranno rinunciare al loro uomo più rappresentativo, al vero e proprio 'trascinatore' della squadra... Fuori anche PUGLIESE ma tornano GALLI ed ESPOSITO e recupera anche FERRARI:
Portieri: 26 Frattali, 1 Rafael;
Difensori: 13 Abbate, 23 Cangi, 5 Ceccarelli, 22 Maietta, 17 Mareco, 25 Scaglia;
Centrocampisti: 20 Doninelli, 4 Esposito, 16 Galli, 19 Jorginho, 8 Russo, 77 Tachtsidis;
Attaccanti: 27 Berrettoni, 14 D'Alessandro, 9 Ferrari, 21 Gomez Taleb, 6 Lepiller, 11 Pichlmann.

QUI SASSUOLO
Nessun problema di formazione per il tecnico PEA che può contare sul periodo di grande forma di SANSONE (autore di una tripletta Sabato scorso), capocannoniere del campionato insieme ad IMMOBILE, specialista nei calci piazzati (7 gol sui 15 che ha realizzato provengono da calci di punizine diretti) e sull'interessantissimo ghanese BOAKIE in prestito dal GENOA a quota 6 gol segnati...

QUI VERONA
MARECO 'graziato' dal giudice sportivo ci sarà dato che «Il gesto compiuto dal calciatore, sicuramente censurabile sotto il profilo della correttezza e lealtà sportiva, non integra, nell'esclusione di ogni ragionevole dubbio, gli estremi di quella “condotta violenta” che, se non vista dall'arbitro, rende ammissibile la prova televisiva»...

HALLFREDSSON a riposo oggi nella speranza di poterlo recuperare per la gara di Sabato ma anche FERRARI non ha potuto allenarsi con cotinuità in settimana e TACHTSIDIS non è al meglio.
ESPOSITO è tornato pienamente a lavorare col gruppo da Mercoledì, pienamente recuperato GALLI.
Fuori causa BJELANOVIC e NICOLAS che stanno seguendo un programma terapeutico [Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]



Sassuolo 5-7 Verona dcr 3° Turno Coppa Italia HighlightsVideo B/=\S: Verona 1-0 Sassuolo Highlights della gara

DICONOFulvio PEA allenatore degli emiliani «Sarà partita tattica. Il Verona ha esperienza importante ed è guidato da un allenatore che conosce bene il Sassuolo, ma anche noi li abbiamo studiati. Partita importante come lo sono state tutte finora, e gara dove potrebbe essere la forza fisica a fare la differenza tra due squadre che stanno bene».
Promette ancora sorprese in formazione, il tecnico del Sassuolo, ma si guarda bene dallo svelarle, e a chi gli chiede se i punti, a suo avviso, in partite del genere, possano valere doppio, risponde sicuro «sì, ma solo per chi i punti e la classifica la guarda» Sassuolo2000.it

GALLI pronto al rientro dal primo minuto! «Ho passato alcuni mesi non facili, di certo non erano queste le mie aspettative di inizio stagione, anche se sono eventualità da tenere in conto quando fai il calciatore. Adesso però sto bene, stiamo entrando in una fase delicata della stagione e ci sarà bisogno dell’apporto di tutti. La fiducia nei miei confronti non è mai mancata. E’ un po’ di tempo che mi aspettano, quindi voglio farmi trovare pronto quando sarà il momento. Contro il Sassuolo sarà una gara tirata, come molte da qui al termine del campionato, sicuramente vorranno portare a casa i tre punti davanti al loro pubblico. Forse nel passato recente non tutti credevano che saremmo riusciti a restare tra le prime posizioni, però se siamo ancora lì significa che le capacità le abbiamo. Siamo un buon gruppo e possiamo far bene anche questa volta. Non ho un ruolo preferito, giocare a centrocampo o dietro le punte non mi fa differenza. Diversi giocatori sono già andati a segno, perciò spero di aggiungermi presto anche io» HellasVerona.it

MARZORATTI difensore del SASSUOLO «Mi ricordo ancora la gara di andata, segnata da episodi sfavorevoli; speriamo di ribaltare il risultato. Loro sono compatti e forti, perciò noi dovremo entrare in campo senza tensioni: siamo lì e ci teniamo a mantenere la stessa distanza» ModenaToday.it

MANDORLINI 'SASSUOLO gara difficile...' «Al termine della seduta odierna faremo il punto sulla situazione degli infortunati. Ferrari ed Hallfredsson non si sono mai allenati, Tachtsidis ha accusato qualche problema, siamo un pò in alto mare. Troveremo il modo di mettere in campo una squadra all'altezza. Speriamo di recuperare qualcuno. Le gare di vertice sono sempre difficili, al di là di valori importanti espressi nella prima fase del campionato. Ci teniamo a fare bene, gli avversari han dimostrato qualità, noi altrettanto. Entriamo nella fase di non ritorno, le partite contano anche se la sfida di sabato non è decisiva. Mancano ancora molti impegni e le cose possono cambiare. Pensiamo solo al match del "Braglia", viviamo alla giornata come è sempre stato. Teniamo questo profilo, se Squinzi avesse pensato in precedenza a mettere in atto qualche intervento, magari sarebbe in Serie A già da due-tre anni. Ora so che si interessa della squadra in prima persona, prima si affidava ad altri. Le promozioni le ho comunque ottenute altrove e soprattutto a Verona, tutto sommato le cose mi sono andate nel verso giusto» HellasVerona.it

Il doppio ex SELVA «Il Sassuolo ha una marcia in più: è più tecnico, il Verona più fisico, ma io vedo i neroverdi avvantaggiati, soprattutto se il gruppo saprà gestire la pressione legata ad un match del genere. A Verona sono più abituati a misurarsi a certi livelli, ma anche il Sassuolo ormai è una realtà consolidata. E il Sassuolo ha Pea, il Verona Mandorlini, e non aggiungo altro» IlRestoDelCarlino.it

Il centrocampista ghanese COFIE «Noi affrontiamo tutte le gare allo stesso modo. Verona è una grande squadra e la classifica lo dice, ma noi dobbiamo pensare solo al nostro lavoro» ModenaToday.it

Il doppio ex PENSALFINI «...La mia storia dice già per chi tifo. Con tutto il rispetto per il Verona, a Sassuolo giocano i miei amici: da Piccioni a Masucci, fino a Consolini, Pomini e Magnanelli. Mandorlini? Per come lo conosco so che ci terrà a far bene, ma non ho dubbi che i neroverdi saranno all’altezza. Li ho visti nelle ultime gare: una squadra compatta e consapevole, più tecnica di un Verona che ha fisico e forza, piazza e blasone e non molla mai. Ma anche questo Sassuolo non molla, e se mi chiedete per chi tifo la risposta è scontata» IlRestoDelCarlino.it

SANSONE attaccante neroverde autore di una tripletta Sabato scorso «Sarà importante non perdere. Abbiamo fatto 46 punti, ma le altre non mollano. Ci sono 4 squadre in 2 punti. La cosa più importante e non cullarsi su quanto di buono abbiamo fatto, ma pensare soltanto al futuro» TuttoB.com

Mister TAROZZI, secondo di PEA al SASSUOLO «Stiamo pensando solo alla gara di sabato che ci darà abbastanza da lavorare. Il Verona sta facendo tanti risultati positivi, ha avuto una battuta d'arresto ma è la più forte degli ultimi mesi. Torna Mandorlini che all'andata ha vinto una gara che meritavamo di vincere noi anche grazie a qualche errore arbitrale. Dobbiamo fare una buona prova e Pea conosce bene l'avversario, come ha dimostrato di conoscere tutti finora; è sicuramente uno degli allenatori più preparati che siano passati da qui, senza togliere niente agli altri, ma lui studia da anni e fa un lavoro quasi maniacale. Sicuramente l'importante sarà non perdere perché anche un punto muove la classifica, ma noi siamo sempre scesi in campo per vincere e così faremo anche sabato. Quando difendiamo bene poi un gol lo facciamo sempre grazie alle nostre qualità in attacco» ModenaToday.it


Le immagini dell'andata con FERRARI match-winner...

MERCATO
PASQUATO: Alcuni rumors indicano che Serse COSMI non voglia rinunciare al giocatore di proprietà JUVE anche se non lo stà utilizzando molto ma la dirigenza bianconera non è molto contenta della situazione ecco perchè vorrebbe prelevare Cristian e girarlo in cadetteria al VERONA, al PADOVA o addirittura al TORINO che avrebbe sorpassato le squadre venete...
JEDA? A questo punto verrà probabilmente considerato solo in alternativa al giovane juventino: le doti tecnico dell'attaccante del NOVARA non si discutono ma l'età non è più verde e anche la condizione fisica potrebbe non essere delle migliori (il TORINO però ha fatto altre valutazioni e si è fiondato decisamente sul calciatore)...
A centrocampo si registra l'interesse dell'HELLAS su RICCHIUTI del CATANIA ma l'ingaggio potrebbe essere proibitivo ed il PADOVA sarebbe in netto vantaggio (anche se è notizia di oggi che i gialloblù starebbero chiudendo a ore!).

Intanto in uscita il GUBBIO chiede info su BERRETTONI.
MANCINI sempre seguito da BENEVENTO (che proporrebbe in cambio il fantasista VACCA anche se pare che Manuel abbia rifiutato) e NOCERINA mentre per ESPOSITO si concentrano gli interessi di JUVE STABIA e SORRENTO (ma appare poco probabile che l'HELLAS si voglia privare di Gennaro).
Su BJELANOVIC anche GENK e DINAMO BUCAREST.

Da Verona allo stadio 'Braglia' di Modena (MO)
(106 km – 1 ore e 12 min. circa - Tempo previsto: Coperto 7 °C)


Visualizzazione ingrandita della mappa

IN BREVE A PIÉ PAGINA
COPPA DEL RE: Al 'Camp Nou' le merengues pareggiano ma in semifinale va comunque il BARÇA e per il 'clasico' della settimana scorsa un tifoso blaugrana denuncia PEPE!
LA TRIESTINA E' FALLITA! Triste notizia per i 'muli' (e anche per i butèi per sempre fradèi se è per questo...)NBA: Contratto da urlo per GALLINARI che firma un quadriennale da 42 milioni di dollari con i NUGGETS!
MIGLIOR PORTIERE DEGLI ULTIMI 25 ANNI? BUFFON naturalmente! E chi se no? Lo juventino è seguito da CASILLAS e VAN DER SAR...

RASSEGNA STAMPA
Calcio, Fulvio Pea prima di Sassuolo-Verona
27 gen 12
“Sarà partita tattica. Il Verona ha esperienza importante ed è guidato da un allenatore che conosce bene il Sassuolo, ma anche noi li abbiamo studiati”. Così Fulvio Pea alla vigilia di Sassuolo-Verona, “partita importante come lo sono state tutte finora, e gara dove potrebbe essere la forza fisica a fare la differenza tra due squadre che stanno bene”. Promette ancora sorprese in formazione, il tecnico del Sassuolo, ma si guarda bene dallo svelarle, e a chi gli chiede se i punti, a suo avviso, in partite del genere, possano valere doppio, risponde sicuro “sì, ma solo – chiude Pea – per chi i punti e la classifica la guarda”. E non è il caso del tecnico neroverde, che in tempi non sospetti disse che la classifica l’avrebbe guardata “solo a fine marzo”.

FONTE: Sassuolo2000.it


venerdì, gennaio 27th, 2012 | Posted by Paolo Piccinini
Pronostici Serie B, Sassuolo-Verona: i consigli della redazione
PRONOSTICI CALCIO SERBE SASSUOLO VERONA – E’ tutto pronto per il big match della 24° giornata di serie B, che metterà di fronte il sorprendente Sassuolo, guidato da mister Pea di fronte al Verona di Mandorlini. Entrambe le squadre stanno mettendo in scena un ottimo calcio e restano le due rivelazioni di questa stagione. Il Sassuolo occupa la prima posizione in classifica in coabitazione con il Torino a 46 punti, mentre i veronesi si trovano staccati di sole due lunghezze, piazzandosi in quarta posizione. Sfida ad alta quota quindi quella in scena sabato allo stadio “Braglia” tra il Sassuolo e l’Hellas Verona, che dopo il passo falso di Pescara ha superato tra le mura amiche la Juve Stabia per 2-0 nell’ultimo turno, mentre i padroni di casa sono in striscia positiva da 5 incontri, con 4 vittorie (Livorno, Reggina, Juve Stabia, Nocerina, Vicenza) e un pareggio.

In Emilia la formazione scaligera è scesa in campo 3 volte contro i neroverdi, subendo 2 ko (2-1 nel 2007, 2-0 due anni dopo) e centrando un pareggio ai tempi regolamentari (3-3) che ha visto Ceccarelli e compagni avere la meglio ai calci di rigore nel 3° turno eliminatorio di TIM Cup, lo scorso agosto. Gli uomi di Pea sono anche imbattuti dal 26 novembre, quando il Padova s’impose di misura grazie ad una rete di Osuji: da allora 4 vittorie e 2 pari. Interessante ai fini della nostra giocata, le statistiche riguardanti i gol messi a segno in casa dal Sassuolo (1.50),e le reti in esterna del Verona (1.33). Per la nostra giocata consigliamo allora, vista l’imprevedibilità del match e l’alta posta in palio, oltre che per le statistiche, il segno gol offerto a 1.80 volte la posta. Di seguito gli ultimi 5 match disputati dalle due squadre, la loro posizione in classifica e le statistiche sugli scontri diretti.

FONTE: CalcioMercato.it


ModenaToday » Sport
Sassuolo Verona, probabili formazioni | Pea e Mandorlini giocano a freccette
Domani, sabato 28 gennaio alle 15, si giocherà Sassuolo-Verona e i due allenatori hanno già iniziato la sfida fuori dal campo. Sono previsti disagi per il traffico e i parcheggi

di Gaia Ferri 27/01/2012
E' una sfida che profuma già di Serie A anche se i punti che vale sono sempre i soliti. Ma il tutto è reso ancora più affascinante dai vari incroci di ex tra giocatori, ds e allenatori, come Mandorlini che istiga Pea, il quale risponde col suo solito cinismo. All'andata per il Sassuolo non andò proprio per il verso giusto e perse con un rigore quantomeno dubbio; in quell'occasione Pea si fece addirittura espellere, cosa che poi gli ricapitò poco dopo contro il Bari. Ad arbitrare l'incontro che si disputerà domani, sabato 28 gennaio alle 15 al 'Braglia', sarà il signor Tommasi di Bassano del Grappa.

QUI SASSUOLO - Non si lascia irritare mister Pea alla vigilia di uno scontro che ha il sapore di sfida-promozione dalle parole dell'ex allenatore del Sassuolo, ora alla guida del Verona, Mandorlini: "Sa meglio lui di me com'era la situazione ai suoi tempi, io non c'ero. Se dice che io sono il pupillo di Squinzi non mi da fastidio, forse ha anche ragione". Ma i due rivali non tarderanno a sfidarsi a viso aperto attraverso le loro squadre in campo: "Sarà la solita gara difficile e complessa - continua Pea -, piena di insidie, in cui affronteremo ragazzi ambiziosi proprio come i miei. Sarà forse la forza fisica a fare la differenza ma cercheremo come al solito di sorprendere dal punto di vista tattico". Mandorlini però conosce bene il suo mestiere e anche una buona parte dei suoi avversari di domani: "Mandorlini è esperto di Serie B e conosce molto bene i nostri giocatori, ma noi abbiamo studiato molto bene i loro e cercheremo di mettere in difficoltà la loro retroguardia. Sarà una partita tattica". Sono attesi oltre 3 mila veronesi domani al 'Braglia', cifre che difficilmente i tifosi sassolesi raggiungeranno: "Siamo abituati a giocare 'fuori casa'. Abbiamo lavorato sugli aspetti psicologici e sappiamo i nostri pregi e difetti: sappiamo di dover fare i conti con pochi tifosi perché siamo una città piccola con una società piccola".

QUI VERONA - Andrea Mandorlini è l'ex di turno e tra le righe, con toni pacati, cerca di accendere lo scontro di nervi con mister Pea: "E' una partita importante, ma non decisiva - dice Mandorlini al Corriere di Verona -. Il Sassuolo, da anni, lotta nelle zone alte della serie B, eccettuata la passata stagione. Certo che se il patron Squinzi fosse stato più vicino alla squadra già ai tempi in cui c'ero io, che lo vidi solamente alla festa di Natale, avrebbe già potuto cogliere quegli obiettivi che insegue ora". Non si astiene poi l'ex neroverde dal lanciare frecciatine: "Io, comunque - conclude Mandorlini -, ringrazio Squinzi, perché ricordo che ha detto che il Sassuolo più spettacolare è stato quello della stagione in cui ero io ad allenarlo".

PROBABILI FORMAZIONI
SASSUOLO (3-5-2): Pomini; Terranova, Bianco, Marzoratti; Gazzola, Magnanelli, Valeri, Bianchi, Longhi; Missiroli, Boakye.
VERONA (4-3-1-2): Rafael; Abbate, Mareco, Maietta, Scaglia; Russo, Tachtsidis, Galli; Jorginho; Gomez, Pichlmann.

FONTE: ModenaToday.it


Calcio, Sassuolo-Verona: l’appello dell’Assessore Barbieri ai tifosi del Sassuolo
27 gen 12 • Categoria Sassuolo,Sport - 45
“Siccome siamo in corsa per il grande sogno invito i cittadini e gli sportivi di Sassuolo a recarsi allo stadio domani, per tifare e sostenere il Sassuolo Calcio: potrebbe essere la partita dell’anno, occorre coinvolgere gli studenti delle scuole e gli atleti delle locali società sportive, in queste situazioni ci vuole l’aiuto di tutti per questo rivolgo un appello ai tifosi affinché sostengano la nostra squadra.

E’ in arrivo il Verona con circa 3000 tifosi al seguito, Verona che punta decisamente alla serie A, ottima squadra, ottimi giocatori: per questo c’è bisogno di tutti i sassolesi che vogliono bene allo sport ed in particolare al Sassuolo calcio.

Intanto stiamo verificando un programma di trasporto per portare allo stadio Braglia di Modena il più alto numero di tifosi, utilizzando alcuni Pullman in partenza davanti allo stadio Ricci. Ma quello che conta davvero è raggiungere Modena con qualsiasi mezzo, magari anche a piedi per sostenere la nostra squadra in un momento così decisivo del campionato di serie B.

Da questo momento in poi saranno organizzate alcune trasferte importanti come quella del 1 Maggio a Padova, altra partita decisiva per le sorti del campionato”.

FONTE: Modena2000.it


Sassuolo, gli ex: "Neroverdi maturi per lottare in alto"
Verso la partitissima
Solo Remondina non si sbilancia: "Gara da tripla"

di Stefano Fogliani
Modena, 25 gennaio 2012 - I doppi ex tifano Sassuolo. Gianmarco Remondina è equidistante, ma gli altri che abbiamo sentito, ovvero Filippo Pensalfini, Andy Selva e Fabrizio Anselmi di dubbi non ne hanno, e concordano con Remondina solo per dire che «sarà gara da tripla». Protagonisti a Sassuolo (Remondina con una promozione e un playoff, Selva e Anselmi con una promozione in B, Pensalfini con il salto dalla C2 ai cadetti) e Verona (due stagioni Selva e Anselmi, una Pensalfini, con la corsa verso la B interrotta sul filo di lana, alla fine della gestione Remondina) i quattro doppi ex lo giocano volentieri, il big-match del Braglia.

E se Remondina, oggi a Salò, sceglie di non scegliere («A Sassuolo ricordi bellissimi, ma anche a Verona sono legato: è una città che vive di calcio e lavorarci è un piacere») i giocatori non hanno dubbi. «Figuriamoci: a Sassuolo ho passato anni splendidi, mentre di Verona resta il bel ricordo di qualche dirigente e dei compagni di squadra, ma il resto lassamo perde», dice Anselmi, oggi nel Fidene, in serie D, dove ha trovato un altro doppio ex, ovvero quell’ Andy Selva che di stagioni, tra Verona e Sassuolo, ne ha giocate 5 segnando 23 gol a Sassuolo e 8 in gialloblu. «Il Sassuolo – azzarda la belva, come la chiamavano qui – ha una marcia in più: è più tecnico, il Verona più fisico, ma io vedo i neroverdi avvantaggiati, soprattutto se il gruppo saprà gestire la pressione legata ad un match del genere. A Verona sono più abituati a misurarsi a certi livelli, ma anche il Sassuolo – dice Selva – ormai è una realtà consolidata. E il Sassuolo ha Pea, il Verona Mandorlini, e non aggiungo altro».
Da Salò a Fidene, da Remondina a Selva e Anselmi, passando per altri doppi ex (Bonato e Fattori, Pomini e il già citato Mandorlini, Fattori e quel Gianni Munari che, sassolese, passando da Sassuolo e Verona è arrivato in serie A) a Taranto, dove c’è un altro giocatore che è entrato nella storia recente del Sassuolo e quella del Verona non l’ha scritta «solo per una finale di campionato inspiegabile». Filippo Pensalfini oggi rincorre l’ennesimo playoff con la maglia del Taranto, ma l’ultimo l’ha giocato, perdendolo, proprio a Verona, mentre a Sassuolo ne giocò addirittura tre, centrando anche due promozioni.

«E la mia storia – ammette Superpippo – dice già per chi tifo. Con tutto il rispetto per il Verona, a Sassuolo giocano i miei amici: da Piccioni a Masucci, fino a Consolini, Pomini e Magnanelli. Mandorlini? Per come lo conosco so che ci terrà a far bene, ma non ho dubbi che i neroverdi saranno all’ altezza. Li ho visti nelle ultime gare: una squadra compatta e consapevole, più tecnica di un Verona che ha fisico e forza, piazza e blasone e non molla mai. Ma anche questo Sassuolo non molla, e se mi chiedete per chi tifo la risposta è scontata».
di Stefano Fogliani

Sassuolo, Tarozzi: "Avevo buone sensazioni"
Neroverdi senza limiti
Il vice di mister Pea: "I più forti sono altri, ma adesso possiamo provarci fino in fondo"

Modena, 24 gennaio 2012 - «Il mister non ha bisogno dei miei consigli: la meticolosità con la quale prepara le partite è quella dei grandi tecnici, e la gara con il Verona non fa eccezione. Dalla capacità che ha Pea di leggere le partite io ho solo da imparare, e faccio anche fatica a prevedere che tipo di gara potrà preparare Mandorlini». Con il quale Andrea Tarozzi, oggi secondo di Fulvio Pea sulla panchina neroverde, ha già lavorato: stagione 2008/09, Tarozzi aveva appena chiuso il suo biennio in neroverde e la sua carriera da calciatore proprio a Sassuolo, con la promozione in B e la vittoria di Salerno della Supercoppa di C («l’ultimo rigore che ci diede la vittoria – racconta – lo calciai io. Come ultimo ricordo di calcio giocato non c’è male») e fu il team manager del primo anno di B del Sassuolo, allenato proprio da qual Mandorlini che i neroverdi si ritrovano di fronte sabato, da ex , per la terza volta.
«Ci siamo già incrociati in Coppa e all’ andata, e in nessuna delle occasioni siamo stati fortunati. Non in Coppa ad agosto, quando simo usciti ai rigori, non in campionato, quando la gara de Bentegodi venne decisa da un errore arbitrale non rendendo del tutto giustizia alla nostra prestazione. Il tutto — puntualizza Tarozzi — senza voler togliere nulla al Verona, che sta facendo un’ottima stagione e che è squadra da tenere ben d’occhio per quello che realmente vale, anche a prescindere da storia e blasone».

Il primato in classifica e il vantaggio dei neroverdi sugli scaligeri, insomma, non fa perdere di vista a Tarozzi il valore della squadra di Mandorlini, «che sulla carta, già da inizio stagione, intuivo come possibile protagonista della stagione, al pari di big come Torino, Sampdoria e Padova». Sassuolo e Pescara, Tarozzi, le considerava invece due outsider «che invece sanno facendo grandissime cose, anche — dice il viceallenatore neroverde — grazie a giovani top, ma il cui impatto sulla stagione era tutto da verificare. Sul Sassuolo, tuttavia, contavo: sono qui da diversi anni, conosco la mentalità e i metodi di lavoro che ci sono qui e la stessa storia recente del Sassuolo, che ha sbagliato solo la stagione scorsa, mi dava buone sensazioni».

Non tanto da potersi immaginare di ritrovarsi davanti a tutti a gennaio («me lo avessero detto sei anni fa, quando arrivai qua per la prima C1 del Sassuolo, non ci avrei creduto», ammette Tarozzi), ma sufficienti a fargli presagire una stagione importante, anche perché il Sassuolo dei miracoli, Tarozzi, non lo ha visto nascere, arrivando solo all’alba della C1, ma lo ha visto crescere e consolidarsi. Scoprendone, dice, «le potenzialità stagione dopo stagione, esaltate dalla serietà del progetto e della proprietà che hanno fatto crescere tutti, anche e soprattutto a livello di mentalità. C’è una consapevolezza, all’interno del gruppo, che non credo ci sia mai stata: sappiamo bene di non essere i più forti, ma sappiamo di potercela giocare fio in fondo, e che ogni partita è una tappa importante nella nostra crescita».

Verona, in questo senso, potrebbe valere doppio, anche se Tarozzi, a smontare il big match, ci prova: «La classifica dice che è soprattutto una gara importante, dentro un campionato lunghissimo ed equilibrato, che il Sassuolo, non ho dubbi — chiude Tarozzi — intrepreterà al meglio, sapendo bene che concedere spazi ad una squadra forte tecnicamente e fisicamente come quella di Mandorlini potrebbe condizionare in negativo il nostro match. Quindi concentrazione e attenzione al massimo, ma sulle qualità del gruppo in neroverde, e parlo per esperienza, non ho dubbi».
di Stefano Fogliani

FONTE: IlRestoDelCarlino.it


Calcio, Marzoratti: "Siamo primi e ci teniamo a mantenere la distanza dalle altre"
Sta per avere luogo una delle sfide più importanti del campionato di Serie B; Lino Marzoratti ne parla con tranquillità e con la voglia di non abbandonare la posizione in classifica. Per il traffico sono previsti disagi in vista del match

di Gaia Ferri 25/01/2012
Parla con una certa sicurezza Lino Marzoratti, elemento importante di una difesa che ha finora fatto bene ma che nell'ultimo match contro il Vicenza ha subito due gol: "Il primo posto in classifica è frutto del lavoro fatto e ci premia, ma meritiamo i punti che abbiamo e possiamo guardare al futuro con ottimismo perché siamo in un buon momento di forma. Sansone ci sta dando una grossa mano facendo più gol di quelli subiti: contro il Vicenza sono stati due e dobbiamo risistemarci in difesa, speriamo nella buona vena di altri in fase d'attacco visto che sono in tanti".

L'importanza dell'allenatore non sta solo nel saper mettere in campo la squadra, arte in cui Pea eccelle, ma anche nel saper gestire un gruppo come quello del Sassuolo tenendolo compatto: "Il Mister ci tiene sulla corda e questo ci stimola molto. Con lui mi trovo benissimo e ne sono felice perché arrivavo da due anni di problemi con gli allenatori e avevo poche motivazioni". Oltre alla tripletta di Sansone, altri due episodi hanno segnato la giornata di sabato scorso: "Gazzola ha fatto un ottimo esordio con gol, siamo veramente forti in tutti i reparti. Boakye dopo l'attacco dei tifosi era giù di morale ma si è già risollevato".

Sabato arriverà al 'Braglia' un'avversaria diretta per la promozione, guidata da una vecchia conoscenza neroverde: il Verona di Mandorlini. "Mi ricordo ancora la gara di andata, segnata da episodi sfavorevoli; speriamo di ribaltare il risultato. Loro sono compatti e forti, perciò noi dovremo entrare in campo senza tensioni: siamo lì e ci teniamo a mantenere la stessa distanza". Proprio per l'importanza dell'incontro inoltre la Polizia Municipale annuncia che nelle ore di afflusso e di deflusso dei tifosi sarà vietata la circolazione stradale e la sosta in viale Monte Kosica, nel tratto compreso tra via Galvani e piazzale Tien An Men, in v.le Montecuccoli, nel tratto compreso tra viale monte Kosica e via Padre Candido. Sarà inoltre vietata la sosta in piazzale Tien An Men.

Calcio, Cofie: "Il Sassuolo ha un gruppo speciale, questo porta i risultati"
L'allegro centrocampista ghanese del Sassuolo spiega i vantaggi della filosofia 'MaPea', che stimola tutti a lavorare sempre al meglio. "Il Verona è forte ma noi dobbiamo pensare solo al nostro lavoro"

di Gaia Ferri 25/01/2012
E' rientrato sabato per giocare l'ultima mezzora contro il Vicenza dopo un periodo di infortunio Isaac Cofie: "Sto bene e sono contento di essere rientrato proprio per una vittoria così bella. In quella mezzora si è vista una prova importante e la squadra ha fatto molto bene. I miei compagni mi sono sempre stati vicini, non solo in partita ma anche in allenamento e devo dire che è veramente un gruppo speciale; questo porta anche a risultati importanti e sarà determinante stare sempre uniti".

Nessuno è titolare in questo Sassuolo e nessuno ha la certezza di scendere in campo al sabato, ma i ragazzi sembrano apprezzare il metodo: "Dobbiamo essere sempre tutti sul pezzo - ha spiegato il centrocampista - e lavorare bene. Per il Mister non c'è nessun titolare e questo spinge tutti ad allenarsi bene". Cofie conosce il valore del prossimo avversario, il Verona, ma questo non cambia la visione della partita: "Noi affrontiamo tutte le gare allo stesso modo. Verona è una grande squadra e la classifica lo dice, ma noi dobbiamo pensare solo al nostro lavoro".

Calcio, Tarozzi: "Contro il Verona per vincere, come sempre"
Andrea Tarozzi, allenatore in seconda dei neroverdi, parla della stagione del Sassuolo e del prossimo incontro contro una diretta rivale allenata da una vecchia conoscenza per lui e per la società

di Gaia Ferri 23/01/2012
"Non ci sono segreti in questo Sassuolo, solo la consapevolezza della squadra che sa di non essere la più forte ma ha tanta voglia di arrivare e tanta voglia di rivincita dopo un'annata difficile", ha spiegato Andrea Tarozzi, allenatore in seconda dei neroverdi. Nessuna magia né incantesimo dunque per una squadra che sta portando risultati ottimali e si sta rivelando sempre più la sorpresa del campionato cadetto. "Sulla carta le più attrezzate sono Torino, Padova, Sampdoria e Verona - continua Tarozzi -; anche il Pescara sta facendo un grandissimo campionato con giovani di prospettiva che in futuro faranno parlare di sé, proprio come i nostri".

Sono due gli impegni che dovrà affrontare il Sassuolo a distanza di pochissimi giorni, ma, andando con ordine, conviene cominciare pensando al primo in ordine temporale: il Verona. "Stiamo pensando solo alla gara di sabato che ci darà abbastanza da lavorare - prosegue il vice di Pea -. Il Verona sta facendo tanti risultati positivi, ha avuto una battuta d'arresto ma è la più forte degli ultimi mesi". La sfida col Verona non è importante solo per la rivalità diretta nelle alte vette della classifica tra le due squadre, ma anche perché il Mister degli scaligeri è una vecchia conoscenza per la società di piazza Risorgimento e ultimamente ha giocato brutti scherzi ai neroverdi, prima in Coppa Italia poi in campionato. "Torna Mandorlini che all'andata ha vinto una gara che meritavamo di vincere noi anche grazie a qualche errore arbitrale. Dobbiamo fare una buona prova e Pea conosce bene l'avversario, come ha dimostrato di conoscere tutti finora; è sicuramente uno degli allenatori più preparati che siano passati da qui, senza togliere niente agli altri, ma lui studia da anni e fa un lavoro quasi maniacale. Sicuramente l'importante sarà non perdere perché anche un punto muove la classifica, ma noi siamo sempre scesi in campo per vincere e così faremo anche sabato. Quando difendiamo bene poi un gol lo facciamo sempre grazie alle nostre qualità in attacco".

FONTE: ModenaToday.it


27/01/2012
Sassuolo-Hellas Verona: info parcheggi per i tifosi dell'Hellas Verona
Essendo prevista un'alta affluenza alla partita Sassuolo-Hellas Verona in programma domani pomeriggio allo Stadio Braglia di Modena, indichiamo una soluzione consigliata per raggiungere lo stadio (vedi immagine a fianco) per i tifosi dell'Hellas Verona:
- PER PULLMAN = RAGGIUNGERE L’AREA RISERVATA DI VIALE MONTECUCCOLI PROVENIENDO DA PIAZZALE BRUNI;

- PER AUTO = CONSIGLIATO PARCHEGGIO DI VIALE M. FANTI / VIA PICO DELLA MIRANDOLA, PER POI UTILIZZARE IL SOTTOPASSO FERROVIARIO PEDONALE PER RAGGIUNGERE L’AREA RISERVATA AGLI OSPITI E DEFLUIRE PIU’ AGEVOLMENTE

27/01/2012
Stamattina seduta di rifinitura a Ca'Marta. Sono 18 i convocati di mister Pea per il match con il Verona.
Stamattina a Ca'Marta si è tenuta la seduta di rifinitura in vista del match del Campionato Nazionale Serie bwin, Sassuolo-Hellas Verona in programma domani pomeriggio alle ore 15,00 allo Stadio "A. Braglia" di Modena. Questi sono i 18 convocati per la gara di domani: Bassi, Pomini, Bianco, Consolini, Donazzan, Gazzola, Longhi, Marzoratti, Terranova, Bianchi, Cofie, Magnanelli, Missiroli, Sansone, Valeri, Boakye, Marchi e Troianiello.

26/01/2012
Oggi allenamento nel pomeriggio a Ca'Marta, domani rifinitura mattutina e conferenza (ore 14,30) in sede al Ricci.
Seduta d'allenamento questo pomeriggio a Ca'Marta per i neroverdi: i ragazzi di mister Pea hanno svolto riscaldamento con i preparatori atletici Morellini e Spignoli, quindi torelli, esercitazione tattica e partita. Domani mattina è prevista la seduta di rifinitura in vista della partita di sabato contro il Verona. La conferenza stampa pre-partita del tecnico neroverde Fulvio Pea si terrà domani alle ore 14,30 nella sede del Sassuolo Calcio di Piazza Risorgimento.

26/01/2012
Calciomercato: ceduti in prestito Antonio Cinelli e Lorenzo Laverone.
L’Unione Sportiva Sassuolo Calcio comunica di aver effettuato le seguenti operazioni:
- CINELLI Antonio ('89, centrocampista) ceduto alla A.C. Pavia a titolo di prestito.
- LAVERONE Lorenzo ('89, difensore) ceduto alla A.S.G. Nocerina a titolo di prestito.

25/01/2012
Allenamento pomeridiano quest'oggi, domani squadra in campo alle 15 a Ca'Marta.
Seduta d'allenamento quest'oggi a Ca'Marta per il Sassuolo Calcio: i ragazzi di mister Fulvio Pea, dopo il riscaldamento con i preparatori atletici Morellini e Spignoli, hanno eseguito torelli, esercitazione tattica e partitella. Domani è prevista un'altra seduta pomeridiana, squadra in campo alle ore 15 sempre sul campo del centro sportivo di Ca'Marta.

24/01/2012
SASSUOLO-HELLAS VERONA: informazioni relative alla prevendita e all'acquisto dei biglietti per il Settore Ospiti dello Stadio ''A. Braglia'' di Modena.
In merito all'incontro di calcio Sassuolo-Verona, ventiquattresima giornata del Campionato Nazionale Serie bwin, in programma Sabato 28 Gennaio alle ore 15,00 allo Stadio “A. Braglia” di Modena, il Sassuolo Calcio informa che, l'acquisto dei tagliandi per il Settore Ospiti sarà possibile esclusivamente in prevendita solo per i possessori della Tessera del Tifoso, presso tutti gli sportelli della Banca Popolare dell’Emilia Romagna e nei seguenti esercizi commerciali nella Regione Veneto secondo le modalità sottoelencate:

SI RICORDA, COME DA NUOVO PROTOCOLLO D'INTESA SULLA "TESSERA DEL TIFOSO" DEL 21 GIUGNO 2011 QUANTO SEGUE:
IN PREVENDITA = nei giorni precedenti la gara:
1) I tifosi residenti nella regione che origina la trasferta possono acquistare, solamente se in possesso della Tessera del Tifoso, biglietti per il settore ospiti/curva nord – fino alle 19.00 del giorno precedente la gara
2) I tifosi residenti extra-regione che origina la trasferta, se possessori della Tessera del Tifoso, possono acquistare biglietti per tutti i settori;
3) I tifosi residenti extra-regione che origina la trasferta, se non-possessori della Tessera del Tifoso, possono acquistare biglietti per tutti i settori escluso ospiti/curva nord e distinti A/gradinata;

GIORNO GARA = ai botteghini:
1) I tifosi residenti nella regione che origina la trasferta possono acquistare, solamente se in possesso della Tessera del Tifoso, biglietti per il settore distinti A/gradinata.
2) I tifosi residenti extra-regione che origina la trasferta, se possessori della Tessera del Tifoso, possono acquistare biglietti per tutti i settori escluso ospiti/curva nord;
3) I tifosi residenti extra-regione che origina la trasferta, se non-possessori della Tessera del Tifoso, possono acquistare biglietti per tutti i settori escluso ospiti/curva nord e distinti A/gradinata;

Si invita a portare con se un documento d'identità, sia per l'acquisto del biglietto in prevendita che per l'ingresso allo Stadio. Si ricorda ancora che ai botteghini dello Stadio “A. Braglia” di Modena non sarà possibile acquistare i biglietti del Settore Ospiti, si invita pertanto chi volesse seguire il Verona nella trasferta sul campo del Sassuolo ad acquistare il tagliando in prevendita.
I punti vendita per i biglietti del Settore Ospiti di Sassuolo-Verona

24/01/2012
Oggi doppia seduta, domani pomeriggio allenamento a Ca'Marta. Incontro con la stampa per Marzoratti e Cofie.
Doppia seduta quest'oggi per il Sassuolo Calcio che in mattinata ha lavorato in palestra allo Stadio "E. Ricci" e nel pomeriggio si è trasferito a Ca'Marta dove ha svolto il riscaldamento con pallamano, possesso palla, esercitazione tattica e partita. Domani la squadra di mister Fulvio Pea si allenerà, sempre a Ca'Marta, nel pomeriggio alle ore 15.
Prima della seduta, alle ore 14, i calciatori neroverdi Isaac Cofie e Lino Marzoratti saranno disponibili, sempre a Ca' Marta, per incontrare i giornalisti.

FONTE: SassuoloCalcio.it


Disagi alla circolazione per il match Sassuolo – Verona
Modena, sabato 28 gennaio traffico bloccato nelle strade vicine allo stadio Braglia

In occasione della partita di calcio di serie B tra Sassuolo e Verona, in programma sabato 28 Gennaio, alle 15, nelle ore di afflusso e di deflusso dei tifosi sarà vietata la circolazione stradale e la sosta in viale Monte Kosica, nel tratto compreso tra via Galvani e piazzale Tien An Men, in v.le Montecuccoli, nel tratto compreso tra viale monte Kosica e via Padre Candido.

Sarà inoltre vietata la sosta in piazzale Tien An Men.

Considerato l’importanza dell’incontro, che vede affrontarsi due squadre ai vertici della classifica della serie cadetta, è previsto un notevole afflusso di tifosi ospiti, che potrebbero creare rallentamenti e disagi alla viabilità nelle strade adiacenti lo stadio. Il Comando di Polizia municipale consiglia agli sportivi di recarsi allo stadio con il dovuto anticipo e di utilizzare i parcheggi in via Razzaboni ed in via Pico della Mirandola (zona “Fiat”).

Da qui è possibile utilizzare il sottopassaggio ferroviario che collega via Razzaboni a viale Montecuccoli per raggiungere in breve tempo il Braglia. Nella fascia oraria dalle 12 alle 18 la Municipale invita gli utenti ad utilizzare percorsi alternativi tenendo conto che viale Monte Kosica (tratto compreso tra via Galvani e piazzale Tien An Men) e viale Montecuccoli (tratto compreso tra viale Monte Kosica e via Padre Candido) saranno interdette al traffico come da disposizioni dell’Autorità di Pubblica Sicurezza.

FONTE: Mo24.it


CALCIOMERCATO
LIVE TLP - ATA HOTEL: Benevento, Mancini dice no. Salta lo scambio con Vacca?
26.01.2012 16:02 di Nicolò Schira
Il centrocampista Manuel Mancini ha rifiutato il trasferimento al Benevento. Dunque al momento appare probabile che possa saltare lo scambio fra sanniti ed Hellas Verona che avrebbe dovuto portare il fantasista Antonio Vacca agli scaligeri.

CALCIOMERCATO
ESCLUSIVA TLP HILTON - Benevento, Vacca verso la B
25.01.2012 19:30 di Nicolò Schira
Sul fantasista Antonio Vacca del Benevento è piombato in questi minuti l'Hellas Verona. Per sbaragliare la concorrenza di Nocerina e Grosseto gli scaligeri - da indiscrezioni raccolte in esclusiva da TuttoLegaPro.com presso l'Hilton - sono pronti a mettere sul piatto della bilancia il centrocampista Manuel Mancini.

FONTE: TuttoLegaPro.com


ALTRE NOTIZIE
Juve Stabia: "Rammaricati dal Verona calcio"
27.01.2012 20.14 di Alessandro Landolfi
Fonte: ss.juvestabia.it
La S.S. Juve Stabia S.p.A. reagisce con stupore e rammarico al contenuto della risposta del Presidente del Verona, dott. Martinelli, al Sindaco di Castellammare, On. Luigi Bobbio. A riguardo, si rendono necessarie alcune precisazioni, nonostante la società, avesse deciso di glissare sugli incresciosi episodi accaduti Sabato 21 Gennaio allo stadio Bentegodi di Verona allo scopo di evitare una eccessiva "pubblicità" dell'accaduto. In primis è senza precedenti che una società di calcio, per quanto blasonata possa essere, chieda ad alta voce che un'altra società, militante nello stesso campionato, venga punita con una sanzione pecuniaria. Dimenticando o forse ignorando la normativa vigente in materia e mettendo addirittura in dubbio la buona fede degli Organi di giustizia sportiva. Infatti l'Hellas Verona, che ha disputato diversi campionati nella massima seria arrivando anche alla conquista del tricolore, dovrebbe ben comprendere che Juve Stabia non è stata punita dal Giudice sportivo in quanto, nel caso in specie, sono state ritenute ricorrenti "congiuntamente le circostanze di cui all'art.13-n1-lett.a)b) ed e), CGS, con efficacia esimente".

E' quindi è evidente che nessun favoritismo è stato riservato alla società stabiese ma è stato semplicemente applicato il regolamento. Vi è più, la società scaligera avrebbe potuto, e probabilmente dovuto, durante l'incontro, almeno invitare i propri sostenitori ad astenersi dall'eseguire cori di chiara discriminazione territoriale. Cori che hanno accolto i nostri tifosi prima ancora del loro ingresso sugli spalti, cosi come hanno accolto il riscaldamento della nostra squadra sul terreno di gioco ed il nostro pullman nel piazzale antistante lo stadio· Questa è la quinta multa che il Verona incassa per cori di discriminazione razziale / territoriale nei confronti dei tifosi o giocatori avversari. Difficile ipotizzare continue provocazioni con una casistica talmente elevata. A titolo esemplificativo, in occasione della sanzione comminata per la partita Verona - Crotone, è lo stesso Presidente Martinelli a fare esplicito riferimento ai "tifosi" delle Poltrone Est che con il loro coro "Sporchi Terroni" non aiutavano il club costringendolo a pagare ingenti multe.

Sono proprio alcuni "tifosi" delle Poltrone Est che dopo 80 minuti di insulti e improperi nei confronti dei nostri tifosi (visibili su you tube anche alcuni video, "vanto ultras" dei gesti in oggetto), a lasciarsi andare ai beceri cori nei confronti del tifoso stabiese scomparso prematuramente la scorsa estate.La S.S. Juve Stabia non ha ritenuto di chiedere la sospensione del match nonostante il regolamento ne prevedesse la possibilità. Cosi come la S.S. Juve Stabia nella partita di andata ha accettato di utilizzare la seconda maglia di gioco per evitare una possibile vittoria a tavolino, tenuto conto che il Verona aveva portato in Campania due divise, entrambi non distinguibili secondo il giudizio dell'arbitro, dalla nostra prima maglia, in palese contrasto con le regole federali.La matricola Juve Stabia è quest'anno in prima linea in ogni attività di solidarietà e beneficenza. Ogni singolo dirigente o tifoso ospite è stato accolto al Romeo Menti con la massima e totale disponibilità. I nostri tifosi si sono fin qui distinti per correttezza e simpatia in ogni stadio d'Italia.

Se qualcosa lo scorso sabato non è andato per il verso giusto non va assolutamente addebitata ai nostri tifosi qualsiasi provocazione, bensi'ad una frangia ostile, violenta e razzista che con lo sport in generale, ed il calcio in particolare non ha nessun elemento in comune. Una frangia che va condannata concretamente e non apparentemente, senza classificare i suoi atteggiamenti, in una visione alquanto semplicistica, come fenomeni "sui quali sistematicamente, ed in negativo, si accentra l'attenzione dei media".Augurando al Verona un pronto rientro in Serie A,dove ci sono i palcoscenici sportivi che merita, chiudiamo qui ogni polemica e invitiamo i nostri tifosi a fare altrettanto, dimenticando subito questo triste episodio e sostenendoci con la passione di sempre nel difficile match odierno con il Crotone.

SERIE B
ATAHOTEL EXECUTIVE - Verona, pressing su Vacca
26.01.2012 17.00 di Alessio Alaimo
Verona e Benevento studi uno uno scambio di mercato. Dopo aver ceduto Mancini al club campano, la società gialloblu' è infatti interessata al centrocampista dei campani, Antonio Vacca.

SERIE B
ESCLUSIVA TMW - Lecce, le ultime su Pasquato: il Toro c'è
26.01.2012 11.23 di Marco Conterio
Ultime sul futuro di Cristian Pasquato talento cristallino di proprietà della Juventus che a breve lascerà il Lecce dove non è riuscito ad affermarsi. Tuttomercatoweb.com ha trovato conferme importanti sull'interessamento del Torino per il trequartista. I granata lo avrebbero ufficialmente richiesto in prestito, anche se entro domenica non ci sarebbe nessun incontro in programma, ad oggi. Il Pescara avrebbe effettuato solo un sondaggio per il ragazzo, mentre sono da tenere d'occhio anche le sirene che portano al Verona ed al Padova, con gli scaligeri che avrebbero già preso i primi contatti con la dirigenza juventina.

SERIE B
ESCLUSIVA TMW - Novara, avanzata del Torino per Jeda
25.01.2012 18.49 di Matteo Bursi
Fonte: Raffaella Bon
Secondo indiscrezioni raccolte negli ultimi minuti da Tuttomercatoweb.com, ci sarebbe un forte affondo del Torino su Jeda. Sull'attaccante del Novara c'è da tempo anche il pressing del Verona.

SERIE A
ESCLUSIVA TMW - Lecce, Pasquato verso l'addio al Salento
25.01.2012 11.35 di Luca Bargellini
Fonte: Raffaella Bon
Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Tuttomercatoweb.com gli ultimi giorni di mercato saranno decisamente caldi per Cristian Pasquato. Il giovane attaccante di proprietà della Juventus ma in prestito al Lecce non sta trovando molto spazio in Salento e per questo si sta valutando un suo eventuale ritorno in bianconero per poi essere girato in prestito ad un altro club. Su di lui attive sia Padova che Verona con gli scaligeri in vantaggio nonostante prima di concludere l'operazione debbano vendere un altro giocatore.

ALTRE NOTIZIE
Verona, Hallfredsson ancora a parte
25.01.2012 09.44 di Gianluca Losco
Prosegue la preparazione del Verona in vista dell'affascinante sfida di campionato contro il Sassuolo. Ieri Esposito ha lavorato in parte col gruppo, mentre Hallfredsson e Ferrari hanno svolto differenziato. Solo terapie per Bjelanovic, Doninelli e Nicolas.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


*LE NOSTRE ESCLUSIVE"
ESCLUSIVA TB - Verona-Ricchiuti tutto rinviato a domani
27.01.2012 02:54 di Nicolò Schira
Doveva essere questa sera ed invece è slittato a domani pomeriggio (oggi per chi legge ndr) l'incontro fra il Verona e Giovanni Tateo, agente di Adrian Ricchiuti. La trattativa rimane comunque ben avviata e potrebbero esserci sviluppi nel giro di 48 ore.

EDITORIALE
TOTOB: la Schedina di...
27.01.2012 00:00 di Mattia Vavassori
In occasione della terza giornata di ritorno del campionato di serie B, la redazione di TuttoB.com gioca in attacco e, in occasione della consueta rubrica TOTOB, ha invitato in qualità di ospite PAOLO PULICI, uno dei più grandi centravanti della storia del calcio italiano e della serie A. Giocatore del Torino dal 1967 al 1982, squadra con cui ha disputato 335 partite con 134 reti all'attivo, attualmente si occupa della Scuola Calcio della Tritium, compagine di Prima Divisione di Lega Pro, che porta il suo nome.

JUVE STABIA-CROTONE – I campani stanno attraversando un momento positivo e hanno trovato un gioco redditizio. Stanno facendo bene in campionato. 1

PESCARA-MODENA – I valori in campo sono indiscutibili: la compagine di mister Zeman ha un organico da serie A. 1

ALBINOLEFFE-BARI – I bergamaschi, quando giocano tranquilli, portano a casa il risultato pieno. Il Bari lo vedo in difficoltà. Penso che i padroni di casa sono più motivati e conquisteranno la posta in palio. 1

EMPOLI-BRESCIA – E' un match tra due squadre deluse dei risultati ottenuti finora in campionato. Penso che i lombardi riusciranno a strappare almeno un punto. X

GROSSETO-REGGINA – I calabresi sono reduci di una sconfitta contro il Padova per 4-1. Credo che finirà con un pareggio. X

GUBBIO-SAMPDORIA – Con l'arrivo di mister Simoni in panchina, il Gubbio sta giocando in modo diverso. I liguri se non vincono restano fuori dalla corsa per i playoff. 2

NOCERINA-LIVORNO – I campani tra le mura amiche sono una compagine compatta. Penso vinceranno questa gara. 1

PADOVA-CITTADELLA – E' quasi un derby. In questo momento della stagione il Cittadella sta facendo meglio fuori casa. X

SASSUOLO-HELLAS VERONA – Sarà un grande incontro e un derby ad effetto. Il Sassuolo deve mantenere la testa della classifica e sta giocando alla grande. Sono dell'idea che il team di mister Mandorlini sia affaticato. 1X

VARESE-TORINO – Se non si sveglia la mia ex squadra rischia una scivolata. I lombardi hanno bisogno di un successo in ottica playoff. 1X2

VICENZA-ASCOLI – I veneti sono una squadra strana. Non vedo bene l'Ascoli. 1

PRIMO PIANO
Serie Bwin, aspettando la 24^...
27.01.2012 11:35 di Federico Errante
Fonte: TuttoNocerina
La 24esima giornata di Serie B presenta due anticipi, uno alle 19:00 con la sfida tra Juve Stabia e Crotone, e l’altro alle 21:00 con la sfida tra Pescara e Modena. Questa giornata non presenterà alcun posticipo e le partita in contemporanea si disputeranno come sempre sabato alle 15:00. Come di consueto sarà una giornata di Serie B, tutta da vivere. Presentiamo tutte le sfide.

JUVE STABIA-CROTONE: Nell’inusuale anticipo del venerdì alle ore 19:00 a Castellammare si affrontano la Juve Stabia e il Crotone. I padroni di casa sono reduci dalla sconfitta di Verona che li ha portati con i piedi per terra. Gli ospiti invece sono reduci dalla bruciante sconfitta tra le mura amiche contro il Varese. Arbitro: Giancola della sezione di Vasto

PESCARA-MODENA: Nell’altro anticipo del venerdì occhi puntati sul Pescara di Zeman, che dopo le polemiche con Vialli vuole dimostrare ancora di più la potenza e l’invulnerabilità dei suoi ragazzi, con una bella prestazione ed una vittoria. L’avversario sarà il Modena sestultimo in classifica. Arbitro: Palazzino della sezione di Ciampino

ALBINOLEFFE-BARI: Sfida di media-bassa classifica allo stadio “Atleti Azzurri D’Italia” di Bergamo, dove si affrontano l’Albinoleffe di mister Fortunato e il Bari allenato da Torrente. Il Bari, che non riesce a sfatare il tabù del San Nicola, spera di fare bella figura in trasferta come già successo tante volte in questa stagione e si troverà di fronte i bergamaschi padroni di casa col dente avvelenato dopo la sconfitta di Grosseto. Arbitro: Gallione della sezione di Alessandria

EMPOLI-BRESCIA: Allo stadio “Castellani” si affrontano due squadre dal morale assolutamente diverso, con i padroni di casa che da quanto il bomber Ciccio Tavano non ha più segnato sono sprofondati in piena zona retrocessione. Se la passano di certo meglio gli ospiti di mister Calori, il quale da quando si è seduto sulla panchina delle Rondinelle ha saputo solo vincere con ben quattro vittorie consecutive. Arbitro: Massa della sezione di Imperia

GROSSETO-REGGINA: Stessi punti (32) e stessi obiettivi sia per questa partita che per l’intera stagione con il sogno playoff nel cassetto. La Reggina che da quando ha perso il suo bomber Missiroli fatica davvero tanto a vincere, spera di riuscire a portare a casa questa vittoria, in trasferta contro un Grosseto reduce dal match vinto, sempre in casa, contro l’Albinoleffe. Arbitro: Baratta della sezione di Salerno

GUBBIO-SAMPDORIA: Le due new entry di questo campionato di Serie B, il Gubbio neo promosso e la Samp retrocessa si affrontano allo stadio “Pietro Barbetti” di Gubbio. Per la Samp vale lo stesso discorso fatto per il Bari e cioè una squadra che si esalta di più fuori casa, con gli uomini di Iachini che devono cercare in tutti i modi di raddrizzare una stagione che rischia davvero di essere fallimentare. I padroni di casa del Gubbio sono sempre in cerca di punti salvezza per abbandonare quella zona che fa tanto paura. Arbitro: Tozzi della sezione di Ostia Lido

NOCERINA-LIVORNO: Dopo la rivoluzione, con i cambiamenti per quanto riguarda l’allenatore, con il ritorno di Auteri, e per quanto riguarda il Ds, con l’addio di Pastore e l’arrivo di Pitino, a Nocera si spera anche in una rivoluzione del gioco e dei risultati, cercando di riassaporare il gusto della vittoria. Allo stadio “San Francesco” fa visita il Livorno che sta disputando un’altra stagione al di sotto delle aspettative, vista la rosa a disposizione di mister Madonna. Arbitro: Ciampi della sezione di Roma

PADOVA-CITTADELLA: Molto entusiamo a Padova, dopo la spettacolare vittoria esterna contro la Reggina che ha alimentato ancor di più non soltanto le speranze playoff ma anche quelle di una promozione diretta visto che la vetta dista solo 5 punti. Ospite di questa gionrata il Cittadella che dopo aver fermato il Torino, vuol ostacolare la strada ad un’altra big. Arbitro: Baracani dellea sezione di Firenze

SASSUOLO-HELLAS VERONA. Il big match della 24esima giornata va di scena allo stadio “Alberto Braglia” di Modena dove si affrontano la neo capolista Sassuolo e il Verona dei miracoli di Andrea Mandorlini. I veronesi distano soltanto due punti dai Sassolesi e sperano nell’impresa in trasferta per puntare dritto alla vetta. I romagnoli invece sono primi e vogliono mantenere la vetta. Arbitro: Dino della sezione di Bassano del Grappa

VARESE-TORINO: Un’altra partita con i riflettori puntati addosso è quella tra Varese Torino, un altro big match che può valere la Serie A. Il Torino di Ventura dopo le ultime uscite di certo non entusiasmanti cerca il pronto riscatto contro il Varese, reduce a sua volta dalla vittoria esterna contro il Crotone. Arbitro: Cervellera della sezione di Taranto.

VICENZA-ASCOLI: Scontro salvezza allo stadio “Romeo Menti” di Vicenza con i padroni di casa che ospitano l’Ascoli. Quest’ultima nonostante le penalizzazione non occupa più l’ultimo posto in classifica e punta alla salvezza. Il Vicenza che ha ben 8 punti in più dell’Ascoli si trova in una posizione più tranquilla di classifica, ma non vuole comunque sottovalutare questo impegno e spera di fare punti per una salvezza che dovrà arrivare quanto prima possibile. Arbitro: Di Bello della sezione di Brindisi
Buona 24esima giornata, a tutti i tifosi della Serie B.

*LE NOSTRE ESCLUSIVE"
ESCLUSIVA TB - Hellas Verona, in serata si chiude per Ricchiuti
26.01.2012 14:02 di Nicolò Schira
Ore decisive in casa Hellas Verona: in serata è previsto un summit di mercato per chiudere l'arrivo di Adrian Ricchiuti dal Catania.

HELLAS VERONA
Hellas Verona, Sasa resta o va?
26.01.2012 19:45 di Federico Errante
Fonte: Tuttohellasverona.it
Sull'attaccante croato del Verona Sasa Bjelanovic si starebbero muovendo alcuni club stranieri. Nelle ultime ore si sono concretizzati i sondaggi di Genk e Dinamo Bucarest. Seppur pupillo del tecnico Andrea Mandorlini, il futuro dell'ex punta dell'Atalanta appare in dubbio.

PRIMO PIANO
Hellas Verona, Pedullà: "Sorpasso Toro per Pasquato"
26.01.2012 20:33 di Federico Errante
Fonte: Tuttohellasverona.it
Il Torino - secondo quanto riporta Alfredo Pedullà su Datasport - starebbe bruciando la concorrenza del Verona per arrivare a Cristian Pasquato. Il club scaligero puntava a chiudere l'operazione lunedì, ma nelle ultimissime ore il Torino ha accelerato nella trattativa con la Juventus e potrebbe soffiare il giocatore all'Hellas.

PRIMO PIANO
ESCLUSIVA TB - Hellas Verona, ag.Jeda: "Ancora poco di concreto"
25.01.2012 18:40 di Marco Fornaro
Il futuro di Jeda è appeso ad un filo, il Verona sembra in pole per acquistarlo, ma non è il solo a club a pressare sul calciatore di Santarem, il cui entourage si è espresso in esclusiva ai microfoni di tuttob.com, per constatare le possibilità di un trasferimento in terra scaligera del brasiliano: "Vediamo cosa succede, il Verona è su di lui, ma per adesso siamo in una fase intermedia. Ci sono squadre che lo vogliono, ma di concreto ancora c'è poco."

HELLAS VERONA
Hellas Verona, piace un centrocampista di Serie A
24.01.2012 21:45 di Dennis Magrì
Non solo Padova e Gubbio sul centrocampista del Catania Adrian Ricchiuti. Secondo quanto riportato dal portale ‘itasportpress.it’, infatti, sull’argentino pare sia piombato anche l’Hellas Verona, che lo vorrebbe per aggiungere in mezzo al campo quel pizzico di esperienza richiesto da Andrea Mandorlini. Resta comunque in pole il Padova di Dal Canto, come vi abbiamo annunciato in esclusiva pochi giorni fa.

CALCIOMERCATO
ESCLUSIVA TB - Gubbio, sondaggio per Berrettoni
25.01.2012 12:53 di Federico Errante
Fonte: Nicolò Schira
Secondo indiscrezioni raccolte IN ESCLUSIVA da TuttoB.com il Gubbio starebbe sondando il terreno per l'attaccante dell'Hellas Verona Emanuele Berrettoni.

PRIMO PIANO
Sassuolo, Sansone: "Non mi sento un bomber. Spero di restare"
24.01.2012 18:29 di Giancarlo Parisi
È senza ombra di dubbio l'uomo del momento. Gianluca Sansone o, come lo chiamano a Sassuolo "San Sone". Tutto quello che tocca diventa oro: 15 gol in campionato, 9 nelle ultime 6 partite, assoluto trascinatore di un Sassuolo che ora guarda, insieme al Torino, tutti dall'alto in basso.
Intervistato dalla "Gazzetta di Modena" la stella neroverde parla del suo momento magico, coronato sabato dalla tripletta al Vicenza, ed evidenzia come la vera arma in più di questo super Sassuolo sia la compattezza del gruppo.

Il talento di Bella, piccolo paese in provincia di Potenza, è già pronto a voltare pagina dopo l'exploit con i biancorossi: " Per me quella partita è già archiviata ed io mi sento sempre lo stesso. Adesso arrivano gli scontri diretti, non dobbiamo pensare a quello che abbiamo fatto ma a quello che ci resta da fare - dice - Mi resterà il pallone della partita, devo pulirlo bene e poi portarlo a casa dei miei. Il gol su punizione è stato il più bello dei tre, anche se è arrivato anche quello di destro, magari ci provo altre 10 volte e non mi riesce più ", scherza il fantasista neroverde, che per l'hat trick di Sabato non ha una dedica in particolare: "Non sono abituato a fare le dediche perché non voglio scontentare nessuno: diciamo allora che dedico questa tripletta a tutti quelli che mi seguono da sempre e che mi vogliono bene".

Il talentuoso trequartista ex Frosinone oltre ad essere il leader del Sassuolo capolista, guisa, insieme a Ciro Immobile, la classifica cannonieri del campionato, ma a prescisa domanda, anche un pò scaramantiucamente minimizza: "Guardo la classifica marcatori, ma non troppo. Anche perché non mi sento un bomber, in questo momento sono il finalizzatore del lavoro che fa la squadra. Più avanti toccherà a qualcun’altro".

Non appena concquistato il primato in coabitazione col Toro ecco subito una sfida incandescente; sabato arriva al "Braglia" il Verona di Mandorlini, Sansone è categorico: "Sarà importante non perdere. Abbiamo fatto 46 punti, ma le altre non mollano. Ci sono 4 squadre in 2 punti. La cosa più importante e non cullarsi su quanto di buono abbiamo fatto, ma pensare soltanto al futuro"

Futuro che si preannuncia radioso per il capocannoniere del campionato che però, per ora, ha le idee molto chiare: " Io posso solo dire che mi piacerebbe concludere qui la stagione e che a Sassuolo sono contentissimo"

FONTE: TuttoB.com


giovedì, gennaio 26th, 2012 | Posted by Orru
Calciomercato Torino, Ebagua ora diventa un problema
L’attaccante italo-nigeriano Giulio Osarimen Ebagua sta diventando sempre più un problema per il Torino. Giunto l’estate scorsa dal Varese in comproprietà per 1,4 milioni, più la metà del cartellino di Carrieri, ha deluso le aspettative del popolo granata. Soltanto 3 reti in 19 presenze, molte delle quali da titolare. Uno score nettamente più magro rispetto a quello dello scorso anno con la maglia biancorossa, con la quale Ebagua segnò 12 reti in 28 presenze. Con l’arrivo di Meggiorini che si aggiunge a Bianchi, Antenucci e Sgrigna, gli spazi per il ragazzo di colore si stringono sempre di più. Le parole del suo procuratore Battistini, che aveva ironizzato sulla scarsa vena degli attaccanti granata (senza citare il suo assistito), potrebbero anche contribuire ad allontanare il giocatore dal Torino, almeno fino a fine stagione. Brescia, Varese e Verona potrebbero fiondarsi su di lui, in caso di cessione da parte del club granata.
di Marco Orrù

giovedì, gennaio 26th, 2012 | Posted by ferrantetommy
Calciomercato: su Pasquato irrompe il Torino
Si è tenuto questo pomeriggio all’Hilton un incontro tra l’agente Davide Torchia e il ds del Torino Gianluca Petrachi. Si è parlato di un clamoroso arrivo ai granata di Cristian Pasquato, talentuoso fantasista della Juventus in prestito al Lecce. Il giocatore era in procinto di trasferirsi a Verona, dalla prossima settimana ma ora il Toro ha effettuato un virtuale contro sorpasso che potrebbe risultare decisivo.

mercoledì, gennaio 25th, 2012 | Posted by Boosta
Flash Calciomercato Verona, Mancini piace al Benevento
CALCIOMERCATO VERONA MANCINI - Secondo quanto riferito da Tuttohellasverona.it, il centrocampista del Verona, Manuel Mancini, sarebbe nel mirino del Benevento, club che milita in Lega Pro Prima Divisione. Il centrocampista di 28 anni è stato utilizzato col contagocce da Andrea Mandorlini quest’anno e potrebbe decidere di accettare la proposta dei campani.

mercoledì, gennaio 25th, 2012 | Posted by Boosta
Calciomercato Gubbio e Verona, mister Simoni vuole Berrettoni
CALCIOMERCATO VERONA GUBBIO BERRETTONI - Emanuele Berrettoni fatica a trovare spazio nel Verona, dove ha giocato appena sette gare quest’anno in campionato. L’attaccante, cresciuto nelle giovanili della Lazio, è nel mirino del Gubbio di Gigi Simoni, alla ricerca di un attaccante di movimento e di esperienza. Al momento si tratta di un semplice sondaggio da parte del club umbro, ma nelle prossime ore potrebbero esserci importanti novità sul futuro di Berrettoni.

lunedì, gennaio 23rd, 2012 | Posted by ferrantetommy
Flash Verona, al via la settimana del big match
Il Verona ha cominciato la preparazione settimanale in vista del big match di sabato contro il Sassuolo. Alla seduta non era presente il tecnico Andrea Mandorlini a causa di un attacco influenzale. Tra le fila scaligere allenamento differenziato per Esposito, Hallfredsson e Rafael terapie per Bjelanovic, Ferrari e Nicolas.

FONTE: SerieBNews.com


Count down Verona Vincere al «Braglia» per sognare il decollo
Ancora brividi d'alta classifica per i gialloblù, che lanciano la sfida all'ambizioso Sassuolo di Pea: i tre punti varrebbero il sorpasso

28/01/2012
C'è l'entusiasmante batticuore dell'attesa, l'adrenalina che sale ora dopo ora, minuto dopo minuto; c'è la certezza di essere tornati protagonisti nel calcio che conta. E il pensiero stupendo di altri tre punti da cogliere e poter infilare nella già ricca collezione 2011-'12. L'Hellas Verona si prepara oggi a vivere un altro appassionante capitolo del suo campionato high profile allo stadio «Braglia» di Modena, covo del Sassuolo. È sfida che accende la fantasia, non c'è dubbio. Perchè gli emiliani compensano il modesto valore dei suoi trascorsi con un'ambizione da primato. Corroborata, peraltro, da robuste iniezioni di capitali. Patron Giorgio Squinzi, presidente della Mapei, sembra davvero essersi stufato di fare anticamera nel salottino della cadetteria. Ora vuole fortissimamente, più di quanto non l'avesse desiderata gli anni passati, il salto in Serie A. Certo la piazza non coltiva le stesse pretese di quella scaligera. In quanto a qualità tecniche, però, l'organico neroverde non teme paragoni. «Il Sassuolo è già davanti a tutti e adesso ha preso due o tre giocatori importanti per rinforzarsi ulteriormente», ha confermato l'altro giorno Andrea Mandorlini, ex della contesa.

«Cercherà di vincere la partita per restare là davanti. Sarà un test importante per capire dove possiamo arrivare». Già, dove può arrivare questo Verona? Dopo aver predicato per mesi umiltà e realismo, senza mai ragionare su obiettivi diversi da quello della salvezza, il tecnico gialloblù scopre che la sua macchina da gioco va come un razzo e che l'obiettivo minimo dichiarato, a gennaio, è già distante appena una manciata di punti. Il «Braglia» è teatro dell'ennesimo esame: se i gialloblù resteranno al palo si ritroveranno comunque più o meno dove sono ora. E cioé con i piedi sempre ben piantati in zona play off, certo più distanziati dalla cima. Ma un pareggio o, ancora di più, la vittoria, costringerebbe una volta per tutte Mandorlini a gettare la maschera e rivelare legittimi sogni di gloria. Di quelli che finiscono con la A maiuscola. «A Modena giocheremo un'altra sfida d'alta quota, di quelle da non perdere», l'opinione del mister. «D'altronde adesso è così, tutte le partite hanno una storia speciale. Però, lo ripeto ancora una volta, come avevo detto a Pescara, non sarà decisiva, ci sono ancora tante partite da giocare e il nostro campionato non finisce a Sassuolo».

Un ragionamento valido soprattutto in una situazione come quella odierna, visto che la partita del «Braglia» inaugura una settimana terribile, da affrontare senza angosce, gestendo con attenzione gli equilibri dello spogliatoio, alternando gli effettivi con oculatezza: mercoledì al «Bentegodi» farà tappa il Grosseto settimo in classifica e poi, tra una settimana, altre scariche di elettricità a Padova, in un derby veneto che da anni non si annunciava così appassionante. Peccato che il mini tour de force scaligero parta già con l'handicap, sotto forma di infortuni: «Valuteremo la situazione fino all'ultimo momento», ha anticipato Mandorlini. «Vedremo chi potremo recuperare per la partita. Dispiace, vorrei sempre avere tutti i giocatori a disposizione ma non cerchiamo giustificazioni.

Cercheremo di preparare bene la partita, studieremo le alternative giuste». Non semplici da trovare soprattutto se dal campo manca uno come Emil Hallfredsson, che ha vissuto giorni tribolati e che sarà risparmiato anche in vista degli ulteriori, delicatissimi appuntamenti. Oltre al vichingo islandese (per sostituirlo è corsa a due tra Doninelli e Galli) Mandorlini dovrà rinunciare a Sasa Bjelanovic e fare i conti con le condizioni imperfette di Nick Ferrari, un altro che ha trascorso una settimana difficile e che - pur figurando tra i convocati - potrebbe essere ugualmente risparmiato in vista di Grosseto e Padova. Qualunque sarà l'undici di partenza, il Verona a Modena non sarà solo: sarebbero infatti oltre 2500 i tagliandi di curva staccati in prevendita. Il Sassuolo fa poi sapere che esiste un altro settore di distinti (oltre 400 posti di capienza) destinato esclusivamente agli ospiti e che verrà probabilmente preso d'assalto. Il «Braglia» si veste di giallo e di blu: c'è un sogno da accarezzare.
Francesco Arioli

Pea il predestinato: lustrini e vittorie
Preparato e ambizioso, gioca un calcio efficace e spettacolare: «Mi aspetto una gara molto tattica»

28/01/2012
L'uomo voluto fortemene da Mourinho ha imparato come si fa. L'uomo che ascoltava Gigi Simoni si è cibato delle cose buone del calcio. Fulvio Pea è fusione perfetta di mille modi di vedere il calcio. È partito da lontano. È partito nella periferia del mondocalcio. Silenzi e nessun riflettore. Poi la chiamata giusta. La competenza e la passione come bagaglio di vita. Vincente. A 22 anni, senza nessuna carriera calcistica alle spalle, Pea ha iniziato a fare l'allenatore. Era ancora passione. Non poteva sapere che il talento lo avrebbe guidato lontano. Molto lontano. L'illuminazione arriva quando nel '98 si trova ad allenare gli Esordienti dell'Inter. Si fa notare. E Gigi Simoni lo prende con sè. Nello staff dell'allenatore di Crevalcore resta dal 2001 al 2005. Lavora, cresce, lancia segnali importanti. Appare essere da subito una sorta di top manager. Allenatore, stratega, insegnante. Indovino a volte. Simoni se lo porta pure al Cska Sofia.

E Fulvio cresce. Preparandosi al grande salto. Ancona, Napoli, Siena e Lucchese diventano parentesi di vita. Vice di Gigi, l'uomo che più di tutti ha creduto in lui. Alla Lucchese gli viene affidata pure la prima squadra. È la prima esperienza. Crescendo s'imparano tante cose. Nel giugno 2007 Beppe Marotta lo chiama ad allenare la Primavera della Sampdoria e per Pea sarà l'inizio di una stagione di vita straordinaria. Alla guida dei giovani blucerchiati, infatti, vince quasi tutto quello che c'è da vincere. L'elenco: scudetto, Coppa Italia e Supercoppa italiana. Arriva in finale al Viareggio, dove si deve fermare solo al cospetto della Juve. Josè Mourinho chiede a Massimo Moratti di riportarlo all'Inter. Detto e fatto. Il portoghese ha grande stima di Pea, che nella sua seconda avventura nerazzurra avrà modo di confrontarsi pure con Benitez e Leonardo. I risultati? Ancora esaltanti. Perchè alla guida della Primavera nerazzurra ottiene la vittoria del Viareggio e dell'Under 18 Challenge, una sorta di Champions League giovanile. Ormai Pea è pronto per il grande salto. E puntuale arriva la chiamata del Sassuolo. Scelta felice. Gli emiliani viaggiano subito ad alta velocità. Bel calcio, quello di Pea. Efficace e spettacolare.

E non si tratta di sprazzi di fantasia. No, c'è molto di più. Perchè siamo all'inizio del girone di ritorno ed il Sassuolo si ritrova in testa al campionato. Squadra di vertice, che pensa alla grande. Ma non lo dice. E la sfida di oggi contro il Verona vale moltissimo. Per Pea, per i suoi ragazzi «Sarà una gara molto tattica», ha spiegato ieri in conferenza stampa l'allenatore. «Il Verona dispone di buona esperienza ed è trascinato da un tecnico che conosce bene il Sassuolo. Pure noi, però, li abbiamo studiati molto bene». Il peso della gara è evidente. Del resto, per Sassuolo, come per l'Hellas, si tratta dell'ennesimo esame. Da non fallire se si vuole davvero continuare a marciare verso il sogno. «La partita che ci aspetta», osserva ancora Pea, «è importante come lo sono state tutte finora. Potrebbe essere la forza fisica a fare la differenza tra due squadre che vivono un buon momento di forma». Il resto? Adrenalina, tattica, stile e giocate individuali. «In queste partite i punti valgono doppio», aggiunge, «perchè queste sono gare che possono dare molte verità». Di certo non sarà decisiva. Ma il Sassuolo ha voglia di stupire ancora. Pea pure, visto che al Bentegodi è uscito sconfitto, complice un rigore molto contestato. E l'affronto può essere superato solo con una grande prestazione. S.ANT.

In dubbio Bjelanovic, Hallfredsson e Ferrari
26/01/2012
Tre uomini in bilico. Il Sassuolo che arriva. E Mandorlini è costretto ancora una volta a buttare l'occhio in infermeria. Andiamo con ordine. L'uomo della Provvidenza a Modena, potrebbe essere ancora una volta lui: Thomas Pichlmann. Più che una scelta, un obbligo. Perché oggi come oggi Mandorlini deve fare la conta degli assenti. E là davanti mancano i due arieti d'area di rigore. Situazione complicata, un po' come era successo a Pescara, quando nel big match dell'Adriatico il tecnico ravennate era stato costretto a dover rinunciare ai tre assi Maietta, Hallfredsson e Gomez. Uno per ruolo. Verona più indebolito. E la storia, seppur in maniera diversa, si ripete.

Iniziamo da Nicola Ferrari. L'attaccante gialloblù oggi non è al top. La causa? Un risentimento muscolare alla coscia che lo ha costretto già a saltare la sfida con la Juve Stabia. Scelta precauzionale, si era detto inizialmente. Meglio non rischiare, vista l'abbondanza di «torri» d'offesa, sperando nel pronto recupero del giocatore. Nicola, però, sta svolgendo ancora lavoro differenziato. Piscina e programma personalizzato. Ieri ha corso bene. Ma Mandorlini, si sa, vuole gente al 100 per cento delle possibilità. E Ferrari ormai da qualche giorno è costretto a mordere il freno. Peccato succeda nella settimana che porta alla sfida con il Sassuolo. L'ennesimo «vis a vis» che il Verona sarà costretto a giocare senza l'imbarazzo della scelta. Va detto, comunque, che lo staff medico dell'Hellas, coordinato dal dottor Pasini, si riserva di valutare attentamente nei prossimi due giorni l'evolvere della situazione. Oggi le possibilità che Ferrari non prenda parte alla trasferta emiliana sfiorano, però, il 70 per cento. Il 30 per cento restante racchiude speranza, piccoli miracoli, la voglia del giocatore di esserci a tutti i costi, e forse anche l'ispirazione ultima di Mandorlini, che potrebbe decidere di portare a Modena un giocatore importante ma non certo al top della condizione.

E la storia è simile per Sasa Bjelanovic. L'attaccante croato è alle prese con una distrazione muscolare al polpaccio. È uscito malconcio all'inizio della ripresa con la Juve Stabia. Così non può lavorare bene. Anche per lui, allora, è scattata da subito la fase del lavoro personalizzato. Le prime impressioni ricavate dallo staff medico del Verona non sono state di certo confortanti. Anche Bjelanovic farà di tutto per esserci. Ma contro le percentuali non si può lottare più di tanto. Bjelanovic salta Sassuolo? Al 70 per cento la risposta è affermativa. Oggi almeno. Poi nelle prossime 48 ore in casa Hellas cercheranno di capire se esistono possibilità, seppure limitate, di rimettere in piedi il giocatore. Prezioso nel gioco aereo, ma nello stesso tempo nel dare il ricambio a chi parte al centro dell'attacco. E allora: incrociamo le dita.

A complicare le cose c'è pure la cattiva condizione di Emil Hallfredsson. L'islandese è alle prese con un risemntimento muscolare. Per lui ieri si parlava di indolenzimento. Oggi sarà effettuata un'ecografia che potrà dire molte cose. Meglio incrociare le dita una volta in più. S.A.

Jorginho e Tachtsidis a scuola: «Ci portavamo il pallone a letto»
LA VISITA. I due centrocampisti del Verona hanno incontrato gli alunni delle elementari «Callisto Zorzi» di Parona: «Viviamo un'avventura bellissima, si sente il grande amore dei tifosi per l'Hellas. Verona è bellissima Mandorlini? Il nostro maestro»

25/01/2012
Dieci anni fa erano seduti anche loro sui banchi di una scuola elementare. Adesso sono i beniamini di tanti ragazzini che tifano Hellas. Ieri mattina Panagiotis Tachtsidis e Jorginho sono stati sommersi dall'abbraccio degli scolari della scuola elementare di Parona, con un po' di timidezza e tanta emozione hanno risposto alle domande degli alunni e si sono raccontati. Dai momenti felici con il Verona alla nostalgia per la famiglia lontana, dalle passeggiate in centro con gli amici alle passioni condivise con tanti coetanei. L'HELLAS. Sono giovani ma sono diventati un punto di riferimento nella squadra di Mandorlini che ha scalato le posizioni della classifica di B. «La prima partita con l'Hellas - racconta Jorginho - l'anno scorso giocavo nella Sambonifacese, ora faccio parte di un gruppo che lotta per un obiettivo importante. Bellissimo». «Il mister chiede grande applicazione e ci fa lavorare molto - continua Tachtsidis - ma lui è un maestro per tutti e i risultati si vedono».

LA CITTÀ. Jorginho è arrivato a Verona nel 2007 e vive in città da quattro anni, Tachtsidis è sbarcato in riva all'Adige sei mesi fa ma si sono integrati perfettamente. «Esco, vado in giro con gli amici - racconta Jorginho - oppure ci troviamo a casa di compagni di squadra. Abbiamo creato un bel gruppo». «La città è bellissima - aggiunge Panagiotis - io sono nato e cresciuto in una capitale come Atene ma qui sto veramente bene. C'è la grande passione dei tifosi ma la vita è tranquilla».

LE PASSIONI. E dopo il calcio, alla fine degli allenamenti. Le passioni sono quelle degli altri ragazzi di vent'anni. «Spesso ci ritroviamo per andare al cinema - dice Tachi - vado a vedere un po' di tutto, il modo migliore per stare insieme e passare il tempo. Anche per imparare un po' l'italiano. Mi piace moltissimo anche passeggiare in centro, quando ci sono delle belle giornate». «Anche a me piace andare al cinema - continua Jorginho - soprattutto perv i film d'azione. Oppure in casa, a giocare con la play station».

LA FAMIGLIA. Uno brasiliano, l'altro greco. Hanno lasciato le famiglie a migliaia di chilometri di distanza, sono partiti da bambini, adesso possono tornare quando il campionato si ferma. «Non è stato facile - racconta Jorginho - soprattutto quando ho preso le valige e me ne sono andato da casa che ero un ragazzino come voi. Però sono molto legato alla mia famiglia, adesso la tecnologia è cambiata, ci sentiamo spesso, il rapporto è molto forte e con la distanza si è consolidato». «Torno a casa appena posso - spiega Tachtsidis - ma durante il campionato non è facile prendere l'aereo e correre in Grecia. Ogni tanto i miei genitori vengono qua, stanno con me, Fosse per loro mi chiamerebbero ogni momento».

LA SCUOLA. Impossibile cancellare i ricordi della scuola. «Mia mamma ci teneva molto - sorride Jorginho - ma io non vedevo l'ora di correre fuori per giocare a calcio, anche in strada». «Mi sono divertito andare a scuola, avevo tanti amici - conclude Tachtsidis - ma sognavo le partite, avevo sempre in mente il pallone, me lo portavo anche a letto».
Luca Mantovani

La felicità di Tommasi «Esperienza da ripetere»
25/01/2012
Continuano senza soste gli appuntamenti promossi dal settore giovanile del Verona con il suo progetto scuola. L'iniziativa voluta dai responsabili del vivaio gialloblù e da Zaccaria Tommasi - fratello di Damiano ex dell'Hellas ora presidente dell'Associazione Calciatori - prosegue con gli incontri dedicati ai più piccoli direttamente nelle loro scuole: dopo gli istituti della Rizza, Dossobuono, Quaderni, Alpo di Villafranca, Pizzoletta e Buttapietra, è toccato al plesso di Parona in un percorso che porta i colori del Verona in tanti istituti della provincia. Il gruppo scaligero composto da diversi istruttori del vivaio gialloblù ha proposto esercizi e giochi ai bimbi entusiasti dell'iniziativa, che hanno avuto poi la gioia di poter vedere da vicino alcuni dei loro idoli come Panagiotis Tachtsidis e Jorginho: entusiasmo alle stelle per tutti i piccoli alunni che hanno riempito di domande e di affetto i due giocatori gialloblù.

«Questo è un altro appuntamento di un'iniziativa che sta avendo un grande successo - commenta Zaccaria Tommasi -, ideatore e organizzatore del progetto scuola targato Hellas Verona - l'idea nasce dal desiderio condiviso con il responsabile del settore giovanile Stefano Ghisleni di promuovere una più ampia collaborazione sul territorio, portando un piccolo contributo alla formazione e alla crescita dei ragazzi attraverso una serie di attività legate non solo al mondo del calcio, ma alla pratica ludico-sportiva in genere». Un progetto che ha già visto protagonisti molti istituti e che proseguirà ancora con altre scuole. «Saremo a Sant'Anna d'Alfaedo e in altre scuole della provincia di Verona - conclude Tommasi - poi in primavera vorremmo portare tutti i partecipanti ai vari incontri allo stadio, sia sulle tribune che in campo, durante alcune gare casalinghe del Verona. Per questi ragazzini sarebbe un'esperienza indimenticabile. Sarebbe un bellissimo finale per un progetto pieno di soddisfazioni, reso possibile dallo sponsor Marana Forni e dell'Ufficio Scolastico Provinciale con la responsabile Monica Magnone».MAZ.

Alla sera con Samp e Toro Campagna va al Piacenza
25/01/2012
Prosegue a Sandrà la preparazione dei gialloblù in vista della sfida di campionato con il Sassuolo. Ieri la squadra di Mandorlini ha sostenuto una seduta pomeridiana. Il secondo allenamento settimanale svolto da Ceccarelli e compagni è stato caratterizzato da lavoro di forza in palestra, con trasformazione sul campo. In parte col gruppo Esposito, differenziato per Ferrari ed Hallfredsson, terapie per Bjelanovic, Doninelli e Nicolas. Notizie poco confortanti per i due attaccanti. Bjelanovic lamenta una lieve distrazione muscolare al polpaccio, mentre Ferrari accusa un risentimento muscolare alla coscia. Oggi la loro presenza contro il Sassuolo è da ritenersi in forte dubbio.

NIENTE PROVA TV. Multe per i cori razzisti ai tifosi della Juve Stabia ma niente squalifica per Hugo Mareco: non è stato infatti ritenuto opportune da parte degli organi giudicanti ricorrere alla prova televisiva in seguito all'episodio di gioco che ha visto protagonista il difensore gialloblù nei confronti dell'attaccante della Juve Stabia Danilevicius. «Il gesto compiuto dal calciatore Mareco», recita il comunicato, «sicuramente censurabile sotto il profilo della correttezza e lealtà sportiva, non integra, nell'esclusione di ogni ragionevole dubbio, gli estremi di quella “condotta violenta” che, se non vista dall'arbitro, rende ammissibile la prova televisiva» e quindi il giudice sportivo «delibera non adottare alcun provvedimento disciplinare nei confronti del calciatore gialloblù».

CAMPAGNA A PIACENZA. Il club du via Torricelli ha perfezionato il trasferimento del difensore Dario Campagna al Piacenza. La cessione dell'esterno destro al club di Prima Divisione avviene a titolo temporaneo. La partenza di Campagna va ad aggiungersi a quelle di Bertolucci (prestito al Taranto) e Campisi (rescissione consensuale).

I BIGLIETTI. Sassuolo a Padova hanno comunicato le informazioni relative alla prevendita del settore ospiti in vista delle sfide in programma il 28 gennaio ed il 4 febbraio. Per quanto riguarda Sassuolo - Hellas Verona, i biglietti saranno venduti in tutti gli sportelli della Banca Popolare dell'Emilia Romagna ai soli possessori di tessera del tifoso, al prezzo di 10 euro più diritti di prevendita.

LA TRASFERTA. Il Calcio Club «I lupi dell'Hellas» organizzano la trasferta a Modena del 28 gennaio per la partita tra Sassuolo e Verona. Per info e prenotazioni contattare Davide, 347 6990393.

I POSTICIPI. La Lega Serie B ha comunicato quali saranno anticipi e posticipi in programma tra la 27esima e la 30esima giornata di campionato. Due le variazioni riguardanti i gialloblù, in campo lunedì 5 marzo al «Ferraris» contro la Sampdoria, ed una settimana dopo all'Olimpico contro il Torino. Per entrambi i match il fischio d'inizio è previsto per le 20,45.S.A.

FONTE: LArena.it


Sassuolo-Hellas Verona: 20 convocati
27/01/2012 - 17:34
Due portieri, sei difensori, sei centrocampisti e sei attaccanti per la 24a giornata di Serie bwin
SANDRA' - Al termine della seduta di rifinitura svolta a Sandrà, mister Andrea Mandorlini ha convocato 20 giocatori per la 24a giornata di Serie bwin, in programma domani alle 15 allo stadio "Braglia".

Portieri: 26 Frattali, 1 Rafael;
Difensori: 13 Abbate, 23 Cangi, 5 Ceccarelli, 22 Maietta, 17 Mareco, 25 Scaglia;
Centrocampisti: 20 Doninelli, 4 Esposito, 16 Galli, 19 Jorginho, 8 Russo, 77 Tachtsidis;
Attaccanti: 27 Berrettoni, 14 D'Alessandro, 9 Ferrari, 21 Gomez Taleb, 6 Lepiller, 11 Pichlmann.
Ufficio Stampa

Comunicato Ufficiale Hellas Verona F.C.
27/01/2012 - 16:40
Si fa espresso ed accorato invito a tutta la tifoseria ad evitare accuratamente qualsiasi manifestazione antisportiva soprattutto di natura discriminatoria
VERONA - Hellas Verona Football Club precisa che, in seguito all’ultima partita disputata al "Bentegodi" contro la Juve Stabia, il Giudice Sportivo ha punito il sodalizio gialloblù con un’ammenda pari ad € 8.000 con diffida, “"per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, eseguito reiterati cori di discriminazione territoriale; entità della sanzione attenuata ex art. 13 – co. 1 – lett. a) e b), e co. 2, CGS, per avere la società concretamente operato con le forze dell'ordine a fini preventivi e di vigilanza".

Si fa quindi espresso ed accorato invito a tutta la tifoseria ad evitare accuratamente, ed indifferentemente durante le gare interne ed esterne, qualsiasi manifestazione antisportiva, soprattutto di natura discriminatoria sia territoriale che razziale, evidenziando che, stante la recidività e la diffida posta a carico del club, al prossimo episodio di questo tipo che dovesse reiterarsi, ci sarà comminata la sanzione che prevede l’obbligo di disputare una o più gare a porte o settori chiusi, nonché, in caso di ulteriori episodi, ad ancor più gravi sanzioni (squalifica del campo, penalizzazioni ecc).

Quindi, come già sottolineato ripetutamente dal presidente Giovanni Martinelli, è necessario che i sostenitori scaligeri prendano atto di quanto si sta verificando a danno della società e della squadra evitando di incorrere in ulteriori sanzioni che avrebbero una grave ricaduta sia dal punto di vista sportivo che economico, eliminando tutti quei comportamenti che, seppure reazione alle altrui provocazioni, danneggiano esclusivamente l'Hellas Verona e vengono puntualmente stigmatizzati dai vari mass media nazionali nonchè da diversi altri soggetti che se ne interessano a vario titolo.
Ufficio Stampa

Sandrà: verso il Sassuolo, penultima seduta
26/01/2012 - 17:20
Giovedì riscaldamento, tattica, conclusioni a rete e partita. Differenziato per Bjelanovic e Ferrari, terapie per Nicolas, a riposo Hallfredsson
SANDRA' - Giovedì pomeriggio a Sandrà la squadra gialloblù ha affrontato il penultimo allenamento in preparazione all'impegno col Sassuolo.

Ceccarelli e compagni hanno svolto riscaldamento, tattica per reparti, conclusioni a rete e partita. Col gruppo Tachtsidis, differenziato per Bjelanovic e Ferrari, terapie per Nicolas, a riposo Hallfredsson a causa di un affaticamento al polpaccio sinistro.
Ufficio Stampa

Mandorlini: "Gare di vertice sempre difficili"
26/01/2012 - 15:37
"Ci teniamo a fare bene, gli avversari han dimostrato qualità, noi altrettanto. Entriamo nella fase di non ritorno"
SANDRA' - "Al termine della seduta odierna faremo il punto sulla situazione degli infortunati. Ferrari ed Hallfredsson non si sono mai allenati, Tachtsidis ha accusato qualche problema, siamo un pò in alto mare. Troveremo il modo di mettere in campo una squadra all'altezza. Speriamo di recuperare qualcuno". Giovedì pomeriggio Andrea Mandorlini ha fatto il punto della situazione in vista della 24a di Serie bwin.

"Le gare di vertice sono sempre difficili, al di là di valori importanti - continua il tecnico - espressi nella prima fase del campionato. Ci teniamo a fare bene, gli avversari han dimostrato qualità, noi altrettanto. Entriamo nella fase di non ritorno, le partite contano anche se la sfida di sabato non è decisiva. Mancano ancora molti impegni e le cose possono cambiare".

Il Sassuolo ha acquistato nella sessione invernale del calciomercato alcuni atleti di spessore per la volata verso la massima serie: "Pensiamo solo al match del "Braglia", viviamo alla giornata come è sempre stato. Teniamo questo profilo, se Squinzi avesse pensato in precedenza a mettere in atto qualche intervento, magari sarebbe in Serie A già da due-tre anni. Ora so che si interessa della squadra in prima persona, prima si affidava ad altri. Le promozioni le ho comunque ottenute altrove e soprattutto a Verona, tutto sommato le cose mi sono andate nel verso giusto".
Ufficio Stampa

Galli: "La fiducia non è mai mancata"
26/01/2012 - 16:03
"Forse nel passato recente non tutti credevano che saremmo riusciti a restare tra le prime posizioni, però se siamo ancora lì significa che le capacità le abbiamo"
SANDRA' - Proprio un girone fa, contro la Juve Stabia, iniziarono i problemi fisici di Niccolò Galli, ora pronto a rientrare a pieno titolo per dare il suo contributo alla causa gialloblù. “Ho passato alcuni mesi non facili, di certo non erano queste le mie aspettative di inizio stagione, anche se sono eventualità da tenere in conto quando fai il calciatore. Adesso però sto bene, stiamo entrando in una fase delicata della stagione e ci sarà bisogno dell’apporto di tutti. La fiducia nei miei confronti non è mai mancata. E’ un po’ di tempo che mi aspettano, quindi voglio farmi trovare pronto quando sarà il momento”.

“Contro il Sassuolo sarà una gara tirata, come molte da qui al termine del campionato – riprende il centrocampista parmense -, sicuramente vorranno portare a casa i tre punti davanti al loro pubblico. Forse nel passato recente non tutti credevano che saremmo riusciti a restare tra le prime posizioni, però se siamo ancora lì significa che le capacità le abbiamo. Siamo un buon gruppo e possiamo far bene anche questa volta”.

Per quanto riguarda la collocazione tattica, l'ex Pergocrema è a disposizione del tecnico: “Non ho un ruolo preferito, giocare a centrocampo o dietro le punte non mi fa differenza. Diversi giocatori sono già andati a segno, perciò spero di aggiungermi presto anche io”.
Ufficio Stampa

Sandrà: verso il Sassuolo, 3a seduta
25/01/2012 - 17:20
Mercoledì pomeriggio riscaldamento, tattica e partita. Col gruppo Esposito e Ferrari, differenziato per Hallfredsson, terapie per Bjelanovic e Nicolas
SANDRA' - Terza seduta di allenamento per la squadra scaligera in vista del match di sabato in casa del Sassuolo.

Presso il centro sportivo di Sandrà riscaldamento, tattica e partita. Col gruppo Esposito e Ferrari, differenziato per Hallfredsson, terapie per Bjelanovic e Nicolas.
Ufficio Stampa

Prevendita ospiti per gare con Sassuolo e Padova
24/01/2012 - 13:15
Le due società hanno comunicato le informazioni relative all'acquisto dei biglietti da parte dei tifosi gialloblù in vista dei match del 28/01 e 04/02
VERONA - Sassuolo a Padova hanno comunicato le informazioni relative alla prevendita del settore ospiti in vista delle sfide in programma il 28 gennaio ed il 4 febbraio.

Sassuolo-Hellas Verona, 28 gennaio alle 15
I biglietti saranno venduti presso tutti gli sportelli della Banca Popolare dell'Emilia Romagna ed ai punti indicati qui ai soli possessori di tessera del tifoso, al prezzo di 10€+diritti di prevendita.

Padova-Hellas Verona, 4 febbraio alle 15
Per i sostenitori veronesi residenti nella regione Veneto, l'acquisto dei biglietti è consentito ai soli possessori di tessera del tifoso. Tale restrizione vale per tutti i settori dello stadio. La prevendita, che ha già avuto il via, terminerà alle 19 del 3 febbraio. Il prezzo dei tagliandi, acquistabili presso il circuito Ticket One (www.ticketone.it), è di 15€+diritti di prevendita.
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it





[OFFTOPIC]
COPPA DEL RE: Al 'Camp Nou' le merengues pareggiano ma in semifinale va comunque il BARÇA e per il 'clasico' della settimana scorsa un tifoso blaugrana denuncia PEPE!
LA TRIESTINA E' FALLITA! Triste notizia per i 'muli' (e anche per i butèi per sempre fradèi se è per questo...)NBA: Contratto da urlo per GALLINARI che firma un quadriennale da 42 milioni di dollari con i NUGGETS!
MIGLIOR PORTIERE DEGLI ULTIMI 25 ANNI? BUFFON naturalmente! E chi se no? Lo juventino è seguito da CASILLAS e VAN DER SAR...

PESTONE SU MESSI, PEPE DENUNCIATO PER LESIONI DA UN TIFOSO DEL BARCELLONA
Mercoledì 25 Gennaio 2012 - 13:32
BARCELLONA - La vicenda del pestone di Pepe ai danni di Messi potrebbe trasferirsi dal campo di gioco al tribunale. Un socio del Barcellona ha infatti denunciato Pepe, difensore portoghese del Real Madrid, per il pestone rifilato alla mano di Leo Messi nel 'clasico' disputato la scorsa settimana. Stefan Froreich, cittadino tedesco e tessera numero 91.099 del Barcellona, ha denunciato Pepe per lesioni: il giocatore del Real avrebbe commesso un reato secondo l'articolo 147 del codice penale. L'atto è stato formalizzato nella serata di ieri dal legale del tifoso.

Secondo la denuncia, «la lesione è stata prodotta nel corso di un evento sportivo, ma bisogna considerare che questo non esclude la responsabilità penale quando i fatti oggetto della denuncia si verificano a gioco fermo (come nel caso in questione) e quando concorre il dolo (e non una mera preterintenzionalità)». Froreich ha prodotto anche una prova video dell'aggressione e ha allegato anche vari articoli pubblicati dopo il match. Inoltre, il tifoso fa riferimento anche ad una sentenza emessa a Barcellona nel 2002: un calciatore è stato effettivamente condannato per un'aggressione in campo a gioco fermo.

Pepe, com'è noto, ha calpestato la mano di Messi in una pausa della partita. L'episodio è sfuggito all'arbitro, che non ha adottato provvedimenti. Il tifoso del Barcellona, inoltre, ha chiesto al giudice di disporre l'acquisizione del materiale video relativo al presunto reato. Lo staff medico del Barcellona, invece, è stato sollecitato a fornire la documentazione relativa al danno subito da Messi.

BUFFON IL MIGLIOR PORTIERE DEGLI ULTIMI 25 ANNI. SUL PODIO CASILLAS E VAN DER SAR
Mercoledì 25 Gennaio 2012 - 16:52
ROMA - Gianluigi Buffon è stato incoronato il miglior portiere al mondo degli ultimi 25 anni. Secondo una classifica stilata dall'Istituto Internazionale di Storia e Statistica del Calcio (Iffhs) è il portierone della Juventus in "numero uno fra i numeri uno". In seconda posizione si piazza Iker Casillas, n.1 della Spagna e del Real Madrid. Sull'ultimo gradino del podio Edwin van der Sar, che ha lasciato il calcio alla fine della scorsa stagione. Nella top 10 c'è spazio anche per Walter Zenga, ottavo a pari merito con lo spagnolo Andoni Zubizarreta.

TRIESTINA, DECRETATO IL FALLIMENTO E L'ESERCIZIO PROVVISORIO PER IL CLUB
Mercoledì 25 Gennaio 2012 - 18:38
TRIESTE - «È stato dichiarato il fallimento della Triestina ed è stato disposto l'esercizio provvisorio per la società. Fatto questo che salva il titolo sportivo». Lo ha detto Giovanni Sansone, il presidente del Tribunale civile di Trieste, che ha accolto alcuni giornalisti nel suo studio dopo l'udienza che ha decretato il fallimento della società calcistica. «Ora la Triestina - ha aggiunto Sansone - è nelle mani del curatore fallimentare, il commercialista Giovanni Turazza, che ha già svolto un ruolo analogo in occasione delle vicende che avevano riguardato la Pallacanestro Trieste, e che oggi stesso sarà al lavoro nella sede della Triestina». Al commercialista monfalconese, quindi, spetterà il ruolo di gestire la società, i dipendenti e discutere con i giocatori che, vista la finestra di mercato ancora aperta fino al 31 gennaio, potrebbero anche chiedere di essere ceduti o rientrare dai prestiti. «Con la disposizione dell'esercizio provvisorio - ha spiegato Sansone - abbiamo voluto innanzitutto evitare la dispersione del titolo sportivo e dei cartellini dei calciatori, e far proseguire l'attività. Si continuerà in questo modo finchè non troveremo una società in grado di prendere in locazione la Triestina. Siamo convinti che l'entusiasmo che c'è da parte dell'ambiente triestino, e questo è stato anche inserito nel provvedimento - ha proseguito il Presidente del Tribunale civile di Trieste - comporta il fatto che dei soggetti volenterosi, di cui si è parlato in questi giorni, possano farsi avanti e prendere in mano le sorti della Triestina. C'è ancora tempo - ha concluso il giudice - anche per quelle personalità di cui ha parlato Aletti anche questa mattina».

ESODO IN VISTA. LA SQUADRA: "DA OTTOBRE NON VEDIAMO UN EURO" - Il centrocampista della Triestina Francesco Evola ha deciso di lasciare la squadra dopo aver appreso del fallimento della società. La decisione è stata comunicata all'allenatore Giuseppe Galderisi prima dell'allenamento pomeridiano. «Qui è da ottobre che nessuno prende un euro - ha spiegato l'allenatore dei rossolabardati - vengono spesi tutti i soldi che ci sono e non c'è nessun tipo di organizzazione e chiarezza. E già il quarto uomo che perdo dall'inizio dell'anno. Oggi ho dovuto convocare due ragazzi della primavera». Di fronte all'ipotesi che vengano chiesti ulteriori sacrifici alla squadra sul fronte economico, Galderisi ha detto che «non è possibile che nello spogliatoio si siano già diffuse queste voci anche se il commissario non ci ha ancora incontrato».

COPPA DEL RE, 2-2 AL CAMP NOU TRA BARÇA E REAL. CATALANI IN SEMIFINALE
Giovedì 26 Gennaio 2012 - 00:11
BARCELLONA - Nel Clasico di ritorno della Coppa del Re, il Real Madrid riesce a rimontare nella ripresa al Camp Nou lo svantaggio del primo tempo ma non riesce ad andare oltre il pareggio. Nel complesso, il Real Madrid forse avrebbe meritato di più, avendo anche sfiorato il terzo gol che avrebbe eliminato i catalani. Il Barcellona cala nel secondo tempo e sbanda in difesa, concedendo prima a Cristiano Ronaldo il gol che accorcia le distanze e poi anche la rete del pareggio di Benzema. Sullo stesso attaccante francese è poi decisivo Pinto in uscita. Nel finale doppio giallo ed espulsione di Sergio Ramos per una gomitata, a dire il vero involontaria, ai danni di Busquets. L'arbitro, eccessivamente severo con Ramos, è poi troppo indulgente nei confronti di Pepe, anche oggi protagonista in negativo per le sue entrate sconsiderate: il portoghese prima atterra Dani Alves involatosi verso la porta e poi prova a calpestarlo, ma rimedia solo il cartellino giallo.

PRIMO TEMPO: DOPPIO VANTAGGIO BLAUGRANA - Poco preciso ma sempre inarrestabile il Barcellona di Pep Guardiola, che rischia tantissimo in due occasioni ma viene perdonato da Higuain ed è fortunato sulla traversa colpita da fuori da Ozil. Nel finale di primo tempo l'undici di Guardiola rifila però un tremendo uno-due al Real Madrid. Prima Messi s'inventa un assist incredibile per Pedro, che fulmina Casillas sul primo palo. Poi, in pieno recupero, Dani Alves trova una conclusione fantastica che batte Casillas all'incrocio dei pali.

IL TABELLINO - BARCELLONA: Pinto, D. Alves, Piqué, Puyol, Abidal; Busquets, Xavi, Iniesta (29'pt Pedro); Messi, Fabregas (24'st Fabregas), Sanchez (32'st Mascherano). All.: Guardiola.
REAL MADRID: Casillas, Arbeloa, Pepe, S. Ramos, Coentrao; Diarra (6'st Granero), Xabi Alonso; Kakà (15'st Callejon), Ozil, C. Ronaldo; Higuain (15'st Benzema). All.: Mourinho.
ARBITRO: Teixeira Vitienes.
MARCATORI: 43'pt Pedro, 47'pt D. Alves (B), 22'st C. Ronaldo, 26'st Benzema (RM).
ESPULSO: 44'st S. Ramos per doppia ammonizione.
AMMONITI: S. Ramos, Messi, Diarra, C. Ronaldo, Coentrao, Granero, Puyol, Pepe.

GALLINARI, QUADRIENNALE AI NUGGETS: SUPERCONTRATTO DA 42 MLN DI DOLLARI
Mercoledì 25 Gennaio 2012 - 22:55
DENVER - Danilo Gallinari ha trovato l'accordo con i Denver Nuggets per prolungare il contratto in scadenza a fine stagione. Secondo il quotidiano Denver Post, l'ala azzurra firmerà un quadriennale da quasi 42 milioni di dollari complessivi di ingaggio. Gallinari, 23 anni, è approdato a Denver lo scorso anno nel maxiscambio che ha portato Carmelo Anthony dai Nuggets ai New York Knicks.

LAKERS SQUADRA D'ORO PER FORBES I Los Angeles Lakers sono la franchigia di maggior valore nella Nba. Secondo la classifica speciale stilata da Forbes, i californiani valgono 900 milioni di dollari e soffiano il primato ai New York Knicks, ora secondi a quota 780 milioni. Seguono i Chicago Bulls (600 milioni), i Dallas Mavericks (497 milioni), i Boston Celtics (482 milioni), Miami Heat (457 milioni), gli Houston Rockets (453 milioni), i Golden State Warriors (450 milioni), i San Antonio Spurs (418 milioni) e i Phoenix Suns (395 milioni), che chiudono la top ten. In media, ogni franchigia vale 393 milioni di dollari: il +6,5% medio rispetto all'anno precedente è legati ai contratti televisivi e al nuovo accordo collettivo tra proprietari e giocatori. Le squadre nelle quali militano i 3 giocatori italiani sono lontane dalle zone più ricche della classifica. I Toronto Raptors di Andrea Bargnani sono 12esimi con un valore di 382 milioni. I Denver Nuggets di Danilo Gallinari, che ha appena firmato un nuovo contratto quadriennale da 42 milioni, sono 21esimi con 316 milioni di dollari. I New Orleans Hornets di Marco Belinelli, invece, sono 24esimi con 285 milioni. Il valore dei Lakers si è impennato del 40% rispetto allo scorso anno grazie all'accordo ventennale per i diritti tv che i gialloviola hanno raggiunto con il colosso Time Warner Cable. L'intesa, che decorre dal 2012-2013, dovrebbe garantire alla squadra entrate per circa 200 milioni di dollari a stagione. Al primato del club si accompagna quello individuale di Kobe Bryant. La stella del team è il giocatore che guadagna più di tutti tra ingaggio e sponsorizzazioni: Bryant domina con 53,2 milioni di dollari e precede di poco LeBron James. La star dei Miami Heat è secondo con 49 milioni. Per trovare il terzo, bisogna scendere ai 28,9 milioni di Dwight Howard, centro degli Orlando Magic che potrebbe cambiare casacca nelle prossime settimane.

FONTE: Leggo.it

0 commenti:

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini