.

PARMA-VERONA in anteprima, previsto il turn-over da parte di entrambe le squadre ma contro un VERONA in ottima forma COLOMBA deve stare all'erta: la sua squadra soffe di cali di tensione improvvisi e contro gli scaligeri le motivazioni potrebbero venire a mancare; l'HELLAS ha poco da perdere...

Pubblicato da andrea smarso lunedì 28 novembre 2011 22:17, vedi , , , , , , , , | Nessun commento


Anteprima PARMA-VERONA
Con questa partita l'HELLAS torna a respirare aria di Serie A contro una compagine non in auge come ai tempi di SCALA ed i vari CANNAVARO, BUFFON, ZOLA, Dino BAGGIO, CHIESA, CRESPO e Tino ASPRILLA (fra altri grandi del calcio di tutti i tempi) ma pur sempre di grandi tradizioni nella massima serie...
Ai 'bei tempi andati', col presidentissimo TANZI patròn della Parmalat al timone della società, i parmensi trionfarono in Italia (Coppe Italia e Supercoppe) e pure in Europa (conquistando la Coppa UEFA con 'Sandokan' MALESANI i panca) poi il lento declino che corrispose stranamente anche a vari problemi del VERONA di PASTORELLO che del cavaliere di Parma fu a lungo il 'delfino' (alla questura della città emiliana si indaga ancora sulla presunta proprietà da parte di TANZI della società scaligera, fatto negato da sempre dal 'Barbabianca')...

I rapporti tra le due società si fecero parecchio tesi nell'affaire GILARDINO quando l'attaccante passò al MILAN e PASTORELLO chiese conto della metà dei soldi ricavati dal 'colpaccio' di mercato: quella somma, secondo l'ex patròn dell'HELLAS, sarebbe stata pattuita con Arrigo SACCHI (allora dg dei ducali) con tanto di accordo privato e non sarebbe ancora stata corrisposta (la causa legale dura ancora adesso) ma dall'altra parte si tenderebbe a dimostrare che in realtà, essendo la squadra veronese di proprietà di TANZI, il passaggio dei non dovrebbe avvenire... Staremo a vedere!

Nel frattempo entrambi i tecnici meditano un ampio turn-over perchè è chiaro che, essendo ad inizio stagione e perdipiù in un Torneo che non ha mai attirato più che tanto, non è il caso di rischiare uomini 'cardine' (destinati al campionato) e anzi è l'occasione giusta per vedere all'opera chi ha giocato meno...
Venendo al VERONA, aldilà delle parole di MANDORLINI in proposito ('ci teniamo molto'), è chiaro che la Coppa di Lega non possa rientrare negli obiettivi stagionali (nemmeno come passaggio del prossimo turno probabilmente)...
Giusto quindi dare spazio ai vari PUGLIESE, CANGI, CECCARELLI, ESPOSITO (se ha recuperato), MANCINI, DONINELLI, D'ALESSANDRO... Forse perfino ai CAMPAGNA, ai BERTOLUCCI, ai CAMPISI, ai LEPILLER ed ai FERREIRA, gente forse un po' dimenticata e che va motivata (per la parte che rientra, anche in minima parte, nei piani del mister) o messa in mostra (per il mercato di Gennaio) a seconda dei casi.

QUI PARMA
Dopo la battuta d'arresto in campionato contro il NOVARA i ragazzi dell'Ex 'Come la vola ben la squadra de...' COLOMBA sono tornati al lavoro: differenziato per MODESTO, FLOCCARI, GOBBI e BRANDAO, torna in gruppo il cileno VALDES.
Domani pomeriggio allenamento a porte chiuse...

Emiliani che alternano buone prestazioni a gare sconcertanti dove difettano di carattere e proprio questo i tifosi parmensi imputano alla compagine che tifano: la mancanza di determinazione e concentrazione che spesso ha causato regali non preventivati agli avversari...
Per questa ragione forse, COLOMBA non se l'è sentita di applicare un largo turnover almeno a vedere la lista dei convocati:
Portieri: Mirante, Pavarini, Gallinetta;
Difensori: Feltscher, Paletta, Santacroce, Rubin, Zaccardo;
Centrocampisti: Blasi, Jadid, Musacci, Pereira, Valdes, Valiani;
Attaccanti: Biabiany, Crespo, Giovinco, Palladino, Pellè.

QUI VERONA
Come annunciato il mister s'è ricordato di chi fino ad ora ha giocato meno ma fino ad un certo punto perchè con BERRETTONI, BJELANOVIC, GALLI ed ESPOSITO ai box non c'era poi tanto spazio per le novità senza snaturare un meccanismo che stà dando ottimi risultati.
Così se tornano in squadra CAMPAGNA e NATALINO (ai margini in campionato per un intoppo burocratico) in difesa, CAMPISI (e non MANCINI) a centrocampo e LEPILLER (e non FERREIRA) fra gli esterni d'attacco il tecnico non se la sente di rinunciare a MAIETTA, MARECO e SCAGLIA (anche se magari non giocheranno tutti) a RUSSO, FERRARI, GOMEZ TALEB e al bomber ritrovato PICHLMANN: che MANDORLINI abbia in serbo una sorpresa delle sue da presentare al 'Tardini'?

Questi i 19 convocati:
Portieri: 12 Nicolas, 1 Rafael;
Difensori: 88 Campagna, 23 Cangi, 5 Ceccarelli, 22 Maietta, 17 Mareco, 57 Natalino, 33 Pugliese, 25 Scaglia;
Centrocampisti: 24 Campisi, 14 D'Alessandro, 20 Doninelli, 19 Jorginho, 8 Russo;
Attaccanti: 9 Ferrari, 21 Gomez Taleb, 6 Lepiller, 11 Pichlmann [Commenta in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA, contenuti liberamente riproducibili salvo l'obbligo di citare la fonte: BondolaSmarsa.BlogSpot.com]



Da Verona al 'Tardini' di Parma (PR)
(148 km – 1 ora e 32 min. circa - Tempo previsto: Foschia/Nebbia 7 °C)


Visualizzazione ingrandita della mappa

DICONO
MANDORLINI e... Una Coppa 'fastidiosa' «In questo momento avrei preferito non disputare questa partita, in ogni caso cercherò di dare continuità a chi ha giocato meno finora» FastWeb.it

COLOMBA «Ci teniamo a fare bella figura e a passare il turno. Devo fare le rotazioni giuste perchè veniamo da una gara dura fuori casa e valuterò sino all'ultimo le condizioni dei giocatori. Quali cambi? Presto per dirlo. E' ovvio che ci sarà qualche sostituzione ma non mi sbilancio più di tanto perchè solo dopo la rifinitura di domani mattina avrò il quadro completo della situazione. Terrò conto anche delle tre sostituzioni, mi serviranno per impiegare quei giocatori che non hanno ancora nelle gambe novanta minuti» Repubblica.it

MERCATO
IL NAPOLI VUOLE HALLFREDSSON! L'avrebbe richiesto mister MAZZARRI che lo ebbe 'alle sue dipendenze' alla REGGINA e BORDIN, il vice di MANDORLINI, avrebbe addirittura dichiarato la disponibilità del VERONA a cedere l'islandese già a Gennaio! Personalmente credo altamente improbabile la conclusione dell'operazione (almeno per questa stagione) a meno di cifre clamorose che la squadra campana non sembra intenzionata a sborsare e poi Emil è l'anima degli scaligeri: semplicemente folle pensare ad un HELLAS senza di lui...
VOCI SUL RITORNO DI BONAZZOLI in maglia gialloblù «Non ci sono mai state richieste, anche se dico la verità, tornarci... Ma ho 32 anni, non posso giocare all'infinito. Però tengo buoni ricordi, ho fatto un anno bello anche se poi mi sono infortunato. Poi diciamo che il Verona mi ha lanciato per la prima volta in A. Devo tanto all'Hellas» TgGialloblu


ALTRE NEWS IN ALLEGATO
30 NOVEMBRE 1971: Nascono le Brigate Gialloblù! Proprio oggi 40 anni fa nasceva uno dei primi gruppi ultras organizzati in Italia che si sarebbe sciolto vent'anni più tardi...
AL 'TARDINI' GARA ANALCOLICA! Il commissario Mario Ciclosi ha firmato un’ordinanza che integra e sostituisce la precedente, relativa al divieto di consumo di bevande alcoliche in occasione delle partite previste allo stadio Tardini a partire dal prossimo impegno di Coppa Italia della squadra di casa contro il VERONA...
SERIE B: Il PESCARA acciuffa il pari a Vicenza proprio nel finale. Colpo esterno dell'EMPOLI a Gubbio col solito TAVANO capocannoniere del torneo cadettoora con 12 centri in 17 gare! Domani ASCOLI-BARI...
GRAN GALÀ DEL CALCIO TRIVENETO, premiato FERRARI come miglior giocatore dell'HELLAS nella passata stagione...

IN BREVE A PIÉ PAGINA
NUOTO: PELLEGRINI-Verona siamo ai titoli di coda...
VOLLEY WORLD CUP: 3 a 1 dell'ITALIA alla SERBIA.
BESTEMMIE IN CAMPO, la reprimenda di Petrucci
SCHERMA: Incidente per la campionessa Valentina VEZZALI qualche escoriazione ma nulla di serio fortunatamente...
'NAPOLI CITTÀ DI M...' la fidanzata del 'Pocho' LAVEZZI crea un caso diplomatico!
TENNIS: Trionfo di FEDERER ai Masters di Londra!
FORMULA 1: Finalmente WEBBER in Brasile! Lo segue il compagno di scuderia (e neo Campione del Mondo) VETTEL, poi BUTTON; quarta la FERRARI di ALONSO...
POKER TEXAS HOLD'EM: Occhio ad Alexa Fisher! Appena otto anni ma già campionessa in erba...

RASSEGNA STAMPA
NEWS
Parma-Verona: le curiosità
Parma, 28 novembre 2011 – Queste le curiosità di Parma-Hellas Verona, match valido per il quarto turno eliminatorio di Tim Cup che si disputerà martedì 29 novembre alle ore 20.45 presso lo stadio Ennio Tardini di Parma:
Fonte: Football Data
Crespo ad un solo gol da diventare marcatore principe del Parma in coppa Italia:
Hernan Crespo, finora autore di 10 reti in coppa Italia con la maglia del Parma, ha raggiunto, in solitario, il secondo posto della classifica marcatori all-time crociata nella competizione. Il primatista è Alessandro Melli a quota 11, oramai ad una sola marcatura di distanza dal campione sudamericano.

Verona per un traguardo che manca dal 1996/97:
Il Verona ha superato i primi due turni di coppa Italia 2011/12 a spese di Vicenza (2-1 esterno) e Sassuolo (4-2 ai rigori dopo il 3-3 al 90’ e 120’). In caso di qualificazione odierna, l’Hellas approderebbe agli ottavi di finale dopo 15 anni: l’ultima volta che i veneti si sono spinti in coppa fino a tale livello del torneo è accaduto nell’edizione 1996/97 quando, agli ottavi, gli scaligeri vennero fermati dalla Lazio, che in gara secca vinse 2-1 al “Bentegodi”.

Verona reduce da 6 vittorie di fila e sempre in gol nelle gare ufficiali 2011/12:
Il Verona è reduce da 6 vittorie consecutive ufficiali, ottenute in campionato contro Cittadella (2-1 fuori casa), Brescia e Bari (doppio 1-0, rispettivamente in casa ed in trasferta), Crotone (2-1 interno), Empoli (3-1 fuori casa) e Reggina (1-0 casalingo). L’ultima gara non vinta dagli scaligeri risale al 21 ottobre scorso: 1-1 casalingo contro la Nocerina, in serie B. Il Verona ha sempre segnato nelle 19 gare ufficiali della stagione 2011/12, tra serie B e coppa Italia. I gol scaligeri in totale sono stati finora 29. L’ultimo digiuno gialloblu risale al 19 giugno scorso: 0-1 a Salerno nella finale di ritorno del play-off di I Divisione.

I precedenti fra Parma e Verona:
a Parma a Veronatotali
gare disputate

24

25

49

vittorie Parma

11

3

14

pareggi

6

4

10

vittorie Verona

7

18

25

reti Parma

32

13

45

reti Verona

26

40

66


I precedenti fra Colomba e Mandorlini:
stagionetorneosquadra Colombasquadra Mandorlinia casa Colombaa casa Mandorlini

2002/03

serie B

Napoli

Vicenza

2-1

3-3

2004/05

serie A

Livorno

Atalanta

1-1

—-

2005/06

serie B

Avellino

Bologna

2-2

—-

2008/09

serie B

Ascoli

Sassuolo

—-

0-1


NEWS
Colomba: Tim Cup? vogliamo andare avanti
Collecchio, 28 novembre 2011 – Completare l’opera. Per mister Franco Colomba il Parma sta cercando la strada per trasformarsi e trovare un’identità “da squadra che guarda più in alto di quanto sia stato fino ad oggi”. Il tecnico crociato analizza con freddezza il match perso con il Novara: “Siamo stati ingenui, perché gli avversari hanno sfruttato una palla sporca e un errore difensivo. Sotto questo profilo dobbiamo crescere. Ci manca un po’ la concretezza dell’anno scorso, dobbiamo essere dei “cani” dal punto di vista caratteriale. Siamo molto incavolati, c’è delusione per il finale di gara che non coincide con quanto fatto vedere in campo. Abbiamo fatto la partita noi nonostante fossimo in trasferta e questo significa che vogliamo crescere”. Arriva subito però il match di Tim Cup contro l’Hellas Verona, che il Parma affronta con grande concentrazione: “Ci teniamo a fare bella figura domani, passare il turno è un obiettivo societario che non ci precludiamo. Voglio essere al 100% con tutta la squadra. Oggi valuterò le condizioni dei giocatori, domani trarrò le conclusioni”.

FONTE: FCParma.com


NEWS
Parma, 20:01
CALCIO, PARMA; COLOMBA: CI TENIAMO A PASSARE IL TURNO IN COPPA
In casa Parma, la gara di Coppa Italia contro il Verona è l'occasione giusta per dimenticare subito lo scivolone di Novara in campionato; lo sa bene il tecnico dei crociati, Franco Colomba: "Ci teniamo a fare bella figura e a passare il turno - conferma l'allenatore emiliano - Devo fare le rotazioni giuste perchè veniamo da una gara dura fuori casa e valuterò sino all'ultimo le condizioni dei giocatori. Quali cambi? Presto per dirlo. E' ovvio che ci sarà qualche sostituzione ma non mi sbilancio più di tanto perchè solo dopo la rifinitura di domani mattina avrò il quadro completo della situazione. Terrò conto anche delle tre sostituzioni, mi serviranno per impiegare quei giocatori che non hanno ancora nelle gambe novanta minuti".

FONTE: Repubblica.it


Mandorlini e una Coppa fastidiosa
"In questo momento avrei preferito non disputare questa partita, in ogni caso cercherò di dare continuità a chi ha giocato meno finora".

Il tecnico dell'Hellas Verona, terzo in classifica in serie B, pensa alla gara di Coppa Italia che vedrà l’Hellas al Tardini contro il Parma mercoledì 30 novembre alle ore 20,45.
"In questo momento avrei preferito non disputare questa partita, in ogni caso cercherò di dare continuità a chi ha giocato meno finora", spiega Mandorlini. Campisi, Campagna, Galli e Natalino probabilmente scenderanno in campo dal primo minuto.

L’allenatore scaligero, che deve fare ancora i conti con gli infortuni di Esposito e Berrettoni, è già proiettato alla gara di campionato a Livorno sabato pomeriggio. “Sarà una gara difficile contro un’ottima squadra” prosegue il tecnico reduce con l’Hellas da sei vittorie consecutive, l’ultima al Bentegodi contro la Reggina “lasciamo stare i pronostici e la classifica, ogni sfida ha un proprio svolgimento, c'è grande fiducia. Siamo sempre stati all'altezza in queste prime diciassette partite, non ci sono mai stati grossi cali. Le prestazioni sono costanti” prosegue Mandorlini che “bacchetta” i suoi calciatori. “Nelle ripartenze dobbiamo essere più cinici”. Quanto al prepotente ritorno dell’austriaco Pichlmann, autore di tre reti-vittoria contro Brescia, Crotone e Reggina, il tecnico romagnolo spiega: “Ai bordi per tanto tempo, ha masticato amaro, sono felice per lui”.

FONTE: FastWeb.it


sabato, 26 novembre 2011
Partite al Tardini: si inaspriscono i divieti sul consumo di bevande alcoliche
Il commissario Mario Ciclosi ha firmato un’ordinanza che integra e sostituisce la precedente, relativa al divieto di consumo di bevande alcoliche in occasione delle partite previste allo stadio Tardini.
In sostanza, questa nuova ordinanza aggiunge ai divieti di vendita e somministrazione di bevande di qualsiasi tipo, in bottiglia o in lattina, anche il divieto di consumo di bevande alcoliche e superalcoliche, nelle tre ore che precedono l’inizio delle partite e nell’ora successiva.
Resta naturalmente fatta salva la somministrazione e il consumo al tavolo in occasione del pasto.
Tale ordinanza, efficace già a partire dalla prossima partita di Coppa Italia Parma-Verona, si applica all’interno del perimetro delimitato da Via Montebello, Via Zarotto, Via Mantova, Tangenziale Nord, Via Moletolo, Via Europa, V.le Piacenza, Via Passini, P.le S. Croce, V.le dei Mille, Barriera Bixio, Via Villetta, Via Stirone, P.le Fiume, Via Po, Ponte Dattaro.

FONTE: ParmaOggi.it


ALTRE NOTIZIE
Parma, i convocati per la sfida al Verona in Coppa Italia
29.11.2011 12.56 di Gianluca Losco
A termine della rifinitura di questa mattina, il tecnico del Parma Franco Colomba ha convocato 19 giocatori per la sfida di questa sera al Verona in Coppa Italia. Pochissimo turnover da parte dell'allenatore, che ha deciso di contare su quasi tutti gli uomini migliori.

PORTIERI: Mirante, Pavarini, Gallinetta;
DIFENSORI: Feltscher, Paletta, Santacroce, Rubin, Zaccardo;
CENTROCAMPISTI: Blasi, Jadid, Musacci, Pereira, Valdes, Valiani;
ATTACCANTI: Biabiany, Crespo, Giovinco, Palladino, Pellè.

SERIE B
Reggina, Bonazzoli: "Mi piacerebbe tornare al Verona, ma..."
28.11.2011 11.30 di Gianluca Losco
L'attaccante della Reggina, Emiliano Bonazzoli (32), ha parlato ai microfoni di TgGialloblu circa le voci che lo vogliono indossare nuovamente la maglia del Verona: "Non ci sono mai state richieste - riporta tuttoreggina.com, anche se dico la verità, tornarci... Ma ho 32 anni, non posso giocare all'infinito (ride, ndr). Però tengo buoni ricordi, ho fatto un anno bello anche se poi mi sono infortunato. Poi diciamo che il Verona mi ha lanciato per la prima volta in A. Devo tanto all'Hellas".

SERIE B
Inarrestabile Tavano: Gubbio ko. Buona la prima per Carboni...
27.11.2011 20.51 di Raimondo De Magistris
Quarta sconfitta consecutiva, ora la situazione in classifica è nuovamente critica: 14 punti e penultimo posto in graduatoria. Sembra esser svanito l'effetto Gigi Simoni in casa Gubbio. Contro l'Empoli tanta buona volontà, una prestazione discreta, ma anche un attacco troppo sconclusionato che non ha saputo concretizzare le non poche occasioni costruite.

Rialza la testa l'Empoli dopo il ko casalingo contro il Verona e l'avvicendamento in panchina. Possono sorridere i ragazzi di Carboni per i tre punti, ma non per una prestazione che ha visto la squadra toscana poco propositiva in zona offensiva. In un campionato più difficile del previsto, l'Empoli può però contare sul bomber più forte del campionato cadetto: Francesco Tavano, 12 gol in 17 giornate. E' una prodezza del capocannoniere della Serie B a decidere una sfida non divertentissima. Poco dopo il 20esimo minuto è bravo il numero 10 a liberarsi al limite dell'area e a freddare un incolpevole Donnarumma con una conclusione tanto potente quanto precisa.

Il Gubbio nel primo tempo si affida principalmente ai due motorini sulla corsia sinistra: Rui-Graffiedi. L'ex attaccante del Piacenza crea scompiglio tra le maglie della difesa dell'Empoli, l'esterno portoghese con un angolo perfetto serve a Ciofani un assist che il centravanti spedisce sulla traversa. Dopo il gol è pero l'Empoli nella prima frazione a fare la partita. Coralli sfiora il raddoppio, Valdifiori e Buscé amministrano il pallone.
Il copione cambia nella ripresa. Si abbassa paurosamente il baricentro dell'Empoli, attacca il Gubbio che però pecca di lucidità negli ultimi 25 metri. A conti fatti, la retroguardia ospite si difende però senza particolari difficoltà e nemmeno l'ingresso di Bazzoffia al posto di uno spento Ragatzu riesce a rivitalizzare un attacco che ha messo a segno due soli gol nelle ultime quattro giornate.
L'Empoli con questi tre punti sale in classifica a quota 18. Buona la prima per Guido Carboni.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


CALCIOMERCATO
Hellas Verona, il Napoli vuole Hallfredsson
28.11.2011 16:03 di Federico Errante
Fonte: Tuttohellasverona.it
Pare che all'incontro Hellas - Reggina di Sabato scorso fosse presente Maurizio Micheli, capo degli osservatori facenti riferimento al club del Napoli, al fine di analizzare la prestazione del centrocampista scaligero Emil Hallfredsson. L'allenatore del club campano, Walter Mazzarri, che ha allenato il giocatore islandese ai tempi del suo ingaggio proprio nella formazione calabrese, avrebbe avanzato al ds Bigon la proposta di reclutare il centrocampista nel mese di Gennaio. Secondo alcune indiscrezioni riportate da Calciomercato.com il vice-allenatore del Verona, Roberto Bordin, avrebbe dichiarato, in una conversazione intrattenuta con un dirigente del Napoli, che la società gialloblù sarebbe disposta ad accordarsi per la cessione del giocatore.

FONTE: TuttoB.com


lunedì, novembre 28th, 2011 | Posted by marruloren
Coppa Italia, il Verona fa visita al Parma, il Gubbio va a Cesena
Il Verona e il Gubbio sono le ultime due quadre di serie B che saranno impegnate nel turno dei sedicesimi di coppia Italia.
Gli uomini di Mandorlini scenderanno in campo domani alle 20:45 allo stadio Tardini contro il Parma di Colomba. Il Verona sta attraversando un ottimo momento di forma ed è reduce da sei vittorie consecutive, quindi non è escluso un possibile “colpaccio” degli scaligeri contro gli emiliani (la partita sarà trasmessa in differita su LA7 alle 24:30)

Il Gubbio di Simoni viene da un momento molto negativo in campionato e farà visita (mercoledì alle ore 15:00 al Cesena del ritrovato “fenomeno” Adrian Mutu.
Vista la recente sconfitta interna subita contro l’Empoli e la brutta situazione di classifica Simoni utilizzerà la coppa Italia soprattutto per fare esperimenti in ottica campionato.
Lorenzo Marrucci

FONTE: SerieBNews.com


Colomba si affida alla grinta di Crespo
29/11/2011
Guarda un po' chi c'è. Il Parma dieci anni dopo. La sfida con l'Hellas era capitata in serie A. Altri Mondi. Ma a Verona, forse, il bello deve ancora venire. In Emilia, invece, hanno voglia di cancellare in fretta la brutta battuta d'arresto rimediata a Novara. Testa al campionato, piede in Coppa. E la gara di stasera potrebbe in un certo senso contribuire a far tornare il sorriso in casa crociata. Sulla panchina del Parma c'è Franco Colomba. Ex Hellas, sfortunato nella sua breve avventura veronese. Anche lui fa parte ormai di un passato che in molti vogliono dimenticare. L'inverno dell'Hellas ormai ha lasciato spaizo alla primavera mandorliniana. E sotto a chi tocca. Di sicuro il Parma schiererà una formazione di buonissimo livello. In attacco, tanto per gradire, dovrebbe partire titolare Hernan Crespo. Bomber stagionato, ma pur sempre bomber.

La «stellina» Giovinco è destinata alla panchina. Ma se qualcosa non dovesse funzionare, Franco Colomba potrebbe anche decidere di mandarlo nella mischia. In queste gare di Coppa Italia, si sa, l'imprevisto è sempre dietro l'angolo. Gli emiliani dovrebbero adottare come modulo il 4 – 4 - 1 – 1. Squadra da decifrare anche quella emiliana. Tra gli altri, però, dovrebbero trovare spazio in campo l'arcigno difensore Paletta e l'inesauribile interditore Blasi. Gente abituata alla serie A. Che non molla nulla. E l'impressione è che il Parma non voglia assolutamente snobbare la competizione. Occhio, poi, pure a Palladino e Valdes. Alla vigilia i due giocatori sono stati inseriti nella griglia dei titolati. Fantasia e imprevedibilità sono le loro carte jolly. Di sicuro non potranno essere dell'incontro gli indisponibili Floccari, Modesto, Gobbi e Brandao.

I crociati dovranno dare dimostrazione al presidente Tommaso Ghirardi di avere fatto tesoro della sconfitta di Novara. «Abbiamo fatto una brutta figura, una prestazione molto negativa – ha spiegato proprio Ghirardi -, è inutile dire che sono deluso perchè potevamo arrivare nei quartieri alti della classifica e invece ci siamo fermati a metà. Adesso bisogna fare quel salto di qualità di cui parliamo ma non riusciamo a realizzare. Abbiamo una mentalità ancora da provinciale». Sotto allora con l'Hellas. Sfida tra pronviciali. Alla caccia di rilancio. E di emozioni forti.S.A.

C'è profumo di serie A Sfida tra Verona e Parma
APPUNTAMENTO AL TARDINI. Sono diciannove i giocatori convocati per la trasferta emiliana. Mandorlini prova le alternative in difesa ma non sottovaluta la sfida «Stiamo vivendo un momento molto delicato ma vogliamo onorare Altrimenti non sarebbe servito a nulla battere Vicenza e Sassuolo»

29/11/2011
L'Hellas respira profumo di serie A. Meglio non pensare troppo al campionato e alla lotta promozione - almeno in questo momento - per non creare illusioni pericolose ma la partita di Coppa Italia che andrà in scena questa sera al Tardini ripropone una sfida che ha caratterizzato la fine degli Anni Novanta. Gialloblù veneti contro gialloblù emiliani, allora si giocava per obiettivi più importanti, questa sera c'è in palio la qualificazione agli ottavi di finale della Tim Cup, chi passerà il turno affronterà la Lazio di Edy Reja. O dentro o fuori, eliminazione diretta.

Supplementari e rigori se i tempi regolamentari finiscono in parità. Potrebbe diventare una notte interminabile. Non mancheranno gli stimoli ai ragazzi di Andrea Mandorlini. Hanno battuto con grande fatica il Vicenza e il Sassuolo, ora potrebbero aprirsi un varco per sfidare i biancazzurri, gara di andata e ritorno, grande visibilità sui giornali e in televisione. Anche questa può diventare una spinta in più. Ci tengono i giocatori, ci tengono i tifosi che festeggeranno proprio questa sera a Parma in quarant'anni delle Brigate Gialloblù.

L'Hellas, però, arriva alla sfida del Tardini con una grande carica psicologica dopo le sei vittorie consecutive in serie B ma con troppi giocatori infortunati. Emanuele Berrettoni, Sasa Bjelanovic, Gennaro Esposito, Niccolò Galli e Manuel Mancini sono ancora fuori, anche Hallfredsson e Tachtsidis sono usciti malconci dalla sfida con la Reggina. Mandorlini ha convocato diciannove giocatori, si rivedono anche Campisi e Campagna che in questi mesi si sono allenati ai margini del gruppo, partirà dal primo minuto Felice Natalino che dovrebbe affiancare Luca Ceccarelli in mezzo all'area.

Un debutto in competizioni ufficiali per l'ex difensore dell'Inter che non può giocare in campionato fino alla riapertura delle liste in gennaio per un problema burocratico legato al suo tesseramento. Dovrebbe andare in campo dall'inizio anche Nicolas che finora ha sempre coperto le spalle di Rafael senza indossare i panni dell'attore protagonista. Quattro in difesa con Cangi e Pugliese sulle fasce, Natalino e Ceccarelli in mezzo, a centrocampo Russo, Doninelli e Jorginho, in avanti può tornare il tridente con Ferrari punto di riferimento centrale, Lepiller e D'Alessandro a sostegno. Campagna e Campisi andranno in panchina pronti a dar man forte alla squadra, con loro ci saranno i giocatori che hanno faticato più di altri nella prima fase del campionato. «Mi dispiace, questa partita di Coppa Italia arriva in un momento molto delicato, arriviamo un po' «corti», con pochi giocatori a disposizione - spiega Andrea Mandorlini - purtroppo siamo frenati dagli infortuni, ci sono troppi giocatori fuori e non possiamo rischiare nulla anche perchè sabato prossimo c'è la partita con il Livorno, una trasferta molto difficile».

Difficile staccare la spina e non pensare al campionato. Le sei vittorie consecutive hanno portato grande entusiasmo nel gruppo ma anche la tensione è cresciuta in modo direttamente proporzionale alla scalata dell'Hellas. «Il nostro obiettivo numero uno è il campionato - continua l'allenatore del Verona - ma questo non vuol dire che snobberemo la partita di Coppa con il Parma. Abbiamo fatto tanta fatica per arrivare fino a qua, con Vicenza e Sassuolo abbiamo sofferto e vinto meritatamente. Adesso vorrei giocarmela, è una vetrina importante per tutti, lo sarà ancora di più se passiamo il turno. Non preoccupatevi, però. So già che chi andrà in campo darà ancora di più, gli stimoli non mancheranno».
Una sfida nella sfida anche per Franco Colomba. Ora guida il Parma, quattro anni fa era sulla panchina gialloblù, in C1. Una partenza da brividi e poi l'esonero. «Ci teniamo a fare bella figura e a passare il turno - ammette il tecnico del Parma - devo fare le rotazioni giuste perchè veniamo da una gara dura fuori casa e valuterò sino all'ultimo le condizioni dei giocatori».
Luca Mantovani

FONTE: LArena.it


Parma-Hellas Verona: 19 convocati
28/11/2011 - 17:14
Due portieri, otto difensori, cinque centrocampisti e quattro attaccanti per il 4° Turno Eliminatorio di TIM Cup
SANDRA' - Al termine della seduta di lunedì, caratterizzata da riscaldamento, torelli, tattica e partitella, Andrea Mandorlini ha convocato 19 giocatori per il IV Turno Eliminatorio di TIM Cup. Il match è in programma domani sera alle 20:45 allo stadio "Tardini".

Portieri: 12 Nicolas, 1 Rafael;
Difensori: 88 Campagna, 23 Cangi, 5 Ceccarelli, 22 Maietta, 17 Mareco, 57 Natalino, 33 Pugliese, 25 Scaglia;
Centrocampisti: 24 Campisi, 14 D'Alessandro, 20 Doninelli, 19 Jorginho, 8 Russo;
Attaccanti: 9 Ferrari, 21 Gomez Taleb, 6 Lepiller, 11 Pichlmann.
Ufficio Stampa

Parma-Hellas Verona: info per il settore ospiti
26/11/2011 - 19:53
I biglietti per il IV Turno Eliminatorio di TIM Cup, in programma martedì alle 20:45, sono disponibili presso i punti vendita Lottomatica al prezzo di 5€
VERONA - Il Parma ha reso noto che i biglietti del settore ospiti per il IV Turno Eliminatorio di TIM Cup, in programma martedì alle 20:45, sono disponibili presso i punti vendita Lottomatica al prezzo di 5€.
I tagliandi di tribuna sono invece acquistabili al costo di 10€ tramite il sito web www.listicket.it. Per vedere l'elenco delle ricevitorie, clicca qui

Giovanili: i risultati del weekend
28/11/2011 - 14:18
Contro il Chievo vittoria degli Allievi Nazionali e pareggio di Primavera ed Allievi Nazionali. Ko Giovanissimi Nazionali e dei Giovanissimi Regionali contro Bassano Virtus ed Este
VERONA - Due pareggi ed un successo per le rappresentative giovanili nei derby col Chievo disputati nello scorso weekend. 0-0 della Primavera e 2-2 degli Allievi Nazionali "B", vittoria per 2-0 grazie alle reti di Morra e Padoan (in foto) per gli Allievi Nazionali. Ko dei Giovanissimi Nazionali e dei Giovanissimi Regionali contro Bassano Virtus ed Este.

Primavera
CHIEVOVERONA-HELLAS VERONA 0-0
Reti: -

Allievi Nazionali
HELLAS VERONA-CHIEVOVERONA 2-0
Reti: Morra, Padoan

Allievi Nazionali "B"
CHIEVOVERONA-HELLAS VERONA 2-2
Reti: Rossi, Birlea
Giovanissimi Nazionali
BASSANO VIRTUS-HELLAS VERONA 2-0
Reti: -

Giovanissimi Regionali
HELLAS VERONA-ESTE 2-3
Reti: Casale, Neri

Giovanissimi Professionisti
SAMBONIFACESE-HELLAS VERONA 1-3 (0-0, 0-1, 1-2)
Reti: doppietta Aloisi, Lonardi

Esordienti 2000
HELLAS VERONA-REAL SAN MASSIMO 2000 2-2 (2-0, 0-1, 0-0)
Reti: Bonturi, Tomelleri

Pulcini 2002
HELLAS VERONA-TEAM SANTA LUCIA GOLOSINE 3-0 (2-0, 2-0, 1-0)
Ufficio Stampa

Sandrà: gialloblù subito in campo la Reggina
27/11/2011 - 12:24
Gli uomini di Mandorlini hanno dato il via alla preparazione in vista dell'impegno di TIM Cup contro il Parma
SANDRA' - Hellas Verona di nuovo in campo dopo il successo interno in campionato contro la Reggina.

Domenica mattina prima seduta di allenamento in vista della sfida di TIM Cup contro il Parma, in programma martedì alle 20:45 al "Tardini". Defaticante per gli atleti schierati contro i calabresi, riscaldamento, torelli, possesso palla e partitella per il resto del gruppo.
Ufficio Stampa

Sabato giornata di amarcord, con Prandelli alla Gran Guardia
27/11/2011 - 10:59
Consegnato all'attuale ct della Nazionale il premio "Campione nella vita, Campione nello sport", promosso dall'Ussi e patrocinato dal Comune di Verona
VERONA - La giornata di amarcord per Verona, terminata con la sfida contro la Reggina, si è aperta sabato mattina con la presenza al Palazzo della Gran Guardia di Cesare Prandelli, attuale ct della Nazionale, a cui è stato assegnato il riconoscimento "Campione nella vita, Campione nello sport". Il premio Ussi, patrocinato dal Comune scaligero, ha fornito l'occasione per approfondire il tema "Educare attraverso lo sport", col giornalista della Gazzetta dello Sport nelle vesti di moderatore e Damiano Tommasi e Paolo Vanoli fra i relatori.

All'appuntamento hanno preso parte anche il presidente Giovanni Martinelli ed il direttore sportivo Mauro Gibellini, col patron a consegnare all'ex tecnico gialloblù una maglia ufficiale, piccolo presente ad un uomo di grande spessore che ha fatto la storia del club di Via Torricelli.

Il ricavato della manifestazione sarà devoluto in beneficenza all´Associazione ex calciatori Hellas Verona, presieduta da Franco Nanni, che sostiene atleti del passato attualmente in difficoltà e persone disagiate.
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it





[OFFTOPIC]
NUOTO: PELLEGRINI-Verona siamo ai titoli di coda...
VOLLEY WORLD CUP: 3 a 1 dell'ITALIA alla SERBIA.
BESTEMMIE IN CAMPO, la reprimenda di Petrucci
SCHERMA: Incidente per la campionessa Valentina VEZZALI qualche escoriazione ma nulla di serio fortunatamente...
'NAPOLI CITTÀ DI M...' la fidanzata del 'Pocho' LAVEZZI crea un caso diplomatico!
TENNIS: Trionfo di FEDERER ai Masters di Londra!
FORMULA 1: Finalmente WEBBER in Brasile! Lo segue il compagno di scuderia (e neo Campione del Mondo) VETTEL, poi BUTTON; quarta la FERRARI di ALONSO...
POKER TEXAS HOLD'EM: Occhio ad Alexa Fisher! Appena otto anni ma già campionessa in erba...

WORLD CUP DI VOLLEY, L'ITALIA BATTE LA SERBIA PER 3-1 -FOTO
Lunedì 28 Novembre 2011 - 15:49
ROMA - L'Italia della pallavolo torna alla vittoria in World Cup e riaccende le speranze di staccare uno dei tre biglietti per le Olimpiadi di Londra. La squadra di Mauro Berruto ha superato 3-1, ma con un pò di fatica, i campioni d'Europa della Serbia e ora si trova al quarto posto in condominio con Cuba. A quattro turni dalla conclusione della manifestazione, sono cinque le squadre in lotta per i posti olimpici: Polonia (19 punti), Russia (18), Brasile (16), sconfitto oggi al tie break da Cuba che con l'Italia insegue a quota 14. Per Savani e compagni acquisisce un valore fondamentale il match di domani contro l'Argentina. Contro la Serbia, che ha schierato tanti giovani, l'Italia ha giocato con grande personalità per due set. Poi gli azzurri hanno fatto l'errore di ritenere il match già concluso e nell'avvio del terzo hanno lasciato troppo spazio ai volenterosi ragazzi serbi. La squadra di Kolakovic è arrivata a condurre per 17-11, quando è iniziata la rimonta italiana che ha portato ad un provvisorio 21-21. Poi la Serbia si è imposta. Nel quarto Travica si è affidato con maggiore continuità a Lasko, che si è confermato in grande condizione e chiudendo con 25 punti all'attivo ha rafforzato la sua prima posizione nella classifica del miglior realizzatore. Gli azzurri alla fine hanno ammesso di aver tirato un pò i remi in barca: «L'importante era prendere i tre punti - ha detto Giovi - ma nella seconda parte della gara non abbiamo giocato benissimo. Forse abbiamo pensato che la gara fosse ormai avviata alla fine». Travica e Birarelli concordano, ma guardano già avanti, alla gara «non facile e fondamentale» contro l'Argentina. I sudamericani sono una squadra capace di giocare un'ottima pallavolo. Nel sestetto di Weber c'è il dubbio sulla presenza dello schiacciatore Conte, oggi uscito anzi tempo dal match perso oggi con la Russia e rientrato nello spogliatoio zoppicante. La Polonia allenata da Andrea Anastasi ha sconfitto facilmente gli Stati Uniti e domani, affrontando l'Egitto, incamererà quasi sicuramente altri tre punti. Cuba ha in programma una importante sfida con la Russia, mentre il Brasile avrà di fronte la Serbia. L'Iran di Julio Velasco ha vinto anche oggi, con l'Egitto, e lo farà anche domani con il fanalino di coda Cina. Se l'Italia perdesse, la supererebbe.

BESTEMMIA IN CAMPO, LA CONDANNA DI PETRUCCI: "BRUTTA IMMAGINE"
Lunedì 28 Novembre 2011 - 14:26
ROMA - «Ieri non mi sono piaciute le bestemmie, è una brutta immagine per il calcio. Vorrei vedere se, davanti ai propri figli, queste persone avrebbero lo stesso comportamento. Non si tratta di religione, ma è una questione di educazione e di civiltà. Complimenti al giornalista di Sky». Il presidente del Coni Gianni Petrucci, al termine della cerimonia presso il Salone d'Onore dei Premi Coni Ussi 2011 ha commentato così l'episodio della bestemmia pronunciata in campo nel corso del primo tempo della partita Cagliari-Bologna, prontamente stigmatizzato dal telecronista di Sky. Il n.1 dello sport italiano ha parlato anche dei rapporti con il governo Monti e delle richieste che porterà al nuovo ministro per lo Sport, Piero Gnudi. «Andremo dal ministro a portare i problemi che avevamo già trattato con l'allora sottosegretario con delega allo Sport, Crimi: la legge sugli stadi, la tutela dei marchi e, non ultimo, la revisione della Legge 91» ha spiegato il presidente.

INCIDENTE STRADALE PER VALENTINA VEZZALI. "STA BENE"
Lunedì 28 Novembre 2011 - 20:57
ROMA - L' olimpionica di schema Valentina Vezzali è rimasta coinvolta in un incidente stradale alle porte di Norcia, mentre sulla sua auto stava raggiungendo il ritiro della Nazionale azzurra. La fiorettista avrebbe subito il classico «colpo di frusta» e per questo è stata trasferita con urgenza al pronto soccorso dell'ospedale di Spoleto, dove è stata sottoposta a tutti gli esami clinici. A quanto si è appreso, la Vezzali non ha riportato conseguenze di rilievo

La Vezzali era alla guida della sua Golf, che - per motivi ancora in corso di accertamento, al vaglio dei carabinieri accorsi subito sul posto - si è scontrata con una Opel Astra condotta da un giovane straniero. L' urto non è stato violento e l'occupante dell'Astra è rimasto illeso.

«Valentina Vezzali ha riportato nell'impatto un trauma toracico, un colpo di frusta cervicale ed un trauma addominale. Mentre per il trauma toracico e quello cervicale si escludono complicazioni, il trauma addominale necessita di ulteriori accertamenti. Per questo motivo è stato disposto il ricovero cautelativo in osservazione». Lo ha detto il medico della Federscherma Antonio Fiore, precisando che «le condizioni generali sono comunque buone».

GRAN PREMIO BRASILE, WEBBER: "VITTORIA CERCATA". ALONSO QUARTO
Domenica 27 Novembre 2011 - 19:32
ROMA - Bulimica Red Bull. Webber si aggiudica il gran premio del Brasile. Lo segue il compagno di squadra Vettel, per una doppietta coi fiocchi. Alonso solo quarto, appena dietro la Mc Laren di Jenson Button che sale sul terzo gradino del podio.
«Mi sento molto bene, è una vittoria che cercavo. Ho avuto sfortuna durante la stagione, ma questa volta è stato Vettel ad averla». Il pilota della Red Bull Mark Webber è felice per aver concluso al meglio una stagione straordinaria più per la sua scuderia che per lui. « Comunque è stata una bella doppietta, voglio dedicare questa vittoria a Bob un amico della mia famiglia molto malato».

Felice anche il campione del mondo Sebastian Vettel nonostante il problema al cambio gli abbia tolto l'ennesima vittoria: «all'inizio mi hanno chiamato dicendomi che avevo un problema al cambio, ho dovuto usare le marce lunghe. Mark ha fatto un'ottima gara e - aggiunge il tedesco nel corso della conferenza dopo la gara trasmessa dalla Rai - non la definirei sfortunata per me. Abbiamo avuto una stagione incredibile e non posso essere triste per questo secondo posto. Sono felice per la doppietta e ora dobbiamo ricaricare le batterie durante le vacanze. Torneremo credo sempre forti la prossima stagione».

POKER: BAMBINA DI OTTO ANNI CAMPIONESSA IN ERBA
Domenica 27 Novembre 2011 - 14:30
Sa mischiare, dare le carte e sa pure bluffare. Ma quello che la rende unica è il fatto che abbia appena otto anni. Si chiama Alexa Fisher ed è, probabilmente, la più giovane giocatrice di poker del mondo. Ha cominciato quando ne aveva tre e oggi padroneggia con abilità una cinquantina di varianti del Texas Hold'em. "Quando aveva poco meno di tre anni, guardava assieme a me i tornei di poker in tv ed era attratta dagli applausi e dalle esultanze dei vincitori. Poi ha cominciato a voler giocare pure lei e le ho insegnato a contare con le carte da gioco e a riconoscere il loro valore - commenta il padre di Alexia - assieme a quello delle fiches.

Lei ha risposto alla grande e a quattro anni sapeva già mischiare e dare le carte e conosceva anche i tells e i bluff". Per il momento, vista l'età, non ha ancora la possibilità di giocare a soldi veri e quindi si tiene impegnata in tornei di beneficenza, nei quali è già una celebrità. Il suo risultato migliore fino a oggi è stato un final table chiuso con un sesto posto. E quest'estate, quando i genitori le hanno chiesto se volesse andare a Disneyland in vacanza, lei ha risposto che preferiva andare a Las Vegas, dove c'erano le World Series of Poker, durante le quali si è fatta autografare il cappellino con cui gioca da Greg "Fossilman" Raymer, il campione del 2001 che è anche il suo idolo. E Greg oltre all'autografo le ha firmato anche una dedica speciale: "Ci vediamo nel 2024", vale a dire quando Alexa avrà 21 anni e potrà partecipare a un vero torneo di poker. (Fonte Agipronews)

ROGER FEDERER VINCE IL MASTERS DI LONDRA. TSONGA BATTUTO
Domenica 27 Novembre 2011 - 21:14
ROMA - Roger Federer sembra veramente inarestabile, praticamente un macchina da guerra. Lo svizzero ha vinto, ed è la sesta volta, il Masters di Londra battendo in finale il francese Jo-Wilfried Tsonga per 6-3, 6-7 (6/8), 6-3. Federer stabilisce così il nuovo record del prestigioso torneo che conclude la stagione, superando Pete Sampras e Ivan Lendl, detentori di cinque titoli.

FONTE: Leggo.it


Matrimonio finito tra la Pellegrini e Verona
IL CASO. Bonifacenti abbandona Roma e torna in via Galliano: Federica aveva indicato gli Europei e gli Assoluti come verifica per proseguire o meno la collaborazione. Il tecnico lascia l'atleta: «Le ho detto semplicemente che non accetto condizionamenti». Lei pare propendere per Rossetto

28/11/2011
Verona. Federico Bonifacenti lascia Federica Pellegrini. Il tecnico veronese, che dall'agosto scorso, come già nel periodo intercorso tra le gestioni Morini e Lucas, si è assunto l'onere e l'onore di guidare la campionessa nel lungo cammino verso i Giochi olimpici di Londra 2012, ha lasciato sabato il collegiale di Roma (che terminerà mercoledì) ed è rientrato a Verona dove, da oggi, sarà, come sempre, al Centro federale di via Galliano ad allenare Brembilla, Sciocchetti e Vio. Perché? «Ho semplicemente detto a Federica che non accetto condizionamenti, voglio essere rispettato e sia fatta chiarezza. Se tutto questo non c'è, non ci sono più i presupposti per continuare. E sono tornato a casa».

Ma come stanno le cose? In un confronto sollecitato da Bonifacenti, l'atleta aveva indicato gli imminenti Europei in vasca corta di Stettino ed i successivi Assoluti tricolori invernali in vasca da 50 metri come verifica per, poi, proseguire o meno la collaborazione con il tecnico veronese. Federico, invece, aveva indicato i due appuntamenti come momento di passaggio nel percorso verso Londra. Ma mai si era parlato di condizionare il proseguimento della collaborazione ai risultati di Stettino e degli Assoluti «altrimenti - sottolinea il tecnico veronese - mai avrei accettato di allenare Federica». Federico Bonifacenti parla con chiarezza. Non intende alimentare polemiche. Rispetta ogni scelta altrui. Chiede solo chiarezza. Fa presente che «Federica ha sempre dichiarato che si trovava bene con me, che ha ritrovato la sua nuotata, che ha fatto meglio dell'anno scorso, che ha trascorso felice questo periodo». Ora la Pellegrini sembra propendere, invece, per continuare la preparazione a Roma e affidarsi a Claudio Rossetto, l'allenatore di Filippo Magnini, fidanzato dell'atleta. Allenarsi a Roma significherebbe rimanere più vicino a Magnini, in barba alle dichiarazioni fatte su Verona città ideale per vivere e allenarsi. Sulle possibilità di riavvicinamento, Bonifacenti si limita ad un «non lo so», ma queste sembrano minime. «Come è stato fatto all'inizio - dice Bonifacenti - le condizioni non le detta Federica. I programmi li decido io. Non ci devono essere interpretazioni. È così che fanno tutti i seri professionisti. Tra l'altro, Federica ha sempre detto che si è trovata bene con me, mi ha sempre sostenuto».

Al Centro federale di Verona, intanto, sono in fase di ultimazione i lavori di copertura della vasca da 50 metri, tanto sollecitati dalla Pellegrini. Bonifacenti avverte: «Il Centro federale non è riferito solo a Federica. Deve continuare la sua attività e andrà potenziato al di là della sua presenza. Il Centro ci sarà anche quando Federica avrà lasciato l'attività e non può certo essere attivo con solo 5-6 atleti. Saranno organizzati collegiali, verranno altri nuotatori, anche del sincronizzato».

Bonifacenti qualche avvisaglia l'aveva avvertita quando si parlava della vasca da 50 metri e del fatto che a Verona la Pellegrini era sola, che non c'era il gruppo. «Non è vero - osserva il tecnico -, ma tutto questo mi ha fatto pensare che la questione non fosse così chiara come avrebbe dovuto essere. Di sicuro, Federica si è allenata a Verona in tutta serenità». Bonifacenti attende sviluppi. Intanto continua a operare al Centro federale «con stato d'animo sereno». «È chiaro - aggiunge - che sono anche dispiaciuto, ma credo che, per un uomo, sia importante dimostrare di avere una dignità e non intendo perderla. Nei miei oltre 70 anni, mi sono sempre battuto per andare a testa alta e così è stato finora, senza scendere a compromessi pesanti. Andrò avanti con gli altri atleti».
Renzo Puliero

Napoli, bufera sulla miss del «Pocho»
IL CASO. La modella argentina Yanina Screpante rapinata nella notte mentre era con un'amica. Ironico De Laurentiis
Derubata del suo Rolex la fidanzata di Lavezzi scrive su Twitter: «Città di m...». Poi chiede scusa

28/11/2011
Si è conclusa, per ora, con le scuse ai napoletani la disavventura con coda polemica della fidanzata del calciatore del Napoli, Ezequiel Lavezzi, la modella argentina Yanina Screpante detta Yani, 27 anni, che nella notte di sabato è stata rapinata del suo prezioso Rolex da due balordi armati mentre era ferma in auto con un'amica nell'elegante quartiere del Vomero. Dopo lo choc e la denuncia, Yani ha scritto su Twitter in spagnolo «E poi dicono che in Argentina c'è insicurezza... Napoli città di mer.. Mi hanno rubato l'orologio a mano armata».

Immediata la replica di un navigatore Internet: «Napoli non è una città di m... Poteva succederti ovunque. Modera le parole. Solo a Napoli il tuo fidanzato è un Dio». Controreplica di Yani, sempre in spagnolo:«Non m'importa. Se mi succede qualcosa, il mio fidanzato se ne va da qua. E io non voglio essere un Dio». Per evitare che la polemica dilagasse, i tweet di Yani sono stati rimossi. Ma la frittata era fatta e tra i tifosi montava la protesta.

Così la «miss» di Lavezzi è corsa ai ripari: «Chiedo scusa a tutta la città di Napoli», ha scritto ancora su Twitter. «Il mio è stato lo sfogo di una ragazza impaurita, terrorizzata, dopo una rapina con una pistola in faccia. Vorrei dire anche che se mi capitava in Argentina, in quel momento avrei scritto lo stesso...».

Non è escluso che la retromarcia della bella Yani sia stata ispirata dal presidente del Napoli, De Laurentiis, che ha commentato: «Cara Yanina, mi dispiace per quello che ti è capitato, ma Napoli è una città meravigliosa e i napoletani sono persone straordinarie, capaci di una solidarietà unica al mondo. Poi, in un clima di recessione meglio non andare in giro con grandi macchine e Rolex, tra l'altro in una città dove si sa che questi orologi vengono rubati...».
La rapina a Yanina è l'ultima di una serie che hanno preso di mira i bomber partenopei. In ottobre è stata svaligiata la villa del centravanti Cavani. Il 22 novembre anche la moglie di Hamsik, incinta del secondo figlio, è stata vittima di una rapina a mano armata.

FONTE: LArena.it

0 commenti:

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini