.

Le schede di B/=\S: Daniel 'Rivaldinho' FERREIRA (20 anni)

Pubblicato da andrea smarso venerdì 22 luglio 2011 13:05, vedi , , , , , , , | Nessun commento

Daniel Ferreira
Data di nascita:21/09/1991
Luogo di nascita:San Paolo (Brasile)
Nazionalità:Brasiliana
Ruolo:Centrocampista esterno
Altezza:178 Cm
Peso:70 Kg
Posizione:

Carriera da giocatore:

 SquadraStagioneSeriePartiteGoal 
Hellas Verona2011 - Gen. 2012B00 
Primavera VareseGen. 2010 - 2011-194 (+1) 
SesteseGen. 2009 - 2010D136 
Giovanili VareseFino a Gen. 2009--- 


News e curiosità:

Il suo arrivo ha stupito tutti dato che non era stato preventivato nemmeno dai più 'gossippari' tra i siti web specializzati in questo senso e invece, insieme all'ufficializzazione di DONINELLI che però era stato aggregato in squadra da più di una settimana, diamo il benvenuto anche a questo centrocampista esterno brasiliano dalla primavera del VARESE (19 presenze e 5 gol) che i biancorossi avevano fatto inizialmente dirottato alla SESTESE di Sesto Calende (VA) fra i dilettanti.

FERREIRA, per gli amici 'Rivaldinho' (ma il suo idolo è Robinho), gioca preferibilmente come esterno sinistro ma, dotato di velocità, tecnica e fantasia tipicamente carioca, può cavarsela egregiamente anche da trequartista centrale dietro le punte.
Balza improvvisamente agli occhi del 'calcio che conta' dopo la doppietta rifilata ai pari età della JUVENTUS nei quarti di finale del campionato primavera nella stagione scorsa (finì 5 a 1 per i lombardi) con PALERMO e GENOA a chiedere informazioni sul ragazzo [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]


L'U.S. Foggia acquista Daniel Ferreira, per gli amici "Rivaldinho"
Comunicato Stampa inviato da redazione 31/01/2012
Daniel Ferreira è il nuovo acquisto a titolo temporaneo (con diritto di riscatto della compartecipazione a favore del club rossonero) dell’U.S. Foggia. L’esterno sinistro di centrocampo è nato a San Paolo il 21 settembre del 1991.

Alto 1.78 per 70 kg, il centrocampista brasiliano ha militato nella primavera del Varese e nel campionato nazionale dilettanti con la maglia della Sestese, dove ha collezionato 13 presenze e 6 reti. Quest’anno si è allenato con il Verona.

FONTE: FoggiaToday.it


Ferreira: "L'ambientamento procede al meglio"
10/08/2011 - 23:54
"Oggi ho trovato la via del gol e per questo sono contento, abbiamo cercato di sfruttare al meglio l'ultima occasione prima del derby col Vicenza"
SAN BONIFACIO - "Sono arrivato in una squadra importante, caratterizzata dalla presenza di un allenatore bravo ed ambizioso. Oggi ho trovato la via del gol e per questo sono contento, abbiamo cercato di sfruttare al meglio l'ultima occasione prima del derby col Vicenza". Si presenta così allo stadio "Tizian" Daniel Ferreira, passato al club gialloblù qualche settimana fa dal Varese.

Contro la Sambonifacese l'esterno brasiliano ha realizzato il raddoppio, dando vita a qualche spunto interessante: "Cerco di mettermi a disposizione dei compagni sfruttando le mie caratteristiche, ovvero l'abilità di saltare l'uomo nell'uno contro uno e la velocità. Soprattutto grazie agli altri sudamericani l'ambientamento procede al meglio, con Dianda ho già stretto amicizia, il gruppo è positivo. L'obiettivo personale è sfruttare le opportunità che il mister mi concederà".
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it


MERCATO
Varese, Ferreira: Palermo e Genoa su di lui
Non ha lasciato indifferenti la prestazione, nei quarti di finale del campionato Primavera, di Daniel Ferreira, classe '91, capace di segnare tre gol alla Juventus, nel 5-1 del suo Varese. Sono subito arrivate offerte per l'attaccante, giunto in maglia biancorossa dalla Sestese, da parte di operatori di mercato di Palermo e Genoa. I siciliani sono quelli più concretamente interessati al talento brasiliano, che ha Robinho come idolo.

Da segnalare, sempre in casa Varese Primavera, il nazionale Under 19 Alessandro Scialpi: stasera verrà seguito al 'Melani' di Pistoia, nella semifinale contro la Fiorentina, da osservatori della Sampdoria e da uno dei responsabili del settore giovanile dell'Inter, Roberto Samaden.
Luca Cellini

FONTE: CalcioMercato.com


Tuesday, 19 July 2011 10:41
Juve Stabia su Daniel Ferreira del Varese
Secondo alcune indiscrezioni la Juve Stabia ha definito il prestito del giovane Brasiliano del Varese Daniel Ferreira , nato in Brasile il 01/01/1991 ruolo centrocampista offensivo. L’anno scorso con la maglia del Varese primavera ha collezionato 19 presenze , segnando 5 reti.

FONTE: GragnanoChannel.it


PLAY-OFF CAMPIONATO PRIMAVERA: VARESE SHOW
PISTOIA- Al Melani, il Varese di Pompilio annichilisce con un 5-1 una Juventus pasticciona e sbandata. Al termine della partita, Mister Bucaro si è sentito contestare pesantemente da un sostenitore juventino (probabilmente un genitore di qualche giocatore) con un poco fraintendibile “raccomandato! tornatene a Manfredonia“. Mister Bucaro, intervistato nell’occasione da Sportitalia, sembra che abbia annunciato il suo addio alla primavera bianconera.

TABELLINO
Miceli (V) 23' , Pompilio (V) 27', Giannetti (J) 39', Ferreira (V) 50' e 57', Lazaar (V) 65'
Amm: Sorensen,Giandonato (J), Pompilio (V)

FORMAZIONI
JUVENTUS 4-2-3-1
1. Costantino
2. Romano
15. Sorensen
14. Esposito
3. Liviero
6. Giandonato
10. Buchel
19. De Silvestro (20.Spinazzola)
8. Belcastro
7. Boniperti (5.Corticchia)
11.Giannetti (9.Libertazzi)

VARESE 4-4-2
1.Micai
2.Toninelli
4.Miceli
6.Bianchetti
3.Marchi
7.Jadilson
8.Scialpi
5.Wagner
17.Lazaar (21.Serrano)
11.Ferreira (20.Maio)
10.Pompilio

COMMENTO PARTITA
Nell’umida serata di Pistoia, i baby juventini provano a regalarsi la soddisfazione delle semifinali. Davanti a loro però ci sono gli ostici avversari del Varese che hanno già battuto i bianconeri al Torneo di Viareggio, inoltre i varesini hanno chiuso il proprio girone al primo posto, eliminando Inter e Milan. Nella Juventus di Bucaro risalta la presenza di Frederik Sorensen, schierato al fianco di Esposito come centrale di difesa, ruolo che in prima squadra ha ricoperto una sola volta a differenza di quello di terzino destro. Nei primi minuti il Varese (orfano di De Luca impegnato con la prima squadra) si mostra più brillante mentre la Juventus sembra prediligere il possesso palla. La prima occasione arriva sui piedi del talentuoso Ferreira che fa fare una bellissima figura a Costantino, il quale riesce a deviare sulla traversa un gol praticamente certo. Intorno al 15' è la Juventus a farsi pericolosa con Filippo Boniperti, le sue percussioni creano qualche problema alla difesa lombarda che si salva in un paio d’occasioni. Intorno al 20' si registra la sostituzione di De Silvestro, problema muscolare per lui, con Spinazzola. Il modulo non cambia, Bucaro continua ad alternare a fasi alterne il 4-2-3-1 al 4-3-3 sperando di smuovere la situazione ma il Varese è letale e velocissimo nelle ripartenze. Si intravede il punto debole della retroguardia Juventina, i calci da fermo. Su un angolo a favore del Varese Lazaar si mangia un gol già fatto. Cosa che ripete Miceli sul calcio d’angolo successivo; il Varese è in vantaggio.
Il Varese non si ferma e raddoppia dopo pochi minuti con Pompilio che esplode un sinistro dal limite dell’area superando un incerto Costantino. La Juventus accusa il colpo e il Varese può portarsi sul 3-0 con Ferreira che sciupa tutto da ottima posizione. Nel frattempo Bucaro manda a scaldarsi Libertazzi.
Nel momento migliore del Varese, la Juventus dimezza lo svantaggio con Giannetti che sfrutta una percussione dalla destra di Spinazzola e da pochi metri insacca di destro Micai. A soli 5 minuti dalla fine della prima frazione, la Juventus riapre la partita e sembra acquistare fiducia. Boniperti, ispiratissimo, ci prova con una serpentina prima e con un tiro da fuori poi senza riuscire però ad impensierire Micai che nulla può sulla percussione di Spinazzola, innescato da Belcastro. La traversa salva il vantaggio Varesino.

Nella ripresa ci si aspetta una Juventus arrembante, visto il finire in crescendo del primo tempo. Invece il Varese in meno di 10 minuti chiude la gara e deride la formazione di Bucaro. Il protagonista della serata è Daniel Ferreira, brasiliano classe 91', esterno offensivo dotato di ottima tecnica e di cattiveria sotto porta. Costantino salva su un tiro in mischia a seguito di un calcio d’angolo. Nulla può sul tiro mancino di Ferreira che indisturbato si porta al limite dell’area e senza essere pressato piazza il pallone sul palo lontano. Varese sul 3-1 e gare virtualmente chiusa. La Juventus inizia a sbandare violentemente esibendosi in errori tecnici al limite del sopportabile. Ci prova Boniperti che crossa perfettamente per Giannetti che da pochi metri, di testa, manda inesorabilmente a lato. Sull’immediato contropiede è Ferreira a chiudere i conti con una magistrale azione solitaria. 4-1 e sostituzione per Ferreira che si prende una meritatissima standing ovation. Partita già chiusa al 57' con i giocatori Juventini distrutti, incapaci di reagire. Bucaro prova a smuovere i suoi con l’inserimento di Libertazzi per Giannetti ma è il Varese a sfiorare il quinto gol con un bel tiro di Pompilio da fuori area. Costantino manda in corner ma come tutta la serata, la difesa juventina arranca sul calcio d’angolo e per Lazaar è uno scherzo mettere in rete da pochissimi passi. 5-1 per un Varese cinico e spietato che non ha sprecato praticamente niente.
Per la Juventus esce anche Boniperti (scontro con Micai, niente di serio per fortuna) ed entro Corticchia, un centrocampista centrale. Il momento emblematico della serata si raggiunge quando, intorno al 75', Belcastro si ritrova a tu per tu con Micai, calciandosi sull’altro piede e cadendo rovinosamente a terra. E’ il turno di Libertazzi, con il solo Micai da superare, gli sparacchia malamente addosso. Si chiude qualche noioso tentativo juventino una partita che ha smesso di essere una sfida nella seconda parte di gara.
Se c’è da fare un appunto positivo è giusto mettere in evidenza il rispetto reciproco evidenziato dai giovani giocatori. In queste situazioni è facile perdere la testa ma sia i giocatori Juventini che quelli del Varese hanno onorato la sfida, correndo fino all’ultimo secondo senza oltrepassare i limiti del calcio giocato. Un applauso a chi ha educato questi probabili futuri professionisti.

TOP
11 Daniel Ferreira (V) - Belle giocate, tanta tecnica ma anche tanta concretezza. Due bellissimi gol per lui e pochissime palle perse. Un giocatore da tenere d’occhio, seppur non giovanissimo (classe 91')
17. Achraf Lazaar (V) – Quanto corre il marocchino! la fascia è di sua proprietà e Romano se ne accorge praticamente da subito. Un poì impreciso in fase di conclusione ma sempre disponibile al sacrificio.

FLOP
15. Frederik Sorensen (J) - Chi si aspettava una difesa blindata per merito del talentuoso danese si sbagliava. E’ chiaro che la colpa della sconfitta non sia da attribuire al gigante biondo, ma in questa occasione ha ribadito che c’è da lavorare sul piano dell’emotività.
Inutile dire altri nomi, ci sarebbero da citare Giandonato e Boniperti che non hanno dato qual qualcosa in più, ma quando una squadra perde 5-1 dopo 65', le colpe sono di tutti. Allarmante però l’organizzazione difensiva sui calci da fermo e sui contropiedi. Che la malattia della prima squadra abbia infestato anche i ragazzi della primavera? Strana anche la scelta di Bucaro di far scaldare tutta la partita Libertazzi per poi inserirlo gli ultimi 20 minuti al posto dell’unico centravanti in campo, Giannetti.

FONTE: CanaleJuve.it


CALCIOMERCATO
Latina, caccia ai Primavera giallorossi
08.06.2011 15:45 di Claudio Gallaro
Alla semifinale del Campionato Primavera tra Roma e Genoa di questa sera assisteranno anche le alte sfere del Latina, che - riporta SportLatina.it - avrebbero messo nel mirino un paio di elementi del vivaio giallorosso che potrebbero fare al caso del club nerazzurro: si tratta di Louis Jerome Dieme, esterno offensivo senegalese classe 1992 e del regista, sempre classe '92, Federico Viviani. Più difficile arrivare al centrocampista offensivo Alessandro Florenzi e all'esterno Gianluca Caprari, entrambi già richiesti da alcuni club di Serie B. Ha impressionato molto anche l'attaccante del Varese Daniel Ferreira.

FONTE: TuttoLegaPro.com


SETTORE GIOVANILE
Primavera Varese, Ferreira: "Juve più esperta, ma noi più forti"
L'estroso giocatore lombardo esulta a fine gara per il passaggio in Semifinale.

06.06.2011 00:00 di Davide Maddaluno
Giornata dai due volti per il Varese: se la prima squadra dice addio ai sogni di gloria dopo il 3-3 interno con il Padova che affronterà ora il Novara nella finalissima dei play-off di B, la Primavera riempie d'orgoglio la società, andando a conquistare una storica semifinale ai danni della Juventus. Per il man of the match di Sportitalia, Daniel Ferreira "Il gruppo ha fatto la differenza. La Juventus poteva contare su ragazzi più grandi ma abbiamo dimostrato di essere più forti noi. Il mio idolo è Robinho, spero di calcare presto palcoscenici importanti e ringrazio il mister per avermi rilanciato a Varese dopo l'esperienza in D". Inevitabilmente soddisfato mister Mangia: "Un successo strepitoso, avevamo davanti una squadra di tutto rispetto ma i miei ragazzi oggi sono stati straordinari. Restiamo concentrati su questa vetrina in questo palcoscenico così importante e non facciamoci distrarre da voci esterne. Un futuro sulla panchina della Primavera interista? Sono tifoso nerazzurro ma penso solo al Varese".

FONTE: TuttoJuve.com


ALTRE NOTIZIE
Final Eight Primavera, Focus: Juve-Varese 1-5
10:30 del 06 giugno
Dovrà attendere le 18.45 di oggi, il Varese di Devis Mangia, per conoscere la semifinalista che incontrerà giovedì nella semifinale delle Final Eight, dopo aver sconfitto ieri sera la Juventus al termine di un match che è rimasto incerto solo a fine primo tempo, e che ha messo in luce soprattutto la sua stella offensiva Daniel Ferreira, classe '91. La prima frazione si divide in due: lombardi bene fino al 2-0, poi solo Juve. Il Varese passa in vantaggio al 20' con Miceli, che colpisce sotto porta dopo un calcio d'angolo. Meritato l'uno a zero degli uomini di Mangia, capaci di dominare la parte iniziale di gara quando, prima con Ferreira e poi con Lazaar, avevano centrato due pali. Il raddoppio cinque minuti più tardi, con Pompilio che fredda da fuori area Costantino: Juve tramortita. A metà campo Wagner e Scialpi tramortiscono i bianconeri, asfissiando la linea mediana di Bucaro, incapace di trovare le contromisure. Sorensen, riportato centrale dopo l'esperienza da terzino in prima squadra, pare incapace di guidare la linea difensiva della sua Juventus. Giannetti al 38' riapre il match grazie ad una percussione centrale di Belcastro: Micai non riesce a fermare la conclusione del bomber bianconero. La Juve reclama anche un rigore a fine primo tempo, per atterramento ancora del numero 11 di Bucaro, con Spinazzola che centra una traversa al 45'. Il Varese indirizza nuovamente la gara per i suoi al 49' con Ferreira, ancora con un colpo da fuori, che trova Costantino impreparato. Il numero 11 varesino trova il tris personale, il poker per i suoi, all'alba dell'ora di gioco, con un pallonetto a difesa bianconera mal disposta. Laazar fa cinque a uno, di testa, su angolo di Pompilio.

JUVENTUS
Il tecnico della Juventus, Giovanni Bucaro: 'Non credo che la sconfitta sia stata dipesa da problemi fisici. E' difficile commentare una sconfitta del genere. Abbiamo sempre cercato di lottare e giocare, ma il 3-1 ad inizio ripresa ci ha tagliato le gambe. Abbiamo sbagliato tanto, troppo, ma al di là del finale non c'è questa differenza fra noi e loro. Esposito e Sorensen non avevano mai giocato insieme, mentre il Varese è una squadra molto collaudata. Dispiace per i tifosi, capisco la loro delusione a fine partita, ma voglio dirgli che siamo consapevoli dell'amarezza che gli abbiamo dato, e che a questa età può starci di passare serate del genere'.

VARESE
Il tecnico del Varese, Devis Mangia: 'Noi che puntiamo alla vittoria finale? Non scherziamo, siamo già contenti di giocare un'altra gara in questa fase finale. Stiamo facendo cose enormi. Siamo stati bravissimi contro la Juventus, in tutto e per tutto. Le nostre individualità sino emerse perché giochiamo di squadra. Atalanta e Fiorentina nostre prossime possibili avversarie sono due grandi formazioni, ma io penso al Varese. L'Inter Primavera l'anno prossimo? Sono il tecnico del Varese, orgoglioso di allenare questa squadra, a fine anno parlerò con il direttore, ma per adesso, in chiave Inter, posso solo dire che sono tifoso nerazzurro. Ferreira? Sono contento per lui e per chiunque faccia bene nella mia squadra. Mi hanno fatto tutti festa perché oggi è il giorno del mio compleanno, io invece gli ho chiesto di stare calmi perché ci tenevo che mantenessero la giusta concentrazione'.

Il centrocampista del Varese, Alessandro Scialpi: 'Siamo stati bravi ad aggredirli subito e a far capire che volevamo imporre il nostro gioco. Vincere in questa maniera non è stato semplice, credo che abbiamo dimostrato di essere un buon gruppo, che vuole emergere e che ancora ci tiene a togliersi tantissime soddisfazioni'.

L'attaccante del Varese, Daniel Ferreira: 'Sono contento per me, ma soprattutto per la squadra. Abbiamo fatto un'ottima partita, con una squadra sempre concentrata, disputando una grande prestazione. Ho un ottimo rapporto con mister Mangia, se ho già esordito in serie B lo devo alle sue belle parole con mister Sannino. Il mio idolo è Robinho, studiare le sue mosse è una cosa che mi piace tantissimo'.
Luca Cellini



Final Eight Primavera: Varese umilia la Juventus. Rinviata Atalanta-Fiorentina
Pubblicato da Davide Martini il 5 giugno 2011
E’ il Varese la terza semifinalista del campionato Primavera. Addirittura umiliante il successo dei lombardi che a Pistoia hanno travolto per 5-1 la Juventus concendendo il bis della lezione impartita al Viareggio. Di Pompilio e Miceli le prime due reti del Varese, Giannetti illude a fine tempo la Juve che crolla ad inizio ripresa sotto i colpi di Daniel Ferreira (doppietta) e Lazaar. Nella semifinale di giovedì 9 alle 20.30 a Pistoia la squadra di Mangia (nella foto) affronterà la vincente di Atalanta-Fiorentina, che era in calendario per domenica alle 17 ma è stata rinviata alla stessa ora di lunedì causa maltempo.

FONTE: StadioBlog.it


5/06/2011
CALCIO - PRIMAVERA
Varese, cinquina alla Juve e semifinale raggiunta
A Pistoia i biancorossi maltrattano la Vecchia Signora e regalano a Mangia l'accesso tra le migliori quattro del campionato. Pompilio e Ferreira trascinatori

Straordinaria prova di forza del Varese che, al Melani di Pistoia, mette in ginocchio la Juventus (5-1), si conquista un posto tra le fantastiche quattro del campionato Primavera e attende la vincente di Atalanta-Fiorentina (sospesa per pioggia, si giocherà oggi alle 17 a Lucca) per cercare il ticket d'oro che spalanca le porte della finale Scudetto. Se fuori dal campo – in particolare in hotel, come svelato da Devis Mangia nel postpartita – i biancorossi si segnalano per gentilezza ed educazione, lo stesso non si può dire per quel che riguarda il comportamento nel rettangolo da gioco: i varesini infatti sono stati a dir poco "maleducati" con la Vecchia Signora, illudendola di poter restare in gara al termine del primo tempo e maltrattandola nella seconda frazione. È superba la prova del collettivo biancorosso, impreziosita da un Pompilio d'annata – gol da cineteca e 3 assist – e da un Ferreira superlativo – doppietta e inserimenti di precisione svizzera – nell'insolita veste di prima punta.

PRIMO TEMPO – L'inedita coppia d'attacco dimostra di trovarsi a proprio agio già all'8': Pompilio fa sparire la palla in un fazzoletto e manda rasoterra nello spazio Rivaldinho che controlla in corsa e calcia, trovando la deviazione provvidenziale di Costantino che manda la sfera contro la traversa. L'affondo biancorosso arriva da azione d'angolo: al 20' è Scialpi a battere dalla bandierina destra, al centro Lazaar si fa largo come può e calcia, trovando anche lui il corpo di Costantino e, invece che la traversa, il palo lontano; dall'angolo opposto va invece Pompilio il cui cross attraversa tutta l'area e finisce sul secondo palo, dove Miceli si allunga e, col sinistro, insacca l'1-0. La Juventus viene subito sopraffatta da fantasmi di viareggina memoria e il Varese ne approfitta per raddoppiare (25'): Jadilson libera al limite Pompilio (nella foto di Fabrizio Riboni) che trova in un battito di ciglia lo spazio per il sinistro e piazza all'incrocio dei pali il 2-0, quasi fosse normale routine. I bianconeri sembrano pronti a gettare la spugna ma il neoentrato Spinazzola ha gambe e coraggio e prova, insieme a Giannetti, a scuotere i compagni. Proprio una combinazione tra i due permette alla Juventus di accorciare le distanze al 38': Giannetti fa la sponda a metà campo e vola in profondità, Spinazzola spinge fin sulla trequarti e serve il taglio profondo del numero 11 che resiste al rientro di capitan Bianchetti e trova il colpo vincente, con Micai che tocca ma non respinge. Il 2-1 risveglia la Juventus che prova addirittura a pareggiare, ma il tiro secco di Spinazzola batte sulla traversa facendo tirare un sospiro di sollievo alla panchina biancorossa (45').

SECONDO TEMPO – La ripresa è un monologo del Varese che annienta gli avversari, incapaci di resistere alla marea biancorossa. Già al 2' Scialpi prova – specialità della casa – a sorprendere Costantino direttamente da calcio d'angolo, con l'estremo difensore bianconero che riesce a salvare in qualche modo. Il portiere non può nulla invece al 5': Rivaldinho Ferreira riceve a destra da Pompilio sulla trequarti, converge al centro e, dal limite, lascia partire un sinistro chirurgico che si accomoda nell'angolino più lontano e dà il via libera al trenino diretto verso la semifinale di giovedì. La Juventus questa volta va al tappeto sul serio, si sbilancia senza essere pericolosa e offre il fianco al contropiede varesino: al 13' Micai trova a metà campo Pompilio che porta palla in attesa del taglio puntuale di Ferreira alle spalle dei difensori bianconeri; l'assist è al bacio e il 4-1 è servito. A fissare il risultato sul definitivo 5-1 ci pensa invece Lazaar che, al 20', spicca il volo in area e gira in rete, di testa, il suggerimento dalla bandierina di Pompilio. Da qui al 90' non succede più nulla: Varese batte Juventus 5-1, i Mangia Boys sono in semifinale.

IL DOPOPARTITA – Nulla di meglio che rifilare un sonoro scappellotto alla blasonata Juventus per festeggiare; è il compleanno di Devis Mangia e i suoi ragazzi gli hanno fatto un regalo davvero speciale: «La cosa più bella che mi hanno detto a proposito dei miei ragazzi è il loro comportamento esemplare fuori dal campo: gli ospiti e lo staff dell'hotel dove alloggiamo mi hanno fatto i complimenti. Sono ragazzi eccezionali, e il campo l'ha dimostrato anche oggi: li ringrazio poi per gli abbracci ricevuti, a cui non sono abituato. Davvero un regalo di compleanno molto bello». Sulla partita: «In qualche occasione abbiamo concesso spazio, come sul 2-1, ma quando segni 5 gol, prendi due pali e ti presenti svariate volte davanti al portiere è normale concedere qualcosa». Chiusura sull'avversario della semifinale: in molti sperano nella rivincita contro la Fiorentina ma per il tecnico non c'è differenza: «Non mi interessa chi incontreremo in semifinale. L'unica cosa importante è che il Varese è tra le migliori quattro squadre Primavera: a pensarci mi viene da ridere».
Giro d'onore anche per Daniel Ferreira, rientrato alla grande dopo un lungo e fastidioso infortunio, che commenta così la partita: «Gara davvero difficile: la Juventus è una grande squadra ma noi siamo più forti. Abbiamo giocato facile, a due tocchi, e abbiamo realizzato cinque gol». Ottima la prova di Rivaldinho in un ruolo mai ricoperto prima quest'anno: «Ho parlato con il mister e gli ho detto che me la sentivo di giocare davanti. Sono contento per la mia doppietta, certo è più facile se giochi con Pompilio che ti mette sempre davanti alla porta».

Varese-Juventus 5-1 (2-1)
Marcatori: Miceli (V) al 21' pt, Pompilio (V) al 25' pt, Giannetti (J) al 38' pt; Ferreira (V) al 2' st, Ferreira (V) al 13' st, Lazaar (V) al 20' st.

Varese (4-4-2): Micai; Toninelli, Miceli, Bianchetti, Marchi; Jadilson, Scialpi (Barberis dal 24' st), Wagner, Lazaar (Serrano dal 41' st); Pompilio, Ferreira (Maio dal 15' st). A disposizione: Belenzier, Bassi, Gaeta, Samba. All. Mangia.

Juventus (4-3-3): Costantino; Romano, Sorensen, Esposito, Liviero; Belcastro, Giandonato, Buchel; De Silvestro (Spinazzola dal 14' pt), Giannetti (Libertazzi dal 17' st), Boniperti (Corticchia dal 25' st). A disposizione: Branescu, Belfasti, Margiotta, Rubin. All. Bucaro.

Arbitro: La Penna di Roma 1 (Mostafa di Roma 1 e Raparelli di Albano L.).
Note. Ammoniti: Wagner e Pompilio (V), Sorensen (J). Angoli: 6-6; fuorigioco: 4-4; tiri (in porta): 16 (12) - 11 (5); falli: 22-20.
Gabriele Galassisport@varesenews.it

FONTE: VareseNews.it


Torneo di Viareggio 2011: arriva la Primavera FEB 21
Sessantatre anni di fenomeni: la Viareggio Cup non può deludere nemmeno stavolta. Oltre 1.150 giocatori per 48 squadre (31 italiane e 17 straniere), 87 partite in tutto, più di 400 tra tecnici, accompagnatori e dirigenti e 68 arbitri. La grande macchina del torneo giovanile più prestigioso che c‘è, al via da oggi, 21 febbraio, fino al 7 marzo, è in moto.

Ecco le squadre del Gruppo A. Girone 1 – La favorita, neanche a dirlo, è la Juventus campione in carica. Oltre alla coppia d’attacco Niccolò Giannetti (‘91) e Alberto Libertazzi (‘92), attesissime le mezzali Carlo Ilari e Marcel Buchel come il centrocampista Filippo Boniperti. Da non sottovalutare, però, il Varese, al comando del girone B del campionato Primavera, che vanta, tra gli altri, la presenza del brasiliano Daniel Ferreira (‘91) e del bomber Giuseppe De Luca (14 gol), un’apparizione in Serie-B (Grosseto) e una in Coppa Italia. Completano il quadro i belgi del Bruges e gli statunitensi del New York.

Girone 2 – ...
Giorgio Burreddu

FONTE: GuerinSportivo.it


Prima Squadra
La Sestese si aggiudica il derby con la Solbiatese
25/04/10
Grazie al gol di Magnoni al 7' del primo tempo, al Sestese legittima una buona prestazione e si aggiudica 3 punti pesantissimi in chiave salvezza.
Partita nervosa ma ben giocata dalla Sestese, che in un paio di occasioni sfiora il raddoppio con Ferreira.
Domenica prossima trasferta importantissima a Caravaggio, per tentare di uscire dalla zona play-out, sempre più corta ed incerta.

Prima Squadra
Sestese pronta all'esame Borgosesia
24/03/10
SABATO 27 FEBBRAIO, gara importantissima per la Sestese: trasferta a Borgosesia che mette in palio, per le due formazioni, tre punti fondamentali in chiave salvezza.
Mister Roncari, non avrà a propria disposizione Ferreira (per lui ancora un turno di squalifica da scontare), ma conta sul ritorno degli squalificati di domenica scorsa.
Sestese che dovrà cercare di dare continuità alle recenti buone prestazioni, soprattutto fuori casa.
Il Borgosesia, anch'esso invischiato nella parte bassa della classifica, è reduce dalla vittoria di Solbiate, e ultimamente si sta dimostrando squadra davvero ostica.
L'appuntamento è per Sabato 27 Febbraio ore 14.30 al Comunale di Borgosesia in via Marconi n° 1.

Prima Squadra
Prossimo avversario: Alzano Cene
17/03/10
La Sestese aspetta i bergamaschi dell'Alzano Cene, squadra molto ambiziosa attualmente terza forza del campionato e in piena corsa play-off. Per i nostri, sarà invece una buona occasione per tentare di mettere in cascina tre punti che sarebbero pesantissimi in chiave salvezza. Mister Roncari non potrà schierare Adzaip e Tasso (recidività di ammonizioni) e Ferreira (due gare di squalifica a suo carico, dopo l'espulsione a Pizzighettone). L''Alzano non avrà a disposizione, sempre per squalifica, Michele Rota, difensore classe 1991.
L'appuntamento è per DOMENICA 21 MARZO alle 14.30, allo Stadio "Alfredo Milano" di Sesto Calende: NON MANCATE!!

Prima Squadra
La Sestese espugna Pizzighettone!
14/03/10
Ottima prestazione di squadra della Sestese, che grazie alle reti di bomber Magnoni e di "Rivaldinho" Ferreira, si impone nella difficile trasferta di Pizzighettone. Bella reazione dei nostri dopo il momentaneo pareggio dei padroni di casa. Espulsi nella ripresa Bottini per doppia ammonizione e lo stesso Ferreira per una presunta gomitata ai danni di un'avversario.
Domenica prossima sfida in casa contro il quotato Alzano Cene.

Prima Squadra
Cantù - Sestese 0 - 3!
28/02/10
La Sestese dilaga a Cantù, grazie ad una prestazione convincente. Una vittoria davvero pesante in chiave salvezza, legittimata nel primo tempo e ben gestita nella ripresa: vantaggio biancazzurro al 6' minuto con Fusco abile ad insaccare in mischia dopo azione di calcio d'angolo. A questo punto il Cantù accusa il colpo e la Sestese in superiorità numerica per le espulsioni di Spaggiari e Testa, raddoppia: allo scadere del primo tempo, infatti, ci pensa Magnoni a sfruttare il lancio di Cancellotti, e a saltare il portiere avversario insaccando. La ripresa è ben giocata dai nostri, e al 20' un bella azione sull'asse Confeggi - Ferreira permette al bomber argentino di portare a tre le marcature biancazzurre.
Domenica prossima sfinda in casa contro una Colognese in gran forma, reduce oggi dalla goleada ( 5 - 0) contro l'Olginatese.

Prima Squadra
Sestese - Varese 0:6 (0:1)
04/01/10
Regge bene per una ora la Sestese di Roncari contro un Varese già in buona forma. I biancoazzurri mettono più di una volta in difficoltà la squadra di Sannino attualmente terza in classifica di Lega Pro. Buone la prove del nuovo arrivato Daniel Ferreira "Rivaldinho" e del rientrato Mauri dopo il lungo stop causa infortunio.
Mercoledì 6 Gennaio alle 14.30, amichevole in trasferta contro la Vergiatese, in vista dell'importante appuntamento di domenica contro la capolista Tritium.

Prima Squadra
Il 3 Gennaio amichevole con la prima squadra del Varese
28/12/09
Continua senza sosta la preparazione invernale della Sestese: amichevole di prestigio DOMENICA 3 Gennaio in casa contro il Varese di mister Sannino, attualmente terza in classifica nel campionato di Lega Pro (Serie C1).
Nell'occasione mister Roncari potrà schierare il nuovo arriavato Daniel Ferreira per gli amici "Rivaldinho", giovane esterno classe '91 proveniente proprio dal Varese.

FONTE: USSestese.com


MERCOLEDÌ 23 DICEMBRE 2009 23:33
Colpo Sestese, arriva "Rivaldinho"
SESTO CALENDE - La Sestese di Alberto Brovelli e Fiorenzo Roncari si tinge di carioca. E' stato acquistato nella giornata di ieri il centrocampista esterno, tutto estro e fantasia, Daniel Ferreira "Rivaldinho".
Così, infatti, è stato ribattezzato dai ragazzi del Varese con i quali si è allenato per circa quattro mesi.

TECNICA E VELOCITA'
Chi lo ha visto giocare lo descrive come un funambolo incontenibile dotato di grande tecnica e velocità. Con il suo arrivo, il tasso tecnico della squadra biancazzurra aumenta esponenzialmente. Giocherà sugli esterni, preferibilmente a sinistra anche se in un centrocampo a quattro potrebbe tranquillamente occupare il vertice alto dei quattro agendo anche da trequartista. Se si ambienterà velocemente "Rivaldinho" potrà essere l'asso nella manica della Sestese sulla strada che porta alla salvezza. Chissà che accoppiata con l'argentino Magnoni.
Pino Vaccaro

0 commenti:

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini