.

CREMONESE 1-2 HELLAS VERONA: Seconda vittoria consecutiva e risultato certamente meritato dopo un primo tempo superiore agli avversari ed una giusta 'remuntada' con RUSSO e LE NOCI!

Pubblicato da andrea smarso domenica 20 febbraio 2011 17:35, vedi , , , , , , , , , | Nessun commento

LE IMPRESSIONI
Altra gara entusiasmante dell'HELLAS che sotto di un gol riesce a completare la 'remuntada' in casa di una pretendente ai playoff.
La squadra di MANDORLINI, come nel posticipo contro la REGGIANA, gioca a calcio e riesce a rendersi pericolosa davanti e a correr pochi rischi dietro dimostrando fin dal primo minuto grinta e voglia di vincere: basteranno questi tre punti a dare il via alla rincorsa playoff? Io ci credo poco ma è bello vivere giornate come questa ogni tanto...

I migliori? Ancora una volta FERRARI è autore di una partita di spessore: protegge 1000 palloni la davanti, prende un sacco di fali e si propone come sponda a tutti i compagni che lo cercano; dov'è finito il 'pulcino bagnato' che poche settimane fa sembrava scendere in campo timido e spaesato? Boh... Meglio che stia alla larga almeno fino alla fine del campionato comunque!
Bravo anche BERRETTONI finchè il fiato ha retto: sulla sinistra ha trovato VITOFRANCESCO (un osso molto più duro del reggiano AYA) dando vita ad un bel confronto dal quale è uscito sicuramente bene; solito ordinato e concentrato ESPOSITO e putroppo solito HALLFREDSSON croce e delizia: fisicamente fa valere la sua presenza in mediana ma commtte molti errori nel passaggio e perdipiù se la prende con i compagni, atteggiamento che non paga: ritrovi serenità e calma.
Brutta partita di CECCARELLI: il rigore a sfavore è in gran parte colpa sua e MAIETTA non può far altro, è stato preso più volte in castagna nel cuore della difesa scaligera concedendo a CODA e JOELSON qualche palla di troppo... [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA]

GIOCO PRONOSTICI:
Punti pesanti per POSE Campione della 24^ Giornata, non tanto in valore assoluto quanto in valore specifico: sono 3 i punti che il quadricampione ARK cede all'immediato inseguitore il quale si trova ora a soli 3 punti dalla vetta!

Brutta giornata per GEX (ora a -10 dal penultimo in classifica generale) e sopratutto per BRIDGET sfigadòna con un solo punto.

Comunque i giochi non sono ancora fatti! Mancano ancora 10 partite ed i punti sono ancora tanti! Sotto dunque con le prossime giocate ;o)

CLASSIFICA DI GIORNATA
6 - Pose
5 - Gede, Sandro
3 - Ark, Bruni, Ciri, Martino, Mister Loyal, Smarso
2 - Gex
1 - Bridget

CLASSIFICA GENERALE
115 - Ark
112 - Pose
106 - Smarso
100 - Bruni, Sandro
096 - Martino
091 - Bridget
090 - Gede
087 - Ciri
084 - Mister Loyal
074 - Gex

CLASSIFICA PRECEDENTE
112 - Ark
106 - Pose
103 - Smarso
097 - Bruni
095 - Sandro
093 - Martino
090 - Bridget
085 - Gede
084 - Ciri
081 - Mister Loyal
072 - Gex

RECORD DI STAGIONE
Punteggio massimo in una giocata: Martino, Smarso (10)
Max. numero di pronostici azzeccati: Ark, Bridget, Martino, Mister Loyal (7)
Max. numero di risultati azzeccati: Martino, Pose, Smarso (4)
Punteggio minimo in una giocata: Ark, Bruni, Sandro (0)

ALBO D'ORO CAMPIONI
2009/2010 Martino
2008/2009 RobRoy
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)

HALLFREDSSON batte una bella punizione sulla testa di LE NOCI che crossa in area trovando RUSSO liberissimo che deposita in rete! E' il pareggio dell'HELLAS...Altra punizione di HALLFREDSSON che stavolta la tocca al vicino ESPOSITO che a sua volta tocca per l'accorrente LE NOCI: La botta e la palla che passa sotto ALDEGANI! Verona in vantaggio

CREMONESE 1-2 HELLAS VERONA
Giornata fredda e piovosa allo 'Zini' di Cremona.
Curva Sud trapiantata a Cremona con numerose bandierine gialloblù a spingere gli scaligeri.
ACORI schiera i grigiorossi col consueto 4-4-2 con ALDEGANI in porta VITOFRANCESCO, CREMONESI, STEFANI e RIZZI in difesa, SCAGLIA L., BACHER, FIETTA ed il pericoloso ex NIZZETTO in mediana e le due punte CODA e JOELSON.
Una squadra pericolosa la CREMONESE rinforzata dall'arrivo del centrocampista SCAGLIA dal TORINO ad agire con l'ottimo NIZZETTO.
Risponde l'HELLAS di MANDORLINI col 4-3-3 formato da RAFAEL in porta, centrali difensivi CECCARELLI e MAIETTA, SCAGLIA ed ABBATE a giocare sulle fasce sinistra e destra rispettivamente; a centrocampo (come previsto) rientra RUSSO a dar manforte in copertura ad ESPOSITO e HALLFREDSSON.
FERRARI, nonostante la febbre di cui ha sofferto in settimana, è ancora preferito a PICHLMANN al centro dell'attacco gialloblù che sulla sinistra usufruirà delle 'folate' del confermatissimo BERRETTONI e a destra cercherà l'estro del rientrante LE NOCI causa l'indisponibilità di NAPOLI.

VERONA che parte con il piglio giusto contro i padroni di casa e che in 7 minuti mettono i brividi due volte ad ALDEGANI prima con ABBATE che di testa chiama il portiere avversario al miracolo e, sulla successiva ribattuta, CECCARELLI vede il suo tap-in ribattuto dal palo poi con BERRETTONI che spara un missile da lontano neutralizzato non senza patemi da numero uno della CREMONESE.
I padroni di casa attendono e ripartono portando le occasioni da gol alla pari: al 9° NIZZETTO crossa in mezzo all'area dove JOELSON non riesce ad arrivare in tempo e SCAGLIA, sul possibile tap-in, vede il pallone uscire sul fondo.
Al 12° CODA su palla dal corner coglie la traversa sopra RAFAEL.
Ma è sempre l'HELLAS a fare la partita con la CREMONESE che incredibilmente rinuncia a giocare, si rintana nella propria metà campo ed affida le (rare) ripartenze ad inconcludenti lanci lunghi preda della difesa scaligera.
Il VERONA continua così a pungere con FERRARI, LE NOCI e BERRETTONI che al 35° prova la botta dalla distanza sulla quale ALDEGANI riesce a ribattere in qualche maniera.
Al 42° RUSSO viene contratto (a mio modo di vedere in maniera fallosa) a centrocampo, perde palla e c'è un cross apparentemente innocuo in mezzo all'area gialloblù: CECCARELLI in rovesciata cerca di allontanare la palla e invece finisce quasi per staccare la testa a SCAGLIA intervenuto nello stesso tempo ne approfitta l'accorente CODA che è atterrato da MAIETTA è rigore!
Batte STEFANI il difensore goleador che siede RAFAEL e deposita comodamente in rete: CREMONESE in vantaggio.


Lo svantaggio assolutamente immeritato non deprime i gialloblù che rientrano in campo fiduciosi e determinati: FERRARI appoggia per HALLFREDSSON che tira di sinistro ma ALDEGANI blocca bene a terra.
Al 51° arriva il meritato pareggio: l'islandese batte un calcio di punizione a 15 metri dall'area grigiorossa, la palla arriva a LE NOCI che incorna a centro area dove accorre liberissimo RUSSO e deposita in rete!
IL VERONA non si accontenta e continua a spingere concedendo qualche palla al contropiede avversario; su uno di questi NIZZETTO ci prova dalla distanza ma trova un buon RAFAEL che smanaccia sul fondo: pericolo scampato.
Arriva al 58° il vantaggio scaligero ancora da palla inattiva guadagnata per un fallo su BERRETTONI: HALLFREDSSON batte sul vicino ESPOSITO che la da ancora a destra a LE NOCI, botta dell'attaccante ex capocannoniere del campionato e incredibile papera di ALDEGANI con palla che passa sotto al guardiapali grigiorosso e fema la sua corsa in fondo al sacco: CREMONESE 1 VERONA 2!
La CREMONESE subisce il colpo e le sostituzioni di ACORI (SAMBUGARO per FIETTA, TOLEDO per JOELSON e COLACONE per NIZZETTO) non creano visibili effetti mentre MANDORLINI irrobustisce il centrocampo con PAGHERA al posto dell'esausto BERRETTONI e poi MARTINA RINI per RUSSO.
Finisce dopo 3 minuti di recupero con i butèi a festeggiare una delle poche soddisfazioni stagionali contro una squadra sicuramente importante: basterà nella corsa playoff? Io credo ancora di no ma è bello vivere giornate come questa ogni tanto...


DICONO
MANDORLINI «Alla fine volevo entrare in campo anche io, non volevo che questo risultato sfuggisse ancora una volta all'ultimo e nella ripresa negli spogliatoi l'ho fatto presente ai ragazzi: stavamo perdendo l'ultima occasione stagionale per dire la nostra e quindi ho cercato di scuoterli. La partita l'abbiamo sempre fatta noi come gioco, costruzione e conclusioni avremmo meritato anche di più comunque bene così, abbiamo vinto una partita importante anche se la classifica continuiamo a non guardarla: davanti a noi hanno vinto tutte, continuiamo a vivere alla giornata, ci mancano 6/7 punti sicuramente meritati e ormai cominciano a pesare oltremodo...
FERRARI? S'è messo in discussione, è cresciuto anche in condizione e convinzione, è un punto di riferimento importante per la nostra verticale e quindi tanti complimenti anche a lui.
Come mai RUSSO invece di MARTINA RINI? Volevo più peso là in mezzo al campo dove i loro esterni avrebbero potuto entrare e farci male in ogni caso hann fatto bene PAGHERA
» (TeleArena)
NIZZETTO «Bella partita! Nel primo tempo non abbiamo trovato le giuste contromisure al VERONA poi il rigore ci ha fatto trovare il vantaggio. Nel secondo tempo siamo partiti meglio ma i due gravi errori sui gol subiti ci hanno tagliato le gambe.
Il VERONA? L'ho visto bene, fa circolare bene la palla è aggressivo... Può ancora dire la sua a livello playoff. Noi oggi non siamo riusciti a far girar bene la palla il VERONA ci ha messo in difficoltà sopratutto nei primi 20 minuti.
La differenza in questo campionato la fa la continuità perchè c'è molto più equilibrio nel campionato e non c'è una squadra che ammazza il campionato, sia noi che i gialloblù possono rientrare in corsa
» (TeleArena)
MAGALINI diesse della CREMONESE «E' stata sicuramente una buona gara per la categoria con un VERONA forse leggermente superiore in fase di palleggio. Due buone squadre che hanno proposto un buon calcio. I playoff? Il VERONA grazie al risultato di oggi può acquistare entusiasmo e ritornare in corsa mentre per noi credo sia ormai finita» (TeleArena)
Il tecnico dei grigiorossi ACORI «Primo tempo molto positivo per entrambe le squadre con il VERONA un po' meglio nella gestione della palla, purtroppo nel secondo tempo siamo stati un po' ingenui in fase di palla inattiva e siamo stati puniti da due gol: in queste situazioni soffriamo... Peccato perchè nel secondo tempo potevamo ribaltare il risultato sopratutto sulle fasce dove abbiamo gente in grado di fare la differenza.
Stagione strana perchè due squadre come VERONA e CREMONESE non si trovano ai vertici, brutto stop per noi ma possiamo riprenderci è un campionato tutto sommato equilibrato a parte il GUBBIO che gioca sempre un calcio veloce e spettacolare ma ci sono 30 punti a disposizione e sia noi che il VERONA possiamo rientrare in corsa per i playoff
» (TeleArena)

L'album fotografico di Cremonese 1-2 Hellas Verona in aggiornamento...

ALTRE NEWS IN ALLEGATO
VITTORIA E PRIMATO PER LA BERETTI di COLELLA che vince contro i pari età del LECCO e si porta in testa alla classifica!

LE ALTRE DEL CAMPIONATO
Il GUBBIO fatica ma espugna il 'Brianteo', colpi esterni anche per il LUMEZZANE al 'Giglio' e del PERGOCREMA contro la SPAL di REMONDINA.
Vincono anche il RAVENNA sulla PAGANESE ed il COMO che s'impone sul SORRENTO.
0 a 0 fra BASSANO-PAVIA e ALESSANDRIA-SUDTIROL. Domani alle 20:45 la gara fra SPEZIA e SALERNITANA.

IN BREVE A PIÉ PAGINA
SERIE A:Il MILAN vince al 'Bentegodi' e tiene a distanza i nerazzurri. Vittoria di LAZIO e LECCE (sulla JUVE) e pareggio nel derby emiliano tra PARMA e CESENA. Incredibile il risultato al 'Marassi': dopo un primo tempo in cui la ROMA vince 3 a 0 si assiste ad un rocambolesco recupero del GENOA! Finisce 4 a 3... Nell'anticipo l'INTER vince di misura col CAGLIARI, polemiche per il gol del sorpasso realizzato da RANOCCHIA in netto fuorigioco.
SERIE B: Uno scialbo pareggio dell'ATALANTA a Reggio Calabria permette ai bergamaschi di conquistare la vetta solitaria della classifica grazie alle battute a vuoto di SIENA e NOVARA...
SLITTINO: Decimo mondiale per ZOEGGELER al sesto successo consecutivo a suon di record e medaglie!
SCI ALPINO: Sesta medaglia per l'ITALIA che con MOELGG conquista il bronzo nello speciale.

Radiografia del Gol gialloblù 2010/2011
GiocatoreAmic.CoppaCamp.Tot.
LE NOCI111719
PICHLMANN12-618
HALLFREDSSON1-45
ESPOSITO--33
FERRARI193224
SELVA5-16
RUSSO4-15
MANCINI1-12
MARTINA RINI--11
VERGINI--11
SCAPINI7--7
CANGI4--4
BERRETTONI4--4
TORREGROSSA3--3
GARZON3--3
PAGHERA1--1
VRIZ2--2
ABBATE1--1
SCAGLIA1--1

RASSEGNA STAMPA
Dallo spogliatoio
Cremonese-Verona: Le voci dallo spogliatoio
18:54 del 20 febbraio
Pomeriggio felice per il Verona, che sbanca in rimonta Cremona: dopo l'iniziale vantaggio della Cremonese su rigore trasformato da Stefani e concesso per fallo di Maietta su Joelson al 44', arrivano i gol veronesi al 51' con Russo su assist di Le Noci sugli sviluppi di una punizione e al 59' ancora con Le Noci direttamente su punizione.

CREMONESE
L'allenatore della Cremonese, Leonardo Acori: 'Abbiamo giocato un buon primo tempo, nella ripresa abbiamo preso gol lasciando liberi due giocatori del Verona e poi Aldegani ha sbagliato sulla punizione di Le Noci. Peraltro il fallo della punizione non c'era, me lo ha detto Cremonesi'.

VERONA
L'allenatore del Verona, Andrea Mandorlini: 'Vincere a Cremona non è facile, ora mancano pochi punti alla salvezza. A fine primo tempo eravamo arrabbiati perché non meritavamo di essere sotto. Ho visto un Verona organizzato e aggressivo'.
Alex Everet

FONTE: CalcioMercato.com


EDITORIALE TLP
"VISTO da GUFFANTI": il punto sulla giornata in 1^ Divisione
Riccardo Guffanti, Direttore Sportivo professionista, iscritto all´albo speciale Direttori Sportivi della F.I.G.C. e per diversi anni dirigente in club di Lega Pro è oggi Osservatore e Collaboratore dell´Udinese. Editorialista per TuttoLegaPro.com

21.02.2011 13:05 di Riccardo Guffanti
Ventiquattresima giornata, bye-bye è la cartolina di saluti spedita dal Gubbio alle altre squadre del girone A e dalla Nocerina alle altre del girone B. Vittoria a Monza per 2-3 da parte della squadra umbra allenata da mister Torrente e visto che l'inseguitrice Sorrento " cade " in riva al lago di Como per 3-2, sono ora ben 10 i punti di distacco; nel girone B, anche se non perde ulteriore terreno il Benevento, che vince in trasferta sul campo della Ternana per 1-3, con l'ennesima vittoria, 0-1 ad Andria, la Nocerina mantiene inalterato il suo già precedente corposo vantaggio, di 12 punti.

Che bel guaio che si sono costruiti le capo classifica (ovviamente sto ironizzando ...), con questo vantaggio, se dovessero perdere il campionato (anche se si suol dire che nel calcio può succedere di tutto), come sarà spiegato ai propri tifosi? Credo proprio che per quanto riguarda il passaggio diretto in serie B i discorsi siano effettivamente quasi del tutto chiusi e che bello spot per questa categoria spesso bistrattata dove si evidenziano facilmente le situazioni di difficoltà rispetto alle tante positive, con società ben organizzate e ben gestite sia tecnicamente che economicamente, da una parte una filosofia vincente basata sopratutto sui giovani e su una gestione oculata, quella del Gubbio e dall'altra (vedi i rossoneri Molossi) una società altrettanto seria e ben strutturata con una rosa più esperta rispetto a quella umbra. Come dire che per vincere ci sono più strade da poter percorrere, ma alla base ci deve stare assolutamente la serietà professionale e il buon senso che è il fare le cose che ci si può permettere, ma con massimo equilibrio e correttezza nei confronti di tutti, sia interni alla società che agli esterni, i tifosi sopra tutti.

Nel girone A, dietro a Gubbio e Sorrento, ancora una volta la conferma che si va a rilento e ciò rende avvincente la corsa ai tre posti liberi per i playoff, stasera il posticipo tra Spezia e Salernitana determinerà se una ( la Salernitana ) può diventare la terza forza di questo girone o se in caso di vittoria della squadra spezzina anche essa può ripensare di rientrare nella corsa ai posti d'elite, quelli che ritorna a sperare lo stesso Verona che va a cogliere un successo importante sul campo della Cremonese, 1-2, e visto che Alessandria 0-0 con l'AltoAdige e il Bassano identico risultato con il Pavia ma sopratutto Reggiana e Spal che non riescono più a vincere ( 0-2 con il Lumezzane e 0-1 con il Pergocrema ) si è creata una situazione d'intasamento come numero di pretendenti ai playoff.
Ma occhio alla zona a rischio dove eccezione fatta per ora da Monza e Paganese , sconfitte entrambe e che rischiano una corsa a due per non retrocedere direttamente, le altre sono tutte più che vive, Como e Pergocrema su tutte, ieri due ottime prestazioni.

Fotocopia del girone A è il girone B, dove vi è affollamento dietro la capolista Nocerina. L'Atletico Roma ora mai non tiene più il passo, 1-3 sconfitto in casa con la Lucchese ed è superato dallo stesso Benevento e si avvicinano la sorprendente JuveStabia, 1-0 al Lanciano, la stessa Lucchese, l'imprevedibile Foggia , 0-4 nella trasferta di Viareggio, ma attenzione a Siracusa, 1-0 sulla Cavese, ma sopratutto al Taranto che batte 2-1 il Pisa e si ricandida ai piani alti della classifica, per tutte le altre credo sia rimasta la corsa alla salvezza, diretta e ovviamente indiretta.
Diciasette gare, 36 gol fatti, ma la curiosità è che solo 5 sono state le squadre che hanno vinto tra le mura dei propri campi, ancora tanti gol fatti da giocatori esperti ma segnalo volentieri che quest'anno rispetto al passato sono tanti i giovani che si stanno mettendo in evidenza, anche tra i bomber, vedi oltre ai già citati Insigne (Foggia), Ferrario (Monza), Eusepi (Pavia), Marco Sau attaccante del Foggia che ha realizzato in questo 24° turno la sua tredicesima segnatura. Anche per lui l'attenzione dei tanti osservatori delle squadre di B e serie A che seguono domenicalmente ii campionato di Lega Pro.

FONTE: TuttoLegaPro.com


Lunedì 21 Febbraio 2011
Ferrari gran trascinatore, Maietta super in difesa
RAFAEL 6
Rischia poco, è attento su Nizzetto.
ABBATE 6,5
Dalle sue parti non si passa: coriaceo davvero.
CECCARELLI 6
Pasticcia sul rigore della Cremonese, poi si riprende.
MAIETTA 7
Comandante della difesa. Presenza insostituibile la sua.
SCAGLIA 6
Qualche incertezza, ma cresce con il passare dei minuti, facendo valere l’esperienza.
RUSSO 6,5
Un diesel. Segna il gol che rilancia l’Hellas (33’ st Martina Rini ng).
ESPOSITO 6,5
Dirige l’orchestra con piglio, senza rallentare mai la manovra.
HALLFREDSSON 6
Accusa qualche momento di deconcentrazione, comunque se la cava.
LE NOCI 7
Assist per l’1-1, e firma il gol del 2-1: accende il Verona con giocate ad effetto.
FERRARI 7,5
Sontuoso lavoro per la squadra. Difende decine di palloni, gli manca solo la rete. Bravo.
BERRETTONI 6
Va a sprazzi, la condizione fisica è ancora da trovare e si sapeva ( 26’ st Paghera 6,5: entra senza timori, grande personalità). (M.Pad./ass)

Lunedì 21 Febbraio 2011
Russo e Le Noci firmano una vittoria preziosa: il Verona a tre lunghezze dalla zona che conta
L’Hellas sbanca Cremona e vede i play off

di Mario Padovani
CREMONA - Verona vero. Quello che non ti aspetti neanche più, forse, ma che, sotto sotto, avevi già intuito nella partita vinta con la Reggiana. Squadra che va, l’Hellas, che rivede i play off, ora lontani solo tre punti. Squadra che, allo Zini, manda in bambola la Cremonese, rimontando con i gol di Russo e Le Noci lo svantaggio beffardo (rigore trasformato da Stefani, dopo un pastrocchio tra Ceccarelli e Scaglia che costringe Maietta a stendere Joelson).
Andrea Mandorlini mette gli uomini giusti nei posti giusti. Si liscia la chioma grigia, dopo il 2-1 con i grigiorossi, e dice. «Siamo stati bravi a ribaltare una situazione che avevamo creato noi. Come gioco, occasioni e costruzione della manovra siamo stati superiori. Una vittoria importante: siamo venuti a Cremona per questo, abbiamo centrato l’obiettivo, prendendoci tre punti che contano».
Meglio non guardare la classifica, però. E Mandorlini sbotta. «Non badiamoci. Vedo che dietro hanno vinto praticamente tutti...». Un Verona che è salito sulle spalle di Nicola Ferrari. Lui, a trascinare l’Hellas. Lui, a ricevere i complimenti del tecnico. «Gli vanno riconosciuti i meriti per come e per quanto è cresciuto. Un giocatore che ci dà grandi riferimenti là davanti».
La svolta? All’intervallo, quando i gialloblù erano sotto, per un risultato iniquo. Racconta Mandorlini. «Non posso dirvi quello che ho detto. Stavamo perdendo e non doveva essere così». Il futuro? «Andiamo avanti di giornata in giornata, senza fare calcoli. Un passo per volta, come stiamo facendo in questo momento, che va bene così». (ass)

FONTE: Leggo.it


Cremonese - Verona 1-2
Ora i play off sono proprio un miraggio, mentre i play out sono dietro l'angolo. La Cremonese perde la gara che poteva far sognare i tifosi grigiorossi, contro un Verona ben messo in campo e con quella grinta che oggi è proprio mancata ai ragazzi di Mister Acori. La Cronaca: i giallo blu partono forte ed al 4° minuto hanno subito un'occasione ghiotta per passare in vantaggio, ma prima Aldegani e poi il palo negano la gioia al numero 9 del Verona Ferrari. Poi al 7° minuto ci prova Berrettoni che da fuori area fa partire un missile, ma è pronto Aldegani a respingere. La Cremonese è in difficoltà e cerca di reagire.
Al 9° minuto su cross di Nizzetto, Coda spizzica la palla di testa e manda di pochissimo a lato e quattro minuti più tardi è lo stesso attaccante grigiorosso a colpire la traversa sempre di testa dopo una punizione calciata da Scaglia. Nella fase centrale del primo tempo le due squadre si combattono soprattutto al centrocampo e poche saranno le occasioni da entrambe le parti. Allo scadere della prima frazione di gara, Joelson viene atterrato in area e l'arbitro dichiara il calcio di rigore per i grigiorossi. Al 44° dal dischetto Stefani spiazza De Andrade.
Si va cosi al riposo con la Cremonese in vantaggio, un vantaggio che fa ben sperare, ma la speranza dura poco e cosi' già al 6° minuto della ripresa punizione di Hallfredsson dalla trequarti, sponda di testa di Le Noci, Russo da due passi insacca. E' il pareggio del Verona.

La Cremonese reagisce subito con un gran tiro di Nizzetto dal limite, ma l'estremo difensore del Verona è bravissimo a deviare la palla in angolo. Al 14° arriva il raddoppio del Verona. Tiro rasoterra di Le Noci da fuori area, papera incredibile di Aldegani che si lascia passare la palla sotto la pancia. Acori comincia con i cambi, ma purtroppo non daranno nessun esito positivo ad una squadra che oggi ha dimostrato tutti i suoi limiti. Solitamente non facciamo mai le pagelle dei giocatori, ma oggi un 4 a Bacher e ad Aldegani non glielo leva nessuno.

Tabellino
CREMONESE: Aldegani, Vitofrancesco, Rizzi, Stefani, Fietta (Sambugaro), Cremonesi, Scaglia, Bacher, Coda, Nizzetto (Colacone), Joelson (Toledo)
A disp.: Bianchi, Sales, Cattaneo, Pradolin
All.: Acori

VERONA: Rafael, Abbate, Scaglia, Esposito, Maietta, Ceccarelli, Le Noci, Russo (Martina Rini), Ferrari, Hallfredsson, Berrettoni (Paghera)
A disp: Caroppo, Vergini, Anderson, Pichlmann, Tiboni
All.: Mandorlini

ARBITRO: Viti di Campobasso
AMMONITI: Maietta, Nizzetto, Coda
ANGOLI: 3-2

La web Cronaca
48° Finisce la partita

45° 3 minuti di recupero

32° Sostituzione per il Verona esce Russo entra Martina Rini

32° Sostituzione per la Cremo esce Nizzetto entra Colacone

27° Ammonito Coda

26° Sostituzione del Verona esce Berrettoni entra Paghera

22° Sostituzione per la Cremo esce Joelson entra Toledo

21° Ferrari da centro area manda alto

16° Sostituzione per la Cremo esce Fietta entra Sambugaro

14° GOL DEL VERONA - Le Noci gran rasoterra da fuori area, la palla passa sotto il corpo di Aldegani e finisce in rete.

11° Ammonito Nizzetto

11° Gran botta di Nizzetto dal limite respinge in angolo De Andrade

9° Cross di Vitofrancesco dalla destra, Joelson di testa manda di poco a lato

6° GOL DEL VERONA - Punizione di Hallfredsson dalla trequarti, sponda di testa di Le Noci, Russo da due passi insacca.

1° Hallfredsson dal limite para a terra Aldegani

Inizia il secondo tempo

46° Finisce il primo tempo

44° GOL DELLA CREMONESE - Rigore per la Cremonese per atterramento in area di Joelson. Dal dischetto Stefani che spiazza De Andrade

37° Cross lungo di Rizzi, Cremonesi di testa, respinge a fatica De Andrade

34° Scaglia ( Ve ) cerca il pallonetto da fuori area, palla a lato

24° Tiro da fuori area di Esposito para Aldegani

13° Punizione di Scaglia dalla sinistra, Coda di testa prende in pieno la traversa. Buona la reazione della Cremo

9° Cross di Nizzetto dalla destra, spizzica di testa Coda, palla di un soffio a lato

7° Berrettoni da fuori area, respinge Aldegani, Verona molto agressivo in queste battute iniziali

4° Occasionissima Verona. Angolo, Abbate di testa, para Aldegani, la palla arriva a Ferrari, palo esterno

Inizia la partita

FONTE: E-CremonaWeb.it


RISULTATI E CLASSIFICHE
1^ Divisione girone A, risultati e marcatori di oggi [24^ giornata]
20.02.2011 16:25 di Claudio Gallaro
Cade il Sorrento a Como. Ne approfitta il Gubbio che supera il Monza all'ultimo respiro grazie a Borghese. Verona e Lumezzane corsare rispettivamente a Cremona e Reggio Emilia. Alessandria e Bassano bloccate sul pari.

Monza-Gubbio 2-3 35' Galano (G), 46' Iacopino (M), 47' Ferrario (M), 63' e 93' Borghese (G)
Reggiana-Lumezzane 0-2 8' e 56' Volpato (L)
Ravenna-Paganese 1-0, 58' P.Rossi (R)
Bassano Virtus-Pavia 0-0
Spal-Pergocrema 0-1 6' Caccavallo (P)
Spezia-Salernitana [domani ore 20:45]
Alessandria-Sudtirol 0-0
Como-Sorrento 3-2 3' aut. Terra (C), 30' De Giosa (S), 53' Maah (C), 72' Riva (C), 77' Bonvissuto (S)
Cremonese-Hellas Verona 1-2 44' rig. Stefani (C), 51' Russo (HV), 59' Le Noci (HV)

Prossimo turno (27 febbraio 2011): Pergocrema-Spezia; Salernitana-Spal; Paganese-Reggiana; Hellas Verona-Ravenna; Sudtirol-Cremonese; Gubbio-Como; Lumezzane-Bassano Virtus; Sorrento-Alessandria; Pavia-Monza.

FONTE: TuttoLegaPro.com


Mandorlini: "Pensiamo soltanto a fare punti"
20/02/2011 - 17:18
"Viviamo alla giornata, eravamo venuti qui per vincere e siamo stati bravi a centrare l'obiettivo. Era una gara difficile, la squadra ha meritato"
CREMONA - Soddisfazione da parte di Andrea Mandorlini al termine della 24a giornata di campionato, che ha visto i gialloblù imporsi sul campo della Cremonese. Il tecnico romagnolo ci tiene che i suoi continuino a volare basso, senza dar vita a facili entusiasmi: "Viviamo alla giornata, eravamo venuti qui per vincere e siamo stati bravi a centrare l'obiettivo. Era una gara difficile, la squadra ha meritato ed evidenziato voglia di acciuffare i tre punti. Vittoria importante, al di là della traversa di Coda avevamo sempre tenuto il pallino del gioco. Tutto dipendeva solo da noi, nella ripresa abbiamo cercato di essere più incisivi. La partita è stata chiusa sulle ali dell'entusiasmo, poco dopo il pareggio di Russo Le Noci ha battuto nuovamente Aldegani".

Guai a parlare di play-off, nonostante le tre lunghezze che separano l'Hellas dalla Salernitana quinta in classifica: "Siamo troppo lontani, pensiamo soltanto a fare punti. Avevamo preparato un tipo di partita, gli episodi favorivano gli avversari ma il risultato all'intervallo non era giusto. Da questo è stata costruita la vittoria".
Ufficio Stampa

Cremonese-Hellas Verona 1-2
20/02/2011 - 16:02
Secondo successo consecutivo per i gialloblù, che con Russo e Le Noci ribaltano il risultato dopo il penalty di Stefani in chiusura di primo tempo
CREMONA - In occasione della 24a giornata di campionato l'Hellas centra la 6a vittoria nella sua storia allo stadio "Zini": passati in svantaggio con un penalty di Stefani, i gialloblù hanno rimontato con il tap-in di Russo ed il destro dalla distanza di Le Noci. Seconda vittoria consecutiva per la formazione scaligera, che bissa quanto fatto nel girone d'andata con Ravenna ed Alessandria.

Mandorlini conferma nove degli undici scesi in campo dall'inizio sei giorni fa con la Reggiana: Russo sostituisce Martina Rini, Le Noci compone il trio d'attacco con Ferrari e Berrettoni. Acori risponde con Luigi Scaglia (4 reti nelle ultime due gare) a centrocampo insieme all'ex gialloblù Nizzetto, con Coda e Joelson davanti.

La battute iniziali sono di marca gialloblù: al 5' incornata di Abbate su servizio dalla bandierina di Le Noci, Aldegani respinge, Ceccarelli interviene per il tap-in colpendo il palo. Gli uomini di Mandorlini ci provano nuovamente con Berrettoni (7') che scocca il destro dai venti metri, pronta risposta dell'estremo difensore lombardo. La Cremonese non demorde e avanza il proprio baricentro: al 9' traversone di Nizzetto dalla sinistra, Coda devia di testa, Luigi Scaglia non riesce a mettere dentro da posizione defilata. I padroni di casa pareggiano il conto dei legni al 12': ancora Coda sugli sviluppi di un calcio di punizione impatta di testa, palla che sbatte contro la traversa.

Triangolazione dal limite tra Berrettoni ed Hallfredsson, l'islandese effettua un cross basso dal fondo, il tiro di Ferrari è contrato dalla difesa grigiorossa (19'). Al 33' tentativo di Le Noci dal limite dell'area, Aldegani controlla. Gli scaligeri si rendono pericolosi con Berrettoni al 35', quando l'ex Bassano Virtus stoppa di petto e colpisce di destro dalla distanza, Aldegani va coi pugni. Al 37' lancio dalle retrovie, stacco di testa in terzo tempo di Joelson, Rafael respinge. Calcio di rigore per la Cremonese al 43' per l'atterramento in area di Coda. Sul dischetto si presenta Stefani che spiazza Rafael regalando il vantaggio ai suoi.

In apertura di ripresa Ferrari appoggia per Hallfredsson, mancino rasoterra su cui si allunga Aldegani (47'). I gialloblù trovano il pareggio al 51': punizione col contagiri dell'ex Reggina, colpo di testa di Le Noci su cui Russo arriva prima di tutti da due passi. Grosso rischio per Ceccarelli e compagni al 53', con Nizzetto che crossa dalla linea di fondo senza che nessuno riesca nella deviazione decisiva. L'esterno scuola Hellas controlla al 56', converge e va al tiro ma Rafael manda in angolo. Sorpasso scaligero al 58': Berrettoni si conquista una punizione dal limite, Hallfredsson tocca per Esposito, palla per Le Noci che di destro batte Aldegani. Taglio in profondità di Ferrari (78') imbeccato dall'autore della seconda rete, appoggio dietro per Esposito chiuso da Cremonesi.

CREMONESE-HELLAS VERONA 1-2
Marcatori: 44' rig. Stefani, 51' Russo, 58' Le Noci

Cremonese: Aldegani; Vitofrancesco, Cremonesi, Stefani, Rizzi; Scaglia L., Bacher, Fietta (62' Sambugaro), Nizzetto (78' Colacone); Coda, Joelson (68' Toledo).
A disposizione: Bianchi, Sales, Cattaneo, Pradolin.
Allenatore: Leonardo Acori

Hellas Verona: Rafael; Abbate, Ceccarelli, Maietta, Scaglia M.; Russo (78' Martina Rini), Esposito, Hallfredsson; Le Noci, Ferrari, Berrettoni (71' Paghera).
A disposizione: Caroppo, Vergini, Anderson, Pichlmann, Tiboni.
Allenatore: Andrea Mandorlini

Arbitro: Marco Viti (Sez. arbitrale di Campobasso)
Note. Ammoniti: Maietta, Nizzetto, Coda. Espulsi: -. Recupero: 1'-3'. Spettatori: 3.358
Ufficio Stampa

Berretti, vittoria da primato
19/02/2011 - 18:08
La rete di Viviani permette ai gialloblù di vendicare il ko subìto col Lecco all'andata e scavalcare in classifica il Brescia, fermato dalla Tritium
SOAVE - La 21a giornata di campionato vede la Berretti di Colella vendicare il ko subìto per mano del Lecco nella gara d'andata e centrare il primo posto in classifica.

Grazie alla rete di Viviani, che ha deciso il match coi lombardi, i gialloblù hanno raggiunto quota 48 punti in classifica, scavalcando il Brescia bloccato sul 3-3 in casa della Tritium.
Ufficio Stampa

FONTE: HellasVerona.it




[OFFTOPIC]

SERIE A:Il MILAN vince al 'Bentegodi' e tiene a distanza i nerazzurri. Vittoria di LAZIO e LECCE (sulla JUVE) e pareggio nel derby emiliano tra PARMA e CESENA. Incredibile il risultato al 'Marassi': dopo un primo tempo in cui la ROMA vince 3 a 0 si assiste ad un rocambolesco recupero del GENOA! Finisce 4 a 3... Nell'anticipo l'INTER vince di misura col CAGLIARI, polemiche per il gol del sorpasso realizzato da RANOCCHIA in netto fuorigioco. SERIE B: Uno scialbo pareggio dell'ATALANTA a Reggio Calabria permette ai bergamaschi di conquistare la vetta solitaria della classifica grazie alle battute a vuoto di SIENA e NOVARA... SLITTINO: Decimo mondiale per ZOEGGELER al sesto successo consecutivo a suon di record e medaglie! SCI ALPINO: Sesta medaglia per l'ITALIA che con MOELGG conquista il bronzo nello speciale.
LA JUVE CADE A LECCE -VIDEO DELNERI: "MAI COSÌ MALE"
Domenica 20 Febbraio 2011 - 16:02
LECCE - Un pomeriggio da sogno per la squada salentina che nell'anticipo delle 12.30 batte una brutta Juventus allo Stadio di Via del Mare. Gli uomini di De Canio scendono in campo molto convinti, creando molte occasioni da gol e mantenendo il proprio portiere Rosati lontano dai pericoli bianconeri. Decisiva l'espulsione di Gianluigi Buffon dopo soli 12 minuti, per aver toccato la palla con le mani fuori dall'area. Da quel momento è un monologo giallorosso, con Di Michelle, Grossmuller e Mesbah che seminano il panico tra i difensori bianconeri. Il Lecce va in vantaggio proprio col laterale algerino Mesbah, pescato in posizione regolare da un lancio lungo e abile a trafiggere Storari. Nel secondo tempo la Juve non riesce ad uscire dall'incubo e soffre i rapidi cambi di fronte della squadra di De Canio. A raddoppiare ci pensa Bertolacci, che in apertura di ripresa è bravo a sfruttare l'assist di Di Michele. Poi inizia la girandola di cambi, entrano Toni e Del Piero ma la musica non cambia. Brutta battuta d'arresto per la Juve che veniva dalla vittoria contro l'Inter. Importante risultato per il Lecce che mette in banca tre punti fondamentali per la salvezza.

IL MILAN REGGE: 2-1 A VERONA. BENE LA LAZIO, OBLIO ROMA
Domenica 20 Febbraio 2011 - 17:18
Ultimo aggiornamento: 17:28
VERONA - Il Milan risponde alla vittoria dell'Inter e si riporta a cinquq distanze dai cugini. Vittoria sofferta della squadra di Allegri, che solo con un gol di Pato nel finale riuscita a superare il Chievo. Partita incredibile a Genova con i rossoblu di Ballardini che superano la Roma 4-3 dopo un match pieno di ribaltoni che inguaia la situazione già pessima di Ranieri. Vince la Lazio in casa col Bari, riproponendosi per la lotta Champions.Pareggi senza reti tra Samp e Fiorentina e tra Udinese e Brescia. Rocampolesco 2-2 tra Parma e Cesena.

INTER E BOLOGNA OK -VIDEO. GOL DI RANOCCHIA IN OFFSIDE
Domenica 20 Febbraio 2011 - 13:17
Un gol di Ranocchia in chiara posizione di fuorigioco regala i tre punti all'Inter contro il Cagliari. L'episodio all'8' di gioco quando Karjah conclude e non uno (Ranocchia), ma due (anche Thiago Motta) nerazzurri sono in offside. Diligente poi la squadra di Leonardo che, pur senza brillare tiene sotto controllo le sfuriate degli isolani verso la porta di Julio Cesar. Inter, ora, seconda in classifica.

SERIE B, VINCE IL LIVORNO FRENANO SIENA E NOVARA
Sabato 19 Febbraio 2011 - 19:58
ROMA - Risultati della 27/a giornata del campionato di calcio di serie B. A Bergamo: Albinoleffe-Padova 2-1 ad Ascoli: Ascoli-Portogruaro 1-0 a Cittadella: Cittadella-Venezia 0-1 a Grosseto: Grosseto-Empoli 2-1 (giocata ieri) a Livorno: Livorno-Novara 1-0 a Reggio Calabria: Reggina-Atalanta 0-0 a Sassuolo: Sassuolo-Crotone 2-0 a Siena: Siena-Piacenza 2-3 a Torino: Torino-Pescara 3-1 a Trieste: Triestina-Modena 2-2 Varese-Frosinone lunedì alle 20.45.

SCI, BRONZO NELLO SLALOM PER L'AZZURRO MOELGG
Domenica 20 Febbraio 2011 - 14:36
GARMISCH PARTENKIRCHEN - Manfred Moelgg ha conquistato la medaglia di bronzo nello slalom maschile, ultima gara dei Mondiali di sci di Garmisch. L'azzurro ha fatto segnare il tempo totale di 1:42.33. La medaglia d'oro è andata al francese Jean-Baptiste Grange con il tempo di 1:41.72 e l'argento allo svedese Jens Byggmark con 1:42.15. quarto, dopo un'ottima seconda manche, l'austriaco Mario Matt a +82, e quinto il canadese Julien Cousineau a +87. Buon settimo posto per l'altro italiano Cristian Deville con il tempo di 1:42.78. L'oro olimpico Giuliano Razzoli è caduto nella seconda manche.

SEI MEDAGLIE L'Italia chiude i Mondiali di sci di Garmisch con la sesta medaglia. La conquista Manfred Moelgg nello slalom maschile che ha chiuso la rassegna iridata. L'italiano, secondo nella prima manche dopo essere sceso con il numero uno, ha retto bene su una pista rovinata, ed ha chiuso terzo. Per l'Italia è la sesta medaglia nel corso dei Mondiali: soltanto nel 1997 la nostra nazionale ha fatto registrare lo stesso numero di podi.

SLITTINO, ZOEGGELER VINCE IL DECIMO MONDIALE -FOTO
Sabato 19 Febbraio 2011 - 17:05
ROMA - La nona l'aveva 'suonatà poco prima dei Giochi di Vancouver: un anno dopo sul gradino più alto del podio della coppa del mondo c'è sempre lui. L'eterno, immortale, l'inimitabile Armin Zoeggeler conquista il decimo trofeo di cristallo, perchè lo slittino ancora non conosce altri re: a 37 anni l'azzurro che ha imparato a scendere piedi a valle sulla slitta quasi prima di camminare centra a Sigulda, in Lettonia, la sua vittoria numero 54 nella tappa che gli vale l'ennesimo trofeo di una carriera senza fine. È la sesta coppa consecutiva quella vinta dal carabiniere di Foiana, e gli sarebbe bastato il terzo posto per avere la matematica certezza del trionfo: ma il Cannibale non si è accontentato e su una pista in cui ha già collezionato otto successi, si è preso la decima sfera (eguagliando il primato dell'austriaco Markus Prock), realizzando il record del tracciato nella manche d'apertura e ripetendosi nuovamente col tempo pi— basso nella seconda.

Stavolta alle sue spalle sono arrivati il russo Albert Demtschenko e il lettone Martins Rubenis, mentre Felix Loch, unico a poterlo insidiare nella classifica generale, si Š piazzato solo quattordicesimo. Si chiude così l'ennesima stagione record per lo slittinista azzurro, perchè appena tre settimane fa a Cesana Zoeggeler si è laureato campione del mondo per la sesta volta dopo cinque anni dall'ultimo titolo iridato conquistato a Park City nel 2005. Un successo su quello stesso budello ghiacciato che ai Giochi di casa di Torino 2006 lo avevano visto primeggiare per il secondo titolo olimpico della sua carriera. Insomma come Zoeggeler nessuno mai, o quasi: perchè è certo che il super eroe dello slittino è di fatto nel gotha dei più vincenti dello sport italiano e non solo.

Con sei mondiali, 5 medaglie olimpiche (di cui due d'oro), 54 vittorie in coppa del mondo e la decima sfera di cristallo in bacheca, il carabiniere resta il sovrano indiscusso della disciplina. L'uomo che parla poco, ma vince tantissimo, che ama la birra e le auto veloci e che ha cominciato a lanciarsi sul tobago a sette anni. L'Italia dello sport deve ringraziare la casa in montagna dove il piccolo Armin viveva: lì non arrivava nemmeno il pullman per andare a scuola e così lo slittinista in erba aguzzò l'ingegno, preparando muscoli e testa al suo futuro da campione. Che non conosce declino, perchè nell'ultimo decennio se si parla di slittino il nome è sempre Zoeggeler: ma lui alla gloria preferisce il basso profilo. E la famiglia, i figli Nina e Thomas su tutti. L'eroe della slitta, che ama i motori più del calcio, tifoso della formula 1 e di Michael Schumacher, guarda al futuro forte della sua imbattibilità: dice di essersi 'programmatò fino al 2012, e che per tirare fino alle Olimpiadi di Sochi, nel 2014, ci dovrà pensare. Magari ora con una spinta in più, guardando la sua decima coppa del mondo.

FONTE: Leggo.it

0 commenti:

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini