.

In Italia la gente in fuga dagli stadi. Popolo di comodi poltronacciari? No purtroppo! Ormai lo stadio è quasi solo politica e violenza...

Pubblicato da andrea smarso mercoledì 4 novembre 2009 21:57, vedi , , , , , , , , | Nessun commento

Lunedì notte, prima di farmi cullare meritatamente dalle braccia di Morfeo, mi è capitato di vedere Vespa su PORTA A PORTA, tema della serata: 'Pallone sgonfiato la TV lo salva'. Si parlava del fatto che il calcio italiano vede sempre meno gente negli stadi e si analizzavano i motivi di questo disinnamoramento delle persone nei confronti dello sport più praticato al mondo, presenti fra gli altri gli ex calciatori TARDELLI e RIVERA, il presidente del NAPOLI DE LAURENTIIS, il presidente della LAZIO LOTITO e giornalisti vari... Personalmente non vado più allo stadio perchè non riesco più a sopportare certi canti e certi comportamenti che con l'HELLAS nulla hanno a che fare (potete leggere qui la goccia che fece travasare il mio vaso) ma devo dire che mi ha schifato pure il proselitismo politico e l'ormai tipica situazione in cui la partita di calcio sembra non essere più il 'main event' ma piuttosto un mero mezzo di aggregazione. Alcuni mi hanno detto che è come l'avessi data vinta a quelli che, anche da queste colonne cerco nel mio piccolo di combattere... Io preferisco pensare di essermi preso delle ferie da un mondo che non è più il mio ma che un giorno tornerà ad essere quello che era oppure sarà destinato a chiudere completamente bottega: quel giorno vinceranno SKY(fo) e compagnia bella ma se andare allo stadio significa prepararsi domenicalmente alla guerra beh... Saremo tutti costretti ad amettere che forse, in fondo, sarà stato giusto così.

INCISO: Lunedì notte, prima di farmi cullare meritatamente dalle braccia di Morfeo, mi è capitato di vedere Vespa su PORTA A PORTA, tema della serata: 'Pallone sgonfiato la TV lo salva'. Si parlava del fatto che il calcio italiano vede sempre meno gente negli stadi e si analizzavano i motivi di questo disinnamoramento delle persone nei confronti dello sport più praticato al mondo, presenti fra gli altri gli ex calciatori TARDELLI e RIVERA, il presidente del NAPOLI DE LAURENTIIS, il presidente della LAZIO LOTITO e giornalisti vari... Personalmente non vado più allo stadio perchè non riesco più a sopportare certi canti e certi comportamenti che con l'HELLAS nulla hanno a che fare (potete leggere qui la goccia che fece travasare il mio vaso) ma devo dire che mi ha schifato pure il proselitismo politico e l'ormai tipica situazione in cui la partita di calcio sembra non essere più il 'main event' ma piuttosto un mero mezzo di aggregazione. Alcuni mi hanno detto che è come l'avessi data vinta a quelli che, anche da queste colonne cerco nel mio piccolo di combattere... Io preferisco pensare di essermi preso delle ferie da un mondo che non è più il mio ma che un giorno tornerà ad essere quello che era oppure sarà destinato a chiudere completamente bottega: quel giorno vinceranno SKY(fo) e compagnia bella ma se andare allo stadio significa prepararsi domenicalmente alla guerra beh... Saremo tutti costretti ad ammettere che forse, in fondo, sarà stato giusto così. [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]

Intervista a Francesco CANGIGiulianova 0-0 Hellas Verona 11^ Giornata di campionato (in aggiornamento)

DICONO:
RAFAEL sulla partita contro il GIULIANOVA «Siamo ancora in vetta, questo conta non è facile portare a casa risultato pieno da Giulianova, un campo troppo stretto, non si può giocare a pallone, noi ci abbiamo provato, non è stato facile ma abbiamo cercato fino all'ultimo la rete del vantaggio» (LArena.it)
CANGI «Ci aspettano sei gare importanti. Non pensiamo al Pescara ma a noi stessi. A Natale faremo le dovute valutazioni, per vincere il campionato serve continuità» (HellasVerona.it)
RUSSO la testa della squadra è già alla sfida col PESCARA? «Un passo alla volta prima dobbiamo fare i conti con il Marcianise. Giochiamo al Bentegodi, abbiamo un'occasione importante da sfruttare per vincere in casa e affrontare il Pescara più tranquilli» (LArena.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]

Butèi a Giulianova...Giulianova 0-0 Verona la sintesiDoppia occasione giallorossa

REMONDINA «Non conta essere primi adesso. I risultati delle altre non mi interessano; inoltre essere primi adesso non conta, i conti si fanno alla fine» (TGGialloblu.it)
CIOTOLA sulla prossima partita col REAL MARCIANISE «... Sono queste le partite più delicate. Io li conosco e li ho visti giocare. Anche se stanno attraversando un periodo non proprio felice, sanno proporre un buon calcio. Sarà meglio partire subito forte, segnare un gol e mettere la partita in discesa». E la sfida col PESCARA? «... Oggi è ancora lontana. Sarà una gara importante, certamente. Ricordiamoci, però, che non deciderà nulla. La strada è ancora lunga». (LArena.it) [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]


[ALTRE NEWS]
11^ GIORNATA DI LEGA PRO 1^ DIV. GIR. B: Sintesi, commenti e statistiche.
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO: Nel REAL MARCIANISE, prossima avversaria dell'HELLAS, squalificato POZIELLO.
COPPA ITALIA DI LEGA PRO: Con il POTENZA si gioca Mercoledì 11 Novembre alle 14:30 al BINTI. INFERMERIA GIALLOBLÙ: SELVA e COLOMBO ancora ai box, differenziato per CAMPAGNA e MASSONI. [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]


[IN BREVE]
VITA DA EX: Caio FERRARESE allo SPEZIA! Natale GONNELLA, ormai 33enne, in prova al COMO.
EURO 2016 E BENTEGODI: Tre progetti, enne assessori, MARTINELLI e CAMPEDELLI...
PALLAMANO: Tecnico pluridecorato impazzisce, entra in campo e blocca gli avversari poi l'ammisione: mi serve uno psicologo.
CALCIO&POLITICA: LA RUSSA 'difende' MOGGI ma fondamentalmente perde una buonissima occasione per stare zitto!
FORMULA 1: FERRARI 'annus horribilis'! FISICHELLA e BADOER deludenti ma anche RAIKKONEN e MASSA non hanno incantato; il problema era la F60 ma ALONSO è ottimista per il futuro. Mercato piloti Rubinio BARRICHELLO alla WILLIAMS. La BRIDGESTONE se ne va a fine 2010 la TOTOTA invece subito...
BASKET EUROLEGA: Colpaccio della ROMA ad ATENE.
GIOCHI INVERNALI DI VANCOUVER: Il portabandiera azzurro sarà il fondista Giorgio DI CENTA.
VOLLEY: Al mondiale per club l'ITAS TRENTO accede alle semifinali.
BASKET NBA: Nella notte di Halloween un pippistrello svolazza sul parquet degli SPURS, GINOBILI lo stende al volo. [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]


BASKET NBA: Nella notte di Halloween un pippistrello svolazza sul parquet degli SPURS, GINOBILI lo stende al volo.

GIOCO PRONOSTICI:
OOOhhh e 'stò giro me toca a mì ciò! Eehhh si si e tuti i altri i se taca 'drio ah ah el più bravo l'è POSE secondo a due punti, terzi ALE90HVR, BLACK, LUCKY, MARTINO e MISTER LOYAL. Sfigadon la BRI ;0) Hi hi hi...

In classifica generale la BRIDGET conduce sempre con 8 punti su MARTINO, incalzato ad un punto in meno da MISTER LOYAL... [COMMENTA in coda a questo post o sul Forum BONDOLA/=\SMARSA.]

CLASSIFICA DI GIORNATA
7 - Smarso
5 - Pose
4 - Ale90hvr, Black, Lucky, Martino, Mister Loyal
3 - Bruni, Robroy
2 - Gabri
1 - Bridget


CLASSIFICA GENERALE
52 - Bridget
44 - Martino
43 - Mister Loyal
41 - Ale90hvr
40 - Lucky
39 - Bruni, Pose
35 - Smarso
34 - Robroy
33 - Gabri
29 - Black


CLASSIFICA PRECEDENTE
51 - Bridget
40 - Martino
39 - Mister Loyal
37 - Ale90hvr
36 - Bruni, Lucky
34 - Pose
31 - Gabri, Robroy
28 - Smarso
25 - Black


RECORD DI STAGIONE
Punteggio massimo in una giocata: Mister Loyal (10)
Max. numero di pronostici azzeccati: Mister Loyal (7)
Max. numero di risultati azzeccati: Bridget, Bruni (4)
Punteggio minimo in una giocata: Bridget, Federico Montresor, Gabri, Lucky, Smarso (1)


ALBO D'ORO CAMPIONI
2008/2009 RobRoy
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)




Calcio Lega Pro 1/B – Il punto dopo l’11esima giornata di campionato
MILANO, 02 novembre 2009 – In attesa del posticipo serale tra Portogruaro e Ternana che chiuderà l’undicesima giornata del girone B di Prima Divisone di Lega Pro, il turno ha espresso delle sostanziali sorprese iniziando proprio dal rallentamento delle due teste di serie Pescara e Verona fermate entrambi sul risultato di parità.

IL PESCARA ED IL VERONA RALLENTANO – Adriatici e scaligeri che seguiranno con molta attenzione il match in programma al “Mecchia” di Portogruaro, infatti, nell’eventualità che i padroni di casa tirino un colpo gobbo alla Ternana, la squadra di mister Calori raggiungerebbe il duo in testa alla classifica a quota 23 punti riaprendo nuovamente la lotta per la prima posizione. Pescara che tra le mura amiche dell’Adriatico è costretto al pari da un buon Taranto, come al solito i biancoazzurri di casa vanno subito in vantaggio grazie al gol di ganci, ma poi nella seconda frazione di gioco vengono rimontati dal Taranto e dalla verve di un giovanissimo Russo che con la sua marcatura impatta la gara. Un’occasione sprecata per il Pescara anche alla luce del risultato di Giulianova, infatti, i “cugini” giallorossi fermano sul pari la squadra scaligera del Verona, una gara quella tra Giulianova e Verona che ha regalato emozioni e buon calcio dove è mancato solo il gol.

IL RIMINI RISALE ED IL COSENZA FRENA - A ridosso delle squadre piazzate nella parte alta della classifica si piazza anche il Rimini, i biancorossi di Melotti, infatti, con una gara fatta di grinta e lucidità archiviano con il minimo scarto possibile la pratica Ravenna e si portano cosi a quota 16 punti in piena zona play-off. Per una squadra che risale la classifica ce ne un’altra che rallenta provvisoriamente la sua corsa, ci riferiamo al Cosenza di mister Toscano che grazie alla classe dell’ex nazionale Stefano Fiore acciuffa un pareggio d’oro, Infatti, i lupi calabresi vanno sotto di un gol contro la Cavese, poi nella seconda frazione di gioco entra Fiore che in appena tre minuti confeziona il pareggio.

SPAL CORSARA CONTRO IL PESCINA – Ma il vero colpo gobbo della giornata lo mette a segno la Spal che espugna il campo del Pescina, la gara termina con il punteggio di tre a zero per gli ospiti e la squadra emiliana si conferma pericolosissima lontano dal pubblico amico avendo collezionato fino ad ora ben quattro pareggi, due vittorie e non avendo subito nessuna sconfitta.

IN FONDO ALLA CLASSIFICA – Nella ultime posizioni della classifica non resta che segnalare infine la rinascita del Potenza, che tra le mura amiche del “Viviani” doma un Foggia apparso spento conquista tre punti di platino si porta a quota nove ad aggancia proprio i satanelli pugliesi, il Real Marcianise e l’altra compagine pugliese dell’Andria. Real marcianise ed Andria che nel l’undicesimo turno trovano entrambe un pareggio interno rispettivamente con il Lanciano e con la Reggiana.
Giuseppe Di Fonzo – Itmsport

FONTE: SportEVai.it


HELLAS
Cangi fa il modesto «È merito di tutti se la nostra difesa subisce pochi gol»
Andrea Spiazzi Verona
I gialloblù dell'Hellas hanno iniziato la settimana di lavoro in vista della prossima gara: domenicaarriva alBentegodi il Real Marcianise, che con Andria e Potenza condivide il fondo della classifica. Berrettoni ha lavorato a parte perché leggermente affaticato, così come Campagna e Massoni. Sono rimasti a riposo Selva e Colombo. Quest'ultimo dovrebbe recuperare dall'attacco influenzale e già oggi tornare ad allenarsi. Anche il sammarinese dovrebbe tentare l'approccio col campo, in attesa che il polpaccio dia chiari segnali di ripresa. Francesco Cangi commenta ilbuon momentodella sua squadra: «Siamo soddisfatti, perché stiamo centrando gli obbiettivi prefissati.

Un motivo di orgoglio è quello di essere imbattuti - spiega il terzino - e il fatto che prendiamo pochi gol è merito non solo della difesa ma di tutta la squadra. Anchegli attaccanti in fase di non possesso palla contribuiscono a chiudere gli spazi, sacrificandosi. Poi c’è Rafael, per noi vero valore aggiunto ». Cangi, dopo Giulianova, guarda avanti: «Nelle prossime sei gare incontreremo Pescara, Taranto e Rimini, tutte pretendenti alla promozione: cercheremo di affrontarle con la mentalità vincente checi hacontraddistinto finora». Ieri il giudice sportivo ha intanto squalificatoGaetano Poziello del Real Marcianise.

HELLAS - PESCARA A TUTTO CAMPO LA SUPERSFIDA È GIÀ INIZIATA
Le capoliste ai raggi X>> Gran qualità per gli abruzzesi, i gialloblù sono più solidi. Diverse ma uguali. Si affronteranno il 16. Fra due settimane c’è lo scontro diretto: si gioca in Abruzzo
Andrea Spiazzi Verona
Hellas e Pescara a braccetto per un posto al sole. Le due squadre sinora dominatrici del campionato si stanno marcando a distanza, in attesa, il 16 novembre (posticipo serale del lunedì) di sfidarsi apertamente in Abruzzo. In mezzo i gialloblù, domenica prossima, affronteranno in casa il Real Marcianise mentre i pescaresi andranno a Cosenza. Il cammino delle due rivali è identico: 6 vittorie e 5 pareggi per entrambe.

Il Verona è forte della sua difesa quasi imperforabile coi soli tre gol subiti, mentre la squadra di Cuccureddu è stata infilata otto volte. A fronte di un attacco che vede l'Hellas a più uno (17 gol fatti contro i 16 degli abruzzesi) in questo momento, finisse il campionato, sarebbe Remondina ad esultare per la promozione diretta, data la miglior differenza reti e l'assenza di scontri diretti. La stagione ha ancora tuttavia molto da raccontare, ed il cammino è irto di insidie per entrambe. Se il Pescara potrebbe approfittare di un migliore approccio in tanti campi del sud, l'Hellas di contro ha i 10.500 abbonati in casa, cui si aggiungono ogni volta dai tre ai cinquemila paganti. Il tifo infuocato che i supporter gialloblù riescono ad effondere al Bentegodi, oltre che in trasferta (a Giulianova erano in trecento) spesso si rivela il dodicesimo uomo in campo.

Inoltre, ragionando per via squisitamente più tecnica, i Remo boys paiono sulla carta poter offrire al loro tecnico una rosa più ampia nella quale pescare di volta in volta il jolly. È già successo con Farias e con Colombo, ora sta accadendo con Rantier che può sostituire Ciotola se in condizione. La difesa, poi. Comazzi e Ceccarelli sono naturalmente intoccabili, ma dietro loro vi sono Anselmi e Massoni, un esperto che offre la massima garanzia ed un giovane che ha già debuttato con successo. I terzini Campagna e Bertolucci possono surrogare Cangi e Pugliese lasciando tranquilli mister e tifosi, il centrocampo è forse quello con meno qualità a supporto: vi sono però la quantità di Garzon e Diverse ma uguali Campisi e l'estro (ancora in buona parte da far valere) di Burato.

Il Pescara ha di base una rosa di grande qualità: i centrali Mengoni e Olivi con esperienze di categoria superiore, il centrocampo con l'atrettanta esperienza di Bonanni e Dettori, la qualità di Tognozzi e Gessa, senza dimenticare Verratti, giovanissimo (classe '92) di grande prospettiva. L'attacco dei biancoazzurri può infine disporre di Ganci, Sansovini (15 reti a Grosseto la scorsa stagione) e Artistico, con Zizzari (15 reti lo scorso anno a Ravenna) a fare da secondo di lusso nel 4-4-2 di Cuccureddu. Non c'è che dire, la sfida è aperta, e già il 16 novembre si potrà capire chi potrà mettere la testa avanti.

FONTE: DNews.eu


Mercoledì 04 Novembre 2009
Verona, è ancora allarme attaccanti: Colombo e Selva fermi ai box
VERONA - E’ ancora allarme attaccanti in casa Hellas. Anche ieri, alla ripresa degli allenamenti, infatti Selva e Colombo (nella foto) non si sono allenati. Il primo continua a lamentare una distrazione al polpaccio che ormai lo sta tediando da quindici giorni. Il secondo ha avuto un forte attacco influenzale che lo ha fermato proprio venerdì, alla vigilia della partenza per Giulianova.

E’ chiaro che Remondina spera di recuperare almeno uno dei due in vista del match di domenica con il Real Marcianise. E’ più probabile che sia Colombo a tornare a disposizione per primo. A riposo anche Campagna, Massoni e Berrettoni. (G.Vig./ass)

Mercoledì 04 Novembre 2009
Ciotola: «Sento che è arrivato il mio momento»
La punta dell’Hellas vuole mettersi in gioco: «Dualismo con Rantier? No, serviamo tutti»
di Gianluca Vighini
VERONA - Forse il vero Ciotola a Verona ancora non si è visto. O meglio: si è visto solo per uno sprazzo di questa stagione, quando però il campionato doveva ancora iniziare. Già, perché durante l’estate, il ritiro e le prime amichevoli stagionali, Ciotola (nella foto a sinistra) aveva fatto strabuzzare gli occhi ai tifosi dell’Hellas. Veloce, guizzante, capace sempre di saltare l’uomo. Ma è stato un fuoco di paglia. Poi è arrivata la dura realtà del campionato e Ciotola è finito dentro un tunnel da cui solo domenica scorsa ha messo la testa fuori.

Il riscatto. «Forse è vero - ammette Ciotola -, forse sono andato in forma troppo presto e poi non sono più riuscito a rialzarmi. Ho avuto qualche infortunio, ancora non ho reso abbastanza. Ma adesso sto decisamente meglio, sento che è arrivato il mio momento. Da ora in poi potrò essere molto utile al Verona».

Il dualismo. Tra le cause di una probabile involuzione di Ciotola, magari anche il “duello” a distanza con Rantier. «Lo escludo nel modo più categorico. Non temo la concorrenza. In questa squadra siamo sei attaccanti, tutti bravi, tutti all’altezza. Le scelte le fa il mister».

L’assenza della punta. Il Verona domenica a Giulianova ha giocato senza la punta centrale. E la squadra ne ha risentito. «E’ certo che sarebbero serviti - spiega Ciotola - se non altro perché di testa ci avrebbero fatto comodo. Ma la nostra partita mi è comunque piaciuta. Ce la siamo cavata bene». (ass)

Martedì 03 Novembre 2009
Remondina: «Avanti così, senza distrarci»
Dopo il pari a Giulianova, per l’Hellas c’è l’ostacolo Real Marcianise
di Gianluca Vighini
VERONA - Gli esami non finiscono mai. E l’ultimo in casa Hellas si è chiamato Giulianova. Un campo impossibile («Abbiamo giocato su un fazzoletto» ha detto Julien Rantier), un punto che tutto sommato non ha fatto gridare allo scandalo. «Avevo avvertito i ragazzi - dice mister Remondina (nella foto) -: il campo stretto, l’agonismo degli avversari, le difficoltà di una partita che abbiamo comunque cercato di vincere». Il Verona è stato penalizzato dall’assenze delle due punte centrali. Selva, messo ko da una distrazione muscolare al polpaccio e Colombo che è stato fermato invece dall’influenza. «Ed è stato un peccato - spiega ancora Remondina - perché era una gara perfetta per loro due. Con un punta centrale in area di rigore, forse avremmo potuto creare più occasioni da gol. Questo senza nulla togliere a Rantier, Berrettoni e Ciotola che hanno fatto un’ottima gara».

Intanto si avvicina sempre di più il duello con il Pescara, l’altra capolista del girone B. «Prima però pensiamo al Real Marcianise, un ostacolo duro da superare se non siamo concentrati e attenti» - conclude Remondina. Un altro esame da superare. (ass)

FONTE: Leggo.it


Hellas, solo pari ma d'alta quota
A Giulianova il Verona manca soltanto la rete ma resta in vetta.
... A Giulianova manca soltanto il gol, eppure l'Hellas che insiste in vetta e che bussa alle porte della serie B c'è eccome. Sfiora più volte il vantaggio, va vicino al gol almeno quattro volte, colpisce un incrocio dei pali con Rantier. In Abruzzo finisce 0-0, ma Remondina può essere soddisfatto. Perché la squadra è viva, perché costruisce occasioni da gol nitide con Berrettoni e Ciotola e perché il Giulianova spaventa Rafael solo con una traversa di Garaffoni e poi da quelle parti non si fa più vivo o quasi.

Il Pescara pareggia col Taranto, il Portogruaro sarà impegnato nel posticipo con la Ternana ma mal che vada potrà solo agganciare il primo posto: «Giulianova è un campo molto difficile – spiega Remdondina a fine partita – e aver pareggiato qui è sicuramente un risultato positivo. La squadra ha interpretato bene la partita, ci è mancato soltanto il guizzo decisivo, ma c'è stata anche molta sfortuna». Rafael guarda la classifica e sorride: «Per fortuna il Pescara non ha vinto, contava rimanere primi e ce l'abbiamo fatta, avanti così». Berrettoni ha ricordi freschi di Giulianova: «Su questo campo col Bassano ho perso la promozione, sarà difficile fare punti per tutti. Un pareggio buono, dobbiamo essere felici»...
Dimitri Canello

FONTE: CorriereDelVeneto.Corriere.it


3 Novembre 2009
Calcio Iª Div. B - 11ª giornata: il punto
di Marco Magli
Verona a Pescara continuano a pari passo a comandare la classifica, per entrambi un pareggio, la sorpresa della giornata arriva da Avezzano dove una Spal corsara fa a fettine il Pescina, unico colpo esterno della Domenica. Nel posticipo, dall’acquitrino del ‘Mecchia’, arriva la seconda vittoria consecutiva per la Ternana (unica senza pareggi), tre punti che consentono agli umbri di scavalcare il Portogruaro che sembra aver smarrito la via del successo, vittoria che manca da quattro turni. Molto importante la vittoria del Rimini nel derby romagnolo contro il Ravenna, successo che permette ai biancorossi di superare proprio i bizantini e issarsi al quinto posto in classifica, utile per disputare i play off.

Nella zona calda della classifica fondamentale vittoria per il Potenza del figliol prodigo Capuano, da quando il tecnico è tornato sulla panchina dei lucani i rossoblu hanno conquistato quattro punti in due gare, che affonda il Foggia. A questo punto la classifica è molto corta, ben otto squadre in tre punti, in fondo è bagarre con quattro compagini a chiudere la classifica.

Il Verona pareggia senza reti a Giulianova, confermando inviolata la porta fuori dal ‘Bentegodi’, ma la gara del ‘Fadini’ non ha comunque fatto mancare le emozioni, ventunesimo risultato utile consecutivo per gli scaligeri (comprese le ultime dieci gare della stagione passata) e punto ben accetto da Bitetto che si era presentato a questo difficile impegno con pesanti assenze. Non è ha approfittato il Pescara che, come gli era già accaduto diverse volte nell’arco di questo inizio campionato, non ha saputo gestire il vantaggio, alla rete di Ganci al 41’pt ha risposto il baby Russo, attaccante diciottenne, che al 20’st ha portato in parità i pugliesi, fermando di fatto a cinque la striscia di vittorie interne della truppa di Cuccureddu.

Il Rimini fa suo il derby di Romagna e si riaffaccia in zona play off proprio ai danni dei bizantini, una vittoria molto pesante per i ragazzi di Melotti (espulso al 45’pt per proteste), mattatore Docente al 32’pt, una bella reazione dopo la sconfitta di Terni, invece per il Ravenna è la terza sconfitta consecutiva in trasferta.

Colpo gobbo della Spal al ‘Dei Marsi’ di Avezzano ai danni di un irriconoscibile Pescina, gli estensi danno il meglio fuori casa dove sono imbattuti e hanno raccolto due vittorie. Tre punti che scacciano via i malumori e ridanno fiducia al tecnico Dolcetti, difeso sempre dalla Società (ma in caso di sconfitta si vociferava di un possibile approdo a Ferrara da parte dell’ex bolognese Cecconi) ma discusso e contestato da una buona parte della tifoseria.

Due pareggi con lo stesso risultato di 1-1 si sono verificati al ‘Lamberti’ tra Cavese e Cosenza e al ‘Degli Ulivi’ tra Andria e Reggiana. Una buona Cavese, che alla fine guadagna gli applausi del proprio pubblico, mette in grande difficoltà i silani e confeziona il quinto risultato utile consecutivo e mantiene il campo ancora imbattuto. Al vantaggio di Schetter al 30’pt risponde l’ex azzurro Fiore, appena entrato nella ripresa, anche i calabresi allungano la striscia positiva, sono quattro le gare utili di fila. Una buona Reggiana si fa rimontare in zona Cesarini e la gioia di conquistare la prima vittoria esterna è rimandata, alla rete di Rossi (al quarto sigillo), che si conferma come sempre tra i più positivi, ha risposto al primo minuto di recupero il difensore Sibilano.

La rocambolesca vittoria del Foggia a Reggio Emilia si è trasformata in un fuoco di paglia, i ‘satanelli’ non riescono a dare continuità a risultati positivi, al ‘Viviani’ escono con una sconfitta, ottimo il ritorno sulla panca lucana di Capuano, era dalla seconda giornata (Potenza- Andria 2-1) che mancava il successo. Il Potenza è sempre ultimo ma ora è in compagnia di altre tre squadre, lo stesso Foggia, il Real Marcianise e l’Andria. Pareggio ricco di reti tra Real Marcianise e Lanciano, i casertani per due volte in vantaggio si fanno recuperare, è il terzo pari nelle ultime quattro gare mentre per i frentani si tratta del sesto risultato utile di fila (cinque pareggi ed un successo) e squadra ancora imbattuta lontana dal ‘Biondi’.

FONTE: RealSports.it


03/nov/2009 09.24.44
Il Punto sulla Prima Divisione, Gir. B – Pescara e Verona non vanno oltre il pari
La Ternana fa il colpaccio a Portogruaro e sale al terzo posto.
Dopo cinque vittorie consecutiva all'Adriatico, il Pescara di Antonello Cuccureddu deve accontentarsi di un pari al cospetto di un buon Taranto che ha saputo reagire al vantaggio iniziale abruzzese di Ganci ed ha meritatamente raggiunto il pareggio con Russo nonostante abbia sofferto in un primo tempo dominato dai biancoazzurri. La matricola Giulianova, nonostante le numerose assenze, tiene testa alla capolista Verona ed impone il pari al Fadini alla formazione di Remondina. Partita equilibrata, con poche occasioni da reti e la spartizione della posta è sembrato il giusto epilogo.

In un campo reso praticamente impraticabile dalla pioggia, Portogruaro e Ternana hanno dato vita ad un incontro combattuto, anche se, viste le condizioni, di scarsi contenuti tecnici. Gli uomini di Calori subiscono la loro seconda sconfitta e scendono al quarto posto; per la Ternana di Baldassarri è festa grande, terzo posto a soli due punti da Verona e Pescara, potendosi vantare di essere la squadra con il maggior numero di vittorie (sette su undici gare disputate). Il derby romagnolo tra Rimini e Ravenna delude le aspettative dei tifosi presenti; sorride il Rimini che si aggiudica i tre punti grazie al gol di Docente che proietta gli uomini di Melotti al quinto posto in classifica, superando i gliallorossi che subiscono la loro quarta sconfitta. Botta e risposta tra Cavese e Cosenza che confermano il loro momento positivo dando luogo ad una bella sfida conclusasi senza vinti ne vincitori; i gol portano la firma di Schetter per i padroni di casa, mentre il pari degli uomini di Toscano è di Fiore.

La Spal formato esterno è di gran lunga superiore a quella incerta e balbettante nelle gare disputate al Mazza; seconda vittoria degli estensi in casa di un Pescina in crisi e con una difesa che ha subìto otto gol nelle ultime due gare. Schiavon e Bracaletti consentono alla Spal di salire a quota dodici, raggiungendo gli abruzzesi di Cappellacci, tecnico contestato a fine gara dai tifosi. L'Andria continua la sua striscia positiva conquistando un buon pareggio casalingo contro la Reggiana; emiliani in vantaggio con Rossi e pareggio pugliese giunto al novantesimo con Sibilano.

Ancora a secco di vittorie casalinghe il Real Marcianise che deve accontentarsi della spartizione della posta al cospetto di un Lanciano ben disposto in campo e che ha sempre ribattuto colpo su colpo alle offensive campane rimontando ben due volte lo svantaggio. D'Ambrosio e D'Apice in gol per i gialloverdi mentre i gol abruzzesi sono di Turchi e Sansone. Torna alla vittoria dopo due mesi il Potenza di Eziolino Capuano che batte il Foggia trascinandolo con se in ultima posizione in classifica in compagnia di Andria e Marcianise.

Domenica prossima turno favorevole per il Verona che ospiterà il Marcianise, mentre il Pescara sarà di scena a Cosenza in un incontro che nasconde mille insidie per gli uomini di Cuccureddu. Il Portogruaro cercherà il pronto riscatto a Ferrara contro una Spal che non ha mai vinto tra le mura amiche.
Riccardo Bonelli

FONTE: Goal.com


La Jovanese nel club delle società affiliate
GIOVANILI. Nuova collaborazione. Il sigillo è stato l'incontro di domenica tra le formazioni dei Pulcini, terminato 1-1

04/11/2009
Ciotola si gasa con i record: «È un Verona nato per vincere»
Chi va in fuga? Verona o Pescara? Forse tutte e due. Tira vento a Sandrà. Il sole scansa la pioggia, Nicola Ciotola fa fuggire via i cattivi pensieri. Vorrebbe andare in fuga anche lui. Palla al piede, palla in rete. Il gol un po' gli manca (ne ha segnato uno con il Lanciano). Ma fa niente. Meglio pensare al Verona, al Marcianise e alla sfida a distanza con gli abruzzesi. Fra poco più di dieci giorni, infatti, all'Adriatico andrà in scena la partita più attesa dell'anno. O, se non altro, del momento.

Ciotola, è vero che le manca il gol?
«Ne avessi fatto qualcuno in più sarebbe stato meglio per tutti. Ma l'inizio di stagione è stato comunque positivo. Oggi mi sento bene. Testa e fisico rispondono. Siamo pronti, sono pronto».
Per la fuga?
«È presto per parlare di fuga. Manca troppo alla fine della stagione. Il Verona ha lanciato sicuramente messaggi importanti. Ma devono succedere ancora tante cose».
È convinto anche lei che sarà sfida a due con il Pescara?
«Il Pescara è lì davanti con noi. Ha dimostrato di poterci stare. Ma dopo la vittoria a Portogruaro è tornata in corsa anche la Ternana. Non possiamo sottovalutarla. E io vedo bene anche il Rimini. Giocano un buon calcio, e molti giocatori arrivano dalla B».
Come si fa a restare davanti?
«Dobbiamo ripeterci. Dobbiamo fare e rifare le stesse cose che ci hanno permesso di finire in testa alla classifica. Credo che riuscire a chiudere il girone d'andata davanti a tutti potrebbe trasmetterci una grande carica».
Da ritoccare c'è qualcosa?
«No, il Verona deve mantenersi su questi livelli».
Lei?
«L'ho detto, magari qualche gol in più...».
La partita perfetta?
«Quella da ripetere? Il primo tempo contro il Pescina. Il Verona è stato devastante, ha proposto un grande calcio. Essere sempre così può metterci di andare lontano».
E la sua miglior prestazione?
«A Lanciano, non solo per il gol. Ma anche contro la Ternana. Anche lì avrei potuto segnare. Ma è tempo di guardare avanti. La speranza e la voglia è quella di diventare sempre più protagonista in questa squadra».
Senta, ma questa squadra può prescindere da Selva o Colombo?
«La punta che "spizza" e fa movimento può aiutare molto. A Giulianova due come Selva e Colombo avrebbero fatto molto comodo. Devo dire, però, che il Verona è formato da grandi individualità. Siamo tutti fondamentali, tutti importanti. E Remondina preme molto su questo tasto. Ci sentiamo tutti partecipi di un grande progetto».
Perdoni il gioco di parole: questo Hellas che non perde mai ha mai paura di perdere?
«E perché mai? Vincere aiuta. Ti fa stare a galla, ti mette addosso tanta forza. Spero che la sconfitta arrivi il più tardi possibile, magari nelle ultime giornate di campionato. Noi andremo sempre in campo per vincere e raccogliere il massimo».
Il Real Marcianise sembra essere la vittima sacrificale. Eppure...
«Eppure sono queste le partite più delicate. Io li conosco e li ho visti giocare. Anche se stanno attraversando un periodo non proprio felice, sanno proporre un buon calcio. Sarà meglio partire subito forte, segnare un gol e mettere la partita in discesa».
Poi ci sarà il Pescara. La sfida che tutti aspettano da tempo.
«Sì, ma oggi è ancora lontana. Sarà una gara importante, certamente. Ricordiamoci, però, che non deciderà nulla. La strada», ricorda Ciotola, «è ancora lunga».
Simone Antolini

Il Verona «formato trasferta» viaggia con la porta blindata
NUMERI DA RECORD. Ha incassato solo tre reti in undici partite, è la difesa meno battuta dalla serie A alla Lega Pro. I gialloblù hanno giocato sei gare in trasferta, hanno vinto tre volte, pareggiato altre tre e non hanno mai incassato gol
Un terzo di campionato è già in archivio, si possono fare i primi bilanci. I numeri confermano il buon cammino dell'Hellas che guida la classifica con il Pescara. Undici partite giocate per i gialloblù, ventitre punti in classifica con sei vittorie, cinque pareggi e nessuna sconfitta. Sono imbattutti anche i biancazzurri abruzzesi - che sfideranno Garzon e compagni nel posticipo in programma fra quindici giorni - ma il Verona ha giocato cinque partite in casa e sei in trasferta, ha vinto tre volte al Bentegodi e tre fuori, viaggia a + 1 in media inglese e questo è uno stimolo in più per una squadra che vuole recitare un ruolo da protagonista nel girone B della Prima Divisione.

I gialloblù - con 17 reti all'attivo - vantano anche il miglior attacco del girone e con tre gol al passivo si concedono il lusso di aver la miglior difesa dei campionati professionistici, dalla serie A alla Seconda Divisione. Tra l'altro ha incassato i tre gol in casa ma non ha mai raccolto palloni in fondo al sacco nelle sei trasferte che ha giocato nella fase iniziale del campionato: zero a zero a Cosenza, Reggio Emilia e Giulianova, uno a zero a Ravenna, due a zero a Potenza, tre a zero a Lanciano. Una marcia senza ostacoli, la conferma che l'Hellas «formato trasferta» viaggia con la porta blindata.

Rafael è uno dei grandi protagonisti. Ha saltato solo la partita con il Cosenza, ben sostituito da Ingrassia, ma poi ha sempre difeso con grande personalità la porta gialloblù. Anche a Giulianova s'è fatto rispettare, soprattutto nella fase finale del primo, quando Schneider c'ha provato da lontano e Garaffoni ha colpito il palo di testa. «Sul tiro da fuori ho visto la palla partire all'ultimo momento e ho solo pensato di metterla in angolo, era troppo pericoloso cercare di bloccarla perchè ha girato proprio davanti a me - racconta - sul colpo di testa di Garaffoni, ho visto che la palla andava a sbattere sul palo, l'ho accompagnata e poi ho cercato di respingerla il più lontano possibile».

Due grandi occasioni per i padroni di casa, ancora una volta è andata bene al Verona. «Un paio di episodi e nulla più - spiega - guardate che siamo stati noi veramente pericolosi, abbiamo costruito tre o quattro occasioni importanti, potevamo anche passare in vantaggio. Il pari finale sta più stretto al Verona che al Giulianova». Un piccolo passo avanti, il pareggio del Taranto a Pescara ha rivalutato il punto dell'Hellas in terra abruzzese. «Siamo ancora in vetta, questo conta - ammette Rafael - non è facile portare a casa risultato pieno da Giulianova, un campo troppo stretto, non si può giocare a pallone, noi ci abbiamo provato, non è stato facile ma abbiamo cercato fino all'ultimo la rete del vantaggio».

Ancora una volta la difesa gialloblù ha confermato la sua forza. Comazzi e Ceccarelli sono due giocatori che hanno esperienza da vendere, Cangi e Pugliese sono due Caterpillar sulle fasce. «Stiamo facendo molto bene - aggiunge Rafael - ma se non prendiamo gol il merito non è solo del portiere o dei difensori, tutta la squadra ci aiuta nella fase difensiva, abbiamo costruito un'organizzazione di gioco splendida». Adesso sotto con il Real Marcianise poi si penserà al posticipo con il Pescara, il big match che tutti aspettano. «Un passo alla volta - sottolinea Giuseppe Russo - prima dobbiamo fare i conti con il Marcianise. Giochiamo al Bentegodi, abbiamo un'occasione importante da sfruttare per vincere in casa e affrontare il Pescara più tranquilli».
Luca Mantovani

FONTE: LArena.it


04/11/2009 - 17:14
Coppa Italia Lega Pro, mercoledì si gioca alle 14:30
Definiti gli orari per la 1a giornata del Terzo Turno - Gironi di Qualificazione. I gialloblù ospitano il Potenza

04/11/2009 - 17:06
Sandrà: mercoledì doppia seduta per i gialloblù
Lavoro di forza, resistenza alla velocità e tattica al mattino, partitelle a tema nel pomeriggio

03/11/2009 - 15:34
Accrediti per R. Marcianise, ultime ore a disposizione
Le richieste per la prossima gara di campionato dovranno pervenire entro le ore 19:00 di giovedì 05/11/2009

04/11/2009 - 14:16
Tutti i numeri sul prossimo avversario, il R. Marcianise
La formazione campana ha raccolto in trasferta 7 dei 9 punti totali. Coi gialloblù nessun precedente, Tedesco miglior marcatore (3 reti)

04/11/2009 - 09:24
Hellas Verona-R. Marcianise, modalità di accesso allo stadio
La società invita tutti gli spettatori a recarsi allo stadio con congruo anticipo. Alle 13:15 l'apertura dei cancelli

03/11/2009 - 16:27
Cangi: "Ci aspettano sei gare importanti" - VIDEO
"Non pensiamo al Pescara ma a noi stessi. A Natale faremo le dovute valutazioni, per vincere il campionato serve continuità"

03/11/2009 - 16:41
Iniziata la preparazione in vista del Real Marcianise
Lavoro individuale per Berrettoni (leggero affaticamento), Campagna e Massoni. Ancora a riposo Colombo e Selva

03/11/2009 - 15:05
Giudice Sportivo, una giornata a Poziello del R. Marcianise
L'ex Benevento, che col Lanciano ha rimediato la quarta ammonizione stagionale, salterà quindi la sfida in programma domenica 8 novembre al "Bentegodi"

03/11/2009 - 11:49
On-line la cartella stampa di Hellas Verona-R. Marcianise
Scaricabili tutte le statistiche riguardanti la 12a gara di campionato dei gialloblù grazie al servizio di Virtualcalcio

03/11/2009 - 10:43
Giovanili: tutti i risultati del weekend
Si ferma a cinque la striscia di vittorie consecutive della Berretti, che impatta sullo 0-0 con la Spal. Ko degli Allievi Nazionali nel derby col Chievo

FONTE: HellasVerona.it

04/11/2009 15:23
Ciotola: Sto meglio, presto arriverà il mio momento
Nicola Ciotola alla prima stagione all'Hellas era partito alla grande, mostrando una condizione eccellente già dalle prime settimane di ritiro. Remondina l'aveva promosso titolare ma nelle ultime uscite l'ex attaccante dell'Avellino è sembrato un pò appannato: "E' vero, forse sono entrato in forma troppo presto e adesso la sto pagando, ma continuo ad allenarmi con serenità e sono convinto che presto arriverà il mio momento".

03/11/2009 17:06
Hellas, Selva e Colombo ancora ai box
Alla ripresa del martedì sono stati tenuti ancora a riposo Andy Selva e Corrado Colombo. Il primo è fermo ormai da quindici giorni a cuasa di una distrazione muscolare al polpaccio mentre il secondo non è stato convocato per Giulianova a causa di un attacco influenzale.

03/11/2009 16:42
Remondina: "Non conta essere primi adesso"
Il tecnico dell'Hellas Remondina non si scompone sebbene l'Hellas abbia mantenuto anche in questa giornata la testa della classifiva: "I risultati delle altre non mi interessano; inoltre essere primi adesso non conta, i conti si fanno alla fine".

03/11/2009 11:18
Verona-Pescara: ormai è una corsa a due
Il campionato sta delineando sempre di più il duello tra le due squadre. Il Portogruaro cade nel posticipo contro la Ternana (che vola al terzo posto), solo il Taranto (staccato comunque di otto lunghezze) può ancora inserirsi nella lotta.

FONTE: TGGialloblu.it




[OFFTOPIC]
VITA DA EX: Caio FERRARESE allo SPEZIA! Natale GONNELLA, ormai 33enne, in prova al COMO. EURO 2016 E BENTEGODI: Tre progetti, enne assessori, MARTINELLI e CAMPEDELLI... PALLAMANO: Tecnico pluridecorato impazzisce, entra in campo e blocca gli avversari poi l'ammisione: mi serve uno psicologo. CALCIO&POLITICA: LA RUSSA 'difende' MOGGI ma fondamentalmente perde una buonissima occasione per stare zitto! FORMULA 1: FERRARI 'annus horribilis'! FISICHELLA e BADOER deludenti ma anche RAIKKONEN e MASSA non hanno incantato; il problema era la F60 ma ALONSO è ottimista per il futuro. Mercato piloti Rubinio BARRICHELLO alla WILLIAMS. La BRIDGESTONE se ne va a fine 2010 la TOTOTA invece subito... BASKET EUROLEGA: Colpaccio della ROMA ad ATENE. GIOCHI INVERNALI DI VANCOUVER: Il portabandiera azzurro sarà il fondista Giorgio DI CENTA. VOLLEY: Al mondiale per club l'ITAS TRENTO accede alle semifinali. BASKET NBA: Nella notte di Halloween un pippistrello svolazza sul parquet degli SPURS, GINOBILI lo stende al volo.
VITA DA EX: Caio FERRARESE allo SPEZIA! Natale GONNELLA, ormai 33enne, in prova al COMO. EURO 2016 E BENTEGODI: Tre progetti, enne assessori, MARTINELLI e CAMPEDELLI... PALLAMANO: Tecnico pluridecorato impazzisce, entra in campo e blocca gli avversari poi l'ammisione: mi serve uno psicologo. CALCIO&POLITICA: LA RUSSA 'difende' MOGGI ma fondamentalmente perde una buonissima occasione per stare zitto! FORMULA 1: FERRARI 'annus horribilis'! FISICHELLA e BADOER deludenti ma anche RAIKKONEN e MASSA non hanno incantato; il problema era la F60 ma ALONSO è ottimista per il futuro. Mercato piloti Rubinio BARRICHELLO alla WILLIAMS. La BRIDGESTONE se ne va a fine 2010 la TOTOTA invece subito... BASKET EUROLEGA: Colpaccio della ROMA ad ATENE. GIOCHI INVERNALI DI VANCOUVER: Il portabandiera azzurro sarà il fondista Giorgio DI CENTA. VOLLEY: Al mondiale per club l'ITAS TRENTO accede alle semifinali. BASKET NBA: Nella notte di Halloween un pippistrello svolazza sul parquet degli SPURS, GINOBILI lo stende al volo.
04/11/2009 - h. 18:15
Como, Gonnella si allena col gruppo
Da martedì lo staff tecnico comasco sta valutando Natale Gonnella. A Orsenigo, infatti, si è allenato con il resto del gruppo il difensore 33enne che nell’ultima stagione ha militato con il Grosseto. Nel suo lungo curriculum agonistico, anche esperienze con Inter (la società in cui è cresciuto), Arezzo, Ravenna, Atalanta, Pescara e Verona.

FONTE: TuttoLegaPro.com


BASKET NBA: Nella notte di Halloween un pippistrello svolazza sul parquet degli SPURS, GINOBILI lo stende al volo.

Tre progetti per lo stadio ma il Comune gioca al ribasso
SPORT E POLITICA. Incontro fra assessori e Hellas e Chievo per la ristrutturazione del Bentegodi in vista di Euro 2016. L'amministrazione propensa a scegliere quello meno costoso, ora le società dovranno suggerire correttivi. Di Dio: «Ma se vogliono che l'impianto sia loro, lo comprino»

FONTE: LArena.it

Toyota, addio alla Formula 1. "La crisi globale ce lo impone"
La scuderia giapponese abbandona il circus mondiale. Lo ha annunciato il numero uno della casa, Akio Toyoda: "La crisi che attraversa il settore dell'auto impone severe iniziative. Le risorse a disposizione sono insufficienti per assicurare un team competitivo"

Di Centa portabandiera. L'Italia sceglie l'alfiere
A 100 giorni dall'inizio dei Giochi invernali di Vancouver il presidente del Coni Petrucci annuncia che sarà il fondista, re della 50 km a Torino, a sfilare con il tricolore

03.11.2009 14:38
E' ufficiale, Claudio Ferrarese nuovo centrocampista dello Spezia
Raggiunto in mattinata l'accordo con il centrocampista ex Cremonese; sarà a disposizione dall'allenamento di questo pomeriggio al Montagna

FONTE: ACSpezia.com

Roma, colpo ad Atene. È la terza vittoria di fila
La Lottomatica conquista in casa del Maroussi un'importante successo e resta in testa solitaria ala classifica del suo girone. In campo anche Montepaschi e Armani Jeans

Tecnico "impazzisce" e placca un'avversaria
Gunnar Prokop, allenatore del secolo e con 8 Champions vinte, ha bloccato un contropiede a pochi secondi dalla fine di un match. Poi le dimissioni: "Mi serve uno psicologo"

FONTE: Gazzetta.it

Calciopoli
LA RUSSA SI SCHIERA «FAREI DA AVVOCATO ALL’AMICO MOGGI»
Il ministro della Difesa Ignazio La Russa, tifoso interista, prende clamorosamente le difese di Luciano Moggi: «Capisco la parte sportiva di Calciopoli, ma non quella penale. Sarei anche pronto a fargli da avvocato se
esercitassi in tribunale».

FERRARI
MA ALONSO È SERENO: «LA ROSSA È GARANZIA DI SUCCESSO»
Prima Badoer poi Fisichella il vero problema era la F60. Il pilota romano ha deluso le aspettative, però anche
Massa e Raikkonen non hanno brillato nonostante conoscessero la vettura.

FORMULA 1
BARRICHELLO ALLA WILLIAMS
La Bridgestone spiazza tutti dopo il 2010 addio al circus

FONTE: DNews.eu

PIPISTRELLO VOLA IN CAMPO GINOBILI LO 'STENDE' -VIDEO
Era la notte di Halloween, per cui la sua incursione era quanto meno giustificata da motivi di calendario. Un pipistrello, durante la gara di Nba di sabato sera tra i San Antonio Spurs e i Sacramento Kings, ha deciso di fare un giro all'AT&T Center di San Antonio, in Texas, durante il primo quarto del match, finito poi 113-94 per gli Spurs. Gli arbitri hanno interrotto la partita per permettere a chi di dovere di catturare l'animale, che però continuava a svolazzare in giro per il palazzetto eludendo retine e asciugamani. Non ha però fatto i conti con Manu Ginobili, ex campione della Virtus Bologna e ora star degli Spurs, che con un colpo secco lo ha tramortito permettendo la ripresa del gioco. Il video dell'accaduto ha fatto il boom di contatti su YouTube.

FONTE: Leggo.it

0 commenti:

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini