.

Sabato il primo incontro fra la squadra ed il nuovo patròn MARTINELLI poi summit in sede HELLAS con FICCADENTI, il mister, PREVIDI e PRISCIANTELLI

SABATO PRIMO INCONTRO FRA LA SQUADRA E MARTINELLI: C'era anche FICCADENTI negli spogliatoi, il nuovo patròn ha parlato pochi minuti, solo per rassicurare tutti sulle serie intenzioni della nuova dirigenza. Accordi con REMONDINA: si vorrebbe intervenire in difesa, magari sulla fascia mancina ma è una corsa contro il tempo, si chiude stasera alle 19.00! Ma da CROTONE rimbalza la notizia che l'HELLAS avrebbe già fermato Archimede MORLEO, centrocampista interditore 26enne... Sarà vero? Beh non ci vorrà molto a scoprirlo! In tarda mattinata summit in sede, presenti oltre alla nuova proprietà, FICCADENTI, REMONDINA, PRISCIANTELLI, PREVIDI, MOLINARI e anche TERRACIANO (ex gialloblù 1985/1986 e ora diesse del CastelnuovoSandrà). LEONardino è il primo ad andarsene poco dopo e saluta ufficialmente «Il nostro dovere l'abbiamo fatto fino in fondo, noi la coscienza ce l'abbiamo a posto»; dopo quasi due ore esce REMONDINA «Abbiamo fatto il punto della situazione analizzato i problemi della squadra. La priorità? Cercheremo di limare e migliorare qualcosa. Inserire quello che serve. Non c'è molto tempo però. Se la società è solida le cose non possono che migliorare. In estate è stato fatto un buon lavoro, non servono stravolgimenti. Di quelli non abbiamo bisogno. Quello che può fare la differenza in questo momento è un'iniezione di entusiasmo, di fiducia. Senza queste componenti, noi le partite difficilmente le riusciamo a vincere». Alla spicciolata escono poi tutti gli altri: il mister va a pranzo con PRISCIANTELLI e FICCADENTI con REMONDINA. Il nuovo HELLAS stà già nascendo non c'è un istante da pedere!

Add to Technorati FavoritesHellas Verona Style BONDOLA SMARSA - BloggedPligg.it - Editoria Sociale a Ricavi Condivisi

SABATO PRIMO INCONTRO FRA LA SQUADRA E MARTINELLI: C'era anche FICCADENTI negli spogliatoi, il nuovo patròn ha parlato pochi minuti, solo per rassicurare tutti sulle serie intenzioni della nuova dirigenza. Accordi con REMONDINA: si vorrebbe intervenire in difesa, magari sulla fascia mancina ma è una corsa contro il tempo, si chiude stasera alle 19.00! Ma da CROTONE rimbalza la notizia che l'HELLAS avrebbe già fermato Archimede MORLEO, centrocampista interditore 26enne... Sarà vero? Beh non ci vorrà molto a scoprirlo! In tarda mattinata summit in sede, presenti oltre alla nuova proprietà, FICCADENTI, REMONDINA, PRISCIANTELLI, PREVIDI, MOLINARI e anche TERRACIANO (ex gialloblù 1985/1986 e ora diesse del CastelnuovoSandrà). LEONardino è il primo ad andarsene poco dopo e saluta ufficialmente «Il nostro dovere l'abbiamo fatto fino in fondo, noi la coscienza ce l'abbiamo a posto»; dopo quasi due ore esce REMONDINA «Abbiamo fatto il punto della situazione analizzato i problemi della squadra. La priorità? Cercheremo di limare e migliorare qualcosa. Inserire quello che serve. Non c'è molto tempo però. Se la società è solida le cose non possono che migliorare. In estate è stato fatto un buon lavoro, non servono stravolgimenti. Di quelli non abbiamo bisogno. Quello che può fare la differenza in questo momento è un'iniezione di entusiasmo, di fiducia. Senza queste componenti, noi le partite difficilmente le riusciamo a vincere». Alla spicciolata escono poi tutti gli altri: il mister va a pranzo con PRISCIANTELLI e FICCADENTI con REMONDINA. Il nuovo HELLAS stà già nascendo non c'è un istante da pedere!

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL NUOVO HELLAS Sarà composto oltre che da MARTINELLI, anche da:
- Davide BOVO 40anni a fine maggio laurea in matematica e specializzazione in corporale finance all'interno dello studio Belluzzo.
- Benito SICILIANO 45anni ad Agosto analista dei mercati finanziari e da tempo consulente fidato dell'imprenditore gardesano.
Da quanto si è appreso le linee guida della nuova amministrazione saranno guidate da passione e cuore ma anche una certa rigidità nella gestione complessiva. Fra gli elementi migliorabili, ha messo in scaletta anche quei cori che gettano discredito su tutta la tifoseria e che tra l'altro sono costati diverse sanzioni: «Con 10.000 euro di multa si pagano cinque operai», si è detto chiaro e tondo ieri in sede ad un certo punto. [COMMENTA]

Hellas Verona: Fotomomenti crosstime (immagini e foto dal web)


MARTINELLI: CHE NE PENSANO I GIOCATORI: PAROLO «Il primo messaggio che ha voluto recepissimo è la carica che lui ha dentro in questo momento. C'è molta positività in lui. Vuole che ripartiamo alla grande e noi faremo di tutto per accontentarlo. Già il fatto di avere una società nuova è un elemento importante, ci dà serenità dopo questi ultimi mesi in cui si erano rincorse mille voci». GARZON «L'impressione è stata ottima Martinelli è un veronese e si vede quanto a cuore abbia questa società. Con noi è stato chiaro, è evidente come non vedesse l'ora di iniziare. Avrebbe voluto farlo prima, ce l'ha detto, ma importante è che adesso sia qui e che tutti insieme cominciamo quest'avventura. Si vede che sa il fatto suo, nel calcio lui c'è dentro da tanti anni. Anche se il Castelnuovo è tra i dilettanti certe punti fermi li hai o non li hai comunque. E il presidente ha dimostrato di avere idee chiare». MORACCI «Magari un po' era anche emozionato anche per lui è una pagina nuova. Così come di fatto lo è per noi. Ci ha dato il suo in bocca al lupo, ci ha detto di continuare a impegnarci e di lottare per questa maglia. Ed è quello che faremo. Lui ci ha messo molto in questa operazione. Adesso tocca a noi» [COMMENTA]

I contributi filmati del TGGialloblù
- REMONDINA: BUON IMPATTO
- CORRENT: SIAMO TUTTI CONTENTI
- GARZON: ADESSO TOCCA A NOI
- TIBONI: PENSO SOLO AL PRESENTE
- LIVE MARTINELLI NELLO SPOGLIATOIO
- MARTINELLI LIVE CAMPO
- MARTINELLI: IN ARRIVO RINFORZI
- I TIFOSI SU MARTINELLI
- BELLUZZO: MARTINELLI IMMENSO
- MARTINELLI PRESIDENTE: LA CONFERENZA
- MARTINELLI: PRIMA INTERVISTA
- MARTINELLI PRESIDENTE: IL BRINDISI



[ALTRE NEWS]
Il recupero fra LECCO e PRO PATRIA finisce 1 a 1 [COMMENTA]

[IN BREVE]
IL FIGLIO DI ZIGO ci ha preso gusto: secondo gol per il TREVISO...
TENNIS AUSTRALIAN OPEN: In finale NADAL batte FEDERER che sul podio scoppia in lacrime.
LIGA SPAGNOLA: Il REAL batte il NUMANCIA grazie anche al 307° gol di RAUL con le merengues. Il capitano dei galacticos agguanta DI STEFANO nella classifica dei cannonieri madridisti di sempre!
COLUCCI saluta i tifosi siciliani...
LA SAMBONIFACESE torna alla vittoria grazie ad ALTINIER
BASKET SERIE B: La TEZENIS trionfa in trasferta dopo tre mesi di digiuno! [COMMENTA]

Commenta l'articolo:oppure




GIOCO PRONOSTICI:
Gran rientro di Black dopo l'ammonizione rimediata nella giornata 19: 8 punti oggi e conquista della classifica odierna in compagnia del ritrovato Bruni che rosicchia 2 punti al capolista RobRoy. Bravi anche Gabri e MR31032001 secondi e Ale90HVr, Bubu77, Pose Gialloblu, RobRoy terzi.

Io e Boro guadagnamo soli 2 punti e continuiamo la discesa in classifica ma c'è chi fa peggio: e la 'povera' Bridget che azzecca un solo pronostico ed è sfigadona di giornata.

In classifica generale è da sottolineare il bel salto di Gabri che è ora al terzo posto dietro a RobRoy e Bruni...


Gioco pronostici B/=\S 2008/2009
GiocatorePunti
RobRoy91
Bruni88
Gabri82
Boro, Martino81
MR3103200180
Bubu77, Pose Gialloblu79
Smarso79
Bridget72
Ale90HVr71
Mister Loyal, RougeHellas70
Black68


ALBO D'ORO CAMPIONI
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)


Puoi commentare questo articolo sul forum BONDOLA/=\SMARSA oppure in coda a questo post per aprire magari uno scambio di opinioni... Con la prima di campionato è ripartito il gioco pronostici B/=\S: l'anno scorso la spuntò BRUNI per un solo, misero punto! (fra l'altro preso alla rubentina) Brucia ancora ma, anche quest'anno ci sarà da giocarsela! Che aspettate dunque? Si potrà giocare fino all'inizio delle partite!





- Martinelli lotta contro il tempo
IL PRIMO GIORNO DA PRESIDENTE. IL NUOVO PATRON ANCORA FRASTORNATO: «MI SONO SVEGLIATO ALLE QUATTRO». «UNO STADIO NUOVO? CI SONO ALTRE URGENZE»
Incontra la squadra a Bussolengo, poi tutto lo staff in sede «Proveremo a migliorare la squadra ma abbiamo poche ore»
L'incontro con la squadra che si allenava e con Remondina a Bussolengo, la stretta di mano con i tifosi, poi un vertice nella sede del Verona in via Torricelli con Nardino Previdi, Riccardo Prisciantelli e lo staff tecnico. È trascorsa così la prima giornata del nuovo patron dell'Hellas Giovanni Martinelli, accompagnato da Massimo Ficcadenti, l'ex tecnico gialloblù che l'imprenditore di Castelnuovo si è scelto come consulente. Tante dichiarazioni davanti alle telecamere e ai taccuini, tutte però legate da un filo conduttore: il tempo per intervenire sul mercato è quasi trascorso, niente promesse se non l'impegno a riportare l'Hellas in categorie superiori. Eccola, la giornata del nuovo presidente, cominciata di buon'ora, perché l'adrenalina è ancora tanta. Giovanni Martinelli a Bussolengo c'è arrivato presto: le nove, minuto più minuto meno. «Ho dormito ma mi sono svegliato alle 4», racconta il nuovo presidente. La sciarpa gialloblù della sera prima è rimasta a casa. Poco male, in compenso ci sono quelle di tutti quei tifosi che non vedono l'ora di abbracciarlo o almeno stringergli la mano.



DUE MINUTI DENTRO. Nello spogliatoio ci sono tutti, arrivano anche Bruni e Remondina. C'è anche Ficcadenti, consulente di mercato. Lui non parla, il presidente sì. Martinelli è pronto per il suo primo discorso ai giocatori. Due minuti, non di più. «Li ho rassicurati, soprattutto mi sono scusato di essere arrivato tardi. E loro hanno capito».
TRE MINUTI FUORI. Mancano venti minuti alle 10.00 quando Martinelli, Remondina e Ficcadenti vanno in campo. Parlano poco, poi tornano. «Ci vedremo fra un paio d'ore in sede», dice Martinelli, «dobbiamo fare il punto della situazione. Cosa ci ha chiesto l'allenatore? Vediamo se c'è il tempo, intanto. Dobbiamo fare tutto entro lunedì sera alle sette, non so se ci riusciremo. Qualcosa magari proveremo a migliorare dietro». Magari a sinistra. Si ferma, poi aggiunge anche gli altri due reparti, giusto per essere il più possibile vago. «Ma anche a centrocampo e in attacco», dice subito dopo. E sorride. Le 10.20, Martinelli e Ficcadenti se ne vanno. In quei minuti, intanto, nella sede gialloblù in via Torricelli arriva Nardino Previdi.
STADIO LONTANO. Gira e rigira l'argomento si tocca sempre. «Date retta a me», assicura Martinelli, «questo è un progetto che avrà un decorso lungo. Ci vorranno dieci anni prima che venga costruito uno stadio nuovo. Non sono argomenti immediati. Io adesso devo pensare al Verona e a restituirgli quello che merita».
REMONDINA SCAPPA. A Bussolengo intanto l'allenamento continua, Remondina ad un certo punto lascia continuare Bruni. Deve correre in sede, dove arriva alle 11.30 esatte. Martinelli e Ficcadenti sono già lì da mezzora buona. Il tempo di presentarsi a dipendenti e collaboratori e di sedersi sulla poltrona che spetta al presidente. Con lui anche Ficcadenti, Remondina e Previdi. C'è pure Prisciantelli in sede, insieme al responsabile organizzativo Claudio Molinari.
ANCHE TERRACIANO. Prima in disparte, poi chiamato a far parte del vertice anche Antonio Terraciano, che nel Verona ci ha giocato e che a Martinelli è legatissimo. Adesso fa il direttore sportivo del Castelnuovosandrà, la squadra di Eccellenza del presidente, un domani potrebbe anche rimettersi il gialloblù. «Vediamo, adesso che Martinelli è qui io dovrò seguire di più la mia squadra».
PREVIDI SALUTA. «Il nostro dovere l'abbiamo fatto fino in fondo, noi la coscienza ce l'abbiamo a posto», sono le parole di Nardino Previdi prima di partire. Il tempo di qualche foto ricordo, degli ultimi abbracci e Don Nardino saluta. È quasi l'una, la sua avventura al Verona è finita qui.
REMONDINA. L'una passata, porte ancora chiuse. Remondina esce per primo. «Abbiamo fatto il punto della situazione», rileva, «analizzato i problemi della squadra. La priorità? Cercheremo di limare e migliorare qualcosa. Inserire quello che serve. Non c'è molto tempo però». Poi va sul suo nuovo presidente. «Se la società è solida», afferma, «le cose non possono che migliorare. In estate è stato fatto un buon lavoro, non servono stravolgimenti. Di quelli non abbiamo bisogno. Quello che può fare la differenza in questo momento è un'iniezione di entusiasmo, di fiducia. Senza queste componenti, noi le partite difficilmente le riusciamo a vincere».
TUTTI A PRANZO. Poi via via tutti gli altri. Le 13.20 esatte. Il mister va a pranzo con Prisciantelli. Gli altri si salutano, compreso Martinelli. «Se vado a vedere la Juniores del Castelnuovo? Intanto vado a mangiare», dice il presidente prima di andarsene con Ficcadenti. Martinelli al campo di Castelnuovo nel pomeriggio non si vede. Non bisogna perdere un minuto, il tempo vola quando te ne rimane poco. Il Verona e solo l'Hellas, almeno fino alle sette di sera di domani.

- «Gli uh-uh ai giocatori avversari devono finire»
«Professionalità, onestà, trasparenza». Non soltanto passione e cuore ma anche una certa rigidità nella gestione complessiva. Le linee-guida del nuovo Verona sono emerse nitide dalle stanze di via Torricelli. La società, fra gli elementi migliorabili, ha messo in scaletta anche quei cori che gettano discredito su tutta la tifoseria e che tra l'altro sono costati diverse sanzioni. «Con 10.000 euro di multa si pagano cinque operai», si è detto chiaro e tondo ieri in sede ad un certo punto.

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Saranno due i membri del consiglio di amministrazione del nuovo Hellas ad accompagnare Giovanni Martinelli. Ci sarà Davide Bovo, 40 anni il 27 maggio, una laurea in Matematica conseguita a Torino e una specializzazione in corporale finance all'interno dello studio Belluzzo, che con il commercialista Luigi ha condotto a termine l'operazione. Nel Consiglio di amministrazione del nuovo Hellas ci sarà anche Benito Siciliano, nato il 2 agosto del '64, da tempo consulente fidato di Martinelli. Laureato in Economia e commercio all'Università di Rio de Janeiro, analista dei mercati finanziari, Siciliano ha inoltre frequentato master in Finanza e ingegneria economica unita all'Amministrazione industriale.



- «Trasmette fiducia Adesso tocca a noi»
I GIOCATORI. GARZON, MORACCI E PAROLO CHE SOTTOLINEA: «MENO MALE CHE C'È LA SOSTA...»
Conquistati da Martinelli. Non c'è voluto molto al presidente per trasmettere ai giocatori quei sentimenti che animano la sua passione. «Il primo messaggio che ha voluto recepissimo», osserva Marco Parolo, «è la carica che lui ha dentro in questo momento. C'è molta positività in lui. Vuole che ripartiamo alla grande e noi faremo di tutto per accontentarlo. Già il fatto di avere una società nuova è un elemento importante, ci dà serenità dopo questi ultimi mesi in cui si erano rincorse mille voci». Gli stessi rumors che alimenteranno anche le prossime ore, almeno fino alle 19 di domeni sera quando il mercato chiuderà. «Meno male che c'è la sosta. Giocare subito in effetti», ammette Parolo, «non sarebbe stato proprio il massimo. Non so se tutto è stato voluto, non credo, ma la pausa di campionato per noi è venuta proprio nella settimana giusta. Anche se il presidente con le sue parole ci ha rasserenato».

«L'impressione è stata ottima», dice subito Stefano Garzon: «Martinelli è un veronese e si vede quanto a cuore abbia questa società. Con noi è stato chiaro, è evidente come non vedesse l'ora di iniziare. Avrebbe voluto farlo prima, ce l'ha detto, ma importante è che adesso sia qui e che tutti insieme cominciamo quest'avventura. Si vede che sa il fatto suo, nel calcio lui c'è dentro da tanti anni. Anche se il Castelnuovo è tra i dilettanti certe punti fermi li hai o non li hai comunque. E il presidente ha dimostrato di avere idee chiare».
«Magari un po' era anche emozionato», rivela Leonardo Moracci, «anche per lui è una pagina nuova. Così come di fatto lo è per noi. Ci ha dato il suo in bocca al lupo, ci ha dettodi continuare a impegnarci e di lottare per questa maglia. Ed è quello che faremo. Lui ci ha messo molto in questa operazione. Adesso tocca a noi».

FONTE: LArena.it



[OFFTOPIC]
IL FIGLIO DI ZIGO ci ha preso gusto: secondo gol per il TREVISO... TENNIS AUSTRALIAN OPEN: In finale NADAL batte FEDERER che sul podio scoppia in lacrime. LIGA SPAGNOLA: Il REAL batte il NUMANCIA grazie anche al 307° gol di RAUL con le merengues. Il capitano dei galacticos agguanta DI STEFANO nella classifica dei cannonieri madridisti di sempre! COLUCCI saluta i tifosi siciliani... LA SAMBONIFACESE torna alla vittoria grazie ad ALTINIER. BASKET SERIE B: La TEZENIS trionfa in trasferta dopo tre mesi di digiuno!
IL FIGLIO DI ZIGO ci ha preso gusto: secondo gol per il TREVISO...
- Zigo jr colpisce per la seconda volta
FIGLIO D'ARTE. HA 17 ANNI, GIOCA NEL TREVISO MA ANDRÀ AL PALERMO

FONTE: LArena.it


TENNIS AUSTRALIAN OPEN: In finale NADAL batte FEDERER che sul podio scoppia in lacrime. LIGA SPAGNOLA: Il REAL batte il NUMANCIA grazie anche al 307° gol di RAUL con le merengues. Il capitano dei galacticos agguanta DI STEFANO nella classifica dei cannonieri madridisti di sempre!
- Nadal trionfa a Melbourne. Federer resta senza parole
L'ultimo atto degli Australian Open non tradisce le attese: lo spagnolo si aggiudica il primo successo a Melbourne, battendo lo svizzero che alla premiazione si scioglie in lacrime. Questo il punteggio: 7-5 3-6 7-6 3-6 6-2

- Raul eguaglia Di Stefano e il Real passa a Numancia
Nella 21ª giornata della Liga, la squadra di Juande Ramos si impone 2-0 in casa dei soriani. Il capitano madridista segna il gol numero 307 con la maglia dei blancos e raggiunge nella storia la "Saeta Rubia". Di Robben la seconda rete: ora il Barça capolista (impegnato oggi a Santander) dista 9 punti

FONTE: Gazzetta.it


COLUCCI saluta i tifosi siciliani...
- Colucci: "Devo dire grazie solo ai tifosi del Catania"
...è meglio guardare avanti e parlare del mio presente che si chiama Chievo. Ritorno a Verona dopo la parentesi con l'Hellas, squadra con la quale ho debuttato in serie A. La città veneta è splendida e credo di aver fatto la scelta giusta. Naturalmente mi metterò da subito al servizio dei miei nuovi compagni alcuni dei quali conosco per aver giocato assieme in passato come Italiano al Verona e Pinzi in Nazionale under 21.




LA SAMBONIFACESE torna alla vittoria grazie ad ALTINIER. BASKET SERIE B: La TEZENIS trionfa in trasferta dopo tre mesi di digiuno!
- La Sambo torna a sorridere. Superato 1-0 il Pizzighettone
Primo successo del 2009 per la squadra di Ottoni. I rossoblù, sul campo del Pizzighettone, si sono imposti 1-0 grazie alle rete firmata da bomber Altinier al 43' del primo tempo. Salva il risultato al 40 del secondo tempo il portiere Milan che para un calcio di rigore. Fattori e compagni tornano prepotentemente in corsa playoff.

- La Tezenis torna a vincere in trasferta dopo tre mesi
A Castelnovo Sotto la squadra di Pippo Faina interrompe il digiuno che durava dal 1° novembre (successo ad Anzola) e riconquista i due punti lontano dal Palaolimpia. Partita sempre condotta dai giganti gialloblù dopo la partenza favorevole agli emiliani, ma nel finale Verona dilapida 17 punti di scarto accumulati prima dell'ultima pausa e consente ai padroni di casa di risalire fino al -3 (69-72) e nei due minuti conclusivi i liberi di Gueye e Losi e un canestro di Matteo Nobile sistemano le cose

FONTE: TGGialloblu.it
Vota questo articolo:
Vota su WikioVota su Fai InformazioneVota su ziczacVota questa notizia su Cronaca24Vota questa notizia su SurfPeopleVota su OkNOtizieVota questa notizia su PubblicaNewsVota questa news su Faves.com

0 commenti:

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini