.

HELLAS VERONA 0-0 LUMEZZANE: I rossoblù impongono il pareggio e nulla può fare la squadra di REMONDINA poco brillante e senza idee...

Terzo pareggio in tre gare tra Verona e Lumezzane ma se lo 0 a 0 dell'andata aveva visto gli scaligeri prevalere sul piano tattico e tecnico fino a sfiorare la vittoria, lo stesso non è possibile dire in questa gara. Il campo non ha certo aiutato i 22 interpreti a dare il meglio ma certo qualcosa di più era lecito aspettarsi sopratutto dai gialloblù: nessuno ha dato l'impressione di poter dare quel qualcosa in più, forse Gomez Taleb ha avuto qualche idea più degli altri ma l'unico tiro in porta in tutta la gara lo ha fatto il 'Lume', il resto è stato una serie di batti e ribatti con occasioni sporche in cui i portieri ed i difensori di entrambe le parti hanno avuto buon gioco. Il Verona si dovrà svegliare già a partire da Domenica prossima a Ferrara: la Spal è squadra pimpante che divora tra le mura amiche squadre 'posapiano' come l'Hellas visto oggi

Pligg.it - Editoria Sociale a Ricavi CondivisiAdd to Technorati Favorites

Giornata molto fredda al binti remo sceglie CAMPISI e Mancinelli al posto di Corrent e CAMPAGNA e si affida alla coppia d'attacco GIRARDI-GOMEZ TALEB, ampiamente prevista in settimana a causa delle contemporanee indisponibilità di TIBONI e SCAPINI; il resto del 4-3-1-2 vede Rafael in porta, MORACCI sulla sinistra CONTI e CECCARELLI al centro della retroguardia. In mediana capitan Bellavista e Garzon oltre al già citato Campisi supporteranno PAROLO ad inventare calcio per le 'punte di scorta'. Risponde il Lumezzane di Menichini con Gazzoli, Nicola, Pini, Ciasca, Chiecchi (ex Chievo nativo di Zevio), Pisacane, Pintori, Calliari, Pesenti, Silvestri e Scaglia. Numerosi al solito i tifosi scaligeri a riempire gli spalti mentre si contano sulle dita di due mani i coraggiosi sostenitori rossoblù giunti nel tempio del calcio scaligero. Si parte quando l'orologio del Bentegodi segna le 14.35 agli ordini del signor Russo di Milano (siamo un po' in ritardo ed i butèi incoraggiano i protagonisti con un bell'OOOOOHHH ISSAAAAA). Sugli spalti 9681 persone per un incasso di più di 70.000 Euro.
BERGAMELLI

Hellas Verona 0-0 Lumezzane (foto 640x480 pixel)


PRIMO TEMPO
Il campo è ghiacciato e mette un po' in imbarazzo i giocatori dopo 10 minuti di studio l'Hellas è stato leggermente più intraprendente dei ragazzi in bianco del 'Lume' ma non è facile giocare contro la squadra di Menichini che difende con 4 giocatori di ruolo e 5 centrocampisti; solo un attaccante rimane isolato a provare la sortita ed è supportato da un centrocampista centrale che si stacca dalla line adei compagni in rare occasioni comunque ben controllate dai gialloblù. Il primo tiro nello specchio arriva per il Lumezzane al 13° ci prova Calliari dal limite ma è bravo Rafel a respingere. Bel palleggio a centrocampo di Parolo al 18°, parte Girardi sulla fascia ma al momento di servire Gomez appostato a centro area trova le gambe di un difensore bresciano. Il Verona mantiene una certa supremazia territoriale e controlla costantemente la palla: al 20° bel cross al centro ma la difesa avversaria mette in angolo. Un minuto dopo prova a partire palla al piede Bellavista, la da a Gomez Taleb che poi lo ignora e retrocede sprecando tutto. Al 28° si fa vivo anche il Lumezzane con un colpo di testa senza pretese che finisce un paio di metri alla desta di Rafael. Partita noiosa: i bresciani vogliono un pareggio e non spingono più che tanto, i veronesi ci provano di più ma il Lumezzane appare controllare senza ambasce. Al 30° bel suggerimento in area di Campisi; contrastato da un avversario Girardi 'vola' e di testa colpisce al lato della porta difesa da Gazzoli. Al 38° invenzione di Girardi che libera Parolo al centro; il trequartista ex Legnano avrebbe tutto il tempo per controllare ma, come gli è successo spesso purtroppo, s'impappina e perde il momento buono. Al 40° e Campisi ad avere l'occasione buona ma il suo tiro è debole e Gazzoli controlla. Ultima occasione del primo tempo per l'Hellas con Gomez Taleb che traversa rasoterra a cercare Girardi: intercetta la difesa ospite e sventa il vantaggio; è passato un minuto dal 45° e l'arbitro dice che per ora può bastare così. Primo tempo piuttosto bigio, la partita sembra non essere decollata ancora ed il pubblico di casa, spazientito, rumoreggia contro i giocatori scaligeri 'rei' di non mettere la grinta che in questi casi sarebbe necessaria.

Sondaggio a risposta singola
Fine 2008 pieno di eventi per l'Hellas Verona, si e' ad un passo dal cambio di proprieta', come vedi il futuro scaligero?

Sono ottimista: Martinelli portera' liquidita' nuove oltre a Ficcadenti e Mascetti! Che si vuole di piu'?
Sono moderatamente ottimista: buono il cambio ma per dire che ci abbiamo guadagnato aspetterei l'evolversi della situazione...
Chi lascia la strada vecchia per quella nuova sa cosa lascia ma non sa cio' che trova. Rinvio il mio giudizio a fine campionato.
Sono moderatamente pessimista: il Conte avra' anche sbagliato ma con Previdi aveva fatto finalmente 'girare' l'Hellas, non ci voleva!
Sono pessimista: Martinelli sara' contestato come Arvedi, non sa nulla di calcio a 'sti livelli ed e' destinato a fallire anche perche' ne Mascetti ne Ficcadenti si faranno coinvolgere.


SECONDO TEMPO
Ora la fascia ghiacciata tocca all'Hellas e, se nel primo tempo è stata dura (e rara visto il gioco sulle corsie è stato quasi ignorato), nel secondo tempo lo sarà ancora di più. Dopo 10 minuti nulla da segnalare, il Verona continua ad essere timido nonostante l'incessante incoraggiamento dei butei della Curva Sud. Al 12° tiro di Girardi, il portiere del Lume blocca e poi regala una piccola emozione facendosi per un attimo sfuggire il pallone; Campisi è nei pressi ma non può far niente. Al 14° fuori Campisi dentro Corrent: REMONDINA prova a rischiare qualcosina in copertura (tanto i bianchi non si muovono quasi mai dalla loro metacampo). Al 21° bella combinazione aerea tra Gomez sulla fascia sinistra e Girardi che riceve di testa ed indirizza verso la porta avversaria ma la palla è facile preda di Gazzoli. Alla mezz'ora fuori Garzon dentro DA DALT. 'Lume Lume' gridano i 15 tifosi dietro le bandiere rossoblù ma l'impressione è che lo facciano più per scaldarsi in qualche modo che per qualche speranza di vedere miglior calcio. Al 33° primo cambio per i bresciani, fuori Pintori dentro D'Attoma. Cominciano a scendere le tenebre e l'impianto d'illuminazione del 'Binti' viene attivato. Ultimo cambio per l'Hellas: fuori Gomez Taleb dentro Anaclerio. 38° bello spunto di Mancinelli che con un mezzo miracolo riesce ad alzare la palla quando questa ha quasi oltrepassato il fondo: c'è Girardi ma la traiettoria della sfera passa dietro la porta, non vale. A 2 minuti dalla fine Girardi trova pure il tempo di farsi ammonire per proteste ma ci crede ancora e poco dopo tiene in apprensione la difesa avversaria. Escono Pesenti e Ciasca per Dal Rio ed Emerson ma è solo una mossa per perdere minuti preziosi ed il pubblico non ci stà (anche perchè i bianchi ci mettono ore a percorrere i pochi metri che li separano dalla panca). Dopo 6 minuti di recupero l'arbitro manda tutti a prendere un the caldo e chiude una partita decisamente brutta.

I contributi filmati dal TGGialloblù:
- REMONDINA: POCO BRILLANTI
- CECCARELLI: OCCASIONE SPRECATA
- MORACCI: ABBIAMO FATTO FATICA
- VERONA-LUMEZZANE 0-0: LA SINTESI

Terzo pareggio in tre gare tra Verona e Lumezzane ma se lo 0 a 0 dell'andata aveva visto gli scaligeri prevalere sul piano tattico e tecnico fino a sfiorare la vittoria, lo stesso non è possibile dire in questa gara. Il campo non ha certo aiutato i 22 interpreti a dare il meglio ma certo qualcosa di più era lecito aspettarsi sopratutto dai gialloblù: nessuno ha dato l'impressione di poter dare quel qualcosa in più, forse Gomez Taleb ha avuto qualche idea più degli altri ma l'unico tiro in porta in tutta la gara lo ha fatto il 'Lume', il resto è stato una serie di batti e ribatti con occasioni sporche in cui i portieri ed i difensori di entrambe le parti hanno avuto buon gioco. Il Verona si dovrà svegliare già a partire da Domenica prossima a Ferrara: la Spal è squadra pimpante che divora tra le mura amiche squadre 'posapiano' come l'Hellas visto oggi.

I PROTAGONISTI
Remondina "L'avevo detto che sarebbe stata una gara complicata, fino a Cesena eravamo cresciuti e, sopratutto per quanto riguarda intensità e ritmo la squadra mi piaceva molto; proprio da lì dovremo ripartire cercando di recuperare lo smalto perduto in queste lunghissime vacanze di fine d'anno. Volevamo vincere per Arvedi, per i nuovi proprietari ma sopratutto per la classifica, i 3 punti ora valgono doppio e se è vero che in fondo i playoff sono sempre a 4 punti è vero pure che mi sento come avessimo sprecato un'altra buona occasione per spiccare il volo. Nelle prossime delicate trasferte dovremo per forza recuperare il ritmo e lo smalto che avevamo alla fine del Girone d'andata se vorremo portare a cas apunti importanti. Girardi? Secondo me ha fatto un'ottima partita: se mi metto nei panni di un giocatore arrivato con grandi aspettative, partito titolare e scivolato piano piano in panchina mi rendo conto che per lui questa partita non era per niente facile, per questo a mio avviso ha fatto quanto poteva, si è impegnato, ha cercato profondità, magari è stato troppo egoista quando sul finale non ha passato la palla al compagno smarcato ma a parte questo mi è piaciuto, dovrà crescere anche lui, come tutti gli altri." Ceccarelli "Primo tempo sbagliato da parte dei gialloblù, secondo tempo un po' meglio ma che questa gara fosse un'incognita era da prevedere. Loro sono venuti al Bentegodi per portare a casa un punto, si sono chiuso dietro e hanno cercato di sorprenderci con le ripartenze. Peccato, ma dovremo riprenderci al più presto perchè i 3 punti in gare come questa faranno sempre più comodo in classifica, sopratutto d'ora in avanti. La difesa ha tenuto bene ed è importante in gare di questo tipo altrimenti rischi di prenderle in contropiede. Concentrazione da mantenere anche in futuro." Menichini (allenatore Lumezzane) "Gara sostanzialmente equilibrata, noi siamo venuti a fare la nostra partita e abbiamo cercato di pungere in contropiede poi è chiaro ci sono anche gli avversari ed il Verona non è un avversario qualunque, giocare al Bentegodi davanti a publici come questo è difficile per tutti." Pisacane (difensore Lumezzane) "Noi siamo venuti qui per vincere, non per pareggiare! Ma alla fine mettiamo in carniere questo punto ottenuto contro una squadra blasonata... Era importante partire bene nel girone di ritorno per mantenere a distanza la zona play-out."



[IN BREVE]
LE ALTRE DEL GIRONE: In attesa di LECCO-PRO PATRIA stasera alle 20.45, la CREMONESE impatta in casa contro la PRO SESTO mentre la SPAL sempre più in forma va a vincere sul campo del MONZA (segna ancora ARMA). Il derby della laguna va al PORTOGRUARO, il VENEZIA torna a casa con le pive nel sacco. RAVENNA e REGGIANA vincono di misura con PERGOCREMA e CESENA. La SAMBENEDETTESE perde in casa contro il super-NOVARA. Pareggio a reti bianche fra PADOVA e LEGNANO
Brutto scivolone casalingo della SAMBONIFACESE: 0 a 3 con l'OLBIA
CALCIOMERCATO: DA SILVA dal PORTOGRUARO al TARANTO, ha firmato un triennale.
7 ultras irrompono negli spogliatoi a PADOVA: Nessuna violenza ma attimi di tensione. Identificati e portati in questura, alcuni erano già stati colpiti da DASPO
PREMIERSHIP: Il MANCHESTER UTD umilia il CHELSEA, 3 a 0!
LIGA SPAGNOLA: Le merengues schiantano il MAIORCA con ROBBEN, RAUL e SERGIO RAMOS; ora tocca al BARÇA che se la dovrà vedere con l'OSASUNA.
SCI SLALOM MASCHILE: Brutta giornata per gli italiani ad Adelboden.

Commenta l'articolo:oppure




GIOCO PRONOSTICI:
Zampata di Bruni campione dell'ultima giornata di andata con 8 punti :!: Subito dietro la sorprendente Bridget con 6 e gradino più basso del podio a Martino, Mister Loyal, MR31032001.

Pessima giornata per me e RougeHellas ma fortunatamente Pose Gialloblu riesce a fare peggio di noi :!: Non ne ha azzeccata una e perciò va a mettere la tacca sullo speciale record degli 'zeromen' ;o) Bravo Pose UAUAUAUA

In classifica generale Boro acchiappa RobRoy sul fil di lana e perciò i campioni d'inverno sono loro, Martino si ferma ad un passo e Bruni, grazie all'exploit di oggi, è terzo assoluto... Forza butèi :!: I giochi si stanno facendo ora e... Sono apertissimi :!: :!: :!:


Gioco pronostici B/=\S 2008/2009
GiocatorePunti
Boro, RobRoy76
Martino75
Bruni73
Gabri70
MR3103200169
Bubu7766
Bridget, Smarso65
RougeHellas61
Mister Loyal, Pose Gialloblu60
Ale90HVr, Black57


ALBO D'ORO CAMPIONI
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)


Puoi commentare questo articolo sul forum BONDOLA/=\SMARSA oppure in coda a questo post per aprire magari uno scambio di opinioni... Con la prima di campionato è ripartito il gioco pronostici B/=\S: l'anno scorso la spuntò BRUNI per un solo, misero punto! (fra l'altro preso alla rubentina) Brucia ancora ma, anche quest'anno ci sarà da giocarsela! Che aspettate dunque? Si potrà giocare fino all'inizio delle partite!





- TMW A CALDO - Verona-Lumezzane, la voce dei protagonisti
E' finita con un bigio zero a zero. L'Hellas Verona non riesce a superare, in casa, il Lumezzane. Poca benzina e idee opache da entrambe le parti. Un punto che non è da buttare. Ma ci si aspettava di più al Bentegodi.

VERONA
Il tecnico del Verona Gian Marco Remondina: "Fisicamente non c'eravamo. Abbiamo pagato la poca brillantezza e la poca grinta. Opachi. Tranne Girardi, ottima la sua partita e non era facile nelle sue condizioni. Forse doveva essere un po' più altruista nel finale con Parolo, poteva essere gol ma bravo così. L'equilibrio che c'è è esagerato ed è difficile, in questo campionato fare il salto di qualità. Volevamo vincere. Ho cambiato modulo, più offensivo. Ci è mancata la brillantezza. Ci rifaremo anche per dare una spinta ad un Verona che vive un momento particolare".



LUMEZZANE
Il tecnico del Lumezzane Leonardo Menichini: "Siamo stati bravi nel ripartire bene e nel saper leggere bene la partita. Il Verona voleva vincere, molto offensivo ad un certo punto. Ma noi bravi a bloccarli. Peccato non aver fatto gol. Ma qui non è mai facile".

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


- Lega Pro 1/A-Risultati e marcatori 18a
Nella diciottesima giornata del campionato di Lega Pro Prima Divisione (girone A) la Spal passa a Monza e il Novara in casa della Samb. Si fa sotto la Reggiana. Il Cesena perde terreno. Lecco-Pro Patria si gioca domani sera in posticipo tv.

CREMONESE-PRO SESTO 1-1
6’st Guidetti (C), 40’st Boisfer (PS)

LECCO-PRO PATRIA lun. 12 - ore 20,45

MONZA-SPAL 1-2
4’pt Torri (M), 8’pt Arma (S), 13’st Ghetti (S)

PADOVA-LEGNANO 0-0

PORTOGRUARO-VENEZIA 2-1
13’st Abate (P), 18’st Galuppo (V), 21’st Abate (P)

RAVENNA-PERGOCREMA 1-0
10’st Zecchin (G)

REGGIANA-CESENA 1-0
6’st Stefani

SAMBENEDETTESE-NOVARA 0-1
26’st Bertani

HELLAS VERONA-LUMEZZANE 0-0

FONTE: CalcioPress.net


- Gomez c'è, il Verona no. Solo Remondina salva Girardi
Brilla solo Gomez nel Verona che pareggia in casa contro il Lumezzane. Mancinelli e Moracci deludono sulle fasce, giù di tono anche Garzon. Passo indietro di Parolo ma la delusione più grande arriva dal giocatore più atteso: Girardi.
RAFAEL 6. Pomeriggio che inizia in salita con la parata al 12’ sulla conclusione dal limite di Calliari che un po’ di brividi sulla schiena per la difesa che non è messa bene li fa anche venire. Ma poi è tutta discesa con niente più dell’ordinaria amministrazione sul resto della produzione offensiva del Lumezzane al Bentegodi: un tiro di Pintori al 19’ del secondo tempo e due calci d’angolo.



MANCINELLI 5. Qualche sgroppata interessante ma un conto aperto con i cross: ne cicca tre nei primi venti minuti. Fa altrettanto nella ripresa quando però si trova a pattinare sul lato ghiacciato del Bentegodi. La generosità non è mai un problema, il piede a volte sì.

CONTI 6. Qualche imbeccata lunga da piedi buoni in un Verona che spesso e volentieri saltava il centrocampo e il solito lavoro sporco dietro dove Pesenti non ha mai rappresentato un vero pericolo. Su calcio piazzato e calcio d’angolo si spinge in avanti come d’abitudine ma questa volta non ne becca una.

CECCARELLI 5,5. Va lui (e non Moracci) a tentare di chiudere su Calliari al 12’ del primo tempo nell’unica occasione concessa al Lumezzane in tutta la partita. Per il resto qualche errore di troppo in fase d’impostazione.

MORACCI 5. Nel primo tempo riparte da centrocampo, perché dalla sua parte servirebbe un giocatore di hockey tanto è ghiacciato il terreno di gioco. Un paio di cross interessanti, come quello che al 19’ Pini mette in calcio d’angolo anticipando il colpo di testa di Garzon e ancora alla mezzora quando su punizione pesca preciso Girardi sul secondo palo. A penalizzarlo, più che il fastidio muscolare accusato in settimana, è però il buco clamoroso sull'occasione di Caliari e un secondo tempo pieno di errori, anche banali, in fase di passaggio.

GARZON 5. E’ uno di quelli che più ha pagato sosta natalizia e pausa pandoro. Mai brillante sulla corsa, si butta meno del solito negli spazi facendo capire che la condizione non è al cento per cento. Un bel cross al volo su retropassaggio di Mancinelli, prima di uscire, nella ripresa, e il tentativo di colpo di testa sul secondo palo nell’occasione del 19’ del primo tempo i suoi unici due momenti dentro la partita. Che si chiude con un quarto d’ora d’anticipo.

DA DALT 5,5. Remondina gli chiede (senza ottenere) un quarto d’ora di grande vivacità sulle fasce, disegnando con il suo ingresso un Verona a trazione ancor più anteriore con il 4-2-3-1. L’argentino, prima a destra e poi a sinistra, conferma però di essere ancora un oggetto misterioso.

BELLAVISTA 6. Resta basso per non intasare un centrocampo che si propone mai sugli esterni e che in mezzo si intasa per il gran movimento di Gomez e per la presenza di Parolo. Tiene d’occhio Silvestri e quando può imposta. Perché spesso la linea difensiva lo salta via con lanci lunghi assai poco produttivi.

CAMPISI 5,5. Remondina gli ridà fiducia dall’inizio rimettendo in panchina Corrent per ritrovare l’equilibrio tattico di prima della sconfitta di Cesena. Ma contro una squadra che si difende dieci sotto la linea del pallone più che la fase di copertura serviva quella offensiva. Sbaglia al 40’, quando chiude debolmente con l’interno destro un pallone sfilato centralmente alla difesa del Lumezzane. Sfortunato al 12’ della ripresa, quando su un tiro di Parolo Gazzoli interviene in due tempi anticipandone il tap in vincente.

CORRENT 5,5. In campo dal 14’ della ripresa questa volta si vede poco e non cambia faccia ad un Verona poco lucido e fisicamente ancor meno brillante.

PAROLO 5,5. E’ vittima dell’intraprendenza di Gomez che nel girare intorno a Girardi (il gioco di parole è “colpa” degli ordini tattici di Remondina) spesso e volentieri occupa anche i suoi spazi. Al 37’ s’incarta in area su un cross dalla sinistra di Girardi che meritava altra fine. In chiusura di primo tempo inventa un’assist per Gomez che diventa occasione, purtroppo, soltanto pericolosa. Al 12’ del secondo tempo ci prova anche da fuori ma senza la convinzione adeguata. Troppo poco rispetto a quanto fatto vedere in passato.

GIRARDI 5. E’ l’uomo più atteso e per questo anche il più deludente, anche se Remondina a fine gara bollerà con un ottimo la sua prestazione. Si integra poco con il resto della squadra girando a velocità ridotta e facendosi trovare assente in area di rigore. Come al 45’, quando non raccoglie l’assist di Gomez che poteva metterlo davanti al portiere. Ci si accorge di lui al 29’ quando si avvicina in panchina per cambiarsi una lente. Sessanta secondi dopo è sul secondo palo a deviare, fuori, di testa, il cross da punizione di Moracci. Nella ripresa un altro colpo di testa, debole, parato da Gazzoli e il tentativo, assai maldestro, di procurarsi un rigore che vale solo il giallo dell’arbitro per simulazione. Chiude incartandosi in area al 43’, facendo capire che la sindrome di Morante ha fatto un’altra vittima. Era e resta con la valigia pronta.



GOMEZ 6.5. Svariare svaria… E pure tanto. Fa il Parolo, dando una personalissima interpretazione al ruolo di seconda punta - rientrando centralmente o allargandosi sull’esterno a seconda dei casi. Accende il finale di primo tempo con un tentativo di cross basso all’interno dell’area piccola (assist di Parolo) respinto dalla difesa e con una giocata di fino dal limite con assist al bacio dentro l’area di rigore vanificato dal ritardo cronico di Girardi. Nella ripresa alterna giochi di sponda a qualche tentativo di uno-due (con Parolo) non trovando però mai la soluzione personale verso la porta. Nel finale lascia il posto ad Anaclerio.

ANACLERIO s.v. E’ annunciato in formissima ma non cambia la partita.Gioca otto minuti più recupero senza andare oltre a un paio di tentativi di cross e alla battuta di un calcio d’angolo dal lato di fascia destra dove al posto degli scarpini e dei tacchetti ci vorrebbero i pattini.

REMONDINA 5,5. Presenta un ottimo Gomez ma facendolo svariare troppo si perde per strada il giocatore che aveva segnato forse più di altri il periodo buono del Verona nel girone d’andata, e cioè Parolo. Equivoci tattici anche con il cambio di modulo, quando nel 4-2-3-1, dall’ingresso di Da Dalt al cambio Gomez-Anaclerio, Parolo finisce largo a sinistra in una posizione poco consona alle sue caratteristiche.

- Un opaco Verona non va oltre lo 0-0 contro il Lumezzane
Deludente pareggio al Bentegodi per la squadra di Remondina che non riesce a superare, nella prima gara del girone di ritorno, il Lumezzane di Menichini. Poche emozioni. Si tratta del settimo 0-0 in questo campionato per Bellavista e compagni che in attacco hanno accusato l'assenza di bomber Tiboni. L'unico gialloblù a mettersi in mostra è stato l'argentino Gomez, insufficiente Girardi

HELLAS VERONA F.C. - A.C. LUMEZZANE 0 - 0

HELLAS VERONA F.C.
Rafael; Mancinelli, Ceccarelli, Conti, Moracci; Garzon (74’ Da Dalt), Bellavista, Campisi (59’ Corrent); Parolo; Gomez (80’ Anaclerio), Girardi. (Franzese, Bergamelli, Campagna, Ravelli) All. Remondina

A.C. LUMEZZANE
Gazzoli; Nicola, Pisacane, Chiecchi, Pini; Pintori (77’ D’Attoma), Ciasca (88' Emerson), Calliari, Silvestri, Scaglia; Pesenti (88' Dal Rio). (Zaina, Ghidini, Lo Iacono, Dal Bosco). All. Menichini

Arbitro: Russo di Milano
Assistenti: Gotti, Romei
Ammoniti: Ceccarelli, Girardi
Espulsi: -
Recupero: 1’ - 7’
Spettatori: 9.681

Decimo pareggio in diciotto giornate per la squadra di Gian Marco Remondina, il settimo con il risultato finale di 0-0. L'allenatore è costretto, viste le assenze per infortunio di Tiboni e Scapini, di impiegare dal primo minuto il tandem offensivo composto da Girardi-Gomez, con il primo che ancora una volta ha deluso le attese. A centrocampo Campisi ha vinto il ballottaggio con Corrent.

Al 13' è il Lumezzane a farsi vedere dalle parti di Rafael, con Calliari, che da due passi calcia sul portiere, bravo a rimanere in piedi sino all'ultimo. La squadra di Menichini difende in nove, lasciando solo Pesenti in attacco. Al 23' tiro debole di sinistro di Campisi che non impensierisce il portiere ospite. Al 30' punizione di Moracci sul secondo palo, testa di Girardi col pallone che finisce sull'esterno della rete. Al 38' l'unica vera occasione per l'Hellas, con Parolo, che cicca clamorosamente il pallone in area di rigore. L'unico a provarci con insistenza tra i gialloblù è Gomez, ma predica nel deserto.



La ripresa si apre con l'ammonizione di Ceccarelli, al 4'. Al 12' sponda di Gomez per Parolo, conclusione che viene blocca a terra dal portiere. Al 15' Corrent rileva Campisi e al 19' Pintori impegna Rafael. Al 30' Da Dalt entra al posto di Garzon e l'Hellas passa al 4-2-3-1. Al 42' Girardi si fa ammonire per simulazione. Finale di gara movimentato coi giocatori del Lumezzane che protestano contro i gialloblù perchè non hanno messo il pallone fuori dopo l'infortunio di Dal Rio. La partita termina 0-0 dopo 7' di recupero e l'Hellas "sale" in classifica a 24 punti.

FONTE: TGGialloblu.it


- Remondina: "Ritmo diverso dalle ultime gare"
"Trovare il pertugio non era semplice, le occasioni create andavano sfruttate meglio"
Dopo il pareggio col Lumezzane Gian Marco Remondina ha analizzato la prova della sua squadra, che nonostante una maggiore mole di gioco creata nei novanta minuti, ha conquistato solo un punto. "Le difficoltà erano preventivate. Conosco il Lumezzane, l’ho visto giocare e conoscevo l’atteggiamento prevalentemente difensivo, con nove elementi dietro la linea della palla. Trovare il pertugio giusto non era semplice, abbiamo avuto alcune occasioni, andavano sfruttate meglio. Il nostro pacchetto arretrato non ha rischiato niente, gli avversari potevano rendersi pericolosi sulle ripartenze, ma siamo stati bravi. Il ritmo rispetto alle ultime gare è stato molto diverso, colpa anche di un pò di ruggine dovuta alla sosta natalizia."

Qualche giocata in più sulle corsie laterali avrebbe potuto garantire maggiori opportunità: "I loro esterni, Scaglia e Pintori non hanno mai attaccato. Cercavano sempre di raddoppiare, lasciando pochi spazi. Ci sono state più occasioni nel primo tempo che nel secondo, alla fine per risolvere la gara serviva una giocata." Considerati gli infortuni di Tiboni e Scapini, l’Hellas deve contare sull’apporto in fase offensiva di Girardi e Gomez, supportati tra gli altri da Anaclerio e Da Dalt: "Per l’ex punta del Foligno non era semplice venire a Verona con l’aspettativa del bomber che doveva risolvere ogni problema. Si è presentato nel modo migliore, con umiltà e sacrificio, facendo benissimo la sua parte. Sono contento della sua prestazione."

- Ceccarelli: "Rimettiamoci in carreggiata"
"Il Lumezzane ha pensato soltanto a difendersi, per poi ripartire in contropiede"
Al termine della 18a giornata di campionato, terminata sul punteggio di 0-0, il difensore gialloblù Luca Ceccarelli ha rilasciato alcune dichiarazioni di fronte a microfoni, taccuini e telecamere. "Sapevamo che quella di oggi sarebbe stata una partita difficile. Il Lumezzane è una buona squadra, al "Bentegodi" ha pensato soltanto a difendersi per poi ripartire in contropiede. Noi abbiamo cercato di fare il nostro meglio, la prima partita dopo la sosta natalizia è sempre un’incognita. Dobbiamo rimetterci subito in carreggiata, tre punti in occasioni come questa fanno comodo per il futuro."

La linea difensiva ha concesso una solo occasione agli avversari: "Siamo stati bravi, faccio i complimenti ai miei compagni di reparto. In match in cui si è votati all’attacco la concentrazione va mantenuta costantemente alta." Le vicende societarie continuano in questi giorni a tenere banco: "Siamo tanti ragazzi giovani, l'imperativo è pensare solo a far bene alla domenica. Il Verona si rimetterà a posto, si tratta di una piazza troppo importante per correre dei pericoli. Per quanto riguarda la mia situazione personale, io rimerrei qui molto volentieri. Restiamo in attesa, con la speranza che le cose vadano per il meglio."

- Hellas Verona-Lumezzane 0-0
Al "Bentegodi" finisce con lo stesso punteggio dell'andata, poche le occasioni
I gialloblù tornano a giocare davanti al pubblico di casa quasi un mese dopo la gara col Monza, decisa da un colpo di testa di Gomez. Remondina rilancia proprio l’argentino, affiancato da Girardi, al posto di Tiboni e Scapini entrambi infortunati. Menichini, costretto a rinunciare allo squalificato Coletto, risponde con un centrocampo a cinque e Pesenti unica punta. Ospiti pericolosi al 13’ con Caliari, servito in verticale da Silvestri: il centrocampista lombardo scocca il destro appena dentro l’area di rigore, Rafael respinge. Bella discesa di Moracci sulla sinistra al 17’, il cross verso il secondo palo è deviato in corner dalla difesa.



Al 27’ punizione di Moracci dalla trequarti, lo spiovente è raccolto da Girardi che di testa impatta a lato. Traversone dalla sinistra dello stesso Girardi per Parolo al 36’, il trequartista manca il tap-in. Due minuti dopo ancora il centrocampista ex Foligno si accentra, Campisi colpisce di prima intenzione dal limite dell’area senza impensierire Gazzoli. Sponda di Gomez per Girardi al 57’, il mancino della punta napoletana è bloccato in due tempi da Gazzoli. Pintori prova la girata verso il palo lontano al 64’, Rafael blocca. Cross dalla sinistra di Moracci al 69’, il colpo di testa di Girardi è debole e Gazzoli controlla. Lancio lungo dalle retrovie di Ceccarelli per Girardi all’87’, la punta colpisce male da pochi passi e Gazzoli blocca. Dopo sei minuti di recupero l'arbitro decreta la fine delle ostilità, terzo pareggio su tre incontri tra Hellas Verona e Lumezzane.

Il tabellino
HELLAS VERONA F.C. - A.C. LUMEZZANE 0-0 (0-0)
Reti: -

HELLAS VERONA F.C.
Rafael; Mancinelli, Ceccarelli, Conti, Moracci; Garzon (74’ Da Dalt), Bellavista, Campisi (59’ Corrent); Parolo; Gomez (80’ Anaclerio), Girardi. (Franzese, Bergamelli, Campagna, Ravelli) All. Remondina

A.C. LUMEZZANE
Gazzoli; Nicola, Pisacane, Chiecchi, Pini; Pintori (77’ D’Attoma), Ciasca (88’ Emerson), Calliari, Silvestri, Scaglia; Pesenti (88’ Dal Rio). (Zaina, Ghidini, Lo Iacono, Dal Bosco). All. Menichini

Arbitro: Russo di Milano
Assistenti: Gotti, Romei
Ammoniti: Ceccarelli, Girardi
Espulsi: -
Recupero: 0’ - 6’
Spettatori: 9.681

FONTE: HellasVerona.it



[OFFTOPIC]
Brutto scivolone casalingo della Sambonifacese: 0 a 3 con l'Olbia. CALCIOMERCATO: DA SILVA dal PORTOGRUARO al TARANTO, ha firmato un triennale. 7 ultras irrompono negli spogliatoi a PADOVA: Nessuna violenza ma attimi di tensione. Identificati e portati in questura, alcuni erano già stati colpiti da DASPO. PREMIERSHIP: Il MANCHESTER UTD umilia il CHELSEA, 3 a 0! LIGA SPAGNOLA: Le merengues schiantano il MAIORCA con ROBBEN, RAUL e SERGIO RAMOS; ora tocca al BARÇA che se la dovrà vedere con l'OSASUNA. SCI SLALOM MASCHILE: Brutta giornata per gli italiani ad Adelboden.
Brutto scivolone casalingo della SAMBONIFACESE: 0 a 3 con l'OLBIA
- La Sambo stecca la prima del 2009. L'Olbia passa 3-0 al Tizian
La squadra di Claudio Ottoni cade davanti al pubblico amico contro la squadra sarda. Tre a zero il risultato finale, due le reti siglate nel primo tempo, tris che viene calato dall'Olbia al 26' della ripresa da Giglio. Un passo indietro per la compagine del presidente Pedrollo.

FONTE: TGGialloblu.it


CALCIOMERCATO: DA SILVA dal PORTOGRUARO al TARANTO, ha firmato un triennale
- UFFICIALE: il Taranto acquista Da Silva
L'attaccante brasiliano William Barbosa Da Silva è ufficialmente un calciatore del Taranto. L'ex di Martina e Verona, che ha firmato un contratto triennale, arriva in rossoblu dal Portogruaro. Per il Taranto si tratta del secondo colpo in entrata, dopo l'avvento del direttore sportivo Danilo Pagni: segue l'ingaggio del centrocampista argentino Spinelli, giunto dal Cosenza.

FONTE: TuttoMercatoWeb.com


7 ultras irrompono negli spogliatoi a PADOVA: Nessuna violenza ma attimi di tensione. Identificati e portati in questura, alcuni erano già stati colpiti da DASPO
- Padova-Legnano Sette ultras irrompono nello spogliatoio
Attimi di tensione allo stadio Euganeo di Padova dove questo pomeriggio, al termine di Padova-Legnano, sette ultras della squadra locale hanno fatto irruzione nello spogliatoio dei biancoscudati. Qui hanno sfogato la propria rabbia verso giocatori e tecnico per il deludente andamento della squadra. Non ci sarebbero stati episodi di violenza. La polizia sta però svolgendo degli accertamenti. I sette, di età tra i 20 e i 30 anni, alcuni già oggetto di Daspo in passato, sono stati portati in Questura ed identificati. Alcuni dei giovani potrebbero essere denunciati.

FONTE: CalcioMercato.com



PREMIERSHIP: Il MANCHESTER UTD umilia il CHELSEA, 3 a 0! LIGA SPAGNOLA: Le merengues schiantano il MAIORCA con ROBBEN, RAUL e SERGIO RAMOS; ora tocca al BARÇA che se la dovrà vedere con l'OSASUNA. SCI SLALOM MASCHILE: Brutta giornata per gli italiani ad Adelboden.
- Manchester Utd da urlo. Il Chelsea è travolto: 3-0
Nel big match della 21ª giornata di Premier League, i Red Devils dominano la sfida con i Blues all'Old Trafford. Vidic sblocca il risultato, Rooney raddoppia e Berbatov chiude il conto. Con questo risultato, la squadra di Ferguson è a -5 dal Liverpool capolista, ma deve recuperare due partite

- Il Real passeggia a Maiorca. Ora tocca al Barcellona
Nel 18° turno della Liga i blancos vincono 3-0 alle Baleari con i gol di Robben, Raul e Sergio Ramos. In attesa della partita dei blaugrana a Pamplona con l'Osasuna i ragazzi di Juande Ramos tornano a -9 dalla vetta. Crolla l'Atletico in casa contro il Bilbao

- Azzurri opachi in slalom. Si salva solo Moelgg, 5°
Manfred si ferma a 6 centesimi dal terzo gradino del podio nello slalom di Adelboden, vinto a sorpresa dall'austriaco Herbst, che era decimo dopo la prima manche. Nei venti anche Rocca (10°), Thaler (12°) e Deville (18°). Nello slalom femminile dominato dalla tedesca Riesch italiane lontane dalle posizioni di testa. La migliore è la Karbon; 20ª la Moelgg, fuori nella seconda discesa la Gius

FONTE: Gazzetta.it
Vota questo articolo:
Vota su WikioVota su Fai InformazioneVota su ziczacVota questa notizia su Cronaca24Vota questa notizia su SurfPeopleVota su OkNOtizieVota questa notizia su PubblicaNewsVota questa news su Faves.com

0 commenti:

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini