.

I ricordi di un adolescente che nell'84-85 tifava HELLAS invece di JUVE, MILAN o INTER come tutti gli altri. PREVIDI dimissioni ufficiose.

Ho recuperato il 'documento' che vi allego da un vecchio quaderno di scuola (un quadernetto ad anelli, a righe blù e azzurre, personalizzato WRANGLER e sul quale avevo appiccicato l'adesivo di un karateka in posizione d'attacco); forse non avevo ancora 14 anni o forse li avevo compiuti da poco... Eravamo nel 1985 e la proffe, in terza media, mi aveva assegnato questo compito forse per capire come mai, al contrario di tutti gli altri ragazzi che tifano JUVENTUS, INTER o MILAN, io fossi così appassionato per l'HELLAS VERONA; così tanto da avviare accesissime discussioni calcistiche con i compagni che non sembravano/volevano capire cosa significasse per me la squadra scaligera e perchè fosse così importante che fosse in testa al campionato di calcio italiano di massima serie... Io cercai di spiegarlo, col mio lessico da 'adolescente di paese' che la Domenica, dopo la messa, invece di uscire con gli amici si tappava in casa col suo papà ad ascoltare quell'invasato di Roberto PULIERO raccontare settimana dopo settimana la storia di una provinciale che avrebbe messo in fila tutte le corazzate ed i campionissimi di allora (da MARADONA a PLATINI, passando per ZICO e SOCRATES) per vincere poi la Serie A 1984/1985... Al solo tornare indietro a quegli anni l'emozione si fa forte ed i brividi sulla schiena non mi lasciano pace, lascio allora il campo a quel tema e chiedo scusa in anticipo per la punteggiatura 'messa a random' e qualche errore di ortografia che non ho corretto per lasciare il tutto il più originale possibile

Pligg.it - Editoria Sociale a Ricavi CondivisiAdd to Technorati Favorites

Ho recuperato il 'documento' che vi allego da un vecchio quaderno di scuola (un quadernetto ad anelli, a righe blù e azzurre, personalizzato WRANGLER e sul quale avevo appiccicato l'adesivo di un karateka in posizione d'attacco); forse non avevo ancora 14 anni o forse li avevo compiuti da poco... Eravamo nel 1985 e la proffe, in terza media, mi aveva assegnato questo compito forse per capire come mai, al contrario di tutti gli altri ragazzi che tifano JUVENTUS, INTER o MILAN, io fossi così appassionato per l'HELLAS VERONA; così tanto da avviare accesissime discussioni calcistiche con i compagni che non sembravano/volevano capire cosa significasse per me la squadra scaligera e perchè fosse così importante che fosse in testa al campionato di calcio italiano di massima serie...

Io cercai di spiegarlo, col mio lessico da 'adolescente di paese' che la Domenica, dopo la messa, invece di uscire con gli amici si tappava in casa col suo papà ad ascoltare quell'invasato di Roberto PULIERO raccontare settimana dopo settimana la storia di una provinciale che avrebbe messo in fila tutte le corazzate ed i campionissimi di allora (da MARADONA a PLATINI, passando per ZICO e SOCRATES) per vincere poi la Serie A 1984/1985... Al solo tornare indietro a quegli anni l'emozione si fa forte ed i brividi sulla schiena non mi lasciano pace, lascio allora il campo a quel tema e chiedo scusa in anticipo per la punteggiatura 'messa a random' e qualche errore di ortografia che non ho corretto per lasciare il tutto il più originale possibile...

TEMA: Perchè è tanto importante che il VERONA sia primo nel campionato di calcio?
Per me ormai tifare per il VERONA è diventata una questione di principio perchè è facile per una squadra come la JUVENTUS mai retroceduta in Serie B insieme all'INTER (anche se meritatamente) o per una squadra come la ROMA vincere scudetti, coppe dei campioni, ecc... Infatti queste grosse squadre del campionato italiano hanno tutto: (soldi, esperienza e se vogliamo anche bravura ma parlando per la JUVE e per chi mi può capire (T. e B. in particolare) hanno sopratutto cuccioli di pecore. Il VERONA invece squadra provinciale si è fatto le ossa retrocedendo molte volte in Serie B subendo gravi torti arbitrali ecc...

Hellas Verona 2008/2009 bis (immagini e foto dal web)


Per esempio anche l'anno scorso il VERONA andava forte solo che quando lo si è visto troppo pericoloso per le grandi si è voluto fermarlo per un po' pagando gli arbitri (infatti per sei partite furono rovinate dagli arbitri nel campionato precedente). Ora il VERONA guida la classifica e nessuno può dire (eccetto M. che deve avere sempre l'ultima parola) che non se lo meriti. Infatti non per niente tre dei nostri sono in nazionale ma di questi tre solo DI GENNARO è titolare e non FANNA e TRICELLA. Ora per FANNA non posso dire niente ma per TRICELLA il più bravo libero d'Italia non è giusto. Non solo io ma quasi tutta Italia lo vuole in nazionale eccetto naturalmente la persona più importante (BEARZOT) comunque il VERONA è ancora primo di due punti in barba all'INTER e al TORINO e se retrocederà sara soltanto colpa della sfortuna, infatti GARELLA ha gravi problemi familiari, FERRONI ha il ginocchio rotto, TRICELLA ha uno stiramento muscolare, FONTOLAN ha il naso rotto GALDERISI non ha ancora niente ma se va avanti così gli distruggono le gambe (teniamo comunque le dita incrociate) ed infine ELKIAER ha anche lui uno stiramento muscolare, se poi passiamo tra le riserve c'è anche BRUNI (molto importante per noi) che sta male.

Come si può notare su 11 titolari, 5 + una riserva non giocano o giocano (per forza!) male. Ma se il VERONA retrocederà farà scandalo e tutti i pronostici lo sfavoriranno se invece l'INTER o il TORINO cominceranno a calare tutti staranno muti comunque anche se il destino la sfortuna ci è contro noi siamo ancora primi in barba a tutti.
FORZA VERONA
ALÈ ALÈ BUM BUM



Il voto non lo ricordo... Non ricordo nemmeno se la proffe me ne diede uno, ricordo solo di essere stato così fiero del mio scritto che non vidi l'ora di farlo leggere a mio padre ed il suo sorriso di allora, ora più che mai, valse assai più di mille ottimi che la proffe di Italiano, Storia e Geografia avesse mai potuto assegnarmi....

I contributi filmati del TGGialloblù:
- LIVE: HELLAS SUL SINTETICO
- REMONDINA: A CESENA PER COLPACCIO
- VERONA-MONZA 2-1: SINTESI RASULO
- PAROLO: TIFO COMMOVENTE
- CORRENT: LA PANCA FA MALE
- VERONA-MONZA: SERVIZIO VIGHINI
- IL GOL DI PAROLO LIVE A TUTTOCALCIO
- IL GOL DI GOMEZ LIVE A TUTTOCALCIO
- OCCASIONE MONZA LIVE TUTTOCALCIO
- IL VANTAGGIO DEL MONZA
- IL PAREGGIO DI PAROLO
- IL GOL VITTORIA DI GOMEZ
- CORRENT: QUANTA RABBIA...
- REMONDINA: GRANDE GRUPPO
- GOMEZ: DEDICATO AI MIEI GENITORI

PREVIDI CONFERMA LE SUE DIMISSIONI a Radio Easy Network ma io rimango ancora fiducioso per quanto scrissi qui. A LEONardino, che dovrà passare le feste a curarsi purtroppo, vanno tutti gli auguri possibili da questo blog e da chi lo gestisce, nonchè i ringraziamenti per averci ridato una squadra degna di questo nome (e averci salvato l'anno scorso dall'onta della C2)

Sondaggio a risposta singola
PREVIDI a confermato ieri le sue dimissioni e ora come butta?

Mi dispiace per Nardino ma il sostituto c'è già
Meglio così! E adesso via anche ARVEDI
Grave perdita! Purtroppo non credo che la società abbia già un sostituto all'altezza
Ringraziamo ARVEDI e PREVIDI ma da Gennaio arriva qualcun'altro
E' l'inizio della fine: la squadra si sfalderà e faremo fatica a salvarci
Non so...



IL GRANDE CUORE DELL'HELLAS: In serie positiva da 9 giornate il VERONA stupisce per i punti conquistati in rimonta. Sono ben 14, quasi un terzo del totale, le lunghezze guadagnate dalla squadra scaligera dopo essere stata sotto. Bene così finchè si recupera ma i tifosi sperano non sia sempre necessario, per dirla alla CECCARELLI, prendere uno schiaffo prima di reagire. Se la rimonta fino al pareggio e addirittura alla vittoria dimostra sicuramente un carattere indomito il fatto di passare in vantaggio per primi e poi amministrare rappresenterebbe la forza e la saggezza che questo VERONA ha dimostrato di non avere ancora (vedi la gara contro il LEGNANO ma anche, per certi versi, quella contro il NOVARA). Ad ogni modo non è il caso di fare troppo i sofisti: godiamoci questo VERONA 'incosciente' e la 6^ posizione nel Girone. GOMEZ TALEB LA 'SCOMMESSA' DI PRISCIANTELLI: L'argentino, decisivo col MONZA, era stato scelto dopo essere stato visionato dal ds scaligero in C2 a BELLARIA; 'Sapevo che prima o poi sarebbe uscito' - commenta Riccardo. Dello stesso avviso REMONDINA: 'La vittoria con i brianzoli frutto dei 'gregari'? Non sono d'accordo, ho sempre detto che tutti in questa squadra sono importanti alla causa e che per tutti, prima o poi, sarebbe venuto il momento buono... È toccato a GOMEZ e a CORRENT ma poteva toccare a GIRARDI o a LOSETO come ad ogniuno dei ragazzi che giocano meno'.

LE ALTRE DEL GIRONE: La SAMBENEDETTESE alla terza sconfitta consecutiva in campionato. Arriva la contestazione dei tifosi; dopo meno di mezz'ora i rossoblù già perdevano per 3 a 0. La PRO PATRIA approfitta anche del mezzo passo falso interno della 'matricola terribile' SPAL che però contro il LECCO non riesce a vincere. Tiene il NOVARA vincente a LUMEZZANE grazie ad un rigore ma i lombardi sembrano aver perso pugna. Nel match clou della penultima giornata del Girone A la 'sorpresa' è il CESENA che fa saltare il banco a CREMONA e apre ufficialmente la crisi di risultati che ha fatto dimettere IACONI alla 4 sconfitta in 5 gare. Vince e spera anche il PORTOGRUARO che battendo il LEGNANO aggancia tutte le altre nella zona a rischio. Pareggiano RAVENNA-VENEZIA e REGGIANA-PADOVA senza farsi male e muovendo la classifica. Sabato la PRO SESTO aveva battuto il PERGO.



ALTRE NEWS: MULTA DI 10.000 EURI per il club di via Torricelli "perchè propri sostenitori, più volte durante la gara, rivolgevano ad un calciatore di colore della squadra avversaria fischi e ululati in occasione di ogni giocata dello stesso, ed alla sua uscita dal terreno di gioco". ALLENAMENTO DI IERI: Differenziato per Bergamelli e Campagna, terapie per Gabriele Puccio e Marco Mancinelli. INTERVISTE A TIBONI "Ora guardiamo avanti", CAMPISI "Col Monza vittoria del cuore" e REMONDINA "Ogni punto ottenuto è determinante". IL VERONA CAMPIONE D'ITALIA DELL'85 in una pubblicità della Birra Moretti sulla Gazza! PEPPE CANNELLA nuovo diesse del TREVISO.


[IN BREVE]
TIFOSI IRROMPONO NEGLI STUDI DI CONTROCAMPO: Fermati dopo una sassaiola uno (già colpito da DASPO) è stato arrestato.
REGGIANA-PADOVA, finisce a reti bianche.
IACONI SI DIMETTE e la CREMONESE rimane senza guida in panca.
ATLETICA LEGGERA: Usain BOLT insegue il record del mondo dei 400, ci proverà nel 2010.
FORMULA 1: La PSA smentisce il possibile aquisto della scuderia HONDA.
CALCIO&PANCHINE: CUSIN al AL-ITTIHAD degli sceicchi, MANCINI e SCHUSTER in lotta per il SUNDERLAND.
LIGA: Per il titolo c'è anche l'ATLETICO ma contro questo BARÇA sarà dura. COPPA INTERCONTINENTALE: Giovedì il MANCHESTER UNITED contro l'OSAKA. Da LIGA DE QUITO e PACHUCA l'altra finalista.
CALCIO&INFORTUNI: Operato GATTUSO tornerà in campo fra 6 mesi. Brutta tegola anche per la Nazionale.
PRESIDENZA AIC: È ancora CAMPANA (dal '68) il presidente.
RALLY: Dopo la HONDA in F1 la SUZUKY si ritira dai rally!

Commenta l'articolo:oppure




GIOCO PRONOSTICI:
Prima di tutto mi fa piacere dare il BENVENUTO ad un nuovo giocatore (che prenderà i punti dell'ultimo in classifica più quelli realizzati oggi): Black che non esordisce alla grandissima ma insomma... Si salva dall'essere sfigadòn e di per sè e già una cosa buona no :?: Che ne pensi Black :?: UAUAUAUA

I più bravi sono Boro (again :wink: it is starting to become an usual thing isn'it :?: Eh eh), Gabri e RougeHellas con 7 punti ma i primi in classifica generale sono sempre quelli RobRoy, Boro e Martino ben distanziati dagli altri ;o)

Fortunatamente RobRoy oggi s'è preso una vacanza ed è sfigadon insieme ai due 'mister' Mister Loyal e MR31032001; meglio per gli inseguitori più prossimi che guadagnano rispettivamente 4 e 3 punti e Boro si trova ora ad un solo punto dalla vetta :!: Il gioco comincia a farsi caldo eh :?: Hi hi E non avete ancora visto niente ;o) ...


Gioco pronostici B/=\S 2008/2009
GiocatorePunti
RobRoy71
Boro66
Martino64
Bruni, MR3103200161
Gabri59
Bubu77, Smarso58
Pose Gialloblu56
Bridget55
RougeHellas53
Mister Loyal52
Ale90HVr50


ALBO D'ORO CAMPIONI
2007/2008 L. Bruni F.C.
2006/2007 Ark (Ex-Alberto)
2005/2006 Ark (Ex-Alberto)
2004/2005 Ark (Ex-Alberto)
2003/2004 Ark (Ex-Alberto)


Puoi commentare questo articolo sul forum BONDOLA/=\SMARSA oppure in coda a questo post per aprire magari uno scambio di opinioni... Con la prima di campionato è ripartito il gioco pronostici B/=\S: l'anno scorso la spuntò BRUNI per un solo, misero punto! (fra l'altro preso alla rubentina) Brucia ancora ma, anche quest'anno ci sarà da giocarsela! Che aspettate dunque? Si potrà giocare fino all'inizio delle partite!





SPECIALISTA IN RIMONTE È UN HELLAS MAI DOMO
Il dato>> Quattordici punti su 23 sono arrivati da gare in cui era andato sotto. Si allunga la serie positiva. Dopo la vittoria col Monza
sono 9 le partite senza ko: l’ultimo risale al 12 ottobre. Il balzo in classifica. Due mesi fa era dodicesimo, mentre adesso il Verona
è risalito fino al sesto posto. E ora si può sognare.

Dal 12 ottobre (1-2 in casa col Ravenna) il Verona non ha più perduto una gara, conquistando tre vittorie e sei pareggi. Il risultato è un balzo in avanti di sei posizioni in classifica (dal dodicesimo posto di allora al sesto attuale) e il profumo dei playoff dietro la porta. Quello che fa ancor più notizia è tuttavia il fatto che dei 23 punti attuali ben 14 sono arrivati da gare nelle quali il Verona era inizialmente passato in svantaggio. Una volta colpito, l’Hellas si è rialzato sei volte, andando a vincere per quattro, vale anche a dire che quattro vittorie su cinque sono state conquistate così.



...altrimenti ci arrabbiamo! L’8 settembre fu la volta della gara con la Spal, con Corrent e Tiboni a ribaltare l’eurogol di Cazzamalli. A Pergocrema sempre Tibo-gol raggiunse il pari, a Sesto San Giovanni lui e Scapini recuperarono un doppio svantaggio, mentre dopo lo spauracchio iniziale per il forcing e il gol del Novara Tiboni, Bellavista e Parolo regalarono una splendida vittoria. Che arrivò anche col Legnano quando il gol iniziale di Bertoli scatenò l’uragano Tiboni. Sempre al nono minuto l’altro ieri è andato in vantaggio il Monza, risultato ribaltato dalle reti di Parolo e Gomez. Le quattro vittorie sono casalinghe ma anche i due pari rimediati in trasferta danno la misura di questo Verona. Innanzitutto è una squadra che non perde la testa subito lo svantaggio, cosa che ti potresti aspettare con così tanti giovani in campo. Segno che Remondina, uomo equilibrato, sa trasmettere serenità al gruppo e consapevolezza dei propri mezzi. Memorabile fu a Sesto San Giovanni, quando dopo un primo tempo davvero brutto e sotto di due gol, all’intervallo il Remo non si scompose, e invece di sfondare le porte (come qualche ex allenatore gialloblù) disse ai ragazzi di «continuare così, che prima o poi girerà». Oltre a non perdere la testa i gialloblù stanno dimostrando di saperla usare poi, perché i recuperi non sono mai avvenuti in seguito ad affannosi e scriteriati forcing che espongono al rischio di ulteriori passivi, ma sempre giocando, cercando pian piano l’azione vincente. Come col Monza quando la tela del ragno brianzolo sembrava oramai aver invischiato l’Hellas in un lento e inesorabile pareggio.

Vantaggio e sofferenza Anche questo è un ben noto clichè per il pubblico d Bentegodi. Con Sambenedettese, Legnano e Monza i tifosi hanno dovuto più volte dare delle pacche all’orologio perché finisse il minutaggio di recupero. La squadra in queste tre vittorie ha sempre “offerto” all’avversario la palla del pareggio nel finale, rischiando di gettare via fatica e punti. In definitiva con quest’He l l a s non ci si annoia mai, anzi, ora si può pure sognare. Almeno un pochino.

FONTE: DNews.eu


- L’argentino del Verona: «Il gol decisivo al Monza mi ripaga di tutto»
Gomez, l’Hellas scopre il “suo” Lavezzi
Mamma e papà sono a Buenos Aires. E ieri hanno festeggiato con lui. Juan Ignacio Gomez Taleb, argentino dell’Hellas, match winner della sfida con il Monza, li sente praticamente ogni giorno. «Quando il pallone è entrato - racconta - ho pensato subito a loro e alle mie due sorelle, tifosissime del Verona. Una sensazione incredibile. Quel gol mi ripaga di mille sacrifici».

Dalla C2 con... speranza. Gomez l’anno scorso era al Bellaria, in C2. Prisciantelli, diesse scaligero, lo ha pescato lì dopo averne visto una manciata di partite. Una scommessa, una delle tante di questa stagione del Verona. «Sulle sue doti non avevo dubbi - racconta il dirigente - e sapevo che prima o poi sarebbero emerse».

Spogliatoio unito. Non è sfuggito a nessuno che la vittoria col Monza sia arrivata grazie a due giocatori partiti dalla panchina: Corrent e appunto Gomez. «Per me- ripete Remondina- sono tutti importanti. L’ho sempre detto. Prima o poi tutti sarebbero stati utili». Ed è in questa ottica che si inserisce anche il grande abbraccio che tutta la squadra ha fatto al capitano Corrent, finito in panchina nelle ultime gare.

Allenamento a Colognola. Ieri il Verona ha ripreso ad allenarsi in vista dell’ultima gara d’andata a Cesena. La squadra si è allenata a Colognola ai Colli, sul terreno sintetico: il campo dell’antistadio era ormai al limite della praticabilità a causa della pioggia. Da verificare le condizioni di Mancinelli, assente anche con il Monza.

FONTE: Leggo.it


- Emozione Gomez «Bentegodi da urlo»
VERONA SEMPRE PIÙ IN ALTO. L'ATTACCANTE ARGENTINO HA SEGNATO LA SECONDA RETE DELLA STAGIONE E HA REGALATO LA VITTORIA SUL MONZA. «UNA GIOIA PER TUTTI»
A Juan Inacio Gomez Taleb ha realizzato il gol della vittoria. «Abbiamo un pubblico incredibile, non ci lasciano mai soli Un gol molto importante, voglio dedicarlo alla mia famiglia»



Juan Ignacio Gomez Taleb è nato a Santa Fè il 20 maggio dell'85, un giorno dopo la grande festa del Bentegodi per lo scudetto dell'Hellas. Verona nel destino per il giovane attaccante sudamericano, cresciuto nelle giovanili del Boca Junior e legato da sempre ai colori gialloblù del club argentino, gli stessi colori che ora indossa e difende con orgoglio. Nella sfida con il Monza ha segnato la rete che ha regalato la vittoria al Verona, un'emozione incredibile. «Avevo fatto già gol con il Ravenna - racconta - ma non era servito a nulla perchè stavamo già perdendo due a zero e ho accorciato le distanze quando la partita era già finita. La rete con il Monza ha un sapore diverso. Sono contento, è una grande soddisfazione fare un gol al Bentegodi, davanti a diecimila persone. Sono felice per la squadra che ha vinto un'altra volta in rimonta. Un successo importante perchè ci fa salire in classifica e ora possiamo andare a Cesena con un po' di tranquillità in più».

Arrivato in estate come esterno per il 4-3-3 ipotizzato in ritiro da Gian Marco Remondina, Gomez ha pagato non solo la decisione del tecnico di cambiare modulo a campionato in corso ma anche gli infortuni che lo hanno fermato in preparazione. «Una serie di problemi che mi hanno frenato - ammette Gomez - ho fatto fatica a ritrovare la condizione fisica ma da qualche settimana sto bene, lavoro senza problemi, mi sono messo a disposizione della squadra. Ho giocato quasi sempre da esterno ma il mister mi ha provato in questa posizione. Va bene così».
Il colpo di testa non è il suo forte ma con il Monza ha mirato l'angolino e ha fatto centro. «Sono un giocatore rapido, veloce - spiega - preferisco la manovra con palla a terra, cerco spazio su tutto il fronte offensivo. Contro il Monza Remondina mi ha chiesto di fare proprio questo, di andare nell'uno contro uno. Nell'azione del gol Corrent ha messo una palla molto bella, tagliata. L'ho vista arrivare tra i due difensori, non ho staccato tantissimo ma ho colpito bene. Poi sono rotolato a terra, ho capito che avevo fatto gol quando i compagni mi hanno abbracciato e ho sentito il boato del pubblico. Emozione incredibili».

Una vittoria meritata, ancora un sorpasso al Bentegodi ma quanta sofferenza negli ultimi minuti. «Avevamo speso molto - continua - e il Monza ha provato il tutto per tutto per raggiungere il pari ma non sono riusciti a passare. Secondo me non ce l'avrebbero mai fatta, avete visto come ci incitavano i nostri tifosi, ci hanno aiutato a spingere fuori gli ultimi palloni». Un gol importante, una dedica speciale. «Alla mia famiglia - conclude Gomez - a mio padre Norberto, a mia madre Graciela, alle mie sorelle Eliana e Augustina. Loro sono in Argentina ma mi seguono sempre. Mio padre mi ha portato al Boca Junior, mi ha visto crescere con la maglia gialloblù. Ora segue le mie partite vie Internet, è orgoglioso della mia scelta, all'Hellas sono passati tanti argentini che hanno fatto la storia del nostro calcio come Caniggia, Troglio, Camoranesi... Una soddisfazione in più per la mia famiglia».

FONTE: LArena.it


- Con la vittoria al Riviera, la Pro Patria rimane sola al comando, seconda la Spal fermata dal Lecco
Brutta sconfitta interna della Samb, alla terza sconfitta consecutiva, ora in piena zona play out. Ennesimo stop della Cremonese, che questa volta cede in casa contro il Cesena, per i lombardi, quattro sconfitte su cinque gare.
... Una brutta gara giocata dai ragazzi di mister Piccioni, di fronte al proprio pubblico, contro la capolista Pro Patria, alla vigilia tutti speravano in almeno un punto, dopo la sconfitta di Legnano e il colloquio chiarificatore, avvenuto nello spogliatoio durante la settimana. Invece dopo appena ventisei minuti di gioco, la Samb era già sotto di tre reti... Per quanto riguarda le altre gare, con la vittoria di San Benedetto ed il concomitante pari interno della Spal, la Pro Patria torna da sola al comando della classifica, i ferraresi dimostrano di avere qualche problema interno contro le piccole ed il Lecco ringrazia e porta a casa un punto. I lombardi non hanno rubato nulla e avrebbero anche potuto fare il colpaccio, si riavvicina alla vetta il Novara che sbanca Lumezzane con un rigore di Gallo e fa sprofondare i bresciani ormai bruttacopia della squadra che fino a qualche settimana fa era l'unica imbattuta del girone.

Il colpo della giornata lo compie il Cesena che sbanca lo Zini di Cremona ed infila la terza vittoria consecutiva, i grigiorossi si allontanano dai playoff e aprono la loro crisi: 4 sconfitte nelle ultime 5 gare. In attesa del posticipo tra Padova e Reggiana, si affaccia per la prima volta in stagione nelle zone alte il Verona che infila il nono risultato utile consecutivo battendo il Monza: ora gli uomini di Remondina sono virtualmente a due lunghezze dagli spareggi. Vittoria ed aggancio in classifica per il Portogruaro sul Legnano il quale fa due passi indietro dopo il sonante successo sulla Samb e torna nella mediocrità delle ultime settimane. Pareggio a reti bianche, invece, tra Ravenna e Venezia che scelgono di non farsi male e fare un piccolo passo in avanti in classifica. Nell'anticipo c'era stata la preziosissima vittoria della Pro Sesto (Campi) sul Pergocrema che permette ai milanesi di fare un bel passo in avanti in attesa del recupero infrasettimanale col Lecco.

FONTE: IlQuotidiano.it



- La grinta di Tiboni: "Ora guardiamo avanti"
"C'è sempre qualche lacuna su cui lavorare, basti pensare all'approccio alla gara"
Presso gli impianti sportivi di Colognola ai Colli i gialloblù hanno ripreso a lavorare, dopo aver goduto di una giornata di riposo a seguito della vittoria col Monza. Nonostante l’astinenza dal gol che dura da due turni, Christian Tiboni mantiene grande serenità: "La cosa più importante è il bene della squadra, io ed i miei compagni siamo felici di aver raggiunto il nono risultato utile consecutivo. L’augurio è di fare una buona gara anche domenica prossima a Cesena. All’interno di un gruppo c’è sempre qualche lacuna su cui lavorare, basti pensare all’approccio al match. Spesso entriamo in campo e ci svegliamo solo dopo aver subìto un gol. Ribaltare il risultato non sempre è possibile." Le difese avversario iniziano a controllare l’attaccante scuola Atalanta con un occhio di riguardo: "Quando fai qualche gol è normale che i difensori ti temano di più e le provino tutte pur di fermarti. Però questo è il calcio, fa parte della normalità. Vista la situazione attuale possiamo solo guardare verso l’alto della classifica, guai voltarsi indietro."

La vena realizzativa passa in secondo piano se raffrontata con i risultati del collettivo: "Prima di guardare la classifica marcatori preferisco badare all’andamento dell’Hellas, essere prolifici senza raggiungere determinati obiettivi sarebbe una cosa fine a sè stessa. Sono contento del rapporto coi tifosi, mi trovo bene in questa città, e spero di continuare così anche nel 2009. Quando finirà la stagione potremo parlare del mio futuro, attualmente penso solo alla gara col Cesena ed al girone di ritorno." Gli addetti ai lavori identificano con il secondo tempo di Sesto San Giovanni la svolta nel campionato degli scaligeri: "Da lì abbiamo iniziato la nostra risalita, venivamo da alcuni risultati non positivi, e dopo una prima frazione difficile siamo entrati nello spogliatoio con la volontà di rimettere in carreggiata la partita. Di conseguenza la fiducia nei nostri mezzi è aumentata, e pure l’attacco si è sbloccato."

- Campisi: "Col Monza vittoria del cuore"
"Si tratta di un successo, forse il più bello, nato dal sacrificio e dal sudore di tutti quanti"
Martedì pomeriggio, presso il centro sportivo di Colognola ai Colli, il centrocampista Luisito Campisi ha incontrato i giornalisti in occasione dello spazio interviste. Il gialloblù ha mostrato la propria soddisfazione per i nove risultati consecutivi ottenuti dalla squadra, e per il contributo individuale: "In questo momento le cose stanno andando bene, ne sono contento. Ora che siamo attaccati al gruppo dei play-off non dobbiamo mollarlo. In tre anni da professionista ho cambiato molti ruoli, di conseguenza posso tornare utile in diversi settori del terreno di gioco."

Il successo col Monza ha un valore maggiore se si considera il buon periodo che gli uomini di Marcolin stavano attraversando: "Forse si è trattato della vittoria più bella della stagione, perchè nata dal cuore, dal sacrificio e dal sudore di tutti. Anche chi non ha giocato mentalmente era con noi, poi il "Bentegodi" ti permette di avere una spinta maggiore. Dobbiamo solo continuare così." Guai ad abbassare la guardia, domenica prossima c’è il Cesena: "L’errore più grave sarebbe quello di rilassarci. Solo lavorando con dedizione ed umiltà si possono ottenere dei risultati. Per quanto riguarda il mio futuro, sono contento di essere qui. Ho trovato tutto ciò che mi aspettavo, tra cui un pubblico meraviglioso. Non faccio previsioni, vivo alla giornata."

- Remondina: "Ogni punto ottenuto è determinante"
"Da un pò di tempo a questa parte stiamo affrontando formazioni in salute"
Domenica 21 dicembre al "Manuzzi" i gialloblù scenderanno in campo con l’obiettivo di concludere nel migliore dei modi il 2008. In occasione della ripresa degli allenamenti, il tecnico Gian Marco Remondina ha rilasciato alcune dichiarazioni alla stampa: "Nell’ultima gara di campionato abbiamo affrontato una buona squadra, sinceramente non mi aspettavo un Monza così attrezzato. I vari Samb, Torri e Iacopino sono giocatori di grande importanza, di conseguenza la vittoria vale ancora di più."

Ultimamente, Corrent e compagni stanno sfruttando al massimo il fattore-campo: "Volevamo vincere a tutti i costi, in modo da congedarci nel migliore dei modi dal pubblico di casa. Ogni punto ottenuto ed ogni gol segnato sono sempre determinanti per noi. Da un pò di tempo a questa parte affrontiamo formazioni in salute, basti pensare al Venezia, Monza, ed al Cesena, prossimo avversario. Abbiamo dimostrato di non essere da meno, proseguiamo su questa strada."

Nonostante lo svantaggio iniziale, l'allenatore lombardo ha identificato altri aspetti da migliorare: "La rete biancorossa è stata abbastanza casuale, con la deviazione di Scapini a mettere la palla in fondo al sacco. Analizzando la partita, ritengo ci sia da lavorare nella gestione delle ultime fasi di gioco, per fare in modo che all'avversario venga concesso ancora meno."



- Iniziata la preparazione della sfida col Cesena
Riscaldamento tecnico, lavoro aerobico e tattica presso gli impianti sportivi di Colognola ai Colli per i gialloblù

- Cesena-Hellas Verona, info biglietti
Tagliandi disponibili fino alle ore 19:00 di sabato 20 dicembre al costo di 10,00€+diritti di agenzia

- Giudice Sportivo, 10.000€ di ammenda al club scaligero
Rese note le sanzioni disciplinari a seguito della 16a giornata del campionato di Lega Pro

- Giovanili, doppio successo con la Triestina
Tris degli Allievi Nazionali in casa, mentre i Giovanissimi Nazionali si impongono 2-1 in trasferta

FONTE: HellasVerona.it


Antistadio impraticabile, l'Hellas si allena sul sintetico
La squadra scaligera costretta ad "emigrare" a Colognola ai Colli per riuscire a lavorare regolarmente. Impianto perfetto, morale alle stelle. E stasera i gialloblù saranno a cena a Cavalcaselle a villa Arvedi per gli auguri di Natale
Antistadio impraticabile per la pioggia ed allora l'Hellas è stata costretta ad "emigrare" a Colognola ai Colli, dove l'impianto sportivo è dotato di un bellissimo e funzionale terreno sintetico. Allenamento regolare, quindi e morale (dopo la vittoria con il Monza) alle stelle in vista della trasferta di Cesena. E stasera tutta la squadra veronese sarà a villa Arvedi per gli auguri natalizi.

- Verona-Monza: i "buh" razzisti costano 10 mila euro di multa
Ancora una pesantissima sanzione alla società per i cori fatti domenica al Bentegodi contro Samb, il giocatore senegalese della squadra lombarda. Il giudice non ha tenuto conto dei fischi di disapprovazione fatti dal resto dello stadio contro gli ululatori
Diecimila euro di multa per i cori razzisti contro Samb, il giocatore senegalese del Monza. Questa la decisione del giudice sportivo della Lega Pro contro il Verona. La multa è arrivata all'Hellas "perché propri sostenitori, più volte durante la gara, rivolgevano ad un calciatore di colore della squadra avversaria fischi e ululati in occasione di ogni giocata dello stesso, ed alla sua uscita dal terreno di gioco" secondo quanto ha scritto nella motivazione il giudice. Anche stavolta non è stata tenuta presente la reazione della gran parte del Bentegodi che ha disapprovato fischiando sonoramente gli ululati.



Verona campione: l'impresa dell'85 diventa una pubblicità
La Gazzetta e la Birra Moretti hanno scelto proprio lo scudetto del Verona per pubblicizzare le pagine storiche della rosea. Un momento indimenticabile che fece diventare Verona la capitale d'Italia. Forse un avvenimento irripetibile
I pubblicitari, si sa, è gente che bada al sodo. Nel messaggio che mandano agli utenti cercano sempre il massimo impatto. Così coloro che hanno voluto pubblicizzare le pagine commemorative della Gazzetta dello Sport, non hanno avuto dubbi. Tra tutte le imprese sportive degli ultimi anni, quella che ha colpito di più l'immaginario collettivo è stato senza dubbio lo scudetto vinto dall'Hellas nel 1985. La pubblicità campeggia in questi giorni proprio sulla rosea ed è una pubblicità in abbinata con la Birra Moretti che da anni sponsorizza addirittura organizzando un torneo estivo, il mondo del calcio.

E' chiaro che lo scudetto vinto dal Verona resta un "unicum". Ed è proprio questo ad "esaltare" ancora di più quella straordinaria avventura. Mai più nessuna provinciale riuscirà a centrare un traguardo del genere, davanti al quale le presunte favole (per esempio in Germania in questi giorni si parla dell'Hoffenheim, primo con il Bayern a 35 punti) non hanno francamente paragone. Il Verona, in realtà, è stata l'unica vera squadra provinciale ad aggiudicarsi uno scudetto nel campionato Italiano. Una storia che oggi è diventata anche una pubblicità.

FONTE: TGGialloblu.it



[OFFTOPIC]
TIFOSI IRROMPONO NEGLI STUDI DI CONTROCAMPO: Fermati dopo una sassaiola uno (già colpito da DASPO) è stato arrestato. ATLETICA LEGGERA: Usain BOLT insegue il record del mondo dei 400, ci proverà nel 2010. FORMULA 1: La PSA smentisce il possibile aquisto della scuderia HONDA. CALCIO&PANCHINE: CUSIN al AL-ITTIHAD degli sceicchi, MANCINI e SCHUSTER in lotta per il SUNDERLAND. LIGA: Per il titolo c'è anche l'ATLETICO ma contro questo BARÇA sarà dura. COPPA INTERCONTINENTALE: Giovedì il MANCHESTER UNITED contro l'OSAKA. Da LIGA DE QUITO e PACHUCA l'altra finalista. CALCIO&INFORTUNI: Operato GATTUSO tornerà in campo fra 6 mesi. Brutta tegola anche per la Nazionale. PRESIDENZA AIC: È ancora CAMPANA (dal '68) il presidente. REGGIANA-PADOVA, finisce a reti bianche. IACONI SI DIMETTE e la CREMONESE rimane senza guida in panca. RALLY: Dopo la HONDA in F1 la SUZUKY si ritira dai rally!
REGGIANA-PADOVA, finisce a reti bianche. IACONI SI DIMETTE e la CREMONESE rimane senza guida in panca.
- Reggiana, buon pari a Padova
I granata escono dall’ ‘Euganeo’ strappando un punto a una diretta avversaria e restano a stretto contatto con la zona playoff. I biancoscudati, migliori degli ospiti nel corso dei novanta minuti, non sono riusciti a trovare il colpo del ko.

- Cremonese, Iaconi rescinde
Il tecnico Ivo Iaconi lascia la panchina della Cremonese. Il sito ufficiale rende nota la rescissione consensuale del contratto tra allenatore e club grigiorosso.

FONTE: CalcioPress.net


TIFOSI IRROMPONO NEGLI STUDI DI CONTROCAMPO: Fermati dopo una sassaiola uno (già colpito da DASPO) è stato arrestato. ATLETICA LEGGERA: Usain BOLT insegue il record del mondo dei 400, ci proverà nel 2010. FORMULA 1: La PSA smentisce il possibile aquisto della scuderia HONDA. CALCIO&PANCHINE: CUSIN al AL-ITTIHAD degli sceicchi, MANCINI e SCHUSTER in lotta per il SUNDERLAND. LIGA: Per il titolo c'è anche l'ATLETICO ma contro questo BARÇA sarà dura. COPPA INTERCONTINENTALE: Giovedì il MANCHESTER UNITED contro l'OSAKA. Da LIGA DE QUITO e PACHUCA l'altra finalista. CALCIO&INFORTUNI: Operato GATTUSO tornerà in campo fra 6 mesi. Brutta tegola anche per la Nazionale. PRESIDENZA AIC: È ancora CAMPANA (dal '68) il presidente.
- L’irruzione Scontri e sassaiole con i carabinieri
Venti ultrà a Controcampo un rossonero in manette
>> Quattro pullman con circa 200 tifosi a bordo sono rientrati in città dopo la partita Juve- Milan, domenica sera. Scendono dai bus e si disperdono davanti agli occhi della polizia. Ma subito dopo, cento di loro, tutti ultrà, si radunano nei pressi degli studi Mediaset di viale Europa, a Cologno Monzese. Sono le 23.45 circa quando irrompono nella trasmissione sportiva in diretta “Con - trocampo”. Sono furiosi perchéa Torino non avevano il biglietto e non li hanno fatti entrare. In pochissimi istanti riescono a raggiungere le telecamere, gridando slogan contro il carobiglietti. La regiamanda in onda la pubblicità mentre sul posto arrivano 13 “gazzelle” dei carabinieri. Un’ottantina di ultrà riescono a scappare, mentre altri venti, iniziano a lanciare sassi contro i militari. Un carabiniere è stato ferito mentre e quattro ultrà bloccati. Uno di loro è un 24enne già colpito nel 2006 da Daspo, è stato individuato come l’autore del lancio del sasso e arrestato. Gli altri tre sono stati identificati e denunciati.

- ATLETICA LEGGERA. CI PROVERÀ NEL 2010
L’altra sfida di Bolt «Voglio il primato dei 400 metri» Il velocista giamaicano, dopo i record mondiali su 100 e 200 metri, punta al “giro della morte”: «Sfrutterò lo sprint finale».

- FORMULA 1
La Psa smentisce l’ingresso nel Circus «Non ci interessa comprare la Honda»

- ARABIA DA NOI È QUASI SCONOSCIUTO
L’Al-Ittihad pesca in Italia Cusin è il nuovo allenatore

- INGHILTERRA SCHUSTER L’ALTERNATIVA
Mancini è tra i candidati per la guida del Sunderland

- SPAGNA ATLETICO DAVANTI AL REAL
Aguero senza freni «Conquistare la Liga non è solo un sogno»

- MONDIALE PER CLUB GIOVEDÌ SFIDA AI GIAPPONESI DELL’OSAKA
Rooney lancia il Manchester «Siamo affamati di trofei»
I concorrenti più temibili si sfideranno nell’altra semifinale, che metterà di fronte il Liga de Quito e il Pachuca. La finale
domenica 21 a Yokohama.

- Milan
INTERVENTO OK GATTUSO TORNERÀ TRA SEI MESI
«Attorno ai sei mesi»: è questo il periodo di recupero previsto per Rino Gattuso che ieri mattina è stato operato ad Anversa dal professor
Martens. Gli sono stati ricostruiti i legamenti del crociato del ginocchio destro.

- Elezioni Aic
ETERNO CAMPANA È STATO RIELETTO ANCORA PRESIDENTE
Sergio Campana è stato confermato alla presidenza dell'Associazione italiana calciatori, nel corso dell'Assemblea straordinaria
elettiva che si è svolta a Milano. Campana ricopre la carica ininterrottamente dal 1968.

FONTE: DNews.eu


RALLY: Dopo la HONDA in F1 la SUZUKY si ritira dai rally!
- SUZUKI CASA AUTOMOBILISTICA
La casa automobilistica giapponese ha annunciato il suo ritiro dal rally a causa della crisi.

FONTE: SeraQuotidiano.it


- Cannella ci riprova: è il nuovo ds del Treviso
L'ex dirigente del Verona dopo il fallimento (sportivo) con l'Hellas e quello societario con lo Spezia è diventato il nuovo ds della società della marca. E subito emergono i primi problemi: stasera infatti la squadra trevigiana non parteciperà alla cena di Natale in polemica con la società che è in ritardo con gli stipendi

FONTE: TGGialloblu.it


- PAROLA SUA
QUASI...
Chievo, sei attrezzato per i miracoli? (L’Arena, domenica 14 dicembre) Inter-Chievo 4-2
DIECI IN PAGELLA
E Foscarini vuole battere il maestro Sonetti (Leggo Padova, venerdì 12 dicembre) Cittadella-Brescia 2-0
MA DAVVERO?
Remondina , tecnico del Verona: «Bisogna vincere. Se non vinci non riesci mai a scalare le posizioni di classifica» (Leggo Verona, venerdì 12 dicembre) Verona-Monza 2-1
TRAFFICO
Il Bardolino chiede strada alla Torres (L’Arena, sabato 13 dicembre) Torres-Bardolino 2-2
DIOTTRIE
Rugby, il Carrera vede la qualificazione (Il mattino, sabato 13 dicembre) Carrera Padova-Oaks Bucarest 15-17
VEDIAMOCI SPESSO
Foscarini, tecnico del Cittadella: «Sonetti? Con lui ho sempre perso nei confronti in panchina, ma mi farà piacere rivederlo» (Il mattino, venerdì 12 dicembre) Cittadella-Brescia 2-0
Il “2” MOBILE
«Il mio Bardolino è al top». Longega gioca il “2” fisso (L’Arena, giovedì 11 dicembre) Torres-Bardolino 2-2
STUPORI
Volley: Marmi Lanza, prova a stupire ancora (L’Arena, domenica 14 dicembre) Marmi Lanza-Copra Piacenza 2-3
SOGNI D’ORO
Cuoghi, allenatore del Venezia: «Tra Ravenna e Pro Sesto voglio sei punti» (Leggo Venezia, giovedì 11 dicembre) Ravenna-Venezia 0-0
NON PENSARCI
Bagnoli, coach dell’Antonveneta volley: «E’ chiaro che se dovessimo perdere a Vibo Valentia diventerebbe tutto tremendamente più complicato, ma non voglio assolutamente pensare a questa eventualità» (Il Corriere del Veneto, martedì 9 dicembre) Vibo Valentia-Antonveneta 3-2

FONTE: Leggo.it
Vota questo articolo:
Vota su WikioVota su Fai InformazioneVota su ziczacVota questa notizia su Cronaca24Vota questa notizia su SurfPeopleVota su OkNOtizieVota questa notizia su PubblicaNewsVota questa news su Faves.com

0 commenti:

Sito stùfo? ...Ma proprio sgionfo? Bon! lora rilàsate n'attimo co' 'stì zugheti da bar dei bèi tempi: ghè PACMAN, ghè SPACE INVADERS, ghè SUPER MARIO BROS e tanti altri! Bòn divertimento ;o)

Il guestbook B/=\S: Lascia un messaggio !!!


Juve Stabia 0-3 Verona: Gli highlights della gara

Juve Stabia 0-3 Verona: Le immagini